Creato da gabbiano642014 il 15/01/2015
Cultura,tempo libero,collegamenti occasionali
 

Area personale

 
 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 

Ultime visite al Blog

 
monellaccio19Terzo_Blog.Giusgabri02010ba.vi60licsi35peneopensionataNuvola_volanina.monamourdenisamariutei97e_d_e_l_w_e_i_s_smainerg1b9divinacreatura59daunfiorenadialev
 

Chi può scrivere sul blog

 
Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Questo  blog non rappresenta

una testata giornalistica,

non ha scopo di lucro.

Alcune foto e testi del Blog

sono state reperite dal web.

Qualora fosse stato violato

il diritto di copyright prego

di darmene avviso,per la

rimozione immediata.

 

SHINYSTAT

 
 
 

Messaggi di Giugno 2019

 

QUASIMODO :IL NOBEL DEL TEMPO INFINITO.

Post n°290 pubblicato il 14 Giugno 2019 da gabbiano642014
 

Salvatore Quasimodo -Nobel per la Letteratura 1959 -

 

Salvatore Quasimodo *muore a Napoli il 14 giugno 1968.

Sono trascorsi 51 anni,eppure il grande poeta ermetico

intellettuale compositore di liriche greche,di teatro rimane

presente nell'immagine di vita delle acque,del vento,della sera.

 

Ed è subito sera

Ognuno sta sul cuor della terra,
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera.

Salvatore Quasimodo.

 

Il tempo..

Il tempo è nel cuore della sera.

La presenza del tempo come una traccia del passato,

della nostalgia,dell'effimero.

Il tempo si ritrova,si ferma nella frazione dei raggi di sole

e nel preciso istante si esterna.

Il tempo nella coscienza del prima e dell'immediato dopo

rivela lo sconfinato metafisico della vita-sole nella sera.

Il tempo nel confronto sensoriale si raccoglie nella natura

e si identifica nel profondo spazio temporale dell'interiorità.

Il tempo: lo spazio del "Nobel infinito".

 

*Fonte: Enciclopedia Treccani