Creato da alf.cosmos il 28/05/2009
ACQUISIRE CONSAPEVOLEZZA
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

MIO CANALE YOUTUBE

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

pargearc_in_cielLutero_Paganobjt1974ELALMASimmadesiarabafenice7411y_gath_dduCARLONAVIGATOREgiovanni.rossi20a.sacchitellgiovannidifinadanip61enigma7527roddaimpianti
 
 

       

  
  
  
  
  

 
Citazioni nei Blog Amici: 143
 

I miei Blog Amici

- Sorgente Divina
- Diario Stellare
- Arcobaleno dAmore
- Pensieri
- IlPiccoloMondoDiMery
- IL VERO SE sentire percepire guardare oltre..
- Sol Tre News
- RI_INCONTRIAMOLO
- anima blu
- Angeli
- angeli_senza_ali
- FIGLIA DELLE STELLE
- terrarisonante di Don Luisito
- SentiSenti
- Essere non essere
- NEXUS
- Nel reale e oltre
- * LA MIA ISOLA* di JOANNAS
- Vehuel Rosso Cuore
- St Germain
- Starchild
- Maestri di Luce
- Kryon
- l’Arcangelo Michele
- FederazioneGalattica
- LA VITA E MERAVIGLIA di Dolly
- Io e i miei Mondi di Alex
- Star trek-mania blog
- Range random di Southcross
- come un carillon di fata nocino
- IL SENSO DELLA VITA di Angelica
- Lucedoriente di Luce
- golBBlog di hareezio
- Armonie di Atlantis
- STAR TREK di danko1075
- incontinuaevoluzione di ocarlino
- spiritelli di foriero0
- spazio di unicaeoriginale
- Gira si la vòi gira di lanzarda
- RIFLESSI DI LUCE di KETHER
- D_E_S_IO di desiodgl0
- Nihil di onlyang
- Fiore di fiordiloto
- I giorni Maya di interpretazioni_maya
- Fotografando Emily.. di Emily2009
- Sogno diurno di dovere di vivere
- RICORDI E POESIE di monchery10
- Laraba fenice di torrepreziosa
- counseling-integrato di Fiorintegrati
- MAYA di donamaya
- liberi di essere di olena63
- Puro Cuore Fra Noi
- FIORE DI LOTO di soleluna140
- ESPRESSIONI DAMORE di Aquamarinablu
- May it be....di TrinitàDeiMonti
- Le grand ouvre di ledlordsandro9
- il mare infinito di lafatadelmare
- Avanscoperta di lauravera1959
- PRIMAVERA ! di claire66
- Percorso di LUCE di lapiccolastellina2
- finestra sul mondo di ormailibera
- il regno di arcadia di xx Arcadia xx
- blogmelina di donnadaipassiperduti
- interrogativi di antone.a
- Il_Colore_oro di afrodite.58
- Dedicato a Karol di laura_brustenga
- Libera su Libero... di LaBrusLa
- Morven di Morven61
- SYMPATHY di pachira0
- BILUNABA di bibastella.b
- AMORE UNIVERSALE di salvatore.ravas
- Neshama di Cleinsciandra
- Dalle Memorie di MaurJah
- vita meravigliosa di Cristina
- La vita è un soffio amo larte e dipingo di Luli
- NellInfinito di Maria Carrassi
- Un anima a nudo...di AngeloSenzaVeli
- Sei fili bianchi di Pinktree
- OCCHI PER GUARDARE OLTRE di soliinmezzoallagente
- La vera me stessa
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini, i testi e le notizie pubblicate sono quasi tutte tratte dal web e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro utilizzo violasse dei diritti d’autore, si prega avvertire l’ Autore del Blog il quale provvederà alla loro immediata rimozione.

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Area personale

 

 

TUTTI I SEGRETI DELL'APE REGINA

Post n°1255 pubblicato il 14 Luglio 2019 da alf.cosmos
 
Foto di alf.cosmos

TUTTI I SEGRETI DELL'APE REGINA, LA PIU' IMPORTANTE DELLA SUA SPECIE

Senza di lei non esisterebbe l'alveare. Non ci sarebbero il miele, il polline e la pappa reale. In definitiva, non ci sarebbero le api, non nella forma in cui le conosciamo.

 

api


Lei è l'ape regina, fondamento di ogni famiglia, unica ape feconda, capace di deporre quantità impressionanti di uova per garantire la sopravvivenza della sua stirpe e, all'occorrenza, spostare le colonie verso una nuova casa.

 

Come nasce una Regina?

La regina è l'ape più grande, la più longeva è l'unica feconda, capace cioè di generare una nuova colonia, o «famiglia». Queste differenze sono il frutto di un'alimentazione speciale. Dopo la deposizione dell'uovo, le operarie svezzano le larve reali per circa 15 giorni con la pappa reale, che sarà l'unico alimento della regina per tutta la vita. Dopo questo periodo la regina può uscire dalla sua cella, anch'essa speciale: non è infatti posta in orizzontale, ma in verticale e ha le fattezze di un'arachide.

 

La lotta per il trono

Una colonia può allevare fino a 30 «principesse», dette «regine vergini». Quando le api percepiscono che la reggente non è più in grado di svolgere il suo ruolo, devono assicurare la la sopravvivenza della colonia. Costruiscono allora le celle reali per far nascere una nuove regine. Quando le «regine vergini» si schiudono, ciascuna compete per il proprio regno fino a che ne rimane in vita una sola. A volte accade che una vergine, nata prima delle altre, uccida le "sorelle" mentre sono ancora nella loro cella. Se più vergini vengono alla luce contemporaneamente, tutte meno una abbandonano l'alveare seguite da un gruppo di "fedelissime" (sciamatura). Accade questo perché nell'alveare può rimanere una sola regina.

 

Il canto della regina

Nel momento in cui vengono alla luce (o addirittura mentre sono ancora nella loro cella reale), le «regine vergini» cominciano a emettere un particolare stridìo, simile al suono di una trombetta. È il «canto della regina» e si pensa abbia diversi scopi.

È un «peana di guerra» per mettere sull'attenti tutte le pretendenti al trono e cominciare la lotta per il sopravvento.

È un «orazione politica» per procacciarsi i consensi delle api della colonia, al fine di farsi eleggere nuova regina.

È una «serenata» per i fuchi - ovvero i maschi delle api - per farsi seguire, fecondare e dare origine ad una nuova famiglia.

È un segnale di partenza, che la regina vergine in procinto di sciamare emette per ritardare la nascita di altre vergini (in questo caso le operaie inibiscono le altre vergini nelle loro celle, aggiungendo strati di cera per impedirne la fuoriuscita)

 

Qui un brevissimo video in cui i può ascoltare in modo chiarissimo l'incredibile canto dell'ape regina


Potere al popolo

Per quanto l'ape regina sia in grado di influenzare il comportamento delle sue operaie grazie  alla produzione di feromoni, l'alveare è un super-organismo, ovvero una forma di collettività in cui le decisioni sono prese attraverso una specie di maggioranza "senziente". Quando questa maggioranza percepisce la fine di una regina, fa di tutto per agevolare un cambio al vertice deponendo uova nelle celle reali. Caso limite è la sciamatura in cui le operaie agiscono "democraticamente": si crede infatti che singolarmente o a piccoli gruppi possano decidere di seguire la vecchia regina pronta al distacco, o restare con la nuova che garantirà la sopravvivenza della famiglia.

 

Nutrice e assassina

Al contrario di quello delle operaie, dentellato e irregolare, il pungiglione della regina è liscio. Il suo scopo è duplice: quando è gravida, la regina lo utilizza per deporre le uova, come fosse una pipetta; in caso di combattimento, invece, il pungiglione diventa un affilato stiletto, pronto a trafiggere le rivali.

 

Il volo nuziale

Una regina può deporre fino a 2 mila uova al giorno, 250 mila l'anno per un massimo di 5 anni di vita. Per poterle fecondare accumula il seme dei fuchi all'interno del suo addome, rilasciandolo gradualmente. L'accoppiamento non può certo essere quotidiano, ma avviene una sola volta, nel periodo del volo nuziale. La regina vergine si solleva in aria seguita dalla «cometa di fuchi», un nugolo composto da un centinaio di maschi. L'accoppiamento multiplo fornirà alla regina il materiale genetico per gli anni a venire fino a che, esauritosi, darà vita a uova non fecondate, che produrranno solo api maschio. È la cosiddetta «regina fucaiola» che, se individuata dalle operaie, verrà prontamente sostituita.

 

Nutrita e riverita

L'unico scopo della regina è continuare la specie. Non deve preoccuparsi di nulla: viene seguita da uno sciame di ancelle che la puliscono, la nutrono e la difendono, assistendola in ogni esigenza. Ma la regina è gelosissima del suo ruolo: mentre le api operaie la riveriscono, lei rilascia il feromone reale, un potente inibitore degli organi sessuali che ha la funzione di renderle sterili.

 

Fonte articolo: http://www.brezzo.com/blog/tutti-segreti-dellape-regina/

Fonte video: https://www.youtube.com/watch?v=qhwiXNkowc4

 
 
 

Cerchio Firenze 77: PERCHE' L'OMOSESSUALITA' E' IN AUMENTO? ECCO LA SPIEGAZIONE ESOTERICA

Post n°1254 pubblicato il 11 Luglio 2019 da alf.cosmos
 
Foto di alf.cosmos

Cerchio Firenze 77: PERCHE' L'OMOSESSUALITA' E' IN AUMENTO? ECCO LA SPIEGAZIONE ESOTERICA

 

donne

 

Tutto è regolato nel cosmo da precise leggi. Per esempio:

"Quando l'umanità diventerà troppo numerosa, si avrà un fenomeno di massa, si avranno casi di inversione sessuale, i quali non sono che un mezzo attraverso il quale la natura cerca di riportare l'equilibrio: infatti gli individui soggetti a questo certamente non procreeranno".

Questo fenomeno è riscontrabilissimo in laboratorio, tra gli animali posti in uno spazio troppo ristretto. Il manifestarsi di questo fenomeno tende proprio a ridurre le nascite. E anche questo fa parte di una legge.

Tratto da: MAESTRO PERCHE' - risposte dall'invisibile - Edizioni Mediterranee - di Cerchio Firenze 77

 
 
 

OGGI IL MIO CANALE YOUTUBE "ALFREDO COSMOS" COMPIE 5 ANNI

Post n°1253 pubblicato il 02 Luglio 2019 da alf.cosmos
 
Foto di alf.cosmos

OGGI IL MIO CANALE YOUTUBE "ALFREDO COSMOS"  COMPIE 5 ANNI

 

universo

 

 

alf

 

I video pubblicati riguardano Spiritualità, Consapevolezza, universo e sensibilizzazione nei confronti degli animali,ma anche musica, mantra e altro...

Attualmente gli iscritti sono quasi 5.600. Tutti coloro che vorranno farlo saranno i benvenuti :-)

Grazie a chi è venuto a vedere i video. C'è anche la possibilità di lasciare commenti, basta essere iscritti a youtube

Qui il link a cui collegarsi in cui ci sono tutti i video,anche suddivisi per argomento

https://www.youtube.com/channel/UChsIVqS7b40VTV0Bv5kMHpg/featured

 

Grazie a tutti :-) <3

Alf

 
 
 

CALENDARIO FASI LUNARI LUGLIO 2019

Post n°1252 pubblicato il 29 Giugno 2019 da alf.cosmos
 
Foto di alf.cosmos

CALENDARIO FASI LUNARI 

LUGLIO 2019

 

LUGLIO

 

Fonte: https://www.segnalidivita.com/calendario/calendario-lunare-2019.htm 

 
 
 

Mauro Biglino: Star Trek è realtà - Gli extraterrestri di Orione della bibbia

Post n°1251 pubblicato il 22 Giugno 2019 da alf.cosmos
 
Foto di alf.cosmos

Mauro Biglino: Star Trek è realtà - Gli extraterrestri di Orione della bibbia

Spesso i film di fantascienza non sono pura fantasia, ma sono un modo per proporre qualcosa che già si conosce, in maniera graduale, in modo da abituare la massa ad accettare realtà difficili da accettare immediatamente...

 

I viaggi interstellari non sono così proibitivi come pareva fino a poco tempo fa. Di conseguenza prende sempre più forza l'ipotesi che siamo stati visitati da esseri di altri pianeti....

 

Biglino parla della costellazione di Orione con particolari riferimenti scientifici e di come ci siano collegamenti anche nella bibbia...

Questo breve estratto è tratto dalla conferenza completa "Figli delle stelle"di Milano del 20/10/2018.

Nella descrizione del video su youtube, ho messo il link del canale youtube dove potete trovare  l'intero intervento di Mauro Biglino, che dura 39 minuti, e degli altri relatori.

Buona visione

Alf 

 

 

 
 
 

Miti Lunari: La Verità Sugli Effetti che la Luna Esercita su di Noi

Post n°1250 pubblicato il 11 Giugno 2019 da alf.cosmos
 
Foto di alf.cosmos

Miti Lunari: La Verità Sugli Effetti che la Luna Esercita su di Noi

 

fasi lunari

 

Indubbiamente la Luna ha un luogo molto mistico e importante nella storia di tutte le culture umane, quindi non c'è da stupirsi che è stata anche fonte di moltissimi miti, dai lupi mannari alle persone lunatiche fino a tanti miti sulla fertilità o su misteriose energie. Tutte queste leggende si basano sull'idea che in qualche modo la Luna ha un effetto fondamentale sulle persone, sugli animali e sulle piante. In base alla cultura che si esamina si possono trovare diverse sfumature dei miti, ma quasi tutte hanno una predilezione per eventi rari come l'eclissi che fa diventare rossa la Luna o per eventi ciclici simboli come la mezzaluna o la luna piena! In particolare, nella cultura occidentale, la Luna Piena è una delle cose che generato più miti, e non solo nell'antichità o nel medioevo. Molte persone tutt'oggi credono che la Luna Piena abbia qualcosa a che fare con cose come la riuscita delle operazioni chirurgiche o la nascita dei bambini. Ma negli ultimi anni, diversi studi sono stati fatti per verificare tutte queste credenze e cercare se c'è qualche riscontro statistico tra la Luna (e in particolare la Luna Piena) e la biologia umana o il comportamento umano.
Tanti sono stati gli studi fatti in cui si comparano le fasi lunari alla percentuale di nascite, di infarti, di morti, suicidi, violenza, ammissioni negli ospedali psichiatrici, crisi epilettiche e tante altre cose, ma quasi nessuno ha mai trovato alcuna traccia di correlazione e molti di questi miti si basano su una scarsissima conoscenza di astronomia. Un possibile effetto psicologico che ancora attende una conferma riguarda il fatto che prima dell'elettricità, la luce di una luna piena teneva molte persone sveglie la notte, e questo poteva portare alla privazione di sonno e potrebbe aver causato qualche problema. Tuttavia, come detto, è un test ancora senza conferma.

Ma ecco alcuni dei più famosi miti, analizzati uno ad uno:

1) La Luna e le maree sulle persone!

Come tutti sanno, il corpo umano è composto in buona parte di acqua! Per l'esattezza è il 75% acqua, e quindi le persone spesso si chiedono se le maree influenzano anche noi. Domanda curiosa e sicuramente legittima (se non fosse che alcuni, storicamente, hanno dato alcune delle più assurde risposte a questo).
La Luna ed il Sole insieme creano le maree sugli oceani della Terra (l'effetto gravitazionale è infatti così potente che la crosta terrestre stessa si allunga da una parte all'altra durante il giorno, per questi effetti di marea!). Ma le maree sono eventi che si sentono su scala molto grande. Avvengono perché c'è una differenza nell'effetto gravitazionale su una parte di un'oggetto (come la Terra) comparato ad un'altro. Ecco come funziona:

L'oceano sulla Terra che è esposto alla Luna viene tirato verso la Luna stessa più di quanto viene tirato verso il centro del pianeta. Questo crea un'alta marea. Dall'altra parte della Terra però, avviene la marea oposta, perché il centro della Terra viene tirato verso la Luna più di quanto l'oceano sulla parte opposta lo è. Il risultato essenzialmente è che questo effetto gravitazionale tira il pianeta via dall'oceano (una forza negativa che effettivamente sposta gli oceani, allontanandoli dal pianeta!).
Tuttavia, non c'è alcuna differenza misurabile nell'effetto gravitazionale della Luna su un lato del nostro corpo piuttosto che l'altro lato. Anche nel caso di un grande lago, gli effetti delle maree sono estremamente piccoli. Prendete alcuni tra i più grandi laghi del mondo, come il Grande Lago tra gli USA ed il Canada. Le maree qui non sorpassano mai i 5 cm, secondo i dati del National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), che aggiunge anche: "Queste variazioni minori sono mascherate però dalle più grandi fluttuazioni nei livelli del lago prodotti dai venti e dai cambi nella pressione barionica. Di conseguenza, i Grandi Laghi sono considerati essenzialmente non influenzati dalle maree."
Questo ovviamente non significa che le maree non esistono proprio su scala piccola. Gli effetti della gravità diminuiscono con la distanza ma ci sono. La vera domanda è quanto sono potenti. Secondo Straghtdope.com, in una delle pubblicazioni, dei ricercatori hanno calcolato che una madre che tiene suo figlio in braccio, esercita un'attrazione gravitazionale 12 milioni di volte maggiore sul suo figlio dell'effetto di marea che genera in noi la Luna, semplicemente perché è più vicina. Un'altra analogia molto bella è questa, dell'astronomo George O. Abell: "una zanzara sul vostro braccio eserciterà molta più attrazione gravitazionale su di voi di quanto non lo possa fare la Luna".
Nonostante queste siano cose conosciute da molti decenni, ancora tante persone credono che la Luna possa in qualche modo agire e creare cose come terremoti sulla Terra! Ma non è così.

Considerate anche il fatto che le maree sugli oceani Terrestri avvengono 2 volte al giorno durante la rotazione della Terra sul suo asse, ogni 24 ore circa, portando la luna su è giù nel cielo. Se davvero la marea della Luna ci influenzasse, almeno due volte al giorno dovremmo sentirne l'effetto sull'equilibrio.

2)Correlazioni tra Luna Piena ed Epilessia?

Uno studio pubblicato nel giornale scientifico Epilepsy & Behavior, nel 2004, accertava che non c'è alcun collegamento tra le crisi epilettiche e la luna piena, anche se alcuni pazienti sono convinti che la luna piena scateni la loro crisi. I ricercatori hanno fatto notare che le crisi epilettiche, non molti decenni fa, erano per tanti colpa di maledizioni da parte delle streghe o possessioni da parte di demoni.
Il Dr. Benbadis ed i suoi colleghi hanno statisticamente analizzato 770 crisi avvenute nell'arco di 3 anni di monitoraggio di pazienti colpiti da epilessia. Monitorando l'attività del cervello con un'unità apposita presso il Tampa General Hospital, i fisiologi hanno potuto confermare una diagnosi di epilessia determinando precisamente la posizione ed il tipo di crisi che il paziente ha subito e quale sarà il trattamento migliore.

I ricercatori hanno diviso i pazienti in coloro colpiti da crisi epilettiche e persone che hanno crisi di natura emozionale e non sono colpite da crisi epilettiche vere e proprie. La maggior parte delle convulsioni, 152, sono state registrate nell'ultimo quarto della luna. I ricercatori hanno scoperto che durante la Luna Piena, c'è stato il numero più basso di crisi epilettiche, 94. In sostanza non sembra esserci alcun spostamento statistico significativo in un senso o nell'altro, e di certo la Luna Piena non sta causando crisi epilettiche.

3) Correlazioni tra la Luna Piena ed il numero di visite psichiatriche

Uno studio del 2005, pubblicato da ricercatori della Mayo Clinic, sulla rivista scientifica "Pshychiatric Services", che non c'era alcuna differenza statistica tra il numero di visite delle persone, durante le tre notti con la Luna Piena, ed il numero di visite negli altri giorni. Sono state contate le ore tra le 6 p.m. e le 6 a.m.

4) Correlazione tra la Luna Piena e le visite nella sala emergenze degli Ospedali.

Un gruppo di ricercatori ha esaminato ben 150.999 registri della sala emergenze di un ospedale suburbano. I loro risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica "American Journal of Emergency Medicine" nel 1996 e non mostrano alcuna significativa differenza tra le notti con luna piena piuttosto che le altre senza.

5) Correlazioni tra la Luna Piena e gli esiti delle operazioni chirurgiche

Una leggenda urbana narra che nelle notti con la luna piena, i dottori e le infermiere sbagliano molte più cose durante le operazioni, e quindi è sconsigliato farsi operare in quei momenti! Tuttavia, un gruppo di ricercatori ha pubblicato nell'Ottobre 2009 uno studio sul giornale scientifico "Anesthesiology" in cui esponevano come i rischi sono gli stessi tutti gli giorni della settimana o di un mese.
Questo studio si basa sull'analisi di operazioni a cuore aperto fatte su 18.000 pazienti tra il 1993 ed il 2006. Non è stato trovato alcun indizio che faccia pensare ad un possibile collegamento tra le fasi della Luna e gli esiti delle operazioni.
6) Correlazioni tra la Luna Piena e le ferite subite dagli animali domestici

Analizzando attentamente 11.940 casi del Centro Medico Veterinario della Colorado State University, un gruppo di ricercatori ha scoperto che il rischio di finire nella sala emergenze è 23% più alta per i gatti e 28% più alta per i cani durante i giorni con luna piena. Può essere che molte persone portano fuori i loro animali domestici proprio con la luna piena, aumentando così la percentuale di possibili feriti, o forse c'è qualcos'altro in gioco. Questo studio non ha ancora determinato con precisione una causa.

7) Correlazioni tra la Luna Piena e le Mestruazioni

Questo è uno dei quei topic su cui si è speculato di più in assoluto. L'idea è che c'è qualche collegamento tra la durata del ciclo lunare e di quello delle mestruazioni, entrambe si completano nell'arco di un mese circa. Ma ecco dove le cose non funzionano più: i cicli mestruali delle donne variano molto in durata e periodicità, anche se la media si aggira intorno a 28 giorni, mentre il ciclo lunare è fisso, a 29.5 giorni. C'è comunque uno studio, fatto su un campione (relativamente piccolo) di 312 donne, da parte di Winnifred B. Cutler, nel 1980, e pubblicato sulla rivista scientifica "American Journal of Obstetrics & Gynecology" secondo cui c'è una qualche correlazione. Cutler ha scoperto che 40% delle partecipanti avevano un'inizio di mestruazioni entro 2 settimane dalla Luna Piena (ma questo significa anche che la maggior parte, il 60% delle persone, non l'ha avuto). Questa però è l'unica analisi, e non è mai stata seguita da sviluppi.
E' importante però notare come tutte le altre prove indicano che la durata simile è soltanto una coincidenza. Un'eventuale influenza sui mammiferi da parte del ciclo lunare si sarebbe fatto sentire nella maggior parte dei giorni, invece varia molto nel regno animale. Per esempio, come le donne, la durata è di 28 giorni anche per gli opossum ma sono 11 giorni per i maialini di Guinea, e 16/17 giorni per le pecore, 21 giorni per le mucche, 24/26 giorni per i macachi, 37 per gli scimpanzé, e solo 5 per i ratti e topi! Qualcuno potrebbe argomentare che gli umani sono speciali in qualche modo per la loro intelligenza, ma allora devono spiegare anche la coincidenza con gli opossum, o forse c'è qualcosa su questi animaletti che non sappiamo...

8 ) Correlazioni tra la Luna Piena ed il numero di nascite

Un'analisi fatta nel 2001 si è basata sui registri del Centro Statistico Nazionale per la Salute, e ha preso in considerazione 70 milioni di nascite nell'arco di ben 20 anni!. Non è stato rilevato alcun tipo di correlazioni con nessuna delle fasi lunari. Questo è il più grande test mai fatto di questo tipo e se c'era anche una piccola influenza della Luna, sarebbe stato evidente.
9) Correlazioni tra la Luna Piena e comportamenti violenti negli animali

Anche in questo caso non è ancora del tutto chiaro l'esito. Un paio di studi conflittuali sono stati pubblicati nella rivista scientifica British Medical Journal, nel 2001, e lasciano ancora spazio per il dibattito. In uno di questi studi, i morsi dati dagli animali hanno mandato il doppio dei britannici all'ospedale durante le notti con luna piena, rispetto ad altre notti. Ma in un'altro studio, in Australia, i cani hanno morso le persone con simili frequenze tutte le notti.

10) Correlazioni tra la Luna Piena e la privazione del sonno.

In una pubblicazione sul Journal of Affective Disorders, del 1999, alcuni ricercatori hanno suggerito che prima della moderna illuminazione, la luna piena era una significativa fonte di luce e illuminazione notturna e potrebbe aver influenzato in qualche modo il nostro ciclo di sonno-sveglia, tendendo così a causare problemi con il nostro metabolismo durante il periodo della luna piena. Hanno speculato che questa parziale privazione sarebbe stata sufficiente per indurre problemi nei pazienti bipolari particolarmente suscettibili e convulsioni in altri. Tuttavia, questa ricerca non ha mai avuto alcun tipo di conferma o seguito e mancano moltissimi dati a riguardo, il che lo rende uno studio da prendere con le pinze.

11) Correlazioni tra la Luna Piena ed il numero di suicidi

Un gruppo di ricercatori, nel 1992, ha revisionati molti studi risalenti ai 3 decenni precedenti alla ricerca di pattern riguardo ai suicidi e non ha scoperto alcuna significativa coincidenza tra le fasi della luna ed il numero di suicidi, tentati suicidi o anche solo minacce di suicidi. Nel 1997, Gutiérrez-Garcia e Tusell, hanno studiato 897 casi di suicidi a Madrid e non hanno trovato alcuna relazione tra il ciclo della Luna ed il numero di suicidi. Questi studi, come molti altri dopo, hanno fallito nel trovare qualsiasi tipo di legame tra Luna e morti.

12) Correlazioni tra le Fasi Lunari e le abitudini sessuali

Un gruppo di ricercatori ha studiato per 4 anni ben 76.065 casi diversi e non hanno trovato forti correlazioni di alcun tipo tra le abitudini sessuali, o l'appetito sessuale e la fase lunare. Lo studio risale al 2003 ed è ancora nella fase pilota, per cui serviranno ancora approfondimenti prima di una valutazione definitiva.

13) Correlazioni tra la Luna Piena e l'uso di droghe

Tre studi meritano di essere segnalate in questo particolare caso: Il primo è "Drug Overdose and the full moon" del 1990, pubblicato da M. Sharfman per l'Istituto Nazionale per la Salute. Il ricercatore ha analizzato 1.182 casi di overdose nell'arco di 15 mesi e non ha scoperto alcun segno di correlazione tra questi casi e la fase della Luna Piena.
Il secondo è "Hospital-based toxicology: patterns in use and abuse", del 1990, da parte di Schwartz JG, Stuckey JH, Prihoda TJ, Kazen CM, Carnahan JJ. Non è stata trovata alcuna correlazione tra 949 casi studiati per un anno e le fasi lunari di quell'anno.
Il terzo è "Declining rate of substances abuse throughout the month" del 2001, pubblicato da Halpern SD e Mechem CC. Questi scienziati hanno studiato l'abuso di droghe in 2.403 pazienti e le malattie mentali in altri 10.501 pazienti. Il tutto per ben 7 anni. Nono sono state trovate alcune correlazioni con le fasi lunari.

14) Correlazioni tra la Luna Piena e gli incidenti

Nel 1998, una pubblicazione chiamata "Cyclical calendar and lunar patterns in automobile property accidents and injury accidents.", da parte di Laverty WH e Kelly IW, mostra un'analisi di ben 50.492 incidenti d'auto sparsi per un lasso di tempo di 9 anni. Non c'è stata alcuna correlazione tra gli incidenti e le fasi lunari. Un'ulteriore pubblicazione da tenere in considerazione è " Geophysical variables and behavior: LXVIII. Distal and lunar variables and traffic accidents in Saskatchewan 1984-1989" del 1992. Questa si basa sullo studio di ben 200.545 incidenti nel traffico, sparsi su 5 anni, e anche in questo caso non c'è alcun tipo di correlazione tra questi e le fasi lunari.

In conclusione, ci sono effetti della luna su di noi? Beh, riflettiamo su questo: il cervello umano è abituato a organizzare la propria esperienza facendo associazioni. Molto spesso, quando ci succede qualcosa di impressionante o particolarmente negativo o particolarmente positivo, memorizziamo inconsciamente dettagli delle condizioni in quel momento. Per esempio, il fatto che ci sia o meno la Luna Piena durante un certo evento.
Il resto è fatto da tanti sostrati mitologici e simbolici che si aggiungono da una generazione all'altra.

Riguardo alla nostra ossessione nella cultura occidentale, con la Luna Piena, pensate a questo: le maree non ci sono solo con la Luna Piena, infatti la Luna esercita la sua forza anche con la Luna Nuova, ma in questo non ci sono tutti i miti che abbiamo per la Luna Piena. Forse si tratta solo di tante spiegazioni antiche per dar ragione di quella grande cosa che vediamo da sempre nel cielo. Ma nel 2012, dopo esserci anche stati con diverse missioni spaziali e astronauti, e con attualmente 3 sonde nella sua orbita, non c'è motivo di aggiungere miti e leggende per rendere incredibilmente affascinante questo corpo del Sistema Solare.

Fonte:

http://www.link2universe.net/2012-02-02/miti-lunari-la-verita-sugli-effetti-che-la-luna-esercita-su-di-noi/

 
 
 

Aivanhov: KARMA E DESTINO" NELLE VARIE INCARNAZIONI

Post n°1249 pubblicato il 07 Giugno 2019 da alf.cosmos
 
Foto di alf.cosmos

Aivanhov: 

KARMA E DESTINO" NELLE VARIE INCARNAZIONI 

 

karma


Nessun essere umano giunge sulla terra con la chiara con la chiara consapevolezza di ciò che è, di ciò che viene a fare, e perchè. L'incarnazione è una caduta nella materia , e la materia è una potenza che ghernisce l'anima al punto di toglierle la memoria. Quello che sarà il destino dell'anima è determinato da ciò che l'anima stessa ha vissuto nelle esistenze precedenti prima di ridiscendere , essa è a conoscenza di ciò che l'attende, sia perchè questo le viene imposto, sia perchè essa ha avuto la possibilità di scegliere, ma nell'istante in cui l'anima scende questa conoscenza le viene tolta. Un'anima che si incarna comincia dunque col non sapere nulla di quello che sarà il suo destino, destino che rimane nascosto anche alle anime più evolute. Nessuno nasce con una chiara consapevolezza della sua predestinazione. Certo, sin da giovanissimi ci si può sentire attratti in una direzione o nell'altra, ma tutto rimane alquanto vago. Occorrono anni e anni di ricerche, di studi e anche di sofferenze, prima di poter conoscere la propria vera vocazione"


Tratto da "Pensieri Quotidiani" (Lunedì 15 aprile 2013) di Omraam Mikhaèl Aivanhov - Edizioni Prosveta

 
 
 

CALENDARIO FASI LUNARI GIUGNO 2019

Post n°1248 pubblicato il 04 Giugno 2019 da alf.cosmos
 
Foto di alf.cosmos

CALENDARIO FASI LUNARI 

GIUGNO 2019

 

GIUGNO 2019

 

Fonte: https://www.segnalidivita.com/calendario/calendario-lunare-2019.htm

 
 
 

Oggi il mio blog: "PREPARIAMOCI " compie 10 anni

Post n°1247 pubblicato il 28 Maggio 2019 da alf.cosmos
 
Foto di alf.cosmos

Oggi il mio blog: "PREPARIAMOCI " compie 10 anni


uomo cosmico


Gli argomenti trattati riguardano soprattutto Spiritualità, esperienze paranormali, animali, misteri, alimentazione vegetariana, extraterrestri e cosmo. Talvolta anche musica, che è necessaria, secondo me. Temi comunque che ci possono aiutare a entrare nella nostra Interiorità e acquisire sempre maggior consapevolezza senza dipendere da qualcuno, senza condizionamenti dogmatici, in modo aperto e libero, riconoscendo i concetti che ci possono far lavorare nell'Anima.

Ricordo i primi anni vi erano diversi blog che si occupavano di Spiritualità e affini su "libero" con cui ci si relazionava....sono tutti scomparsi....

Ringrazio tutti coloro che sono passati di qui e che attualmente passano e passeranno e chi vuole lasciare il suo contributo attraverso i commenti.

Auguro a Tutti grande Pace e Armonia Interiore

Grazie a Tutti

Un abbraccio cosmico

Alf

 
 
 

ESPERIENZA DI PRE-MORTE di Carl Gustav Jung

Post n°1246 pubblicato il 20 Maggio 2019 da alf.cosmos
 
Foto di alf.cosmos

ESPERIENZA DI PRE-MORTE DI CARL GUSTAV JUNG

Pubblicato il 10 Aprile 2018 da beatrice


Nel 1944, lo psichiatra svizzero Carl Gustav Jung, persona molto attenta ai fenomeni interiori e spirituali, visse un'esperienza che descrisse poi nel capitolo "Visioni" del suo libro autobiografico "Ricordi, sogni, riflessioni".


Jung

 

Eccola, con le sue parole: "Al principio del 1944 mi fratturai una gamba e a questa disavventura seguì un infarto miocardico. In stato di incoscienza ebbi deliri e visioni, che dovettero cominciare quando ero in pericolo di vita e mi curavano con ossigeno e iniezioni di canfora...

Mi pareva di essere sospeso nello spazio, sotto di me, lontano vedevo il globo terrestre avvolto in una splendida luce azzurrina e distinguevo i continenti e l'azzurro scuro del mare. Proprio ai miei piedi c'era Ceylon e dinanzi a me, a distanza, l'India. La mia visuale comprendeva tutta la terra; la sua forma sferica era chiaramente visibile e i suoi contorni splendevano di un bagliore argenteo, in quella meravigliosa luce azzurra.

In molti punti, il globo sembrava colorato o macchiato di verde scuro, come argento ossidato. Sulla sinistra, in fondo, c'era una vasta distesa, il deserto giallo rossastro dell'Arabia; come se l'argento della terra in quel punto avesse preso una sfumatura di oro massiccio. Poi seguiva il Mar Rosso e lontano - come a sinistra in alto su una carta - potevo scorgere anche un lembo del Mediterraneo, oggetto particolare della mia attenzione. Tutto il resto appariva indistinto. Vedevo anche i nevai dell'Himalaya coperti di neve, ma a quella distanza c'erano nebbia e nuvole. Non guardai per nulla verso destra. Sapevo di essere sul punto di lasciare la terra.

Più tardi mi informai dell'altezza a cui si dovrebbe stare nello spazio per avere una vista così ampia: circa 1500 chilometri! La vista della terra a tale altezza è la cosa più meravigliosa che avessi mai visto".

 

 TERRA


Ma l'avventura continua: sospeso nello spazio cosmico, Jung vede una pietra, una specie di meteorite, grande come una casa simile a certi blocchi di granito che aveva visto a Ceylon, nei quali viene talora scavato un tempio. E anche nel "meteorite" è scavato un tempio: la porta è incorniciata da lampade accese e a destra di essa siede, in attesa, un indù a gambe incrociate, nella posizione del loto.

E qui avviene un processo interiore di liberazione e contemporaneamente di immedesimazione con il proprio bagaglio terreno: "Quando mi avvicinai ai gradini che portavano all'entrata accadde una cosa strana: ebbi la sensazione che tutto il passato mi fosse all'improvviso tolto violentemente. Tutto ciò che mi proponevo, o che avevo desiderato o pensato, tutta la fantasmagoria dell'esistenza terrena, svanì, o mi fu sottratta: un processo estremamente doloroso.

Nondimeno qualcosa rimase: era come se adesso avessi con me tutto ciò che avevo vissuto e fatto, tutto ciò che mi era accaduto intorno. Potrei dire: era tutto con me e io ero tutto ciò. Consistevo di tutte queste cose, per così dire, consistevo della mia storia personale e avvertivo con sicurezza: questo è ciò che sono. Sono questo fascio di cose che sono state e che si sono compiute. Questa esperienza mi dava una sensazione di estrema miseria e al tempo stesso di grande appagamento. Non vi era più nulla che volessi o desiderassi. Esistevo, per così dire, oggettivamente: ero ciò che ero stato e che avevo vissuto..."

A questo punto il processo però si blocca perché avviene qualcosa che fa capire a Jung che bisogna tornare indietro: "Mentre mi avvicinavo al tempio, avevo la certezza di essere sul punto di entrare in una stanza illuminata e di incontrarvi tutte quelle persone alle quali in realtà appartengo. Là finalmente avrei capito - anche questo era certezza - da quale nesso storico dipendessero il mio io e la mia vita e avrei conosciuto ciò che era stato prima di me, il perché della mia venuta al mondo e verso cosa dovesse continuare a fluire la mia vita...

Mentre così meditavo, tuttavia, accadde qualcosa che richiamò la mia attenzione. Dal basso, dalla direzione dell'Europa, fluiva verso l'alto un'immagine: era il mio medico... Quando questa immagine mi fu dinanzi, ebbe luogo tra noi un muto scambio di pensieri. Il mio medico era stato delegato dalla terra a consegnarmi un messaggio, a dirmi che c'era una protesta contro la mia decisione di andarmene. Non avevo il diritto di lasciare la terra, dovevo ritornare. Non appena ebbi sentito queste parole, la visione finì..."

 

Se si considera con attenzione il racconto di Jung, non avremo difficoltà a individuare in esso elementi che abbiamo già incontrato in altri casi: un'esperienza fuori dal corpo, la dimensione diversa nella quale il protagonista viene a trovarsi, la situazione di confine simbolizzata dal medico, che fa capire che non è il momento di morire e che è necessario tornare indietro; oltre naturalmente a sensazioni di bellezza, compiutezza, armonia.

 

Ma l'esperienza non finisce qui: durante le tre settimane che seguirono l'infarto, Jung ebbe ancora, praticamente ogni notte, echi e riflessi di quella prima esperienza cosmica. Ricordando quanto aveva sperimentato, Jung scrisse di essersi sentito "come sospeso nello spazio, al sicuro nel grembo dell'universo, in un vuoto smisurato ma colmo di un intenso sentimento di felicità... E impossibile farsi un'idea della bellezza e dell'intensità dei sentimenti durante quelle visioni...".

E aggiunge: "Sebbene in seguito io abbia ritrovato la mia fede in questo mondo, pure, da allora in poi non mi sono mai liberato completamente dall'impressione che questa vita sia solo un frammento dell'esistenza, che si svolge in un universo tridimensionale, disposto a tale scopo... Posso descrivere la mia esperienza solo come la beatitudine di una condizione a-temporale nella quale presente, passato e futuro siano una cosa sola".

 

La realtà terrena era parsa a Jung come "...una sorta di prigione con scopi ignoti, che aveva un potere ipnotico che costringeva le persone a credere che essa fosse la realtà, nonostante si fosse conosciuta con evidenza la sua nullità".

 

Carl Jung affermò anche che solo dopo la sua malattia aveva scritto le sue opere principali: le intuizioni e le conoscenze derivate da quella esperienza, in sostanza, gli avevano infuso "il coraggio di intraprendere nuove formulazioni". Dopo la malattia, inoltre, era avvenuta anche un'altra cosa, che egli descrive così: "un dir di sì all'esistenza, un sì incondizionato a ciò che essa è, senza pretese soggettive. L'accettazione delle condizioni dell'esistenza così come le vedo e le intendo. L'accettazione della mia esistenza, proprio come essa è... nel bene e nel male, quindi, nella gioia e nel dolore".

 

Tratto da: "NDE: Testimonianze di esperienze in punto di morte", di Paola Giovetti 

Fonte: https://www.fisicaquantistica.it/paranormale/esperienza-di-pre-morte-di-carl-gustav-jung

 
 
 
Successivi »