Creato da francy_62_bis il 05/06/2009
pensieri in libertà

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Ultime visite al Blog

synkro2007la.cozzagatta_433coerente11giovanecurioso69jhws59ravanarpoohlover2011spensieratamentcamppiersilvionenickperfDanny_Sinclairmizar_a
 

Ultimi commenti

Eheheheh! Pi¨ o meno....
Inviato da: francy_62_bis
il 10/09/2009 alle 07:30
 
la macchina del tempo ?
Inviato da: coccoildrillo
il 10/09/2009 alle 06:41
 
Io credo che in fotogallery ci siano foto strane perchŔ in...
Inviato da: librodade
il 26/07/2009 alle 08:55
 
Oggi Ŕ il mio compleanno ... mio marito mi ha fatto gli...
Inviato da: librodade
il 26/07/2009 alle 08:52
 
In effetti ci vorrebbe l'opzione di poter ribaltare...
Inviato da: librodade
il 26/07/2009 alle 08:50
 
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

SI PARTE DA QUI

Post n°1 pubblicato il 05 Giugno 2009 da francy_62_bis

23 Ottobre 2008 
Veramente sono partita da là...
Là inteso come avverbio di tempo, non come avverbio di luogo... il che è tutto un dire!
Beh,io che niente ne sapevo e ne capivo, un bel giorno di fine agosto (anzi, una bella notte), non sapendo che fare... mi sono registrata, ho creato un mio profilo e sono arrivata qui (qui, inteso come avverbio di luogo e di tempo: qui, in questo blog.... e qui, ora).

Da quel giorno ho viaggiato percorrendo strade a me nuove... mi son persa e mi son ritrovata.

E da qui parto per un viaggio senza meta che non so dove mi porterà.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

PRINCIPESSE, PRINCIPI, ROSPI E......... RANE!!!

Post n°2 pubblicato il 05 Giugno 2009 da francy_62_bis

24 Ottobre 2008

Chi è qui (ma poi, qui, c'è qualcun'altro oltre a me?) ha già letto il mio profilo e la favoletta del rospo trasformato in principe.... anzi, del mio bel principe azzurro che si è trasformato in rospo con un bacio.
Forse la cosa merita qualche chiarimento e spiegazione....
Innanzi tutto, probabilmente, con me la favola è andata al contrario perchè... io non ero affatto una principessa! Dote essenziale a che la storia scorra per il verso giusto.... Insomma: io ho imbocccato un senso unico contromano e mi sono schiantata contro un tir... cioè, un rospo!
In secondo luogo, forse, chi ho baciato era già un principe e, anche se non me ne sono resa conto, lui è rimasto principe ed io mi sono trasformanta in .... rana!
Tant'è che sono ancora qui a gracidare....
Morale: sia che voi siate uomo (rospo o principe), sia che voi siate donna (rana o principessa), state molto attenti a baciare.... non saprete mai come potrà andare a finire la vostra fiaba!
Comunque: auguri a tutti quelli che credono ancora nel bacio.
Io passo.


CAPRA, CAVOLO, LUPO...
Post n° 3
25 Ottobre 2008 

Restiamo nel mondo delle storielle...

Immagino che la conosciate tutti la storia di quel povero traghettatore che a furia di fare viaggi avanti e indietro per salvare capra e cavolo, rischiava di essere pure lui sbranato dal lupo...
In compenso, però, fece un bell'allenamento per partecipare e vincere alle olimpiadi nelle gare di canottaggio.

Voi vi siete mai trovati davanti a situazioni in cui, oltre a salvare capra e cavolo, volevate salvare anche la vostra pellaccia? Nonchè il bruco che si stava pasciando il cavolo... Senza contare che non ci volevate rimettere nemmeno la barca con i remi... E che vi sarebbe pure dispiaciuto un po' se il lupo fosse rimasto a bocca asciutta... Dopo di che, smettete di pensare anche all'acqua del fiume che scorre ed ai pesci che potevate tramortire con una remata durante i vostri avanti e indietro... altrimenti vi rimane solo la neuro deliri come ultima spiaggia!

Ecco... io, in una situazione del genere, mi ci sono trovata. Avevo come obiettivo primario quello di salvare la mia pelle e di tutti quelli che mi stavano attorno, senza ferire nessuno.

Sono stata un'abile traghettatrice?

Non so...

Quello che so è che si fa una fatica madornale quando si cerca di non danneggiare nessuno, ma alla fine, purtroppo, qualche ferito sul campo ci rimane per forza. Che sia cavolo, capra, lupo, bruco, traghettatore, barca o pesce che sia.

Se mi volto indietro e guardo attorno a me, vedo che chi mi sta accanto è sano e salvo.

Ma un ferito sul campo l'ho lasciato ugualmente....

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

COMPLEANNI

Post n°4 pubblicato il 05 Giugno 2009 da francy_62_bis

28 Ottobre 2008 da francy_62

Oggi è il compleanno di un mio amico....
E come quando è il mio compleanno, mi sovvengono alcune considarazioni.
I compleanni in genere si festeggiano... almeno finchè si è bambini. Poi sempre meno...
E' un giorno come tanti... che in genere viene ricordato da chi ci è vicino, soprattutto se ci è vicino da poco tempo. Sì, perchè una moglie o un marito, si ricorderanno del vostro compleanno, solo se sono vostro marito o vostra moglie da pochi anni. Più il tempo passa, più il rapporto si consolida o si sgretola, e meno sarete ricordati e festeggiati.  Già è tanto se se lo ricorderanno o se sarà il vostro cane a scodinzolarvi dietro un po' più del solito (n.d.r.: plagio). Al massimo, vi toccherà qualcosa di molto piatto e sottotono, della serie: "Mi sono ricordato, accontentati..."
Personalmente quando compio gli anni (e non vi dico quando, perchè è un giorno particolare e non voglio commenti al riguardo) non sono particolarmente felice e non so cosa ci sia da festeggiare nel giorno della mia nascita... Tanto, gli anni che ho, se sapete contare...li conoscete.
Devo essere felice e festeggiare perchè oggi più che mai tutti mi ricordano che è passato un altro anno e che sto invecchiando? Brrrr.... Ma non ci penso nemmeno!!! Ho cercato, arrivata ai 40, di fare il giro di boa e il conto alla rovescia: 39.... 38.... 37.... Ma non mi è riuscito! Uffa!
Questo per quel che mi riguarda...
Di contro, a me piace ricordarmi degli amici che compiono gli anni... mi piace dimostrare loro il mio affetto... mi piace far saper loro che non me ne sono dimenticata perchè per me sono persone importanti....mi piace far saper loro, che non mi importa del tempo che passa sulle loro spalle, perchè sono miei amici e il tempo consolida solamente il nostro legame... mi piace ancora, andare a cercare con largo anticipo, un regalo che penso possa piacere, sia che si tratti di una cazzata da pochi euro, sia che ne costi centinaia. In ogni caso sarà fatto col cuore.
Io ho poca memoria, ma queste cose raramente le scordo.
E se mi dimentico di un compleanno, è segno che l'alzheimer sta prendendo il sopravvento su di me e sui miei sentimenti...
Comunque, in questa giornata, auguro ancora di cuore un buon compleanno a te che leggi (o leggerai) e che sai.....
Smack!

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

DI BLOG IN BLOG

Post n°5 pubblicato il 05 Giugno 2009 da francy_62_bis

03 Novembre 2008 

La cosa più interessante che trovo qui dentro, sono i blog.
Non tanto i profili, dove ognuno racconta ciò che vuole, al solo scopo di ottenere il proprio.... scopo!
Se apri un blog, vuol dire che hai qualcoda da... dire!
(Pensate che riesca di questo passo fino alla fine?.... Leggete e lo saprete. Anzi, lo sapremo!)
Mi sono imbattuta in profili senza blog, in profili anonimi con blog... anonimi! (ecco che ci ricasco!), in profili interessanti senza blog ecc ecc... Ma, per fortuna, c'è gente che ha qualcosa da raccontare e lo sa fare proprio bene!!! E quelli che lo fanno male... pazienza! Non si può avere tutto e con un balzo li abbandono.
Mi ci perdo, cari amici dalla community, nei vostri blog!
E non capisco chi, entrando nel mio profilo, lì si ferma... certo, qui troverebbe ben poca cosa, ma non lo sa se non entra....
E voi, se vedete una ranocchia che si è intufolata nel vostro profilo, niente paura: non cerco principi o rospi da baciare, nè tanto meno rane e principesse! Voglio solamente dare una sbirciatina per vedere cosa avete da raccontare. A volte incontro spaccati di vita vera che mi fanno accaponare la pelle...
Il mio blog è neonato, deve ancora imparare a gattonare, prima di poter camminare per arrivare a correre. E forse, vedendo di cosa è capace qualcuno di voi, io qui dentro mi muoverò solo camminando piano, appoggiandomi ad un bastone.
Qualche blog mi ha seriamente rapito.... mi ci sono tuffata a capofitto, risucchiata dall'abilità dello scrivente di trasmettere sensazioni, emozioni e sorrisi raccontando abilmente anche cose di un certo rilievo. Tanto di cappello a voi.
Devo esser sincera.... ero molto prevenuta sulle community in genere e sulla gente che le frequentava. Ma: mai dire mai!
Ora che ci sono entrata... beh... continuo ad essere prevenuta, ma stavolta nei miei confronti. Il che è tutto un dire!
Ci sono arrivata per caso e... galeotto fu il canotto! Ops, mi correggo: galeotto fu il blog! E il primo blog, non si scorda mai!!!

 

BLOG PERSI E DISPERSI

Post n°14

29 Gennaio 2009 

Dunque: sono un po' tonta e questo lo so. Ma a volte mi sorprendo da sola nel constatare fino a che punto arrivi la mia tontaggine.

Oltretutto sono una rana affetta da un principio (ormai in stadio avanzato!) di Alzheimer (ed anche ignorante, perchè mi venga un accidente se mi ricordo come diavolo si scrive sta malattia devastante! Forse mi ha già troppo devastata...).

Fatto sta che a me piace leggere nei blog... e tra tutti quelli che vedo, alcuni sono davvero interessanti e dopo una prima visita, mi riprometto di tornarci.... Già, solo che le mie sono promesse da marinaio smemorato, perchè dopo un paio di giorni, mi sono già dimenticata dove volevo andare a leggere... E nulla conta appuntare su fogli volanti il nick dell'autore o il titolo del blog: nel mio stagno tutto svanisce, prima o poi, nel nulla.

Fino a poco tempo fa, ero ignara del fatto che si potessero aggiungere anche i blog come amici... e l'ho scoperto quando un mio amico mi ha inserito nel suo elenco. Ma da qui a farlo subito anch'io.... eh, ce ne vuole! Sapete, le ranocchie sono un po' dure di comprendonio....

Ora, a sorpresa, una ragazza ha fatto altrettanto e, oltre a ringraziarla per la carineria, la ringrazio perchè mi ha aperto gli occhi.

Per cui da adesso, inserirò una bella lista di blog che mi piacciono, così poi non mi dimenticherò più nick e titoli.

Tiè, Alzheimer fregato!

E se poi mi dimentico a cosa serve quella lista che vedrò scritta nel mio blog, come quando si fa la lista della spesa e la si dimentica a casa?!!!!!

Penso di essere irrecuperabile! Mmmmm.... forse dovrei aggiungere questo dettaglio nel mio profilo.

Ciao a tutti... scappo al lavoro...........

Cra cra cra!

PS: se parlando con qualcuno di voi, vi scambio con un altro, non è colpa mia: è l'Alzheimer che ha colpito ancora!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

AMORE ED INNAMORAMENTO

Post n°6 pubblicato il 05 Giugno 2009 da francy_62_bis

08 Dicembre 2008 

Vi siete mai chiesti, come mai tanti matrimoni ed unioni oggi come oggi, durano pochissimo? Certamente sì… Io, nel piccolo del mio stagno, mi sono fatta una mia modesta opinione personale, da semplice ranocchia quale sono…

Noi tutti, partiamo con presupposti sbagliati: ci innamoriamo di qualcuno, scambiamo questo sentimento per amore, ci sposiamo e dopo poco, la bella bolla di sapone, ci scoppia tra le mani! In questo modo, l’amore non è stato nemmeno sfiorato lontanamente. Si scambiano bellamente l’innamoramento, la simpatia, l’attrazione, l’affetto, gli interessi comuni ecc ecc per amore… Ma quando ci passa la “sbornia” e vediamo lucidamente chi è il nostro coniuge… ci accorgiamo che è ben diverso da ciò che credevamo e il matrimonio fallisce… Eravamo con gli occhi e con la mente annebbiata: l'essere innamorati, distorce la realtà e vedevamo tutto sfumato e più roseo.

Il guaio è che ci si sposa senza conoscere realmente l’altro e senza amarlo. La parola amore la diciamo con molta superficialità….Ma non perchè in quel momento non ne siamo convinti. E' che non ci rendiamo conto di ciò che vuol dire. Ci crediamo molto nel dirla e pensiamo che ciò che proviamo sia il vero amore. Quando ci batte il cuore... quando ci viene un crampo allo stomaco... quando stiamo bene solo se stiamo assieme... pensiamo di amare.

Io personalmente, quando ho detto il fatidico “ti amo” intendevo tutto, tranne la cosa essenziale. Nel mio "ti amo" era sottinteso: mi piaci, mi sei simpatico, con te sto bene, mi fai divertire, mi attrai, ho voglia di far l’amore con te, la penso come te su tutto, mi piacciono le cose che fai, mi manchi, ho bisogno di te ecc ecc. Ma non "ti amo" nel senso: voglio il tuo bene, sei la persona più importante, per te farei di tutto, sono disposta a sacrificarmi per te, hai mille difetti ma li accetto tutti e non ti voglio cambiare, tu vieni prima di me, tu sei importante, voglio il tuo bene anche se io ci starò male e soffrirò, non ti voglio imprigionare ma lasciare libero…

Calmi! Calmi! Non ho detto che amare vuol dire sottomettersi all’altro. Amare vuol dire dedicarsi all’altro… pensare all’altro prima che a se stessi. Per capire cosa intendo, pensate semplicemente all’amore di una madre per un figlio, a quello che è disposta a fare per lui e capirete che significato do alla parola amore. Questo tipo di amore tra le coppie non c’è quasi mai. Se entrambi i coniugi amassero in questo modo, ognuno si preoccuperebbe dell’altro, sarebbe un donarsi a vicenda e la loro unione non subirebbe alcuna rottura. Chi ama perdona e se si è in due ad amare, ci si aiuta a vicenda e ci si sorregge, si superano tutte le difficoltà e i problemi che la vita inevitabilmente ci mette di fronte. Altrimenti, il primo ostacolo ci fa andare in crisi...

Amare non vuol dire essere innamorati: chi è innamorato è egoista, ha bisogno dell’altro e pensa al proprio bene… chi ama pensa principalmente al bene dell’altro… Chi è innamorato chiede e pretende... chi ama dà senza che gli venga chiesto nulla e senza chiedere nulla in cambio... 


Bisognerebbe innamorarsi di meno ed amare di più. O meglio: innamorarsi spesso, ma non sposarsi mai se si è solo innamorati. Parola di ranocchia!

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

PIATTO UNICO? NO GRAZIE!

Post n°7 pubblicato il 05 Giugno 2009 da francy_62_bis

17 Dicembre 2008 

Qualche giorno fa, mi ha contattato un ragazzo che casualmente si era imbattuto nel mio profilo… poche battute, a dire il vero, durate qualche giorno appena, come del resto capita spesso qui dentro. Uno arriva… entra… dà un’occhiatina… scambia qualche battuta tramite la messaggeria… ci si conosce un po’ (anche se conoscersi è proprio un bell’eufemismo!)… si intuisce se l’interlocutore ha i tuoi stessi interessi… ed in genere, ci si defila quasi a stretto giro di posta. Almeno, questo è quanto capita a me con le persone che mi contattano, a me che mi trovo qui per leggere nei blog degli altri, per scambiare idee, opinioni ed altro tramite la messaggeria e per scrivere qualche post, sotto forma di storiella più o meno semiseria, ma che rispecchia la mia realtà.

Tornando a monte del discorso, anche questa persona, intenzionata a trovare qui qualcosa che io non ho intenzione di dare (e i maligni e maliziosi facciano a meno di pensare a chissà che!), si è defilata in fretta perché, giustamente, non le bastava un’amicizia e una conoscenza solo epistolare (veramente, da lei definita, virtuale). La cosa mi ha fatto riflettere….

A parte il fatto che epistolare e virtuale non sono sinonimi.

Da dizionario riporto:

epistolare: relativo alla corrispondenza, che avviene per mezzo di lettere;

virtuale: che esiste solo in potenza, ma che non è ancora stato realizzato, che potrebbe esistere, che non è reale.

Dunque, se io scrivo e mi confronto con qualcuno, se ci scambiamo idee, opinioni e quant’altro tramite messaggeria o mail… non me lo sto inventando, non è solo qualcosa di ipotetico. Scrivere è interagire con qualcuno, è qualcosa di molto reale… Quindi non mi venite a dire che se sto scrivendo a qualcuno che non conosco di persona, sono in un mondo virtuale! 

Comunque, ammetto che non si possa vivere e relazionarsi con gli altri SOLO tramite lettere e messaggi, così come non si può vivere cibandosi solo di un determinato alimento. Non posso mangiare solo formaggi, ma devo nutrirmi anche di pasta, carne, pesce, legumi, uova, latte, frutta, dolci….Ma non dovrei nemmeno escluderlo del tutto dalla mia dieta. Infatti, più la mia dieta sarà varia, più il mio fisico si manterrà sano ed in forma, perché non gli verrà a mancare nessun principio nutritivo.

La stessa cosa riguarda, a mio avviso, il relazionarsi con gli altri. Non viviamo solo di mail, ma perchè escluderle? Nella vita quotidiana interagiamo con molte persone, in modo più o meno diretto: amici, parenti, conoscenti, colleghi, vicini di casa… con ognuno di loro entriamo in relazione in modo diverso a seconda dei rispettivi ruoli e dei vari coinvolgimenti emotivi. Qui nella community, potete desiderare di fare incontri “reali del 1° tipo” (e capite a cosa mi riferisco!), ma perché escludere a priori rapporti umani e contatti con persone reali, anche se distanti ma non per questo virtuali?

Avete mai letto un libro che vi ha toccato profondamente e che vi portate caro nel cuore? Mica conoscevate personalmente l’autore…. Allora, non dovevate leggerlo? Cosa vi sareste persi? Sapete cosa vi perdete, quando vi defilate da certi profili? Non mi riferisco certo a me… io valgo ben poco e ben poco posso offrire. Ma qui dentro ci sono persone molto valide, con le quali vale la pena di tenersi in contatto, anche se non ci si incontrerà mai personalmente.

Piatto unico? No grazie. Voglio assaggiare un po' di tutto… Parola di ranocchia!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

ALTA CUCINA: RICETTA BASE PER PREPARARE UN'UNIONE DURATURA

Post n°10 pubblicato il 05 Giugno 2009 da francy_62_bis

02 Gennaio 2009

Dosi per 2

Ingredienti: 2 persone

Tempo di preparazione: anni

Difficoltà: alta

Preparazione

1^ fase: INCONTRARSI È fondamentale, affinché la ricetta riesca alla perfezione, che due persone (generalmente un uomo ed una donna, ma la ricetta consente anche di variare gli ingredienti e, all’occasione, potrebbero andar bene anche due uomini o due donne) si incontrino. Non è necessario definirne l’età né il luogo dell’incontro.

2^ fase: FREQUENTARSI Superata la fase iniziale, è indispensabile che le due persone in questione inizino a frequentarsi. La cosa non deve essere necessariamente ristretta a loro due, nel senso che la frequentazione può avvenire anche occasionalmente ed in compagnia di terze persone, sia per lavoro, sia per svago, sia per necessità…

3^ fase: CONOSCERSI La cosa dovrebbe essere quasi automatica: più le due persone si frequentano e più è logico che comincino a conoscersi, non solo superficialmente, ma in modo sempre più approfondito. Questa fase può richiedere anche molto tempo.

4^ fase: CAPIRSI Questa fase non sempre riesce a tutte le coppie e per molti, a questo punto della ricetta, è d’obbligo tornare alla 1^ fase. Se tuttavia le due persone si capiscono, si intendono, si stimano e vedono di avere delle affinità, possono tentare di arrivare alle fasi successive.

5^ fase: AMARSI A questo punto subentra la fase più delicata della preparazione, quella che comporta il maggior impegno da parte di entrambi. Ora è fondamentale che le due persone siano disposte ad amare e per capire quale tipo di amore debba essere messo in campo, si rimanda al post n°7. Si raccomanda pertanto, di utilizzare solo amore di prima scelta, senza fare alcuna economia….i surrogati, fanno solo impazzire la ricetta.

6^ fase: INNAMORARSI Contrariamente a quanto accade solitamente (ed è per quello che le ricette finiscono con un fallimento), questa fase deve sopraggiungere solo alla fine della preparazione. Ci si deve innamorare dell’altro, solo quando lo conosciamo a fondo, lo capiamo, lo apprezziamo e lo amiamo per quello che è.

Avvertenze: affinché la ricetta riesca, senza rischiare fallimenti, è indispensabile eseguire tutte le fasi esattamente nello stesso ordine… basta infatti invertirne qualcuna e le unioni, per quanto sfavillanti all’inizio, finiranno in breve tempo.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

AAA... ANONIMI NON CERCASI

Post n°11 pubblicato il 05 Giugno 2009 da francy_62_bis

03 Gennaio 2009

Sono qui da poco tempo. Vero.
Ancora non ho ben capito come gira il fumo. Vero.
Il mio profilo invoglia molti di voi ad evitare il mio blog. Vero.
Ma quando ricambio la visita, spesso trovo profili anonimi, dove il massimo è un nome di fantasia.
Sarà che sono solo una povera ranocchia, ma davvero non capisco chi nel proprio profilo non scrive nulla.
Sembrate tutti clonati.... un branco formato da individui anonimi tutti uguali.
Beh... di sicuro non vi sentirete soli: siete metà di mille!
Cra cra cra!


FOTOGALLERY NO SENSE

09 Febbraio 2009 

Che io non sia proprio una cima, ormai lo avete capito (sempre che siate partiti dal post n° 1... perchè se partite da qui, beh, ve lo prendete subito come un dato di fatto e non potete replicare).

Però ora mi dovete spiegare una cosa e se dopo, ancora non la capisco, potete anche mandarmi un disegnino esplicativo.
Il problema è: che cavolo di foto pubblicano la maggior parte di coloro che compilano il profilo e completano la fotogallery? E perchè inseriscono foto di cui noi... opssss.... scusate, mi correggo: di cui io non capisco il significato?
Io che non voglio apparire, non ho messo nulla (penso basti il mio autoritratto nel profilo, non trovate?).

Ma se vado a visitare una fotogallery, anche se vivo bene senza vedere il volto dell'autore del profilo, mi aspetto che almeno una foto del soggetto ci sia . Urca, come no! C'è una foto ogni mille....
Per il resto trovo tramonti, coppie sensuali seminude, paesaggi, angeli, personaggi dei fumetti, donne provocanti, gatti, personaggi storici  ecc ecc.
Ok, va bene... va bene.... Va bene tutto, ma, santo cielo! Volete metterci un minimo di commento o di didascalia, che dir si voglia? Tipo: il posto dei miei sogni.... la via di Vattelapesca dove ho dato il primo bacio... quello che vorrei fare se fossì con quel bel tipo.... i peli della zampa sinistra posteriore del mio gatto...
Scriveteci quel cappero che volete, ma fetemi capire cosa sto guardando e perchè quelle sono le foto che maggiormente vi rappresentano!
No, eh? Va beh.... pazienza... mi adeguo. Ma continuo a non capire.
Cra cra cra!
PS: ognuno poi, a casa propria, è libero di fare ciò che vuole,ovviamente...

 

DELUSIONE

Post n° 24

2 Marzo 2009

E' già la terza o la quarta volta che mi capita... e ci rimango male....

Di cosa parlo? Del fatto che ogni tanto qualcuno entra nel mio profilo a dare una sbirciatina. No... non ho finito... Quello mi fa piacere.

Però talvolta capita che quando vado a ricambiare la visita...ops! trovo che l'utente non ha reso pubblico il proprio profilo. Ed io ci resto male come una bimba quando le cade a terrra il cono gelato appena leccato o che le vola via il palloncino.

E mi chiedo: perchè tu non vuoi che uno entri nel tuo profilo, però scorrazzi in quello degli altri? Per par condicio, in automatico dovrebbe esserti impedito di farlo.

Oltretutto, mi è anche successo di ricevere messaggi ai quali mi è stato impossibile ripondere. Ma come? Uno chiunque può scrivermi ciò che vuole, ed io non ho diritto di replica? Naaaaaaaaaaa.....  non si fa!!! Avrò pure il mio diritto di gracidargli dietro una risposta!

O no? Lo ritenete giusto?

Cra cra cra!

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SOGNI E BISOGNI

Post n°12 pubblicato il 05 Giugno 2009 da francy_62_bis

07 Gennaio 2009 

Non è vero che si sogna solo di notte....

Non è vero che sognano solo i bambini...

Non è vero che con l'età adulta si smettere di credere ai sogni...

Se così fosse, non saremmo qui ad affollare questo mondo virtuale. Spesso non lo ammettiamo nemmeno con noi stessi...ma sogniamo. Eccome se lo facciamo, anche se ci nascondiamo dietro maschere di persone forti, decise, realizzate, soddisfatte... Tutti noi abbiamo dei sogni nel cassetto... non ultimo quello di incontrare una persona da amare e che ci ami. Molti sognano di fare incontri speciali in questi siti.

Potendo riavvolgere la pellicola della nostra vita, quanti di noi girerebbero le stesse scene? E quanti di noi invece, butterebbero via il copione, per rimettersi in gioco in altro modo? La vita è fatta di errori, ma ce ne accorgiamo solo sulle lunghe distanze, quando spesso è difficile porvi rimedio. E anche quando ci riusciamo, è sempre un ripiego, un rattoppo...

E' dagli errori e dalla nostra insoddisfazione che nascono i nostri sogni, che altro non sono se non l'effetto di un bisogno profondo che non è stato soddisfatto. Non vergogniamoci dei nostri sogni e non deridiamo quelli degli altri. Finchè avremo profondamente bisogno di qualcosa, continueremo ad avere sogni.

Vi auguro di non aver più sogni irrealizzati ma di veder soddisfatti tutti i vostri bisogni....

 

LA FLICITA' (pare sia solo) DEGLI ALTRI

26 Gennaio 2009 

(ovvero: perché provare invidia per chi potrebbe farci pietà?)

Anche se non amo fare citazioni, prendo in prestito una frase che conosco da sempre… però solo ora, prima di pubblicarla, ho voluto ricercarne l’autore:

“ Se ciascun l’interno affanno portasse scritto in fronte,

quanti che invidia fanno, ci farebbero pietà (Pietro Metastasio)

Non so chi me l’ha detta la prima volta, o dove l’ho trovata scritta. Fatto sta che me la porto da sempre dentro, e me la ripeto da sola ogni volta che sento qualcuno invidiare la condizione di altri.

Conosciamo di sicuro molte persone. Certo… Le conosciamo, ma NON le conosciamo affatto. Nemmeno dopo anni di frequentazione possiamo affermare con sicurezza di conoscere a fondo qualcuno. Ciò che crediamo di conoscere, è solo ciò che appare esternamente.

Un po’ come quando si guarda un edificio dalla strada: ne vediamo solo la facciata, che potrebbe essere stata da poco restaurata. Ma nulla sappiamo del suo interno, della suddivisione dei locali, della condizione degli appartamenti, delle scale, degli arredi, di chi vi abita ecc ccc. E anche se entriamo a controllare di persona, non vedremo mai in che condizioni sono gli impianti o le fondamenta o la struttura portante.

Allo stesso modo, possiamo conoscere le persone: vediamo solo ciò che gli altri ci lasciano vedere. Nulla di più. Tutti quanti, per un motivo o per un altro, ci manifestiamo al prossimo indossando delle maschere. E siamo abilissimi in questo gioco teatrale ad apparire diversi a seconda di chi abbiamo di fronte. Ognuno di noi si rapporta in un modo diverso se parla con un collega, con un amico, con un parente stretto, con un ufficiale delle forze dell’ordine….…. È inevitabile.

Per cui spesso incontriamo persone, che ci sembrano felici, che vivono apparentemente una vita serena e appagante e che inevitabilmente suscitano le nostre invidie. Ma parlo di sana invidia buona, quella che ti fa esclamare: “ Beata/o te che…..!”

Ho visto persone e coppie felici, invidiabili e invidiate da tutti che invece, andando un po’ a fondo, avevano dei bei fardelli da portarsi sulle spalle.

Io stessa ne sono un esempio: vivo in uno stagno bello, ho una “bella “ famiglia tipo Mulino Bianco, ho un buon lavoro che posso permettermi a part time, un rospo tutto casa e lavoro, dei girini… Tuttavia in pochissimi sanno il perché del mio forzato part time, o della mia reale situazione coniugale, o di vari altri problemi… Così ho imparato ad indossare anch’io una bella maschera: per me, praticamente, è sempre carnevale. Di sicuro, vista dall’esterno, suscito le invidie di molte persone (amiche, colleghe ecc ecc) che nulla sanno realmente della mia vita. Ne sapete di più voi che mi leggete ma non mi conoscete…

Tutto questo per dire che forse non dobbiamo lasciarci ingannare dalle apparenze e che non sempre chi ci appare più felice di noi, lo è realmente. L’erba del vicino è sempre più verde della nostra… ma solo perché la guardiamo da lontano.

Per questo non vale la pena di star male invidiando gli altri…. Non sapremo mai come stanno… e se lo sapessimo, forse ci farebbero pietà e ci lamenteremo di meno della nostra condizione

Cra cra cra!

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

NON C'E' DUE SENZA TRE....

Post n°15 pubblicato il 05 Giugno 2009 da francy_62_bis

30 Gennaio 2009

.... e il quattro vien da sè!

Questo è quanto mi cantilena mio figlio quando vuole qualcosa e non si accontenta dell’uno e del due.

Beh, io in questi giorni ho proprio sperimentato per l’ennesima volta, che il detto è veritiero. Però, accidentaccio!!! Mai che mi capiti di fare tris con una vincita, un aumento di stipendio o una botta di c… in qualcosa! Nossignore! Sempre nella sfiga mi capita! Uffa!

Il tutto è iniziato sabato sera, quando dovevo andare a teatro con delle amiche: la mia macchina ha deciso di darsi alla lirica ed ha iniziato ad emettere un acuto fischio strisciante (poi mi spiegate come fa un fischio a strisciare…). Dietro front! Le mie amiche sono andate a teatro per conto loro ed io, pianino pianino, pregando Sant’Aci, sono tornata a casa. Lunedì mattina, 180 euro (cinghia e annessi) e mi è passata la paura!

Domenica si replica col computer: stanco di lavorare, si appella ai diritti dei lavoratori e si mette in sciopero. All’avvio, appare un messaggio di errore di applicazione che fa riferimento alla memoria (ma non ero io quella colpita dall’Alzheimer?). Ho ben due opzioni: OK, per terminare l’applicazione e Annulla, per eseguire il debug. Bene, mi dico, sono a posto, ora riparto. Col fischio (non quello della cinghia)! Entrambe le opzioni sortivano lo stesso effetto: niente. La cosa è andata avanti un po’… un po’ troppo, a dir la verità, tanto che credevo di doverlo ricoverare d’urgenza in day hospital. Poi, dopo qualche… tante… infinite prove di accensione, è ripartito! Presa paura, eh?

E arriviamo al tre: martedì ci si mette pure il cellulare! Di punto in bianco, non riceve più messaggi. O meglio: li riceve ma non li apre. Come non apre nemmeno quelli vecchi. O le foto... E nemmeno riesco ad inviare sms nuovi: mi si bloccano nella cartella “invio in corso” che ho ribattezzato “invio statico”. Di nuovo mi appare un messaggio: “memoria piena, chiudere alcune applicazioni e riprovare” (ma voi sapevate che l’Alzheimer era così contagioso?!). Ma, dico io: che caspita devo chiudere, se non mi permetti di aprire proprio nulla, nemmeno la finestra del bagno? Grrrrrrrrrr! Senza considerare che di memoria libera sul telefono ne ho ancora 28 MB, oltre a quasi tutti i 2 GB della memory card. Poi, non so né perché né per come, piano piano, lentamente, ha iniziato di nuovo a funzionare come prima…. Mah! Valli a capire sti aggeggi!

…. e il quattro vien da sé? No, dai, basta! Io per stavolta ho già dato, mi pare. Oppure consideriamo che il quattro sia stata quella mezza influenzina che mi sono fatta tra lunedì e mercoledì e chiudiamola qui, per stavolta.

Ok, ora vi lascio.

Buon cra-cra a tutti!

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

PARITA' DEI SESSI

Post n°18 pubblicato il 08 Giugno 2009 da francy_62_bis

11 Febbraio 2009 

Alla faccia delle donne che hanno lottato per ottenere la parità dei sessi!

A causa di questa parità, io mi sento molto dispari!!!

Ma forse perchè sono solo una rana...

Cra cra cra!

PARITA' DEI SESSI (2^parte)

12 Febbraio 2009 

Un amico mi ha chiesto come mai io mi sentissi dispari e colgo l'occasione per specificare meglio cosa volessi dire.
Intanto si definisce pari una quantità che può essere suddivisa in due parti uguali, senza resto alcuno.
Ora vediamo un po' come sono suddivisi i compiti nel mio stagno durante la giornata.
Il mio rospo consorte al mattino si alza, si prepara, fa colazione, va al lavoro, torna alle 18. Fine.
Io al mattino mi alzo, mi preparo, sveglio la prole e l'accudisco, preparo la colazione, riordino velocente cucina e camere, accompagno la prole a scuola, vado al lavoro (per forza di cose part time), riprendo la prole e torno a casa per pranzo, preparo da mangiare, forse mangio, sistemo la cucina, seguo i compiti, pulisco casa, preparo cena, accompagno chi di turno a catechismo o in palestra o da amici, lavo, stiro, faccio la spesa, vado dal pediatra, giro per uffici e banche,  ecc ecc ecc ecc ecc ecc ecc ecc... ogni tanto respiro.
Secondo voi, dovrei sentire la parità dei sessi?
Non mi sono mai sentita più dispari di così in vita mia!!!

Buon cra cra a tutti!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

S.O.S. AIUTO CERCASI

Post n°19 pubblicato il 08 Giugno 2009 da francy_62_bis

24 Febbraio 2009 

Ciao a tutti...

Sì, perchè qualcuno di affezionato che ogni tanto passa di qua, c'è.

Sono stata ammalata... e se già è difficile gestire un blog quando si sta bene, da ammalati per me è impossibile. E mi chiedo: come fate voi che gestite blog interessanti, a seguirli così tanto? Ve ne sono alcuni di stupendi ed io faccio fatica anche solo a leggerli!!! A me spesso vengono in mente dei possibili post, ma quasi mai nei momenti in cui potrei scriverli. O sono al lavoro, o in giro, o indaffarata a casa, o stanchissima... Le volte poi che mi siedo al pc, pare che tutto ciò che avevo pensato di scrivere in giornata, si sia sciolto e non mi rimane nulla. Ok, ok... è la solita questione dell'Alzheimer che avanza. Mi ci devo rassegnare.

Ora però, sono qui per chiedere aiuto a chi ne sa più di me, perchè ho un problemino da risolvere e non so come fare.

Spesso mi capita di leggere blog che sistono da tanto tempo. Oltre a leggere gli ultimi post, mi interessa andare anche ai primi e seguirli tutti. Ma mi perdo nel dover andare a ritroso a scegliere le pagine. Dopo aver passato qualche pagina, clicando in fondo su "precedente", mi viene mal di testa e desisto (eh, la vecchiaia!). Per cui vi chiedo se esiste un modo per andare direttamente all'inizio del blog o in una pagina qualsiasi. Insomma: se sto leggendo un libro, quando riprendo a leggerlo, vorrei iniziare da dove ero arrivata e non sfogliarlo tutto a ritroso.

Magari la cosa è semplicissima e mi prenderò le vostre lavate di testa, ma sapete, a volte, oltre ad esser rana, sono anche un po' asina!

Cra cra cra (o era meglio:IH-OH  IH-OH  IH-OH?)

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

TO BE (BEAUTIFUL) OR NOT TO BE (BEAUTIFUL)?

Post n°20 pubblicato il 08 Giugno 2009 da francy_62_bis

04 Marzo 2009 

Più di una volta, osservando le donne attorno a me mi son chiesta: meglio essere bruttine ma con un fisico da urlo, o con un viso stupendo ma un corpo che lascia a desiderare?

Questa considerazione è nata un paio d'anni fa. Abitando in quel di Ravenna, d'estate capita di recarsi a Mirabilandia. E nella fattispecie, a Mirabilandia Beach, così, tanto per accontantare la prole e per ammazzare il tempo, anche se a fine giornata, è decisamente il tempo che ammazza  me e arrivo a casa distrutta chiedendomi chi me l'abbia fatto fare di andarci... nemmeno mi avessero pagato! ! !

Così, un pomeriggio assolato, mentre la truppa con cui ero si lanciava da scivoli d'acqua, mi sono ritrovata a riposare stesa sul mio lettino, rigorosamente all'ombra, guardandomi attorno. Dopo attenta osservazione, ho telefonato ad una mia amica dicendole: "Sai, sono a Mirabilandia Beach e sto guardando la fauna locale. Se fossi uomo, non ci sarebbe una donna ad interessarmi e se fossi donna, quale sono, non ci sarebbe un uomo con cui andrei". La mia amica sta ancora ridendo, anche se è preoccupata per i miei gusti un po' troppo esigenti.

In effetti, tra tanta gente in costume, avevo visto molte persone, ma nessuna che fosse bella sia fisicamente che di viso. I bei ragazzi o erano bassi, o grassi, o goffi, o flaccidi, o tutto pelo ecc. e quelli fisicamente a posto, non si potevano guardare. Gli uomini non si sentano offesi: non è bello ciò che è bello, ma che bello, che bello, che bello! E decisamente non si deve guardare solo l'aspetto esteriore, cosa su cui verte invece questo post un po' leggero.

Idem per le donne: se avevano un bel fisichino, in viso erano bruttine e se avevano un gran bel viso, ecco che erano piccoline, cicciottelle, cellulitiche ecc ecc. Fra tante, non vi era una possibile aspirante velina  o modella.

Probabilmente era una giornafa sfigata, perchè di belle donne e di uomini attraenti in giro, per fortuna, ce ne sono ancora.

Comunque, riferito agli uomini, mi chiedevo se fossero più attratti da un bel viso su di un corpo mediocre, piuttosto che da un viso bruttino su di un corpo perfetto.

Praticamente, voi ometti, o rospi o principi, solo a livello di attrazione fisica, preferite far l'amore con una gran bella donna in viso o nel fisico? Cosa vi eccita di più? Dovendo scegliere, dove vi buttereste a capofitto? Nooooooo.... non potete avere tutto, scordatevi l'uno e l'altro. Scegliete. Mi interessa sapere come la pensate, se vi va di dirmelo.

Per quel che mi riguarda, non ho assolutamente di questi problemi, essendo io una ranocchia bruttina con un corpo mediocre!!! Per cui non rientro in nessna delle due categorie sopra descritte e sono salva! Oh no?.... No... qui mi sa che mi sfugge qualcosa e mi sto mettendo in buca da sola..... Va beh... sarà l'ora tarda.

Vi saluto e mi ritiro nel mio stagno. Cra cra cra!

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LA PROPRIETA' TRANSITIVA (dei contatti)

Post n°21 pubblicato il 08 Giugno 2009 da francy_62_bis

06 Marzo 2009 

Oggi tutti attenti: lezione di matematica.

No, dai.... non scappate! Sto scherzando.... Lo so che la matematica è stata indigesta per molti, anche se io l'ho sempre adorata.

Comunque vi rinfresco un attimino la memoria, per poi fare le mie considerazioni. La proprietà transitiva afferma ad esempio che se A = B e B = C, sarà anche A = C. Benissimo.... vedo che non ci avete capito un'acca. Per forza: io parlavo di A, di B e di C, mica di H!

Va bè, facciamo un esempio pratico più chiaro: se io sono sposata con lui e lui è sposato con lei, allora vuol dire che anch'io sono sposata con lei....?!!?!!!... Ehm..... no.... beh.... ecco....mmmmmm..... forse non è questo l'esempio più adatto..... uff!

Ora ci riprovo.... mmmmmmm.... vediamo un po'.... Ma chi me lo fa fare? Prendetela per buona e basta. Ok??? Sì, ok, tanto decido io!

Dunque, questa proprietà mi pare si applichi alla perfezione qui dentro. Infatti magari mi capita che nel giro di un pomeriggio ho due o tre new entry nel mio profilo o nel mio blog che mi vengono a trovare... io ricambio la visita e cosa scopro? Che nel profilo di uno, appare quello dell'altro... Praticamente, se Tizio e Caio che io non conosco, vengono a leggere il mio profilo, quasi sicuramente andando a trovare Caio, troverò Tizio tra le sue ultime visite e viceversa.

Non ci avete capito nulla ugualmente? Colpa della matematica o della sottoscritta? Mah... eppure non ho nemmeno mangiato pesante!

Cra cra cra!

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

OGGI E' IL 6 MARZO

Post n°22 pubblicato il 08 Giugno 2009 da francy_62_bis

06 Marzo 2009

Un post al volo.... anzi, al salto, visto che sono una ranocchia.

Oggi sarebbe, anzi è, il mio anniversario di matrimonio. No comment, please.......

Al massimo, potete farmi solo le condoglianze.

Cra cra cra!

 

IL TERMOMETRO DELL'AMORE:" COSA HAI MANGIATO OGGI IN MENSA?"

Post n°25

15 Marzo 2009 

"Cosa hai mangiato oggi in mensa?" Questa era la domanda che tutte le sere, puntualmente rivolgevo a mio marito appena metteva piede in casa. Mi interessava sapere cosa avesse mangiato per cucinargli qualcosa che non fosse la fotocopia del pranzo.

Spesso a questa scena assisteva mia mamma che mi riprendeva sempre perchè , secondo lei, non dovevo assillare così mio marito, senza comprendere l'amore che mi spingeva a farlo.

Beh... ora da anni non glielo chiedo più e forse mia mamma è più contenta, pensando che finalmente, dopo anni, lo lascio vivere. Però forse non ha capito il perchè ora non lo sto più a chiedere, e se sapesse, chissà cosa pagherebbe perchè mi interessassi ancora al suo pranzo.

Buona cra-domenica a tutti.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SENTIMENTI VERI (1^ PARTE)

Post n°23 pubblicato il 08 Giugno 2009 da francy_62_bis

Post n°27

18 Marzo 2009

Non ci credevo....

Ero molto scettica....

La diffidenza aveva il sopravvento in me....

Ma la realtà mi ha dimostrato che anche qui dentro possono instaurarsi rapporti seri basati su sentimenti veri di stima e di rispetto.

Un'amica voleva chiudere il suo blog.... ma vi ha rinunciato perchè moltissime persone le hanno manifestato un gran dispiacere se lo avesse fatto, me compresa. Sono felice che abbia cambiato idea.

Questo mi fa riflettere...

Pare sia forse più semplice instaurare amicizie qui, piuttosto che fuori.... Come è possibile?

Forse dipende dal fatto che dietro a questo malefico attrezzo, protetti da esso, ci sentiamo più liberi di essere noi stessi e veniamo apprezzati proprio per questa spontaneità, per questa umanità che di solito celiamo, timorosi di esser troppo giudicati dagli altri?

O dipende dal fatto che qui condividiamo solo opinioni, idee, sentimenti ecc ecc e non il quotidiano vissuto gomito a gomito?

Senza considerare che qui entriamo a leggere, scrivere e commentare solo quando ne abbiamo il tempo e la voglia e solo con chi ci pare, senza dover sopportare la presenza di nessuno?

Questo mondo ancora mi sfugge nei suoi meccanismi... Ma del resto: che ne potrà mai capire una povera e vecchia raganella ?

Un bacio ad Anna!

Cra cra cra!

SENTIMENTI VERI (2^ parte)

Post n°28

22 Marzo 2009 

A prima vista, si potrebbe pensare che il mio stagno sia uno spendido posto: una distesa calma e lucida di acqua cristallina  su cui affiorano ninfee in fiore, cespugli di giunchi e una miriade di animaletti che lo popolano.

Ma a ben guardare, se scendiamo un poco in profondità rimaniamo impantanati nelle acque sporche e limacciose del fondale.

Parallelamente, è la stessa cosa anche qui: vi è un lato A, fatto di seri rapporti d'amicizia che scopro leggendo i commenti nei vari blog, e un lato B, un po' meno nobile, dove di serio non vi è proprio nulla.

Quando incontri qualcuno qui dentro, non sai mai chi possa essere e parti con i piedi di piombo. Poi, col tempo, impari a "fidarti" di certe persone che incontri regolarmente, acquisisci stima e fiducia, instauri una conoscenza un po' più approfondita e, inevitabilmente, ti affezioni a loro. Almeno, a me succede così, perchè non riesco ad entrare in rapporto con qualcuno senza poi affezionarmici. E' inevitabile: quando per mesi ti confronti con qualcuno (uomo o donna che sia), condividi idee, parli di esperienze di vita, conosci come uno la pensa, scopri che vi sono delle affinità... a me riesce impossibile mantenermi distaccata e nasce in me un sentimento di affetto veramente profondo che mi lega. Mi sento un po' come amica-sorella-rana.....

Il fatto è che ti devi fidare... devi credere che le persone con cui ti relazioni, siano davvero ciò che dicono di essere e che ti scrivano ciò che pensano veramente, senza finzione. Ma un dubbio resta sempre.... ed anche se ho scremato parecchio, spero tanto che le persone che sono in contatto con me non fingano.

Io vi voglio bene per quello che mi dite di essere, per quello che mi manifestate di voi, per le vostre storie raccontate, per come vi rapportate a me.... Ma se siete fasulli, il mio affetto va nel vuoto e non voglio bene a voi, ma a un voi che non esiste...

Consapevole che da oggi la mia casella nella messaggeria rimarrà tristemente vuota perchè in un colpo vi siete offesi tutti, vi lascio con una domanda: ma perchè non imparo a gracidare un po' meno e a non darmi sempre la zappa sulla zampa da sola?

Mah!!!

Buona domenica.

Cra cra cra!

 

TRISTEZZA.....

Post n°29

23 Marzo 2009 

...E' un po' il seguito di quanto ho appena scritto nel post precedente...

Quando mi relaziono con qualcuno, dopo aver scremato molto tra le persone che mi contattano, mi sento molto vicina a coloro con cui mi rapporto.

Forse sono troppo sensibile, forse, nonostante le delusioni, credo ancora troppo nell'amicizia vera e profonda, forse ho troppo bisogno di dare e ricevere affetto..... fatto sta che io vivo ciò che capita agli altri quasi come se le cose mi coinvolgessero personalmente. Gioisco per gli altri e mi parte bene la giornata se ricevo buone notizie, come mi intristico e ci soffro se qualcuno sta male o è insoddisfatto o le cose gli vanno storte.

Stavolta si tratta di un lutto. Ad un amico conosciuto qui, tra sabato e domenica è morta la mamma... serenamente... nel letto... Era anziana.... ma era la mamma.

Mi sento molto vicina a lui ma altrettanto mi sento molto impotente. Vorrei essergli di conforto e fargli vedere che potrebbe contare su di me per qualsiasi cosa... ma centinaia di km ci separano e al di là di qualche scambio di sms non è possibile fare altro.

Sentimenti veri.... qui dentro.... certo che esistono... E chi invece si prende gioco delle persone e dei sentimenti, non è degno della considerazione di nessuno e gli auguro di soffrire di solitudine in eterno.

Scusate lo sfogo.... ma oggi sono una raganella particolarmente triste.

Cra.............................

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso