Creato da kuzco75 il 13/02/2010

Kuzcotopia

Con questo blog vorrei condividere, con chi lo riterrà interessante, tutto ciò che questo straordinario popolo può insegnarci...e la mia gratitudine và all'amore della mia vita originaria di quel meraviglioso posto chiamato Perù.

 

stemma perù

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: kuzco75
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 45
Prov: RM
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 6
 

los incas

volto ceramica inca

incas

mama ocllo

ragno incas

statuetta inca

oggetto inca

moche

moche

moche erotico

huaco erotico

 

fiamma

 

 

« Il mistero delle linee di NazcaFondali marini Peruviani »

Los Incas: I Figli del Sole

Post n°21 pubblicato il 16 Ottobre 2010 da kuzco75
 

inti raymi

Le feste più importanti degli Incas coincidevano con i due solstizi (21 giugno e 22 dicembre) e per l'impero quello dell'inverno australe rappresentava anche l'inizio di un nuovo anno nonché l'origine mitologica del popolo Inca, discendenti del Sole. E, sul finire di giugno c'era l'Inti Raymi, una celebrazione che tra balli e sacrifici durava una decina di giorni. Proibita dagli spagnoli perché considerata contraria alla religione cattolica, l'Inti Raymi si svolse clandestinamente per secoli fino alla metà del ´900 quando tornò ad essere pubblica e divenne, soprattutto a Cusco dove si svolge ancora oggi, un forte richiamo turistico. Giugno, stagione secca, senza piogge e non troppo fredda in Perù, è anche il periodo migliore per visitare quello che Ernesto Che Guevara definì "l'enigma di pietra in America" quando raggiunse le rovine di Machu Picchu insieme al suo amico Alberto Granado nel 1952. La città perduta degli Inca, rimasta parzialmente ignota ai conquistadores spagnoli nel ´500, scoperta o meglio riscoperta per la cultura occidentale dall'archeologo americano Hiram Bingham nel 1911, venne edificata intorno al 1450 su ordine dell'imperatore Pachacutec e fu abitata per un centinaio di anni.

 

Un mistero restano i motivi della sua costruzione, sul picco della "montagna vecchia" in cima alla vallata del fiume Urubamba, che quelli relativi al suo abbandono. Ma, ancora oggi, la sua straordinaria posizione geografica la rende enigmatica e incantevole ad oltre 2.400 metri sul livelli del mare fra due montagne e gole a strapiombo. Un miracolo d'architettura che ha stregato poeti (Neruda e Cardenal) e creato la mitologia dell'armonia "socialista" di una civiltà moralmente superiore schiacciata dall'avidità e dalla ferocia degli invasori.

 

Per raggiungerla c'è un comodo trenino ma il modo migliore per viverla è affrontare a piedi, sacco in spalla, i 42 chilometri del camino Inca che si percorrono in quattro giorni con tre soste notturne. La parte più affascinante del tragitto è al terzo giorno quando si supera il passo di Runkurakay e in mezzo ai cervi e a magnifiche valli si arriva fino alle rovine di Intimata, un complesso di terrazze e banchine costruite nel pendio di una montagna, prima di scendere verso l' ultimo accampamento, Wiñaywayna, ormai prossimi all' aerea di Machu Picchu.

 

 

Il vantaggio di raggiungere le rovine sulle proprie gambe è anche quello di arrivarci all' alba, quando una luce tremula illumina poco a poco il tracciato della città, rendendola ancora più maestosa. L' ultimo tratto da Wiñaywayna alla meta si percorre in poco meno di due ore ma già ad Inti Punku, poco dopo la metà del viaggio, si comincia a distinguere Machu Picchu.

 

All' origine il camino inca che collegava Cusco a Machu Picchu era lungo circa centotrenta chilometri ma oggi la parte conservata che si percorre a piedi è appena un terzo. Sull' accesso c' è un numero chiuso e di solito conviene comprare il biglietto con un po' di anticipo. L'avvicinamento al trekking inizia con un autobus che da Cusco arriva fino al km 82 della strada verso Machu Picchu.

 

Da qui, con una prima giornata di leggere salite, si prende l' antico cammino attraversando il fiume su un ponte sospeso di corda e legno. Insieme alle vedute, ai canyon e alle rovine di altri insediamenti incas che si trovano lungo la via un' attrazione della zona sonoi differenti tipi di orchidee che si incontrano. La prima notte si trascorre in un accampamento che si chiama Wayllabamba e che si trova intorno ai tremila metri. Prima di partire, quando scegliete le cose da portare, ricordatevi che per l'altitudine l' escursione termica tra il giorno e la notte può essere molto forte e sotto la luna può fare piuttosto freddo.

 

Il secondo giorno è anche quello più difficile perché si sale fino ai quattromila metri del passo di Warmiwañusca. Tutto il viaggio viene fatto sempre insieme ad una guida locale ma se non siete abituati all'altezza e alla mancanza di ossigeno, o non siete abbastanza allenati, si consiglia di pagare un portatore che vi aiuti con i bagagli o lo zaino fino al passo. Il servizio costa una decina di euro e vi consentirà di salire un po' più leggeri e più tranquilli. (http://www.antikitera.net)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

perù

 

 

                   Kuzco Topia
          
              Crea il tuo badge

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

alf.cosmosgrazia.pa09alexbaydanko1075animarossouba.roccaci.ci.cimantellgattodemarmo1988cinzia.costa71doarkiswan70tencilvalinaagrobidesana
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 atahualpa

el dorado

dipinto peruviano

inca cola

pisco

incas ceviche perù

mamma e figlio incas

volto inca 

disegno inca

 

moche erotico

collana incas

statuetta incas

 

I MIEI LINK PREFERITI

 

fiamma