Creato da gabbiano642014 il 15/01/2015
Cultura,tempo libero,collegamenti occasionali
 

Area personale

 
 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 

Ultime visite al Blog

 
monellaccio19divinacreatura59e_d_e_l_w_e_i_s_smariateresa.savinogabbiano642014Terzo_Blog.Giuslovelybaby0neopensionatabatbruno2gerardo.feniellodavide.russiellogiussaniservicenina.monamourmauri.maltoni
 

Chi può scrivere sul blog

 
Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Questo  blog non rappresenta

una testata giornalistica,

non ha scopo di lucro.

Alcune foto e testi del Blog

sono state reperite dal web.

Qualora fosse stato violato

il diritto di copyright prego

di darmene avviso,per la

rimozione immediata.

 

SHINYSTAT

 
 
 

Messaggi del 10/06/2019

 

FERDINAND BARDAMU : IL MEDICO DELLA NOTTE

Post n°289 pubblicato il 10 Giugno 2019 da gabbiano642014
 

 

 

Louis Ferdinand Destouches,in arte Cèline,*scrittore e medico 

francese nacque nel 1894 e morì nel 1961,fu uno dei pù influenti scrittori

espressionisti della letteratura francese e europea.

Nel 1932 Cèline,dopo la tesi di laurea in medicina esordisce in campo

letterario con il romanzo: "Viaggio al termine della notte".

Ferdinand Bardamu è un medico che narra la sua autobiografia 

dall'arruolamento della prima guerra mondiale,agli Stati Uniti sino 

a ritorno in Francia.Il medico che narra la guerra,la colonizzazione

che non giudica.

Avete mai pensato al viaggio al termine della notte?

Il viaggio al termine della notte riesce nella sua narrazione e linguaggio

semplice,a quel fuggire da ogni luogo,alla ricerca di un qualcosa.

Il viaggio al termine della notte è quel silenzio,in uno spazio vuoto che 

vuole ascoltarsi nel riflettere.

Nel viaggio al termine della notte ci si abbandona alla purezza 

dell'infanzia,in quel "amare la vita in ciò che sia di più bello":

La volontà di dire.

Il pessimismo della morte, della povertà e sofferenza dei 

suoi personaggi si trasforma nella profondità della grande

notte-paura dell'uomo.

*"Non c'è nulla,forse, di più terribile in noi sulla terra e in cielo che

ciò che ancora non è stato detto.

Si starà tranquilli solo quando sarà stato detto tutto,una buona

volta.Allora finalmemte si farà silenzio e non si avrà più paura

di tacere".

 

Note: *Enciclopedia Treccani

          *Viaggio al termine della notte - Corbaccio - 1992