Creato da bimba86r il 02/05/2008
Il mio cagnolino
 

 

SPANK

 

BOBO E ZARA

 

 

 

 

 

NON ABBANDONARLO

LUI NON TI ABBANDONEREBBE MAI!!!!

 

 

 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

FACEBOOK

 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

merabiriosia.ciaramellettieffusion.ricupativalentinamorleo88klacly6selvaralivia.melchiondaocchi_che_sorridonoevelina9cicciobellosexyilafischiVita1974ag_silviagreyslandx84andrea
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

onda

 

 

 

 

 

 

 

 

I due yorki

 

YORKI

 

SNOOPY

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SPANK

 

                       

 

 

La salute delle orecchie del cane

Post n°129 pubblicato il 12 Marzo 2010 da bimba86r

La salute del nostro cane passa anche per le orecchie. Ed è dunque sempre opportuno tenerne sotto controllo le condizioni per verificare eventuali anomalìe nel loro aspetto. Per prima cosa, è bene ricordare che gli organi uditivi del nostro amico a quattro zampe vanno tenuti costantemente e perfettamente puliti. Per questioni di igiene, e non solo.

Se vi state chiedendo come fare a riconoscere delle orecchie in buono stato di salute, è presto detto: i veterinari spiegano che il colore ideale delle orecchie internamente è una sfumatura grigio-rosa. E, dettaglio ancora più essenziale, delle orecchie sane non emanano alcun tipo di odore insolito.

Alcuni dei sintomi più comuni che suggeriscono che qualcosa non va con le orecchie del nostro cane sono i seguenti:

 

 

  • la pelle è arrossata e/o irritata
  • si verificano delle formazioni di cerume piuttosto abbondanti
  • emanano un cattivo odore
  • il cane scuote frequentemente la testa e/o si gratta le orecchie con insistenza e con una certa foga

Se si nota uno qualsiasi dei sintomi sopra bisogna assolutamente che contattiate il vostro veterinario di fiducia per fargli dare un’occhiata alle orecchie del vostro cane.
Potrebbe infatti trattarsi di acari dell’orecchio, che sono tuttavia abbastanza rari nei cani. Nel caso in cui si verifichino, però, state tranquili: sono facilmente curabili con gli appositi farmaci. In alcuni casi, può rivelarsi necessaria una riapplicazione del farmaco.

Oppure di otiti, danni al timpano, o ancora di infezioni dell’orecchio: queste invece sono più comuni e, purtroppo, un po’ più difficili da trattare. Gocce auricolari vengono somministrate per un massimo di due settimane, tutti i giorni. Successivamente continuano ad essere applicate una volta a settimana per un periodo ben più lungo.
I cani che hanno le orecchie lunghe e pendenti solitamente sono più inclini a queste infezioni, in quanto le loro orecchie non sono esposte alla circolazione e quindi al ricambio dell’aria quanto quelle dei cani con le orecchie in su. pulire orecchie del canePer ridurre le probabilità di un’infezione all’orecchio è necessario mantenere l’orecchio pulito, un passo fondamentale per prevenire ogni tipo di infezione: e’ sufficiente pulire le orecchie del cane con un batuffolo di cotone immerso in perossido di idrogeno (la comune acqua ossigenata, per intenderci). Il canale uditivo è abbastanza profondo, quindi se fate bene attenzione non correrete assolutamente alcun rischio di ferirlo. Pulite tutte le fessure come meglio potete. Utilizzate un nuovo batuffolo di cotone per procedere e pulire anche l’altro orecchio. Assicurarsi di asciugare bene le orecchie quando l’operazione si è conclusa.

 

 

 
 
 
 

BUON NATALE

Post n°128 pubblicato il 23 Dicembre 2009 da bimba86r

 
 
 

Yorkshire chef

Post n°127 pubblicato il 26 Novembre 2009 da bimba86r

 
 
 

Yorkshire

Post n°126 pubblicato il 26 Novembre 2009 da bimba86r

 
 
 

Beagle

Post n°125 pubblicato il 26 Novembre 2009 da bimba86r

 
 
 

Carino

Post n°124 pubblicato il 26 Novembre 2009 da bimba86r

 
 
 

Hello Spank

Post n°123 pubblicato il 25 Novembre 2009 da bimba86r

 
 
 

ATTENZIONE

Post n°122 pubblicato il 25 Novembre 2009 da bimba86r

Si sta avvicinando il Natale e viene voglia di ricevere e dare coccole. E chi più di un cucciolo può appagare questo desiderio? 

Bene, questo lo sanno anche i ‘produttori’ e i ‘commercianti’ di cani che proprio in questi periodi si attrezzano per avere un’offerta degna dei Principi del marketing. Perchè di questo stiamo parlando: merce, bene,valore,collo,chiamatelo come volete. Noi preferiamo chiamarlo ESSERE VIVENTE 

Non intendiamo infangare una categoria commerciale o imprenditoriale: ovviamente vi sono petshop gestiti da cinofili preparati che vendono cuccioli controllati e allevatori di Campioni che cedono a privati i loro cuccioletti più toujour, quelli da compagnia. 

Qui  parliamo di commercianti che cercano ancora di rivendere cani acquistati qua e là (comunque senza riconducibilità certa supportata da legittimi documenti ) dove capita capita, purchè il prezzo d'acquisto sia basso ed il ricarico alto o altissimo: dal cagnaro di periferia che alleva anche conigli canarini, maialini che alla peggio vanno a salami, per finire alla signora Maria del terzo piano-scalaC che ha fatto coprire Birilla dal papà Birillo che è anche il papà della mamma di Birilla, alla faccia della consanguineità stretta!! Se poi il cuccioletto tanto bellino a 35 giorni,da adulto diventa alopecico, criptorchide o  epilettico nulla da meravigliarsi. 

Prima regola: MAI portarsi a casa un cucciolo di yorkie di meno di 60 giorni.Non potrà essere fuori rischio fintanto che il veterinario non ha completato le sverminazioni e iniziato il ciclo vaccinale. Di vermi un cucciolo può morire eppure i superficiali considerano la sverminazione irrilevante perche…”la mamma i vermi non li ha mai avuti…” Dei vaccini poi non ne parliamo; abbiamo saputo di una signora che a fronte di 500€ di cucciolo ha chiesto se volevano il cucciolo vaccinato o no,perché cambiavano 50€... Sbalorditivo! E’ come proporre spudoratamente  un cane a rischio di gravissime malattie oppure no. Eppoi le altre 500€ a fronte di cosa? Selezione? Bellezza? Salute(no,quella evidentemente no) Carattere? Come posso fidarmi di un “allevatore” che non fa neppure il minimo indispensabile per i suoi cuccioli? 

Eppoi, dulcis in fundo, i rivenditori di cuccioli provenienti..” dai migliori Allevamenti Internazionali,con tutti i trattamenti sanitari, pedigree, Passaporto, consegna gratuita fuori casello autostradale più comodo” alias cuccioli dell’Est freschi freschi d’importazione pronti da scaricare dal furgone dopo “appena” 20 h di viaggio,strappati alle mamme nei canifici di gente disperata che per campare un po’ meno in miseria si è attrezzata con  gabbie da polli (perché le attrezzature cinofile professionali costano) ad allevare cani di ogni genere e razza e meticci di questi comunque sempre seguendo le mode e le richieste del mercato.Ovvero vanno gli yorky grossi come un pugno? Nessun problema. Salvo per le fattrici che se piccolissime vanno sacrificate con interventi più o meno ortodossi per estrarre i cuccioli vivi. Dei pedigree Ungheresi, Bulgari, Rumeni, Cecoslovacchi solo questo:in Italia sono riconosciuti solo quelli validi per l’Export ovvero vidimati alla fonte dal Kennel Club del Paese d’origine,ma ovviamente è prassi che quelli che arrivano non lo siano mai,quindi carta straccia. Quanto alla salute: sarete fortunati se il vostro cucciolo sopravviverà all’incuria prima e al viaggio poi, e fortunatissimi se da adulto non manifesterà gravi patologie frutto di non curanza nel programma allevatoriale con pellegrinaggi dal veterinario e conseguenti esborsi economici. Abbiamo una  amica allevatrice in Ungheria che frequenta e vince regolarmente le esposizioni: lei non vende e non venderebbe mai i suoi cuccioli a queste brave persone.Questi sono i MIGLIORI ALLEVAMENTI INTERNAZIONALI!

Concludendo,

  • vi abbiamo aperto gli occhi e pensate di essere più informati? Bene
  •  Vi abbiamo spaventato e non intedete più acquistare un cucciolo? Meglio ancora, perché probabilmente voi sareste stati il possibile acquirente di queste categorie
  • Volete sempre acquistare il cucciolo,ma non uno yorkie? Allora forse non ci siamo spiegati bene su questo punto:è un problema che riguarda TUTTE le razze,di TUTTE le taglie       
Ma allora che fare?

Acquistare NON d’impulso; informarsi a fondo sulla razza; prima di comprare contattare diversi venditori (allevamenti,privati,negozi) e fare domande su domande. Accertarsi che il venditore sia persona cinotecnicamente competente, che non cada in contraddizioni, che i suoi cuccioli siano sani e puliti e gli aduti sereni nel loro ambiente e con il padrone e che l’ambiente ove vivono sia pulito. Che i cuccioli siano microchippati e se non lo sono chiedere perché non sono stati regolarizzati come vuole la legge. Che le carte siano tutte regolari e corrispondenti al microchip. Che nessuno cerchi di farvi firmare strani contratti o garanzie perché è solo un modo per mettere le mani avanti in caso di problemi (che saranno tutti e solo vostri). Ma sopratutto: un bambino lo si porta dal pediatra, non dal medico generico,giusto? Allora uno Yorkshire andate a comprarlo da un Allevatore di Yorkshire  In Italia ce ne sono diversi, seri, appassionati... e NON più cari di certi rivenditori

© alibiyorkshire.com

 
 
 

LA TOSATURA INVERNALE

Post n°121 pubblicato il 25 Novembre 2009 da bimba86r

Possiamo tosare lo Yorkie anche  per l'inverno?

 alcuni lo sconsigliano,mentre altri sono favorevoli. Ecco cosa ne pensiamo noi

 

Col maltempo e  con l'uso di cappottini  il pelo può risentirne nella bellezza e lucidità.

Si annoda e si spezza irregolarmente. Piedini non rasati si infangano e si bagnano più facilmente e
le frange trattengono lo sporco. Se poi non c’è troppo tempo per curare l’aspetto estetico del proprio cane si dovrà ricorrere al toelettatore più spesso. Ma non c'é comunque nessuna buona ragione per farlo stare  in modo disordinato e scomodo.

Proprio in inverno l'azione di sfregamento del cappottino sul pelo (specie sul tronco) produce una elettrizzazione di quest'ultimo,anche dovuta al fatto che la maggior parte dei cappottini o maglioncini per cani sono in fibra sintetica.Vi sarà magari capitato che al momento di spogliare il cane dopo una lunga passeggiata(specie in giornate di vento) siano partite delle scariche elettriche dal maglioncino con il pelo che si appiccica al tessuto come calamitato.Stessa cosa per quei cagnolini che stanno sempre in braccio.

Un pelo lungo in queste condizioni di stress quotidiano é più soggetto ad annodamenti fastidiosi ed antiestetici.Inoltre proprio in inverno è più agevole fare il bagno(e relativa asciugatura) ad un cane a mantello corto che il contrario.Anche in considerazione che in inverno si sporca più frquentemente e quindi i bagni saranno ovviamente più frequenti.

Insomma: poiché in questa stagione già gli facciamo indossare una copertura aggiuntiva non é forse meglio se il pelo é più corto, più gestibile e meno soggetto a nodi e sporcizia?

Al massimo acquisteremo un cappottino un pò più pesante....Eppoi la tosatura di uno Yorkie é operazione facile e poco costosa rispetto a molte altre razze(pensiamo allo stripping per la maggior parte dei terrier o alle scolpiture dei barboni) Allora OK alla tosatura!

©alibiyorkshire.com

 

 

 
 
 

L'alimentazione

Post n°120 pubblicato il 25 Novembre 2009 da bimba86r

dai due ai quattro mesi: Colazione + Pranzo + Cena

  dai quattro ai sei mesi:   Colazione + Cena                                                            

  dai sei mesi e oltre:          un solo pasto al dì
 La riduzione dei pasti non deve avvenire in modo brusco e definitivo,ma gradualmente, diminuendo via via il quantitativo di cibo fino alla soppressione totale del pasto in questione. Questa pratica è indispensabile per evitare turbe gastroenteriche. Nell’alimentazione casalinga gli alimenti da utilizzare devono essere più vari possibile in modo che l’organismo possa trarre proteine,vitamine,grassi e sali minerali per un corretto accrescimento. Tuttavia i più recenti studi nutrizionali sconsigliano le pappe fatte “in casa” per la loro difficoltà a fornire le sostanze nutritive nelle proporzioni esatte al fabbisogno.E' probabile infatti non mantenere rapporti equilibrati o eccedere comunque nel quantitativo di cibo in genere. L’alimento commerciale secco oggi incontra il favore della maggior parte di allevatori, cinofili e proprietari di cani,nonché dei medici veterinari.Ed anche di ALIBI Yorkshire.
Per questi motivi:

  1. è studiato per alimentare correttamente il cane
  2. mantiene una buona motilità intestinale
  3. ben difficilmente ne viene consumato più del dovuto perché pur essendo ben gradito non compete con i manicaretti di cucina quindi si evita il rischio di sovralimentazione. Purchè si tratti di prodotto di grande qualità e che non si sovrapponga con l’alimentazione casalinga. Il tipo e le dosi di cibo da somministrare dovranno essere rapportate all’età,alle abitudini di vita ed allo stato di salute del cane:un soggetto più esuberante può richiedere di più mentre in una debilitazione di salute può essere più indicato cercare di invogliare l’appetito o aumentarne la digeribilità con una pappa golosa.Questi principi alimentari sono da applicare durante tutto l’arco della sua vita.
N.B.: lo Yorkie è una razza dai tempi di processo metabolico piuttosto veloci nonostante ciò ha la tendenza ad ingrassare con facilità perchè credendolo un piccoletto da divano non gli
si forniscono grandi possibilità di sfogarsi.
       PORTATE IL VOSTRO CAMPIONE OVUNQUE CON VOI, sarà una mascotte ideale ! 


 ALIMENTI CONSIGLIATI

  1. Tutti i prodotti di origine animale:carne rossa e bianca,pesce deliscato,formaggi con moderazione e non piccanti o stagionati,uova non più di uno a settimana e con l’ albume ben cotto. Il latte non va lasciato a disposizione come bevanda insieme o al posto dell’acqua, ma considerato un alimento a tutti gli effetti. Specialmente nel cucciolo l’uso deve essere sporadico e in quantità limitata poiché potrebbe interferire negativamente con l’accrescimento osseo. Stesso discorso vale per lo yogurt.
  2. Verdure e frutta sia crude che cotte. In questo caso si utilizzi anche l’acqua di cottura. Fin da cucciolo è buona pratica insegnare al cane a sgranocchiare una mela o una carota cruda per rompere il digiuno. Oltre che rinfrescante per l’intestino ed ottima fonte di vitamine favorirà il cambio dei denti (spesso in questa razza occorre far asportare gli incisivi o i canini da latte dal veterinario) e li pulirà dai residui del pasto precedente.
  3. Riso e pasta devono accompagnare gli altri ingredienti, ma sempre ben cotti perché l’amido in essi contenuto risulti digeribile al cane. Fiocchi o riso soffiato invece sono già pronti per il consumo.
  4. L’alimento industriale secco è una validissima alternativa purchè di eccellente qualità mentre l’umido (le scatolette) non sono molto indicate per questa razza.
E’ OTTIMA L’ABITUDINE DI SOMMINISTRARE QUOTIDIANAMENTE UN CUCCHIAINO
 DI OLIO DI SEMI DI MAIS DA MISCELARE ALLA RAZIONE
 CIBI DA EVITARE
 -fritture in generale  -ossa di pollo e coniglio  -biscotti dolcetti caramelle marmellate cioccolata  -frutta secca o candita  -sughi salse condimenti  -salumi e insaccati
Cercate di non viziare il vostro cane ma se proprio non ci riuscite almeno riservategli qualcosa di indicato per lui e ricordatevi di scontarlo dal pasto successivo.
FATTE LE DOVUTE PROPORZIONI IN UNA RAZZA DI PICCOLA TAGLIA RITAGLI E STUZZICHINI POSSONO RAPPRESENTARE UN VERO E PROPRIO PASTO.
© alibiyorkshire.com
 
 
 

yorky

Post n°119 pubblicato il 15 Ottobre 2009 da bimba86r

 
 
 

Yorki

Post n°117 pubblicato il 04 Settembre 2009 da bimba86r

 
 
 

Beagle

Post n°116 pubblicato il 04 Settembre 2009 da bimba86r

 

 
 
 

non li abbandonate

Post n°115 pubblicato il 12 Giugno 2009 da bimba86r

 
 
 

Non mi abbandonare

Post n°114 pubblicato il 05 Giugno 2009 da bimba86r

 
 
 
Successivi »