Tag

 

attualmente qui:

cernusco


 

 
 

cooperazione internazionale

da aprile del 2006 a marzo 2007 ho avuto la possibilità di lavorare con un'associazione dominicana, Oné Respe, che opera nelle baraccopoli di Santiago e di Haina in Repubblica Dominicana. Durante questo periodo ho scritto su questo blog ciò che vedevo e osservavo, qui trovi i post più rilevanti in ordine cronologico.
LEGGI TUTTI I POST
 

116 blog contro il decreto anti-ambiente

116 blog si sono incatenati qui ed hanno vinto: l'articolo 29 del decreto anti-crisi è stato stravolto e sono tornate le detrazioni del 55% per chi realizza lavori di ristrutturazione a favore dell'efficienza energetica! Grazie a tutti.
 

Ultime visite al Blog

elenabasso2005martinopironeealisa47drissa52elianapeperoniarcoflexcoach.11rendering3HAIMSARAgagost01anna.delillamarco.corletofabiovernelligraz.maramaonMali7
 
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 42
 

sto leggendo

el tiempo de las mariposas

 

 
 

chi mi visita?

Locations of visitors to this page

Do you want to read this blog en English? Try here

 

io sto con loro:

immagine

 

 

 

 

 

 

 

 
Creato da: kudablog il 27/10/2005
note armoniche di composizione

 

 
« Il Parco Est delle Cave ..."nuovo inceneritore 2010... »

Cosa è successo all'ospedale di Cernusco?

Post n°1535 pubblicato il 13 Aprile 2010 da kudablog
 

ospedale uboldo cernuscoNei giorni scorsi la notizia era passata inosservata, poi sabato la manifestazione a Carugate e l'articolo di Repubblica di lunedì 12 aprile hanno aperto il caso. Così scrive il quotidiano: "Rifiutata dall'ospedale perché le era scaduta la tessera sanitaria, una bambina nigeriana di 13 mesi muore poche ore dopo.". Più dettagliamtamente nell'articolo si legge che il personale ospedaliere avrebbe rifiutato il ricovero alla piccola e che "davanti al rifiuto dei medici, l'ex operaio diventa una furia. Urla, vuole attenzione. Qualcuno dall'ospedale chiama i carabinieri per farlo allontanare. Forse dall'altra parte della cornetta ricordano che pochi giorni prima all'ospedale di Melzo, stessa Asl, era morto un bimbo albanese di un anno e mezzo rimandato a casa dal pronto soccorso. L'intervento dell'Arma risolve momentaneamente la situazione: Rachel viene ricoverata in pediatria."

Ora se le cose stessero davvero come raccontato sarebbe davvero tragico.

Oggi l'ospedale ha emesso una nota: "la piccola paziente è stata ricoverata (indipendentemente dalla mancata iscrizione al Servizio sanitario nazionale) così come avviene per lo straniero temporaneamente presente, regolarmente preso in carico dai Presidi Ospedalieri a partire dal Pronto Soccorso". Se fosse così non si capirebbe l'arrabbiatura del padre e la necessità di chiamare i Carabinieri.

Sulle cause della morte è in corso un'indagine in attesa degli esiti della stessa il Ministro della Salute Fazio ha dichiarato: "Quanto asserito dagli organi di stampa non corrisponde a verita".

Dall'ospedale ricordano che loro garantiscono assistenza a tutti, infatti nel 2009 al Pronto Soccorso di Cernusco gli utenti stranieri sono stati 6.262, il 15 per cento del totale, con 184 ricoveri, di cui 118 per soggetti non iscritti al servizio sanitario nazionale. Quello che non si sa è se qualcuno sia mai stato respinto.

A prescendire dalle responsabilità specifiche della vicenda, che verranno accertate dalla magistratura, quello che è da sottolineare è come le politiche governative volte a ridurre l'accesso ai servizi di salute (come quell'indicazione data ai medici di denunciare i pazienti sprovvisti di permesso di soggiorno) stiano creando un clima di scontro. Forse la piccola nigeriana è morta per un ritardo, una diagnosi sbagliata, un errore medico che nulla ha a che vedere con la sua nazionalità, ma non abbiamo più la certezza che qualche solerte impiegato dell'ospedale, condito a dovere dalla propaganda xenofoba abbia deciso di dare una propria personalissima interpretazione della legge, magari per punire "questi immigrati che vengono qui e credono di essere a casa propria".

Una cosa dovrebbe fare il Ministro e il governo tutto, dichiarare in forma chiara, e una volta per tutte che:

"TUTTI HANNO DIRITTO AD ESSERE CURATI A PRESCINDERE DALL'ATTUALE SITUAZIONE AMMINISTRATIVA E CHE GLI OSPEDALI SONO LUOGHI DI CURA E NON DI DENUNCIA".

Detto ciò, nella mia personale esperienza all'ospedale di Cernusco non ho mai assistito ad episodi di razzismo, a ritardi però sì.

ps: non vorrei dire, ma andatevi a rileggere questo post del 25 febbraio in cui la Regione Lombardia dichiarava di non pagare i pediatri che assistono i figli di persone in attesa di rinnovo del permesso di soggiorno.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

Roberto Codazzi - nuovo sito

Caricamento...
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

 
.
Discuti con noi le norme da proporre in Parlamento per dare il via ad una Rivoluzione Verde Italiana!
.
Cernusco sul Naviglio ha la sua televisione: www.cernuscotv.com
----------------------
se ti piace questo blog vota con OK su OkNotizie, così altre persone potranno conoscerlo:
------------------
 
ultimi post su www.kuda.tk
 
 

Area personale

 

Osservatorio sul Razzismo in Italia

Caricamento...
 

Peacereporter

Caricamento...
 

Petizione per abbassare il costo della metro

firma la petizione, diffondi l'iniziativa e linka al sito: www.atmgratis.tk

Inutilità dell'Ecopass:
guarda i dati di concentrazione del PM10 a Milano e Limito prima e dopo l'introduzione della tassa.
 

metereologia:

immagine

 Santiago de los Caballeros
Repubblica Dominicana
Click for Santiago, Dominican Republic Forecast 
Cernusco sul Naviglio
Italia
Click for Milan, Italy Forecast 

 
 
 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom