Creato da: Giuseppe1967 il 17/02/2006
IR'REALTA'

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Ultime visite al Blog

unamamma1dueargentiGiuseppe1967amigdala.tlocurtogiovannilast.mesaaardinabriciole68streghetta1972bettiboop_1959kao0coraggio_liber0nanyaunoFatina.diPraga
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

40 ANNI FA' SULLA LUNA.......

Post n°159 pubblicato il 20 Luglio 2009 da Giuseppe1967
Foto di Giuseppe1967

DOPO 40 ANNI SULLA TERRA......

 

800 milioni di persone senza cibo

Un mondo condannato alla fame ed alla sofferenza. Sono 800 milioni le persone, da un emisfero all'altro, che soffrono di fame. E non basta, perché la malnutrizione riguarda un numero ben superiore di persone: oltre 2 miliardi.

Nel corno d'Africa, cuore della disperazione, l'80% della popolazione soffre di gravi malattie legate alla malnutrizione. I bambini sono soggetti alla caduta di capelli, fino alla calvizie, alla perdita delle unghie e talvolta anche del primo strato di pelle. I1 mondo è pieno di affamati perché le risorse sono mal distribuite. Per questo non è sufficiente aumentare la produzione alimentare, ma combattere la lotta su più piani: da una parte sviluppare l'agricoltura nelle zone più povere, proteggendo le economie rurali, e dall'altra correggere certi effetti dell'economia globalizzata: caduta dei prezzi dei prodotti agricoli, diffusione incontrollata delle colture industriali volute dai gruppi economici più forti, liberazione dei contadini e dei paesi poveri dal giogo dell’indebitamento.

Occorrono interventi strutturali in grado di modificare le tendenze spontanee dell'economia mondiale. È necessario che i bisogni ed i contributi dei paesi in via di sviluppo ottengano una giusta considerazione nel commercio mondiale. Liberare dalla fame significa anche liberare dalla guerra, ha detto il Pontefice in un Suo messaggio.

MAH!!!!!!!!!  D'ACCORDO E' STATO UN FATTO ECCEZIONALE.........MA L'UOMO CHE RUOLO HA NELLA SOCIETA' ODIERNA!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SEI UN GRANDE!!!!!!!!!!

Post n°158 pubblicato il 04 Giugno 2009 da Giuseppe1967
Foto di Giuseppe1967

Il presidente statunitense Barack Obama ha proposto oggi "un nuovo inizio" al mondo musulmano basato "sul reciproco rispetto": il "ciclo del sospetto e della discordia" deve terminare, ha detto in un discorso all'Università del Cairo. Obama, citando più volte il Corano, si è presentato come uomo di pace e ha invitato l'Islam a respingere il richiamo degli "estremisti violenti" e a concentrarsi "su ciò che ci unisce". Obama, ricordando i suoi legami familiari con il mondo musulmano, ha detto che considera suo dovere di presidente combattere "gli stereotipi negativi" sull'Islam.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

CHE SCHIFO!!!...SIAMO NEL 2009

Post n°157 pubblicato il 04 Maggio 2009 da Giuseppe1967
Foto di Giuseppe1967

Giustiziata in Iran la pittrice Delara Darabi

«Mi impiccano fra pochi secondi, aiutatemi!»: un disperata telefonata alla madre, alle 06.00 di ieri mattina  con accanto il boia, pronto a portarla sul patibolo. I drammatici particolari dell'esecuzione di Delara Dalabi, la giovane pittrice iraniana condannata a morte per un omicidio commesso all'età 17 anni, sono stati raccontati oggi dal suo avvocato, Abdolsamad Khorramshahi, aggiungendo che il padre  della ragazza è ora ricoverato in ospedale in stato di shock.

Il quotidiano Etemad aggiunge che a mettere ieri personalmente la corda intorno al collo della ragazza è stato un figlio della donna per la cui uccisione è stata condannata, nonostante Delara avesse accettato le condizioni poste dalla famiglia della vittima per concedere il perdono che le avrebbe salvato la vita: dichiararsi colpevole e cambiare avvocato.

L'esecuzione è avvenuta a sorpresa ieri nel carcere di Rasht, nel nord dell'Iran, anche se il capo dell'apparato giudiziario, ayatollah Mahmud Hashemi Shahrudi, aveva annunciato il 19 aprile scorso un rinvio di due mesi dell'impiccagione.  La ragazza è stata messa a morte senza che nemmeno il suo avvocato venisse informato, come invece vorrebbe la legge.

Amnesty International ha condannato immediatamente l'esecuzione. Afferma Hassiba Hadj Sahraoui, viceresponsabile di Amnesty per il Medio Oriente ed il Nord Africa: "Questa sembra essere stata una cinica mossa da parte delle autorità per evitare proteste interne ed internazionali, che avrebbero potuto salvare la vita di Delara". 

La ragazza era stata riconosciuta colpevole di avere ucciso nel 2003 a scopo di rapina una parente con l'aiuto del suo fidanzato, condannato per questo a dieci anni di reclusione. Dopo l'arresto la ragazza confessò di essere stata l'esecutrice materiale del delitto, ma durante il processo negò ogni responsabilità, gettando le colpe sul giovane. Amnesty International non considera il processo equo, e la corte si è rifiutata di prendere in esame ulteriori prove, denuncia l'organizzazione. L'esecuzione della pittrice porta a 140 il numero di persone giustiziate in Iran nel 2009. Si tratta della seconda donna.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

OMAGGIO AD UN GRANDE!!!

Post n°156 pubblicato il 30 Aprile 2009 da Giuseppe1967
Foto di Giuseppe1967

Frasi celebri di Ayrton Senna

 

"Correre, competere, è nel mio sangue, fa parte della mia vita"

 "Se una persona non ha piu' sogni, non ha piu' alcuna ragione di vivere. Sognare e' necessario anche se nel sogno va intravista la realta'. Per me e' uno dei principi della vita." (Marzo 1989)

"Le corse sono fatte così, a volte finiscono subito dopo il via, a volte a sei gire dalla fine. " (Giappone, 1990)

"Sono un privilegiato, ho sempre avuto una vita molto bella. Ma tutto quello che ho ottenuto dalla vita l’ho guadagnato con l’impegno e il desiderio fortissimo di raggiungere i miei obbiettivi , di vincere, nella vita, non come pilota. Perciò lasciate che vi dica che chiunque voi siate nella vita, sia che siate al livello più basso, o al più alto, dovete avere una grande forza e una grande determinazione e dovete affrontare qualsiasi cosa con grande amore e fede in Dio e un giorno raggiungerete i vostri obbiettivi e avrete successo."

"C'è una certa dose di rischio nelle corse automobilistiche e la F1, come sapete, fa parte di queste corse. Così quando guidi, fai le prove o corri sei esposto a dei rischi. Ci sono rischi calcolati e altri che provocano situazioni inaspettate. E tu puoi non esserci più, cosi, in una frazione di secondo. In questo modo capisci che tu non sei nessuno. All'improvviso la tua vita può finire. Ciò fa parte di questo mestiere, o lo affronti da professionista, in modo distaccato o altrimenti lasci perdere e smetti e si da il caso che io ami troppo quello che faccio per lasciare semplicemente perdere; non posso è parte della mia vita."

"Che cosa si aspettavano che facessi? Eravamo praticamente appaiati, per restagli dietro in quel punto avrei dovuto sollevare il piede dal gas, non eravamo ancora al punto di frenata. E io sono un pilota." (Imola, 1989)

"Non esiste curva dove non si possa sorpassare."

"Non saprete mai come si sente un pilota quando vince. Quel casco nasconde sentimenti incomprensibili."

"Quello che posso dire è che la Ferrari per me resta un mito."

"I ricchi non possono vivere su un’isola circondata da un oceano di povertà. Noi respiriamo tutti la stessa aria. Bisogna dare a tutti una possibilità."

"Io voglio vincere sempre. L'opinione secondo cui la cosa importante è competere è un assurdità."

"La pole position è come una gara di cento metri. Dai tutto quello che hai, in quel minuto, minuto e mezzo, trattenendo il fiato in certe curve, non respirando per bilanciare meglio la vettura, per aumentare la sensibilità. La carica di adrenalina è incredibile, da un secondo all'altro. Credo che sia il momento più grande, il più forte, il più alto... Ne ho già ottenute 52 e spero di conquistarne ancora. Ogni volta che ottengo una pole position, mi sento rinascere e voglio accaparrare la prossima, anno dopo anno, pole dopo pole"

"In parte perché ho ancora tempo davanti a me, sono certo che un giorno guiderò una rossa Ferrari, è uno dei miei sogni."

"Ho bisogno di fare qualcosa di speciale. Ogni anno qualcuno vince un titolo. Io voglio fare di più."

"Non sono una macchina, non sono imbattibile; semplicemente l'automobilismo fa parte di me, del mio corpo. Quattro ruote, un sedile, un volante. E' questa la mia vita sin dalla più tenera età"

"Se un giorno dovessi avere un incidente che mi dovesse costare la vita vorrei che fosse sul colpo. Non vorrei passare ore a soffrire in ospedale o passare il resto della vita in una sedia a rotelle. Io voglio vivere intensamente perché io sono una persona intensa.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

MITICA SUSAN BOYLE....

Post n°155 pubblicato il 22 Aprile 2009 da Giuseppe1967
Foto di Giuseppe1967

Tutti pazzi per Susan Boyle
La natura toglie, la natura dà. Così la casalinga scozzese più famosa di sempre deve solo decidere come cominciare a guadagnare palate di soldi. Un disco o un porno?

..BEH SPERIAMO SCELGA LA MUSICA.....BASTA CON QUESTA EROTOMANIA........

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »