Tag

 

attualmente qui:

cernusco


 

 
 

cooperazione internazionale

da aprile del 2006 a marzo 2007 ho avuto la possibilità di lavorare con un'associazione dominicana, Oné Respe, che opera nelle baraccopoli di Santiago e di Haina in Repubblica Dominicana. Durante questo periodo ho scritto su questo blog ciò che vedevo e osservavo, qui trovi i post più rilevanti in ordine cronologico.
LEGGI TUTTI I POST
 

116 blog contro il decreto anti-ambiente

116 blog si sono incatenati qui ed hanno vinto: l'articolo 29 del decreto anti-crisi è stato stravolto e sono tornate le detrazioni del 55% per chi realizza lavori di ristrutturazione a favore dell'efficienza energetica! Grazie a tutti.
 

Ultime visite al Blog

elenabasso2005martinopironeealisa47drissa52elianapeperoniarcoflexcoach.11rendering3HAIMSARAgagost01anna.delillamarco.corletofabiovernelligraz.maramaonMali7
 
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 42
 

sto leggendo

el tiempo de las mariposas

 

 
 

chi mi visita?

Locations of visitors to this page

Do you want to read this blog en English? Try here

 

io sto con loro:

immagine

 

 

 

 

 

 

 

 
Creato da: kudablog il 27/10/2005
note armoniche di composizione

 

 
« Miti nucleari: l'Italia...Le "schede informative" ... »

Miti nucleari: l'uranio ci renderebbe indipendenti da paesi instabili

Post n°1813 pubblicato il 05 Giugno 2011 da kudablog
 

Dopo i primi due miti nucleari

1- L'Italia importa il 20% di energia prodotta da centrali nucleari dalla Francia!
FALSO.
L'energia che l'Italia compra dall'estero è sì il 20% ma quella prodotta da centrali nucleari è solo l'1,5%. Approfondisci qui.

2- L'Italia è circondata da centrali nucleari di altri paesi, in caso di incidente avremmo gli stassi danni, ma non abbiamo i benefici!
FALSO.
Le centrali ai nostri confini sono 11 e distano tutte più di 100 km. Un incidente in quelle centrali avrebbe ripercussioni molto meno gravi in Italia che nei paesi di istallazione. Approfondisci qui.

ecco il terzo mito:

3- L'uranio ci rende indipendenti da paesi instabili!
FALSO.
Ecco il grafico delle disponibilità di uranio stimate nel mondo.

 

disponibilità uranio nel mondo

Australia, Canada e USA coprono il 44% delle risorse certe o ipotizzate, ma la maggior parte delle risorse sono in paesi a grandi instabilità politica come il Kazakistan, la Namibia, il Niger, la Giordania, l'Uzbechistan, l'Ucraina, la Mongolia.

Ma se si guarda l'attuale produzione la situazione cambia, e in peggio:

1 Kazakistan 13,820 tonnellate pari al 27.6 % della produzione mondiale
2 Canada 10,173 - 20.0 %
3 Australia 7,982 - 15.7 %
4 Namibia 4,626 - 9.1 %
5 Russia 3,564 - 7.0 %
6 Niger 3,243 - 6.4 %
7 Uzbekistan 2,429 - 4.8 %

La produzione dei paesi a rischio è quindi di molto maggiore a quelli "tranquilli".

Certo la situazione del petrolio è peggiore, ma l'uranio trasferirebbe soltanto la dipendenza dai paesi OCSE a quelli africani e dell'ex-URSS. Non può essere la soluzione.

Ah, se siete rimasti indietro rispetto alla situazione politica del Kazakistan basti pensare che il suo presidente Nazarbaiev è in carica dal 1989, ovvero dalla nascita dello stato, e ha recentemente annunciato di voler rimanere al suo posto fino al 2030. Il genero e aspirante erede è Kulibaev, che secondo Wikileaks detiene il 90 per cento dell'economia del Paese, Kulibaev è a capo del colosso energetico KazMunaiGas, di quello dell'uranio Kazatomprom, della compagnia elettrica statale e di alcune ferrovie.

Questo, invece, è quello che accade nelle miniere del Niger.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

Roberto Codazzi - nuovo sito

Caricamento...
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

 
.
Discuti con noi le norme da proporre in Parlamento per dare il via ad una Rivoluzione Verde Italiana!
.
Cernusco sul Naviglio ha la sua televisione: www.cernuscotv.com
----------------------
se ti piace questo blog vota con OK su OkNotizie, così altre persone potranno conoscerlo:
------------------
 
ultimi post su www.kuda.tk
 
 

Area personale

 

Osservatorio sul Razzismo in Italia

Caricamento...
 

Peacereporter

Caricamento...
 

Petizione per abbassare il costo della metro

firma la petizione, diffondi l'iniziativa e linka al sito: www.atmgratis.tk

Inutilità dell'Ecopass:
guarda i dati di concentrazione del PM10 a Milano e Limito prima e dopo l'introduzione della tassa.
 

metereologia:

immagine

 Santiago de los Caballeros
Repubblica Dominicana
Click for Santiago, Dominican Republic Forecast 
Cernusco sul Naviglio
Italia
Click for Milan, Italy Forecast 

 
 
 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom