Tiramisù

Post n°23 pubblicato il 12 Settembre 2017 da FunanbolAnita

ILTIRAMISù è l'unico dolce che so fare ,anche perchè nn va in forno e quindi nn si affloscia e non si brucia..e quindi non lo dimentico nel forno.


SVOLGIMENTO

Fate 2 moke di caffè,quando è pronto versatene un pò dentro una tazzina,zuccheratelo e bevetelo...buono? ok ..allora quello che è rimasto versatelo in un piatto e lasciatelo raffreddare.
Prendete 4 uova,dividete il bianco dal rosso...fatto? ok..prendete una frusta elettrica...fatto?adesso montate a neve i 4 bianchi d'uovo..piano e con calma sennò qua invece di montare si smonta...ricordatevi il primo pompino fatto a regola d.o.c........calmaaaaaaaaa......montato?...lasciatelo li.
Prendete i 4 rossi..infilateci dentro lo zucchero...un bel pò di zucchero....e,sempre con la frusta,montate i 4 rossi...finchè nn diventa uno zabaione..deve essere una mousse..una crema densa si ma nn troppo...non gialla..ma giallina..ina ina..quel giallo che nn sa di niente ma te sai che è giallo.
Adesso prendete 1 kilo di mascarpone...incorporateci la crema di uovo....girate con calma e cantate"siamo donne oltre al tiramisu c'è di piu"poi l'albume montato a neve..4/5 cucchiai...e girate ancora...deve essere buona..dubbi? infilateci un dito e assaggiatela...mmmmm
un altro dito dai..uhmmmm..sei una porca ma continui ehhhh...Ora prendete i pavesini(2 scatole) e bagnateli(i pavesinii) nel caffè..ponendoli cosi bagnati su un vassoio...riempite il vassoio..e mettete la crema sopra...poi altri pavesini e ancora crema..praticamente a strati..quando avete finito spolverate di cacao amaro.. e ponete in frigo 1 ora.
Leccate tutto il piatto dove c'era la crema di prima...e se la cosa vi sconvolge i sensi..anche la frusta elettrica...togliendo accuratamente la spina.
 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Post N° 22

Post n°22 pubblicato il 12 Marzo 2017 da FunanbolAnita
Foto di FunanbolAnita

Mani nelle Mani..

Le Tue Mani.

Le Mie Mani.

Le Tue Mani... Tra Le Mie.

Tu sei..Passione e Tormento..

Tu Sei.. Aurora e Tramonto..

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Lapo..

Post n°21 pubblicato il 29 Novembre 2016 da FunanbolAnita
Foto di FunanbolAnita

Allora. Ricapitoliamo. Lapo va a New York per la festa del ringraziamento e uno pensa: ah che bello, è uno che ama le tradizioni, vorrà riunire gli amici oltreoceano per un pranzo col tacchino a centrotavola.

No, per "ringraziamento" lui intende che ringrazia uno spacciatore portoricano e chiama un escort transgender.

Ora, non è ben chiaro il perché si faccia un volo intercontinentale quando a Cesano Boscone o a Bucarest(2 ore di volo) ci sono transgender di tutto rispetto, ma vai a capì, magari gli mancavano delle miglia per avere il trolley freccia alata.


Comunque, a quanto pare i due si drogano , finiscono la droga, l'escort acquista 10 000 euro di droga e siccome il giorno del ringraziamento è finito Lapo gli dice "Grazie!" ma quello gli risponde "Grazie un cazzo, mi devi 10 000 euro.". E qui viene il bello.

Il transgender non ha il pos, Lapo scende giù sulla quinta strada a prelevare ma scopre che la famiglia gli ha tagliato la prepagata con le cesoie da siepe. La paghetta se l'è pippata tutta. A quel punto che fa? Si inventa un sequestro, tanto le manette erano già lì. E qui il genio.


Chiama lui la famiglia e già qui sarebbe il primo caso di sequestrato a chiedere un riscatto per il suo sequestro, ma vabbè. Dice che un tizio non lo lascia andare se non pagano 10000 euro, roba che un qualsiasi sequestratore chiederebbe di più pure per il sequestro di Adriana Volpe, capirai se uno rapisce un Agnelli per due spicci.

Il fratello ovviamente mette giù il telefono, chiama Ginevra e fa: "Il cazzaro ne ha combinata un'altra". Chiamano la polizia americana, la polizia americana va nel presunto luogo della consegna del riscatto e trova Lapo con le manette di piume rosa che fa i grattini al suo sequestratore.
Lo arrestano per simulazione che come fa notare qualcuno per uno juventino non è poi una grande novità e finisce che il giorno del tacchino, come sempre quando si parla di Lapo, diventa il giorno del pollo.
Naturalmente a breve lancerà il nuovo brand "Italian Transdependent".

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Angy..ma ne sei proprio sicura sicura??!!

Post n°20 pubblicato il 26 Settembre 2016 da FunanbolAnita
Foto di FunanbolAnita

"Dear Angelina,

sorry if ti disturbo (immagino that ora you are very impegnata with le carte of divorzio...), but i have to dirtelo: minchia...what coraggio, Angie! You have lasciato Brad Pitt. B-R-A-D P-I-T-T !


I mean, mica Peppe the figlio of the calzolaio: you have friendzonato Brad Pitt, quello that in "7 anni in Tibet" had ingravidato us in 7 secondi. Quello blonde, tall, fregn and mascella style "Here i am, ti-limono-duro like a hurricane". Quello that non only c'ha the tartaruga, but che the tartarughe le va pure a salvà in Africa.

Yes, perché if c'è something that we have imparato in questi years è that Brad is like the Cornetto Algida: he is bono inside and fuori (the gioie all to the altre, eh?!)
Angelì, but you are proprio sicura???

I mean, lo hai lookato buono for the ultima volta?! No, because io te lo dico eh: don't facciamo that poi te ne penti and mi vieni to cry on the spalla! Because, te lo giuro, if one day vieni and mi dici "Doryyyy i think i've done a big cazzataaaa...i miss his golden chiappeeeee..." te faccio menà by Jennifer Aniston.

So pensaci well, because i know that - like other uomini - he can avere i suoi difetti....but santa-Angela-Lansbury...he is BRAD PITT!! If lascia the wc's tavoletta alzata or if c'ha the fiatella in the morning, it's not tutto ‘sto dramma, Angelì! And for his "prostata-situation" c'avreste ancora time, dai.

Angie, i don't know if stai facendo the right thing, but i'm sure di una cosa: you potresti essere a great ispirazione for other women. Because if it's possible scaricare Brad Pitt, allora we don't have any buona scusa for restare insieme with un uomo ("medio") that non ci ama. Or that we don't love più."

Con affetto

Ani.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Caro Maschio

Post n°19 pubblicato il 25 Luglio 2016 da FunanbolAnita

Caro Maschio Contemporaneo,

ti scrivo questa lettera perché ci sono alcune cose che vorrei dirti.

In primis vorrei tranquillizzarti e spiegarti che no, non è solo la tua virilità a essere in crisi in questa epoca segnata
dall'iperconnessione, dall'inesauribile pluralità d'offerta, dalla disponibilità e gratuità del porno e dalla totale confusione tra i generi sessuali.

Siamo tutti un po' in crisi: lo sono le relazioni, le sono le generazioni, lo sono i genitori che ci mandano emoticon su Facebook; lo sono i giovani che fanno più sexting che sesso; lo siamo noi donne  perennemente in conflitto tra la nostra indipendenza e la nostra solitudine; lo sono le donne sposate, che devono lavorare, ramazzare casa, adempiere ai doveri coniugali e a un certo punto anche sfornare prole. E sì, evidentemente, lo sei anche tu, caro Maschio Contemporaneo.

Mi sei in crisi.

Mi sei in crisi se devi crescere.

Mi sei in crisi se devi assumerti delle responsabilità.

Mi sei in crisi di fronte alla famiglia, di fronte ai figli, di fronte al sesso, di fronte a un motore a scoppio o a un cavo elettrico (in compenso cucini meglio di me, non che ci voglia molto).

E mi sei in crisi di fronte alle donne.

Sarebbe difficile, forse impossibile, parlare della tua crisi senza parlare della nostra "emancipazione". E uso le virgolette perché, in verità, noi donne siamo ancora incatenate da innumerevoli sovrastrutture culturali, retaggi del passato, a cui si sono aggiunte nuove paturnie, squisitamente post-moderne. Fatto sta che alcune cose sono cambiate, per esempio è cambiato il nostro approccio al sesso e - di conseguenza, oserei dire - anche il vostro.


Siamo tutti d'accordo, presumo, nel dire che la nostra generazione di donne concede la propria virtù in dosi e tempi diversi rispetto alle generazioni precedenti (leggi: la diamo via come fosse mangime ai piccioni, solo che voi a differenza degli altri volatili, che s'ammassano tutti lì a beccare il beccabile, iniziate a ritrarvi). Ciò comporta un mutamento sostanziale nelle condizioni del mercato, l'equilibrio tra domanda e offerta s'inverte, l'eccesso di disponibilità e la semplicità di reperimento rendono la merce (la passera) meno pregiata e il suo valore diminuisce. Semplice microeconomia del pelo.

Così noi donne ci ritroviamo circondate di figafobici e criptochecche, una generazione di uomini che piuttosto-mi-sego, rimpiangendo quei tempi antichi in cui se a un uomo volevi concederla, quello se la prendeva, di buon grado e il prima possibile, perché era la Sacra Fregna e in quanto Sacra Fregna andava onorata. E andava bene su per giù in qualunque modo: roscia, bionda, nera, grassa, magra, giovane, vecchia, glabra, afro, verticale, orizzontale e pure di traverso

 Oggi no.

Oggi non è più così.

Oggi siamo tarati sull'estetica dello YouPorn, troviamo uomini col pube bello ordinato e ci spalmiamo cera bollente sulle grandi labbra e strappiamo via, perché non vorremmo mai salire agli onori della cronaca nera con il primo caso di "Uomo Contemporaneo ucciso da un pelo pubico in gola".

Oggi ci mandiamo le foto.

Le foto delle tette.

Le foto del culo.

Le foto dell'uccello.

Viviamo in uno stato di permanente e facile eccitazione che ci porta a non eccitarci mai davvero, a non afferrarlo nemmeno quel culo, a non toccarle nemmeno quelle tette, a non incassarlo nemmeno quell'uccello. Mercato del pelo e tecnologia ci hanno cambiati e ciò è innegabile.

Ma non è solo questo.

Oggi abbiamo uomini che ci chiedono esplicitamente «vuoi scopare stasera?» oppure quelli che ci mandano messaggini e faccine gialle per un anno senza quagliare mai. È scomparso il corteggiamento, quello misurato e consapevole. E anche la "trombamicizia" è un concetto ontolgicamente messo in discussione. Latita la disponibilità a mettersi in gioco sul piano umano, senza un fine garantito, un Roi sentimental-sessuale. La cena, la chiacchiera, il tentativo e anche l'eventuale due di picche che, signori, è solo un due di picche, mica una crisi energetica mondiale. Si può gestire facilmente.


Dieci anni fa era nell'ordine delle cose che il maschio ci provasse e la femmina si riservasse la possibilità di elargire la vituperata carta del rimbalzo. Era persino auspicabile o strategico, rimbalzare, se il tipo ti piaceva. Adesso sotto casa ci salutate col bacetto sulla guancia, anche al terzo appuntamento, anche quando è evidente che potreste osare, perché i segnali (inclusi quelli di fumo e il codice morse) ve li abbiamo mandati tutti (e sì, prima che qualche mente illuminata dica: «Non ti viene in mente che forse non ti bacia perché non gli piaci poiché sei un cesssssso?», rispondo: «Se non gli piaccio può benissimo smetterla di cercarmi, e flirtare, e fare allusioni»).

Perché in fondo vi dite che c'è la parità, perché dovete provarci sempre voi? Perché siete maschi. Ecco perché.

Ma il problema è proprio qui. È che i concetti di "maschio" e "femmina" sono un po' come quelli di "destra" e "sinistra". Categorie del pensiero, ormai superate, obsolete. E riflettendoci, se provo a vestire i tuoi panni, caro Maschio Contemporaneo, mi accorgo che nemmeno i tuoi sono comodissimi. Che le Donne Contemporanee sono bizzarre.

Che stra-lavorano e sono stra-stressate perché giustamente vogliono essere Miranda Priestley ma anche Mary Poppins.

Che vogliono trovare l'uomo giusto mentre alternano sapientemente (meglio dei peggio bad boys) tre trombatori in contemporanea.

Che anelano alla tenerezza e poi chiamano i propri amanti con soprannomi indicibili e ne compilano la pagella dopo ogni prestazione erotica (pagella che viene prontamente inviata in triplice copia su whatsapp alle amiche).

Che parlano di cazzi e orifizi manco fossero smalti e ombretti, ma poi sognano la favola. Che si dichiarano pubblicamente illuminate pompinologhe, ma però vogliono il messaggino della buonanotte.

Che sono onnipotenti ma crollano per un paio di doppie spunte blu senza risposta. Che se non dai attenzioni sei uno stronzo, e se ne dai troppe sei uno sfigato. Che sono amazzoni metropolitane ma deve invitarmi prima lui. E deve accettarmi per quella che sono, ma comunque come cazzo si veste?!

Che un cuore dichiarano d'avercelo, ma in fondo alla vagina. Che sono emancipate ma il conto per piacere pagalo tu (perché sì, è una questione di eleganza). Che le dimensioni contano, e per piacere non eiaculare nel tempo di uno starnuto, e ti serve mica il gps per trovarmi il clitoride? Che vorrei sapessi montare un mobile, ma anche stirarti le camicie, ma anche cogliere le mie sofisticate citazioni, ma anche consigliarmi i migliori libri da leggere, ma anche farmi ascoltare la musica più figa, ed essere divertente, sagace, piacente e naturalmente pazzo di me. Altrimenti stiamo meglio da sole o con il vibratore azzurro, principe indiscusso della nostra sessualità, capace di arrivare dove nessun uomo potrà mai, facendoci scoprire inediti orizzonti del piacere grazie alla sua meccanica precisione e ricaricabile batteria.

Ecco, sai cosa c'è, Caro Maschio Contemporaneo? Non saprei indicarti la soluzione. So che siamo in questa situazione qua. Che noi siamo così e tu (e i tuoi esimi colleghi) siete lì. Che preferite guardarvi qualche puntata della vostra serie del momento e poi praticare del sano onanismo, che non contempli l'interazione con una di noi, curiose creature femminili dell'oggi.

Posso solo dirti, caro Maschio Contemporaneo, che come tu hai paura d'avere il cazzo piccolo, io ce l'ho che non ti piaccia il mio corpo. Posso solo dirti che come io cerco conferme, le cerchi anche tu. Posso solo dirti che possiamo provare a evolverci, come si fa sempre dopo le crisi, e diventare persone nuove, con fragilità e insicurezze assimilabili. Adulti imperfetti che provano a stare al mondo, trovando un equilibrio e tendendo al benessere condiviso. Posso solo dirti, caro Maschio Contemporaneo, che ormai siamo cresciuti. E che abbiamo tutti, uomini e donne, le nostre paure, le nostre nevrosi, i nostri fallimenti e le nostre storie di merda alle spalle. Che non è una gara. Che non c'è da aver così tanta paura.

 

E, francamente, credimi: fare l'amore è meglio che vederlo, toccare un culo è più appagante che guardarlo in foto, e una fellatio - se ben fatta - è più conciliante di una passeggiata in alta montagna. E no, non pretenderemo che ci porti all'altare poi. E te lo giuro: nessuno è mai morto soffocato da un pelo pubico.

E quando sei a letto con una donna, amala, anche solo per 30 minuti (che slancio d'ottimismo): ama la sua pelle, ama la sua bocca, ama i suoi capelli, e i suoi occhi, e la sua fica. Che sia roscia, bionda, nera, grassa, magra, giovane, vecchia, glabra, afro, verticale, orizzontale e pure di traverso. Amala così, anche solo per 30 minuti, che ci serve a riscoprirci umani. Fatti di carne, e istinti, e sapori, e odori, così come siamo. Non come appariamo.

Tivvubbì,

Vagina

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Differenze tra uomo e donna

Post n°18 pubblicato il 17 Marzo 2015 da FunanbolAnita

Post in romano.

Pe capi i comportamenti dellumani, suddivisi in due grandi categorie : OMINI E DONNE, nun serve la laura in ANTROPOLOGIA, IN SCIENZE SOCIOUMANISTICHE, nun serve QUARK e quella mummia de Piero Angela, nun servono statistiche istat, o centro de studi umani der MICCIGAN..BASTA VENI A CASA MIA PE MEZZA GIORNATA!!!!
Er libro LE DONNE VENGANO DA VENERE E LOMINI DA MARTE e la bibbia che tutte noi donne dovremmo tene sul comodino della camera da letto, sopra a HARMONI E NOVELLA 2000, perche nulla di piu vero fu mai scritto nella letteratura mondiale.

Dopo 3 anni de fidanzamento e 15 anni de matrimonio, io ormai sto facendo er master , e sto pe specializzamme in CONOSCENZE DELLE FREGN@CCE , DELLE SCUSE ACCAMPATE PE NUN FA UN CAZZ@ DE GNENTE IN CASA, DELLE DIMENTICANZE, E DEI DANNI DELLOMINI E DEI SUOI DERIVATI.

LA DONNA, appena entra in casa appoggia la spesa a terra, se guarda intorno, elabora in 6 secondi le prossime mosse, mette le chiavi de casa , er cellulare e li spicci (resto della spesa) nello svuotatasche sur mobbile dellingresso, appende er giubbottoallappendino, se leva le scarpe e se infila le ciabbatte precedentemente preparate dalla matina vicino alla porta .

LOMO entra in casa e ESPLODE.in ogni senso.

Appena infila a chiave nella … e cor piedino varca la soja de casa de..diciamo 10 cm, ha gia scoreggiato tre volte, ha lanciato le scarpe, perso le chiavi , cellulare e portafojio, tentato de appende er giubbotto senza manco guarda, cosi che er giubbotto lo ritrovi tre mesi dopo nellintercapedine tra porta e mobiletto pieno de ciuffi de pelo polveroso.
Te arivi e te rendi conto de quello che successe a HIROSCHIMA ner 45, ma e casa tua ner core de Roma, e quelli ereno 100.000 americani contro er Giappone, e tu marito e stato capace de rifa lo stesso casino MA DA SOLO!!!!!

LA DONNA ha un raggio visivo a 360 gradi, la donna sa sempre dove deve cercare (e trovare) ogni cosa,
LOMO ha un raggio visivo de 25/30 gradi si cerca nelefante e nun ce lha sotto ar kulo, e capace de chiamatte a squarciagola e ditte AOOOOO, IO STO ELEFANTE NUN LO VEDO!!! MA NDO CAZZ@ LHAI MESSO????-
Perche e un dato de fatto, che se lomo nun trova quarcheccosa, quarsiasi cosa, anche se tu DONNA questa cosa nun lhai mai ne vista e ne toccata, lui nun la trova perche SEI TU CHE LHAI PRESA E CHISSA DOVE LHAI MESSA..
Tu per la 600.000 milionesima volta ja risponni SE MO VENGO LI E LA TROVO, TE PRENDO A CARCI NELLE GENGIVE-
E loro sbruffoni e sicuri de se DAJE , MO VOJO PROPRIO VEDE SI LO TROVI-
Tu sicura , orgogliosa e fiera de te stessa vai de la, e lo vedi a 15 cm dalla cosa che stava cercando, ma che per ovvie ragioni doveva da esse fori dal cono visivo DE QUER CECATO E PURE STR@NZO DE TU MARITO!!!!! PRENDI LA COSA, GLIELA MOSTRI COLLA FACCIA DIABBOLICA, e je fai QUESTA COSE???-
Er piu delle volte pur de nun datte raggione lomo e capace de ditte NUN E QUELLO CHE CERCAVO- e tu colla bava alla bocca je fai PERCHE QUANTI CAZZ@ DE TRAPANI A FILO CAVEMO NOI IN CASA?????-
Oppure, la risposta de solito e LHAI SPOSTATO, PRIMA ERA IN BAGNO-
MA DA QUANDO IN QUA , ER TRAPANO STA IN BAGNO???

LA DONNA prepara le lasagne , e la cucina e immacolata

LOMO apre na scatoletta de tonno e taritrovi lolio dentro ar cassetto dellarmadio , quello centrale dove tieni i calzini de NAILON.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Lysoform

Post n°17 pubblicato il 17 Marzo 2015 da FunanbolAnita
Foto di FunanbolAnita

Lei e una casalinga , che passa tutto il giorno con lo straccetto in mano.
E’dalle 6.30 del matino che striscia e spolvera la casa, con lo spazzolino da denti ha pulito pure le fughe der mosaico del bagno, la casa e’ talmente splendente, che devi girare per casa con l’occhiali da saldatore, ha disinfettato pure le lampadine a risparmio energetico, ha lavato il gatto dentro alla lavatrice con il Napisan, ha lucidato pure la dentiera del nonno, ha lavorato tutto il giorno come una schiava egiziana e la sera ha la schiena smontata come un tavolino dell’IKEA.

Tutta soddisfatta gira per casa, e con il ditino passa sui mobili lindi e splendenti, compiaciuta da tanta brillantezza, quando.. a un certo punto entra suo figlio dalla porta, sporco come un maialetto che s’e’ appena rotolato nel trogolo con il fango, con 10 cm di sporco attaccato sotto le scarpette con il carrarmato, E INIZIA A LASCIARE QUESTO 36 DI PIEDINO LORDO E FANGOSO PER TERA, CORRENDO PER TUTTE LE STANZE DI CASA ….E lei che fa’?????
Lo cinge con braccio attorno alle spalle e lo accompagna sorridendo verso la cucina per preparargli il panino con la nutella…

MA V’HO IMMAGGINATE SI LA STESSA COSA SUCCEDESSE ‘N CASA DE NA NORMALISSIMA E INCAZZOSISSIMA CASALINGA DE ROMA????

Er rigazzino entra e la madre come minimo lo pija a carci ner kulo e je inizzia a grida’ dietro epiteti al pari de :AHHH FIJO DE NA MIGNOTTAAAA, L’ANIMA DE LI MORTACCI TUIII, MA NNO’ VEDI CHE E’ TUTTO PULITO???? E’ DA STAMATTINA CHE SGOBBO COME NA COLF, MA SARAI STRONZAAA??? CHISSA’ DA CHI HAI PRESO??? TUTTO TU PADRE EH??? MO J’HO DICO STASERA, COSI’ TE SACCAGNA PER BENE, MA GUARDA TE’ CHE TROIAIO CH’HAI FATTO, MAVATTELA A PI’A N’TER KULO VA’, TE E TU MADRE CHE T’HA FATTO…
e delicatamente l’ho prenne pe’ n’orecchio e con carcio ar kulo lo sbatte dentro alla vasca der bagno co le scarpe e tutto…e ovviamente er panino colla nutella se lo pole pure dimentica’ finche ‘ nun compie 25 anni..

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Post N° 16

Post n°16 pubblicato il 17 Marzo 2015 da FunanbolAnita
Foto di FunanbolAnita

Visto che questa specie di scorfano con la parrucca è diventato George Clooney, è il caso di correre su Facebook e digitare il nome del compagno di scuola che all’epoca schifavamo almeno quanto il compito di matematica, le Superga puzzolenti e il brufolo tra le due sopracciglia che veniva quando non doveva venire.
Chissà com’è diventato il mio primo fidanzato delle medie?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Dovrebbe..

Post n°15 pubblicato il 31 Gennaio 2015 da FunanbolAnita
Foto di FunanbolAnita

Dai su,non raccontiamocela ancora.

Non esiste un modo meno doloroso per lasciare una persona.

E' inutile che ci attacchiamo alla frase del tipo"mi ha lasciato tramite messaggio..uomo senza palle.."....e che vuoi che ti mandava un mazzo di fiori con biglietto annesso?

Tutti i modi sono buoni:il vecchio sms..il silenzio..cambiare numero telefonico,città e nazione.Le scuse come quelle del"non ti chiamo perche il cell è caduto nell'acqua"è la classica.Facendo una ricerca su Google è al 3°posto...e gia da li dovresti capire che la storia è finita..oppure fai come me:organizzi un doc exe..e fai una raccolta di scuse accampate in aria e te le rivendi come se fossero tue.

Dai..suvvia..frasi come"ti amo ma ti lascio perche ti amo troppo e farei del male alla tua vita" è passata di moda.

"non sei tu,ma sono io"..peggio che mai.

Le donne ormai si sono evolute..è finita l'era che non sapevano aprire outlook..Ormai cambiano le ruote dell'auto da sole e vedono la malaeducaxxxon su la 7D e prendono appunti.

Leggono 50 sfumature di grigio in pubblico e fanno notare bene la copertina(io) e quando pensano al principe azzurro che viene a cavallo,lo disarcionano e a cavallo montano loro..ma sul principe!

La verità è una sola.

Quando si smette di amare non si ha la pazienza che finisca bene.Si cerca la strada piu breve:il distacco immediato,la rottura,la sofferenza..insomma lo si vive come un lutto.Manca chi ti fa le condoglianze,per il resto è uguale.Ne piu,ne meno.C'è sempre chi chiude la porta e va via senza manco voltarsi,senza tornare indietro per l'ultimo bacio..e c'è,ovviamente,chi rimane ad attenderlo..forse anche per sempre,per tutta la vita.

Invece ci vorrebbe piu amore quando una storia finisce..Lo stesso impegno e la stessa intensità dell'inizio.

Bisogna superare gli egoismi,vivere questo momento con la stessa passione,far sentire alla persona lasciata tutto il bene che c'è stato e che ci sarà.

Sarà un amore diverso,sarà affetto,sarà che quel "ti amo" diventa"ti amo di bene,di un bene profondo perche tu mi hai donato..perchè io ti ho dato.."

Non si dovrebbe mai dimenticare chi si è amato,specie se quella persona nn ha recato,dopo, danni nella tua vita...Se la dimentichi è perche non l'hai mai amata davvero..ed è la cosa piu triste.

 

Ci vuole amore per chiudere una storia.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Maschere

Post n°14 pubblicato il 30 Gennaio 2015 da FunanbolAnita
Foto di FunanbolAnita

Perche funambola?

Perche sono sospesa tra il chi ero e il come sono ora.

A lungo andare, questo mio modo di vivere, inizia a piacermi.

Senza meta,cosi come viene.Non dare e ne ricevere di piu di quel che serve.

Lo stomaco non fa piu male,è passata anche la colite nervosa.

Prima no.

Prima volevo ..cercavo..desideravo..ero morbosamente in cerca di punti fermi.Del resto non ne avevo...e quando pensavo di averne trovato almeno uno,mi è stato tolto.

Poi con gli anni,con l'esperienza,con quella voglia di vita che ho e che ho sempre amato avere....ho capito:il punto fermo ero io.Era dentro di me.Bastava solamente prenderne coscienza e iniziare ad amarsi un pò di più.

Nessuno può e deve essere la tua ancora di salvezza..la tua boa..la tua isola..Solo tu hai due possibilità:

O anneghi..O ti salvi.

Scegli.

La donna che ero un tempo alle volte esce fuori,torna a prendere vita..ma sa che sarà per poco.

Ecco..si.. è come una vecchia amica che viene a salutarti.Il tempo di un caffè e di una sigaretta..e quando va via non lo fa perche ha paura di rimanere...sa bene che può tornare a vivere solo con poche persone.Quelle che ama e che l'amano proprio per com'è.

Le mie certezze le ho trovate.. e quelle che ancora cerco sono sicura che le troverò..prima o poi..e se cosi non sarà..pazienza..amen.." morto che fu non se ne parlò piu." diceva mamma.

In alcune cose  non sono cambiata.Sono cagacazzi come sempre,anzi ho peggiorato con gli anni,tengo e credo nell'amicizia,non porto rancore,non odio,rido e sorrido di me.Scrivo ancora,chatto ancora,ironizzo e amo.

So ancora amare.

 

Non usò piu nessuno maschera(benchè non mi ero accorta di averne una).Non amo le maschere neanche a carnevale.Forse l'unica che posso usare..ma per puro divertimento..è una benda su gli occhi..che duri il tempo di una sconvolgente impresa sessuale..Dopodichè..finito il gioco.. torna al suo posto.

 

Indossiamo delle maschere perche rappresentano chi vorremmo essere.

Altre le indossiamo perche non abbiamo il coraggio di affrontare quello che c'è davvero sotto.

Ci nascondono..ci celano..alle volte ci difendono..

Ma il problema delle maschere è che possono essere strappate via in ogni momento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Il pupo

Post n°13 pubblicato il 30 Gennaio 2015 da FunanbolAnita
Foto di FunanbolAnita

Detto tra noi:ma quanto sono cagacazzo le neo mamme???La nascita del primo pupo non si paragona manco alla nascita di Gesù,lo sbarco sulla luna,la seconda guerra mondiale,alla caduta del muro di Berlino…Solo loro hanno partorito cosi tanto!! e non vi dico la gravidanza.. capirai.. è scandita da analisi di feci e urine..ecografie e battiti..senza contare la lunghezza del femore..la circonferenza del cranio..e chi piu ne ha piu ne metta.
Poi l’evento..e finalmente nasce il pupo..Te penserai” mò la smette de rompe il cazzo..” e invece no..è qui che inizia l’incubo!!Vai a trovare il pupo e fai lo slalom tra i fiori,mazzi,cuscini,cioccolatini e le famose tutine.. e la mamma a letto col brillante nuovo,regalato dal marito..che ti racconta la telecronaca nei minimi particolari del parto..cosa che non finisce..perche ovviamente c’è anche il filmino da vedere quando andrai a casa a trovarla..
Il pupo in genere,appena è nato.. bellino bellino nn è mai..avoja a dì e a fà.. ma ovviamente si dice2 mammamia..quant’è bellooooo..assomiglia a te..al papà..alla nonna.. alla zia.. l’okki tuoi..il naso de lui..il mento del nonno..la testa del trisavolo…Insomma a qualcuno deve assomigliare!!
Poi dopo l’ospedale..iniziamo il travaglio a casa con le foto: IL PUPO CHE MANGIA,CHE RUTTA,CHE FA LA CACCA,LA PIPI,IL PUPO CHE FA LA SMORFIA,IL PUPO CHE DORME..
Poi arriva il momento che il pupo emette qualche suoco..tipo..” agahagsyatara”
Anita..hai sentito???ha detto”agahagsyatara”
Eh si.. hai partorito un genio!!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Post N° 12

Post n°12 pubblicato il 30 Gennaio 2015 da FunanbolAnita
Foto di FunanbolAnita

.


Ogni volta che rinunciamo a qualcosa a cui teniamo veramente speriamo che l’Universo ci ricompenserà per la nostra scelta altruistica.


Per quanto possa essere impegnativo espiare i nostri peccati… le ricompense valgono ogni singolo sacrificio.


Ma la parte più difficile è ammettere che si è commesso un peccato.


Per la maggior parte della gente è troppo difficile affrontare i propri crimini, e pensano che sia più facile fingere che niente è accaduto.

Il problema con il nascondere i propri peccati è che ritornano sempre, e il giorno in cui qualcuno avrà espiato le proprie trasgressioni del passato… un principe un tempo puro, non potrà fare a meno di commettere un nuovo peccato

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Post N° 11

Post n°11 pubblicato il 30 Gennaio 2015 da FunanbolAnita
Foto di FunanbolAnita

Non era solo istinto.

E nemmeno solo cuore

Era anche una faccenda della mente.

Quando ti prende una mente è meraviglioso.

Gli orgasmi mentali durano una vita.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Ada.

Post n°10 pubblicato il 30 Gennaio 2015 da FunanbolAnita
Foto di FunanbolAnita

Ci sono le donne….
e poi ci sono le donne donne
E quelle non devi provare a capirle, sarebbe una battaglia persa in partenza.
Le devi prendere e basta.
Devi prenderle e baciarle, e non dare loro il tempo di pensare.
Devi spezzare via, co
n un abbraccio che toglie il fiato, quelle paure che ti sapranno confidare una volta soltanto, a bassa bassissima voce.
Perché si vergognano delle proprie debolezze e, dopo avertele raccontate, si tormenteranno – in un agonia lenta e silenziosa- al pensiero che scoprendo il fianco e mostrandosi umane e facili e bisognose per un piccolo fottutissimo attimo, vedranno le tue spalle voltarsi ed i tuoi passi allontanarsi.
Percio prendile e amale.
Amale vestite, e senza trucco che a spogliarsi sono brave tutte.
Amale indifese e senza trucco, perché non sai quanto gli occhi
di una donna possono trovare scudo dietro un velo di mascara.
Amale addormentate, un po’ ammaccate quando il sonno le stropiccia.
Amale sapendo che non ne hanno bisogno, sanno bastare a se stesse.
Ma appunto per questo, sapranno amare te come nessuna prima di loro.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Magia

Post n°9 pubblicato il 30 Gennaio 2015 da FunanbolAnita

E’ tutta una questione di linee, di muri di protezione…

Gli altri sono troppo complicati e occorre mettere dei confini, tracciare linee sulla sabbia e pregare che nessuno le attraversi.

Ad un certo punto devi prendere una decisione.

I confini non tengono fuori gli altri, servono solo a soffocarti.

La vita è un problema, e noi siamo fatti così, quindi puoi sprecare la tua vita a tracciare confini oppure puoi decidere di vivere superandoli.

Ma ci sono dei confini che è veramente troppo pericoloso varcare.

Però una cosa la so, se sei pronto a correre il rischio la vita dall’ altra parte è spettacolare.

Non è tanto importante che la felicità sia eterna, ma che si possa essere felici al momento.

Perché una volta ogni tanto, può capitare che le persone ti sorprendano.

Una volta ogni tanto, le persone, possono anche toglierti il fiato.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Uno dei rimorsi.

Post n°8 pubblicato il 30 Gennaio 2015 da FunanbolAnita
Foto di FunanbolAnita

Guardando al passato, e’ facile capire quando si e’ commesso un errore…
Pentirsi di un’idea che sembrava buona al momento.
Ma se sappiamo usare la ragione ed impariamo ad ascoltare il cuore, e’ piu’ probabile che scopriremo di aver fatto le scelte giuste..
Evitando il rimorso piu’ profondo e doloroso di tutti.
Il rimorso che viene quando ti lasci sfuggire qualcosa di fantastico!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Legami

Post n°7 pubblicato il 30 Gennaio 2015 da FunanbolAnita
Foto di FunanbolAnita

Nascono legami che vanno al di là del contatto fisico, della vicinanza e della vista.Percorrono strade invisibili, fino ad arrivare nella testa.

Si diramano in tante viuzze chiamate: comprensione, “ascolto”, telepatia, empatia, appartenenza. Quello che trasmettono è paragonabile a un amplesso mentale, coinvolgono talmente tanto da riuscire ad appagare ogni mancanza tangibile.

E’ raro viverli ma, quando arrivano è bene farsi possedere, perché è molto facile conquistare un corpo, ma non altrettanto si può dire del cervello.

Ci sono legami che ci vincolano a volte sono impossibili da spiegare.
Ci uniscono anche quando sembra che si debbano spezzare.


Certi legami sfidano le distanze, il tempo e la logica perchè ci sono legami che sono semplicemente destinati ad esistere

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Una regola

Post n°6 pubblicato il 30 Gennaio 2015 da FunanbolAnita
Foto di FunanbolAnita

E la regola dice che se un uomo non ti chiama, è perché non vuole chiamarti. Se ti tratta come se non gliene fregasse un cazzo, è perché non gliene frega un cazzo. Se ti tradisce, è perché non gli piaci abbastanza. Non esistono uomini spaventati, confusi, disillusi. 
Non esistono uomini tragicamente segnati dalle passate esperienze, bisognosi d’aiuto, bisognosi di tempo. 
Gli uomini si dividono in due categorie soltanto: quelli che ti vogliono e quelli che non ti vogliono. Tutto il resto è una scusa.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Tu sei qui

Post n°5 pubblicato il 30 Gennaio 2015 da FunanbolAnita
Foto di FunanbolAnita

Ma alle donne normali capitano ste cose?:” A Maaaa.. do sta la felpa blu con la scritta Marvel in verde?”.. c’hai n’armadio? guardace….” a Mààà do sta il cavetto usb??… c’hai una scrivania? guardace…£ Aniiii ma do sta il trapano? e le chiavi? e i calzini?..Aniii ma il vestito che me so comprata 12 anni fa co i fiori blu e le petunie rosa.. do sta??.. Alle volte mi domando” ma chi sono ste persone che vivono con me?Dicono he sono miei parenti stretti,affetti cari,..ma non ne sono cosi tanto sicura.Mò je faccio una mappa..tipo.. >>>>>().. tu sei qui…cosi po esse che nn se perdono per casa.. gli scrivo dove trovare le cose che cercano sul tabellone.. con le frecce colorate..vediamo ehhh

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Mi' sorelle

Post n°4 pubblicato il 30 Gennaio 2015 da FunanbolAnita
Foto di FunanbolAnita

Questo pezzo è dedicato alle mie sorelle..non di sangue..ma di anima,  Franca, Daniela,Lorena e Carla…scritto ovviamente nella nostra lingua madre…

L’amichette mie so loro..è co loro che ce divido tutto..gioie e dolori..stamo sempre a dieta.e famo a gara a chi smagrisce de ppiù..ovviamente io so quella che perde!!
Certo che da quanno so calate de peso col grasso che hanno perso ce se po fa tutto il sette della Luise Vitton….e questa è l’introduzione..mo venimo ai fatti:Giovedi avemo deciso de annà a festeggià il Capodanno nostro..quello senza mariti,compagni e figli ..Vabbe venerdi vado a dormi tutta eccitata, e sabbato nun me volevo arza, e volevo dormi fino alle sette de sera cosi era ora de usci e anna finalmente a festeggia.
Me sentivo come n animale n gabbia che sta pe esse liberato dopo anni.
Alle 7 ariveno lamiche mie , tutte tirate a lucido , m profumate come mignottoni, della statale.Annamo tutte a magna DAR CENCIO,ALLA PAROLACCIA,
perche la serata era stata organizzata da Maruska allinsegna della finezza e der bonbon avemo voluto er mejo der mejo.
Io me ero messa, na gonna de maglina marone, e na camicetta bianca, ciavevo le scarpe cor mezzo tacchetto, n cappotino nero e la borsetta de pelle lucina nera, li boccoli e mi sorella maveva fatto n trucco leggero leggero, tipo er suo nella foto dellarbumme mio.PAREVO N CAPODOJO ARENATO SULLA SPIAGGIA, ma me sentivo la reggina della serata.
Arivamo ar locale, e ce viene ncontro er cameriere, che ce guarda e ce fa.
-OHHHHHH, E ARIVATO ER CARICO DE ELEFANTI, C’HANNO PRENOTATO IERI-Noi semo arrosite per complimento, perche dovete da sape che n questo locale, so molto gentili e ce tengono a tratta co li guanti la clientela.
Ce danno na panca co artre quattro donne seduto co noi, che insieme civranno avuto sei o sette secoli de vita, una ciaveva leta de mi nonna, lavevano riesumata i nipoti giusto pe falla usci
Vabbe inizziamo a magna, e parteno gli stornelli, se canta DAJE DE TACCO, DAJE DE PUNTA, QUANNTE BBONA LA SORA ASSUNTA, DAJELO MOSCIO E DAJELO DURO, E FAJE TREMA LE CHIAPPE DER KUL-
Inizziamo a magna e beve, quanno che n cameriere co na parrucca riccia nera n mano, inizia a core pe la sala e grida AHO CHI SE PERSA LA S@RCA????- sventolando la parrucca in aria.
La vecchia de fianco a me, ormai laveveno ntubata pe quanto se stava a piscia sotto dalle risate.
Tra sorche, vino, musica , cibo e grasse (come noi) risate, sera fatta ora de anna a bballa, Salutamo educatamente li camerieri e i sonatori der locale SCICHHE
‘mbriache e felice….

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
« Precedenti
Successivi »
 
 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

mororomano71fierylimoarancioil.caso_roby4P.aol.oFunanbolAnitaLiviettoles_mots_de_sablechiarasanymackie71Whaite_HazeSky_Eagleun_uomo_della_follalubopoandrew_mehrtens
 

Ultimi commenti

....buona notte
Inviato da: andrew_mehrtens
il 23/03/2017 alle 19:19
 
Molto carino questo post. Ciao da chiocciola
Inviato da: diletta.castelli
il 11/10/2016 alle 17:14
 
Ciao FunanbolAnita! Ho letto il tuo Post sulla...
Inviato da: esesoyyo
il 04/05/2015 alle 17:47
 
Interessante, altrimenti la donna s'annoierebbe,...
Inviato da: bahkty
il 25/03/2015 alle 08:32
 
Non esistono differenze tra uomini e donne: l'uomo è...
Inviato da: Bloggernick
il 17/03/2015 alle 13:51
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom