Creato da gabbiano642014 il 15/01/2015
Cultura,tempo libero,collegamenti occasionali
 

Area personale

 
 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 
 << Ottobre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 

Ultime visite al Blog

 
ba.vi60neopensionataTerzo_Blog.Giusmonellaccio19Solo_Daisymolto.personaledivinacreatura59das.silviaviscontina17the_oracle73g1b9nina.monamoure_d_e_l_w_e_i_s_sriccidoratiwoodenship
 

Chi può scrivere sul blog

 
Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Questo  blog non rappresenta

una testata giornalistica,

non ha scopo di lucro.

Alcune foto e testi del Blog

sono state reperite dal web.

Qualora fosse stato violato

il diritto di copyright prego

di darmene avviso,per la

rimozione immediata.

 

SHINYSTAT

 
 
 

 

 

AD ASTI MOISHE CHAGALL:COLORE E MAGIA

Post n°261 pubblicato il 12 Ottobre 2018 da gabbiano642014
 

 

    

       Le Coq Violet 1966-1976 Marc Chagall Palazzo Mazzetti

       Collezione privata

 

Dal 27 settembre 2018 al 3 febbraio 2019 in collaborazione con

Arthemisia,Comune di Asti,Fondazione Musei e Patrocinio della

Regione Piemonte,il Palazzo Mazzetti riporta la visione di:

"Chagall.Colore e magia".

La professionalità della curatrice Dolores Duràn Ucar,ha contribuito

alla selezione delle 150 opere provenienti dal grande successo 

al Contemporany Museum di Seoul e da collezioni private.

I dipinti,gli acquarelli, le incisioni sono stati divisi in 7 sezioni,

raffigurano l’universo dei sogni, della guerra, della religione

del grande maestro del Novecento.

Ora socchiudete gli occhi e fatevi trasportare nella magia del

grande telone rosso:"Le Coq Violet".

Il Maestro Moishe ,nel mondo dell’accellerazione non riporta

solo i colori e la tecnica ,ma la meraviglia e magia del mondo

circense.

I colori semplici del blu riprendono nella realtà del periodo di Parigi,

la chiave fantastica della sua figura nelle vesti di clown.

Il circo ci presenta la libertà di una comunità con tradizioni da

padre in figlio,la disciplina ferrea degli allenamenti.

Il circo non conosce contesto sociale, razza e nazionalità, nella

sua universalità del soffice zucchero filato,permette in ogni tendone

di far brillare gli occhi a bambini, adulti e anziani.

Mach Chagall  nell’onirico blu-circo invoca la sensibilità dell’anima

in quel:

“Devo dipingere terra, cielo

Ciò che porto nel cuore

La città in fiamme,la gente in fuga

I miei occhi pieni di lacrime

O devo fuggire, verso chi volare via

Colui che da laggiù dona la vita

Colui che decide della morte

Forse farà sì

Che il mio quadro risplenda”.

Siamo al termine dello spettacolo,nei fari multicolori,il sorriso

di ogni atleta è la tela che Moishe Chagall restituisce allo spettatore :

il sogno che nel colore e magia del circo

non conosce età. 

 
 
 
Successivi »