Creato da noremorenorimpianti il 22/04/2010
La vita nel tempo....

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

Be_RebornmanichiusenoremorenorimpiantiUnOrchestraleOdile_Genetkremuzioandrea7770elio.vignettamelo511psicologiaforenseLa_porta_del_cuore1Biosbiosalfredomaria1940webantmy_moon
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« T.O.MT.O.M »

T.O.M

Post n°2 pubblicato il 22 Aprile 2010 da noremorenorimpianti
Foto di noremorenorimpianti

Mentre raccontava sorseggiandosi un té al latte con un fare grazioso ma deciso, anche io pensavo...pensavo...pensavo...

...come sarebbe forse stata la mia vita se in vacanza in quell'isola fulcrale per l'unione dell'Italia, fossi venuta  come avevo desidrato due anni prima, con mio marito invece di andare a trovare mia madre.

La luce del sole sfavillente in un cielo limpido facevano brillare gli occhi della Signora seduta accento a me. Sorrisi perche' mi ricordavano proprio il fiordaliso come lei mi aveva detto poco prima che quel LUI che lei amava le aveva complimentato di avere.

Anche io ho gli occhi azzurri e forse, lei come me, nessuno prima le aveva fatto notare questa bellezza portata per tanti anni senza mai rendersene conto. Forse per questo non si era mai resa conto degli assi nella manica ed ha sempre cercato di vincere a carte scoperte.

Non volevo fare domande, eravamo in vacanza ognuna di noi due con pensieri e motivi forse uguali ma tutti nostri...

..."sono venuta per esorcizzare il sogno che lui mi ha fatto credere fosse una realtá che voleva vivere con me...visitare le terre ove nacque e dalle quali fu strappato a soli cinque anni di etá".

Anche io ero lí per vivere un qualcosa che non avrei mai potuto condividere con un uomo del quale e dal quale avevo stima, fiducia e in cui credevo....ora mi chiedevo che cosa volessero veramente dire queste parole...

Intorno a noi, sul terrazzo nella penombra del primo pomeriggio, si affacciavano piccole tenute di vigneti e olivi, intervallate da piccoli casali incespicati sulla collina; in cima ad essa si intravedeva un piccolo agglomerato di case, un villaggio anonimo ma tuttavvia ben conosciuto da chi vi abitava.
Come il dolore che una persona prova...sconosciuto agli altri ma rinomato a chi lo condivide...

...ma oggi io e la Signora dai capelli oro cenere eravamo due sconosciute per chi del nostro dolore non ne voleva sapere o interessare.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog