Ma Vattin Và

Elucubrazioni Mentali

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

 

Cambiamenti

Post n°26 pubblicato il 09 Marzo 2017 da Argon_Zero

Una persona cambia per due motivi: ha imparato troppo o ha sofferto abbastanza

 
 
 

Davvero Magica

Post n°25 pubblicato il 26 Febbraio 2017 da Argon_Zero

 
 
 

LE 18 REGOLE PER ESSERE SEMPRE FELICI…. (Dalai Lama)

Post n°24 pubblicato il 18 Dicembre 2013 da Argon_Zero

1) Tieni sempre conto del fatto che un grande amore e dei grande risultati comportano un grande rischio.

2) Quando perdi, non perdere la lezione.

3) Segui sempre le tre “R”: Rispetto per te stesso, Rispetto per gli altri, Responsabilità per le tue azioni.

4) Ricorda che non ottenere quel che si vuole può essere talvolta un meraviglioso colpo di fortuna.

5) Impara le regole, affinchè tu possa infrangerle in modo appropriato.

6) Non permettere che una piccola disputa danneggi una grande amicizia.

7) Quando ti accorgi di aver commesso un errore, fai immediatamente qualcosa per correggerlo.

8)Trascorri un pò di tempo da solo ogni giorno.

9) Apri le braccia al cambiamento, ma non lasciar andare i tuoi valori.

10) Ricorda che talvolta il silenzio è la migliore risposta.

11) Vivi una buona, onorevole vita, di modo che, quando ci ripenserai da vecchio, potrai godertela una seconda volta.

12) Un’atmosfera amorevole nella tua casa deve essere il fondamento della tua vita.

13) Quando ti trovi in disaccordo con le persone a te care, affronta soltanto il problema attuale, senza tirare in ballo il passato.

14) Condividi la tua conoscenza. E’ un modo di raggiungere l’immortalità.

15) Sii gentile con la Terra.

16) Almeno una volta l’anno vai in un posto dove non sei mai stato prima.

17) Ricorda che il miglior rapporto è quello in cui ci si ama di più di quanto si abbia bisogno l’uno dell’altro.

18) Giudica il tuo successo in relazione a ciò a cui hai dovuto rinunciare per ottenerlo.

 
 
 

Have you really loved a woman? (Bryan Adams)

Post n°23 pubblicato il 09 Dicembre 2012 da Argon_Zero
Foto di Argon_Zero

Per amare davvero una donna,
per capirla devi conoscerla nel profondo, 
sentire ogni pensiero,
leggere ogni suo sogno e darle ali quando vuole volare.

Quando ami una donna dille che la vuoi davvero, 
che lei è l’unica perché ha bisogno di qualcuno che le dice che durerà per sempre.

Devi respirarla,
assaggiarla veramente,
finchè riesci a sentirla nel tuo sangue.

E quando puoi vedere nei suoi occhi i tuoi figli non ancora nati,
sai che ami veramente una donna; 
poi quando ti trovi a giacere indifeso tra le sue braccia, 
sai che ami veramente una donna...

 
 
 

Una Guerra Giusta

Post n°22 pubblicato il 19 Dicembre 2011 da Argon_Zero
Foto di Argon_Zero

Vuoi dichiarare guerra allo STATO?

Comincia a non giocare più a Superenalotto, Lotterie, Scommesse, Giochi vari, a cominciare dalle prossime Estrazioni e Concorsi.

Chiudete i conti correnti bancari, ritirate i vostri soldi e buttate via le carte di credito, per un mese il CARBURANTE compriamolo tutti dalla STESSA COMPAGNIA PETROLIFERA, poi un altro mese solo da un altra.... vedrete come le compagnie che si ritrovano per un mese senza clienti come ABBASSERANNO i PREZZI.

Andiamo a fare la spesa dai PICCOLI COMMERCIANTI, eliminiamo per un mese i GRANDI MAGAZZINI, svuotiamoli, scommettiamo che abbasseranno i PREZZI?

VOGLIONO LA GUERRA, tutti insieme la possiamo fare SENZA violenza, solo UNITI si può vincere....

 

 
 
 

Wind of Change

Post n°21 pubblicato il 21 Settembre 2011 da Argon_Zero
 
Foto di Argon_Zero

Mi sono imbattuto di recente in una frase famosa da un film, che mi ha lasciato riflettere su quanto amo e quanto odio il cambiamento NON richiesto...
Certo c'è chi gioca d'anticipo, chi si proietta così lontano nel futuro per inseguire i sogni o semplicemente per evitare che cose negative accadano mettendosi in un futuro riparato. Altri semplicemente prendono decisioni in funzione di problemi che gli si parano davanti...

Lo riporto, per non smettere di rifletterci su ed anche, come monito.

"Tutti vogliamo che le cose restino uguali...accettando di vivere nell'infelicità...perchè abbiamo paura dei cambiamenti delle cose che vanno in frantumi.... Forse la vita non è poi cosi caotica...è il mondo che lo è...l'unica sola trappola è lo stare attaccati ad ogni singola cosa, facendoci rimanere fermi e bloccati in una realtà che non ci appartiene più...le rovine sono un dono... la distruzione...è la via per la trasformazione. Anche in qualcosa di eterno le trasformazioni saranno sempre presenti...è questo l'unico modo per evolvere per crescere e andare avanti...non esistono altre possibilità...dobbiamo accettare ogni singolo cambiamento...anche se questo comporterà un cambiamento radicalmente e a volte drastico o che ci farà soffrire...Ci saranno sempre scelte da fare, strade da prendere e strade da lasciare...Siamo in una continua evoluzione, in un perenne cambiamento evolutivo..."

(considerazione tratta dal film Mangia, Prega Ama)

 
 
 

Stra - Ordinari...

Post n°20 pubblicato il 21 Febbraio 2011 da Argon_Zero

A volte, abbiam la presunzione di sentirci "Diversi" e "Straordinari", fuori dall'ordinario, forse perchè non compresi o perchè ci circondiam di persone più semplici di noi, ma dopotutto, dov'è questa fatidica soglia che marca la "normalità"?
Di quanto "Statisticamente" ci scostiam dalla media? Forse, dopotutto, non siam così speciali come vorremmo sentirci, perchè "gli altri" son molto più simili a noi di quel che crediamo, semplicemente non lo palesano...

Abituati come siam a catalogare chi inciampa nella nostra vita, vedi con segni zodiacali o con aspetti somatici,
rischiamo di peccare di presunzione.
Delusi troppe volte dai rapporti, che sian d'amicizia o d'altro, aspettiamo o meglio speriamo che "qualcosa di straordianrio sia possibile" (tratto da "A Beautiful Mind"), dopotutto siam bravi a catalogare le persone come file o cartelle, sicuri, con la nostra logica, che "NULLA PUO' PIU' STUPIRE".

E se provassimo a Stupirci di Noi Stessi?
E se viaggiassimo "là, dove nessun uomo è mai giunto prima"? Là inteso come la nostra anima il nostro io.
Provate a fare qualcosa che non avete mai fatto prima semplicemente perchè per pigrizia o codardia ci siam sempre "giustificati" con noi stessi perchè incapaci.
Es: Io matematica? Seeee mai capita! Il prof era odioso, non sono mai stato portato, non ho mai capito nulla ecc ecc... ammettiamolo sono scusa per NON IMPEGNARCI.
"Un viaggio di mille miglia, deve iniziar con un sol passo" ed io aggiungo, un passo all'interno di noi, della nostra anima....

Argon

 
 
 

Searching...

Post n°19 pubblicato il 13 Febbraio 2011 da Argon_Zero
Foto di Argon_Zero

Un uomo che da anni era alla ricerca del segreto della vita. Chiedeva a tutti se per caso conoscessero un luogo dove trovarlo, ma nessuno sapeva rispondergli. Un giorno, finalmente, incontrò un vecchio che abitava in un paese al limitare della valle. Avendo girato il mondo, possedeva una vasta conoscenza della vita come nessun altro.

“Se vuoi trovare il segreto che cerchi” disse “devi recarti ai piedi della montagna dove c’è un grande albero dai fiori azzurri e le foglie a forma di cuore. Dovrai scavare una buca profonda ai suoi piedi facendo in modo di non tagliare le radici. E’ un’impresa difficile e faticosa perché il segreto della vita è sepolto nelle viscere della terra”.
L’uomo si recò nel luogo indicato, vide l’albero dai fiori azzurri e si mise subito a zappare. Lavorò dall’alba al tramonto, ma non trovò nulla.
Allora tornò dal vecchio per chiedere spiegazioni e si sentì rispondere che il segreto che cercava era nascosto nelle profondità della terra e doveva perciò continuare a scavare.
L’uomo tornò sotto il grande albero e continuò a lavorare per ore ed ore, ma del segreto non esisteva traccia. Tornò di nuovo a chiedere spiegazioni e la storia si ripetè per molti giorno ancora.
Una sera, stanco e deluso, pensò di interrompere la sua ricerca e confidò al vecchio la sua decisione. “Non scoraggiarti” gli rispose con un sorriso “il segreto della vita l’hai trovato: è la costanza che hai messo nel cercarlo!”

 
 
 

Al Centro della Scacchiera

Post n°17 pubblicato il 03 Gennaio 2011 da Argon_Zero
 
Foto di Argon_Zero

Ed eccoci a muovere i primi passi in questo nuovo 2011. Non avevamo l'abitudine di scriver la parte finale  della data composta dal 2010 che già dobbiam cambiarlo...
Oggi si riprende, rieccomi nel tran tran che non ha nulla di diverso rispetto a qualche giorno fa. Scarse auto in giro e la finestra rigata da poche ed uggiose gocce di pioggia che scende annoiata.
"La strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioni"... vero.
Lancio uno sguardo furtivo ad alcuni avvenimenti del 2010 e confermo con un leggero gesto del capo riflesso sulla vetro, che preferisco lasciarlo dov'è.
Ma "Buone Classiche Intenzioni", NO!
Ho deciso "Pensiero->Azione".
Meno sogni di gloria e più banale vivere comune, magari piccole lotte quotidiane per altrettante microscopiche vittorie, ma una spiaggia è pur fatta di tanti granelli dopotutto, no? ... uno più uno.... Cerchiamo di far atterrare questa testa un pò troppo tra le nuvole. Che dire, pragmatismo e concretezza, meno chiacchiere e meno tempo per pensare, ma più tempo per agire . Direi di si, faccio questa mossa. Muoviamo l'Alfiere al centro della scacchiera...

 
 
 

I love this videos

Post n°16 pubblicato il 29 Dicembre 2010 da Argon_Zero

Mecano - Figlio della luna

 

Una Donna può cambiar la Vita

 

 
 
 

Happy Holidays

Post n°15 pubblicato il 26 Dicembre 2010 da Argon_Zero

Happy Holidays

 
 
 

L'altro nome della Fenice...

Post n°14 pubblicato il 17 Dicembre 2010 da Argon_Zero
Foto di Argon_Zero

.... perchè la Fenice è sempre nel mio cuore: è lo Spirito di Sopravvivenza se vuoi chiamarlo con altro nome.
Emerge quando credi che sia tutto sbagliato, quando senti di remare controcorrente e di finire indietro, quando nonostante gli sforzi, i risultati sono scarsi, quando credi di non avere la forza per un'altro colpo di remo, allora arriva lui, con una forza inattesa e insperata...
...e si riparte, si rinasce come la Fenice .....

 
 
 

Come si chiama...?

Post n°13 pubblicato il 17 Dicembre 2010 da Argon_Zero
 
Foto di Argon_Zero

Autodidatta Tedesco – Von Pippen
Barbiere Giapponese – Tara Sato
Barman Egiziano – Nabir Al Bar
Becchino Giapponese – Te Fò Nabara
Calciatore Giapponese (scarso) - Nakacata
Cameraman Giapponese – Mozumo
Campione di pugilato Rumeno – Gangiu Destru
Centravanti Tedesco – Fon Gol
Cuoca Russa – Olga Kocimelova
Cuoco Giapponese – Sughisciapy
Cuoco Polacco – Tocott Ottowa
Domestica Turca – Nzozzallah
Dentista Giapponese – Tikuro Nacaria
Direttore Zoo Inglese – Sir Pente
Falegname Cinese – Cjhain Chio Din
Fannullone Tedesco – Von Katzen
Farmacista Cinese – Hain Kascjè
Fenomeno Agricolo Russo – Galina Faseilowa
Figlio del Lanciatore di Coltelli Giapponese – Cero Ttjn
Freddolosa Spagnola – Amaja De Lana
Freddoloso Austriaco – Otto Mayer
Giocatore Cubano – Che Chibara
Giocatore di Poker Tedesco – Von Bleff
Guardone Giapponese – Tamiro Lesise
Industriale della Cioccolata Arabo – Allah Tte
Industriale della Cioccolata Tedesco – Von Denten
Invertito Russo – Andrei Koimaskj
Invertito Spagnolo – Manolo Tiengo
Investigatore Cinese – Ndovay Vay Tepijo
Investigatore Portoghese – Vasco Te Sgama
Lanciatore di Coltelli Giapponese – Khi Kojo Kojo
Lanciatore di Giavellotto Arabo – Alì Jetta Stakanna
Lottatrice Russa – Valentina Moteskann
Maleducato Giapponese – Nonsurijna Sujmuri
Mezzala Tedesca – Von Kross
Milite Ignoto Cinese – Makì Ka Tzè
Ministro Agricoltura Russo – Karot Karcioff
Ministro dei Monopoli Cinese – Cj Hò Nacicca
Ministro delle Poste Inglese – Frank O’Boll
Ministro dei Trasporti Cinese – Kamjon Cin
Ministro dei Trasporti Vietnamita – Fur Gon Cin
Ministro dei Trasporti Italiano – Guido Maluccio
Monaca Giapponese – Melosuko Sukasa
Moglie del Lanciatore di Coltelli Giapponese – Sottuttan Tajo
Motociclista Giapponese – Mafuso Lamoto
Motorizzato Cinese – Mo Cjon Cjao
Nuotatore Tedesco – Otto Wasken
Nuotatore Subacqueo Americano – Paul Mon
Nuotatore Subacqueo Giapponese – Tokkaj O’Funno
Ostacolista Cinese – Cin Cian Paj
Palestinese Incazzato - Mojett Napret
Patrono degli Innamorati – San Frattamo
Patrono dei Drogati – San Francesco d’Hascisch
Pederasta Turco – Melomett’ Allah
Piromane Giapponese - Cjhain Cerjn
Prostituta Americana – Calamy Jeans
Prostituta Greca – Myka Teladogratys
Podista Giapponese – Nuja Fò
Pokerista Giapponese – Cjhon Full
Poliziotto Rumeno – Silu Pescu
Posteggiatore Rumeno – Moku Mescu
Protettore dei Balbuzienti - San Caiato
Pubblico Ministero Italiano- Massimo della Pena
Pugile Giapponese – Soschjto Ntronato
Ragazza Madre Giapponese – Hatù Non Usaj
Riserva di Calcio Coreana - Jokopoko Majoko
Riserva di Calcio Giapponese – Nojoko Maj
Sadico Giapponese – Tazzanno Nazzinna
Saltatore Giapponese – Sojto Steso
Sarto Giapponese – Sumjsura
Scaricatore Arabo – Buttallah
Scocciatore Giapponese - Kakami Okasu
Scorreggiona Spagnola - Dolores De Panza
Smemorato Cinese – Khjsò
Spaccone Rumeno – Nutjpu Manescu
Stitico Giapponese – Kakapoko Konpokomoto
Stitico Inglese – Ten Lucullo Street
Super Dotato Spagnolo - Costa Varra Techiavarria
Superstite di Hiroschima – Herojto Akkakà
Terrorista Congolese – Mobuto Labomba
Terrorista Palestinese - Momett Nabomb
Trovatello Giapponese - Makita Kakato
Tuffatore Giapponese – Kifukhj Maspintu
Tuffatore Spagnolo – Casco De Panza
Tuffatore Turco – Mome Jett
Vergine Russa – Vagina Seminova

 
 
 

Una Seconda Volta...

Post n°12 pubblicato il 25 Maggio 2010 da Argon_Zero
Foto di Argon_Zero

"Ah, finchè avrete la giovinezza fate di essa una realtà.
Non sprecate l'oro delle vostre giornate ad ascolatre gente noiosa, a cercare di emandare in successi senza speranza, a regalare la vostra vita a gente ignorante, ordinaria, volgare:
Vivete, vivete la vita prodigiosa che è in voi.
Fate che per voi nulla vada perduto.
Siate sempre in cerca di sensazioni nuove,
non abbiate paura di niente!
La gioventù non viene data una seconda volta."


Da "Il ritratto di Dorian Gray"

 
 
 

Granelli...

Post n°11 pubblicato il 12 Maggio 2010 da Argon_Zero
Foto di Argon_Zero

Come granelli di sabbia afferrata in un pugno, il tempo mi scivola via, incatenato in una inutile e sterile routine.
Ammetto di aver subito gli eventi e di non averli pilotati.
Son qui che guardo la data del mio ultimo post, 20 gennaio e la dedica "ho scoperto" con la consapevolezza di aver fatto un gradino in più nella vita, ma il tutto è oramai già lontano.

Da tipico Aris, carico a testa bassa vs il nuovo obiettivo, scelto forse per rabbia, forse per paura e forse anche per pura fortuna....
Non siamo forse il risultato delle nostre scelte? Non dovremmo giudicarci per le nostre azioni? Non è ammettere di aver sbagliato la tanto scanzonata immaturità che ci appioppano?

Una scelta ragionata da sicuramente peso alla stessa ma... chi ti dice che la tua, sia quella giusta? Ovviamente lo saprai solo dopo, una volta che l'hai imboccata la strada...
E dunque son qui, mi preparo, pronto a spiccare il volo o a precipitare in un bugigattolo.... Sarà lei, in agguato come una vecchia battona esperta, a giudicarmi, si lei la Vita... a parlare ed a sentenziare sull'esito delle mie scelte.
Ma voglio vivere giorno dopo giorno, con una spinta interna, non voglio guardarmi indietro col rimpianto, dicendomi: "non era questa la vita che volevo vivere..."

 
 
 

Ho scoperto....

Post n°10 pubblicato il 20 Gennaio 2010 da Argon_Zero
Foto di Argon_Zero

Ho scoperto ancora di esser in grado di amare,
e per questo ti ringrazio Afrodite,
ho scoperto che per amare bisogna soffire,
l'ho rifiutato per 16 anni e
ho dovuto impararlo in fretta.

Tutto ciò mi fa crescere, mi fa evolvere.
Cambiare è il segreto della felicità per me.
Ne percepivo l'essenza ma non ne afferravo la fisicità.

Si sto bene.
Hai fatto molti danni nel mio essere, ma la cosa assurda è che ne avevo bisogno. Solo buttando giù false convinzioni create per "difendersi" dalla sofferenza, potevo tornare libero. Potevo liberare i sentimenti incatenati da anni.

Ma non ti sei limitata a questo.
Vuotando il vaso di pandora, ne è venuto fuori anche il dolore del lutto che vi era racchiuso. Liberando amore, anche la pena ne è venuta fuori. Infatti non capivo perchè con te mi succedeva questo, perchè mi trovavo a pensare o parlare di mio padre o della mia pena.

L'ho capito più tardi.
Si sto bene anche perchè ho superato il lutto. Grazie Afrodite, anche per questo.

Come vedi, non sei solo una mangiauomini.

 

Dedicato ad Afrodite (il nome è di fantasia, ma la persona è reale)

 
 
 

Il Mio Inferno

Post n°9 pubblicato il 19 Gennaio 2010 da Argon_Zero
 
Tag: lutto

1:24 – 03-07-2007

In un telefilm oggi, il figlio torna dal padre… il padre pescatore, ripone le reti e lo vede. Lo chiama per nome.
Il figlio dice:” Papà perdonami, mi vergognavo di te”.
Ma lui lo abbraccia commosso.
Infine il figlio dice: “non sai quello che ho fatto”.
Il Padre:” sei mio figlio. Non importa quello che hai fatto”.

Un banalissimo telefilm e sono scoppiato in lacrime…. Non molte in verità, non riesco a piangere facilmente, singhiozzi strozzati, la mia pancia contratta, la gola che si stringe e vien fuori un suono senza rumore… è lei… la mia pena… la sconto così, all’improvviso, ma in genere si annuncia con giorni di apatia (stamane ho fatto pure un incubo – ricordo solo che era una cosa legata alla perdita dei genitori. Verso il risveglio tra torpore e l’esser desto mi sono detto… tanto era un sogno… eh si lo era…. Ma mio padre non c’è più ormai. Ora che ci penso credo di aver già iniziato ieri sera, mentre mi addormentavo a ripensare ai “last days”, si li chiamo così, gli ultimi giorni trascorsi al reparto di rianimazione. Ricordo che l’incredulità era ciò che mi permeava… ed una inutile speranza che potesse passare quel momento infernale… non sapevo che ero io all’inferno.

Cosa resta? Mi sto impegnado da un anno e mezzo a non ricordare… funziona… sorrido, sono il solito, alcuni dicono bello ed impossibile (che idiozia).
E i giorni passano inesorabili, oh ma non tutti sono un purgatorio… perlomeno sono riuscito a non starci in questo limbo, così tra lavoro, impegni post-lavorativi, internet, gli amici., mi trascino avanti.
No adesso diam a Cesare… no vivo. Ma forse perché non ho pianto abbastanza o fatto abbastanza x mio padre, ecco che la sua figura incubata e sofferente sotto sedativi, è li nella mia mente, se mi va bene. Se mi va male…. Allora inizia il mio inferno.

Cos’è? È l’ingresso nella stanza dove era stato appena portato il feretro. Mio padre era appena spirato.

Prima la telefonata cinica…che annunciano: Lei è Tizio e Caio? Suo padre è morto che fa viene e vederlo o lo trasferiamo subito all’obitorio? Ed io no vengo li in 2 minuti. Ero al convento delle suore, presso mia zia vicino al policlinico.
Quindi dovetti dirlo a casa… altra passeggiata di salute… ricordo il cielo nuvoloso dietro la tenda a sbarre orizzontali, tipo quella da ufficio… c’era il sole che illuminava la città come una qualsiasi stronza giornata, solo che non era così per la mia vita, la nostra vita.
Chiamai prima mio zio, sapevo era a casa mia assieme a mia madre che nn voleva alzarsi dal letto.
Dissi, zio adesso devo chiamare mamma, e devo dare una brutta notizia, hai capito? Mio zio disse si.

Pronto mamma, papà non c’è più.
Non c’è più? Chiese… poi chiuse.
Arrivò mia zia, la suora, lo dissi anche a lei… mi abbracciò…. Guardavo incredulo il cielo fuori dalla finestra. Ci dirigemmo alla sala rianimazione.Mia zia corse avanti, probabilmente per chiudergli gli occhi o la mascella. Voleva evitarmi quest’altro shock.

E il mio inferno.
E ci entrai.

Mio padre sul lettino. Sdraiato…. Non distinsi molto la sua sagoma, dato che con fil di voce, a passo lento e a lacrime in viso i muovevo entrando nella stanza…. “papaaàhhh papaaàhhh… aaaaahhhh” questo dissi, credo, avvicinandomi.

E' il mio inferno che spingo in fondo alla mia anima, e che emerge quando mi sento fragile...io che son sempre pronto a combattare, fragile si, questa è la mia fragilità, la mia pena infinita, che pace non ha...

 
 
 

Perdita di Calorie

Post n°8 pubblicato il 07 Gennaio 2010 da Argon_Zero
 
Foto di Argon_Zero

E' il consiglio di una nota rivista statunitense che ha pubblicato un divertente studio sul rapporto tra performance amatoria e perdita di calorie.

Se durante un amplesso normale e un po' banalotto (10 minuti nella posizione del missionario) si bruciano dalle 200 alle 300 calorie, la passione sfrenata e l'attenzione ad alcuni particolari possono aiutarvi a unire l'utile al dilettevole, trasformando i vostri incontri d'alcova in veri e propri allenamenti mangia-grassi!

Vediamo in dettaglio alcune mosse e la loro efficacia dietetica.

- Slacciarle il reggiseno:12 kcal
- Slacciarlo con una mano sola: 47 kcal
- Spogliare completamente la partner passiva: 80 kcal
- Spogliare completamente il partner passivo: 95 kcal
- 20 minuti di preliminari (per lui) : 107 kcal
- 20 minuti di preliminari (per lei): 87 cal.
- 10 minuti di rapporto sessuale (missionaria): 250 kcal
- 10 minuti di rapporto sessuale (lei sopra): lei 300 kcal, lui 130 kcal
- 10 minuti di rapporto sessuale (da dietro): lei 200, lui 350 più benefici agli addominali
- 10 minuti di rapporto sessuale in piedi: 600 kcal e probabile colpo della strega per lui
- Sigaretta sul letto dopo il rapporto: 12 kcal
- Rivestimento in fretta e furia e discesa dalla tromba delle scale per arrivo del legittimo/a consorte: 110 kcal

 
 
 

Questa paura di...

Post n°7 pubblicato il 04 Gennaio 2010 da Argon_Zero
 
Foto di Argon_Zero

La chiaman spesso paura d'innamorarsi, paura d'amare o di essere innamorati, c'è un termine che l'identifica: PHILOFOBIA.

Il cuore non ha più voglia di soffrire, rinuncia ad aprirsi e ad amare per non penare nuovamente. Così, si potrebbe descrivere in poche parole la paura d'amare, che ci congela il cuore dopo una delusione d'amore.
D'altronde l'amore è si, fatto per la stragrande maggioranza di gioia, di affetto, di quel senso che ci appaga e ci stampa un sorriso idiota sulla faccia per tutto il tempo.

Ma la parte restante? E' la minor parte senza dubbio ma è fatta di sofferenza, di gelosia, di altrui gesti deludenti e di aspettative disilluse.
La persona che abbiamo amato è un essere umano ergo fallace!
Hanno fatto errori con noi e con gente prima e inevitabilmente, dopo di noi.

Se vogliamo vederla come una malattia allora i sintomi ci sono e sono quelli tipici dell'attacco d'ansia: agitazione, nausea, sudore eccessivo, tachicardia ecc ecc ma perchè?
Scava e scava alla fine la causa è sempre la stessa: "meccanismo di difesa" che si attiva perchè non vogliam più "soffrire".

Alcuni amici sono "vittime" delle loro profonde delusioni sentimentali, spesso una ma buona, specie quando si è più piccoli, sensibili e ignari delle regole della vita.
Chi è profondamente ferito da una storia d'amore, NON VUOLE PIU' SAPERNE!
Perchè rimettersi in gioco rischiando di soffrire di nuovo o di essere nuovamente delusi?
Amare non vuol forse dire, gettar via la maschera che indossiam ogni giorno? Che sia del forte, disponibile, paziente, allegro o simile, maschera è.
Toglier la maschera significa mostrar le proprie paure, e debolezze.

Altre persone si affannano a dimostrar agli altri (in realtà a se stessi, gli atlri son solo eco) di esser forti, sempre e comunque.
L'innamorarsi invece, significa mostrar il fianco che potrebbe esser colpito, palesare tutta la loro debolezza interiore.

Ci sono delle cause, invece, legate al rapporto coi genitori durante l'infanzia. Un rapporto d'amore spesso richiesto dal bimbo/fanciullo al genitore e non ricambiato come ci si aspetta.

Credo che la Philofobia sia la peggiore delle paure, perchè ci nega di vivere passioni, esperienze ed emozioni che tanto ci hanno fatto star bene e tanto ci hanno fatto sognare. Con la persona che amavamo in quel momento, tutto aveva il suo significato nel tempo e nei gesti. Ripeterle con il surrogato di un amore di facciata, falso ai nostri occhi ed alla nostra anima, è mentire a noi stessi....

 
 
 

IL PIU' BELLO...

Post n°6 pubblicato il 29 Dicembre 2009 da Argon_Zero
 
Tag: Lettere
Foto di Argon_Zero

Nazim Hikmet da: LETTERE dal CARCERE a MUNEVVER (1942)

Il più bello dei mari
è quello che non navigammo.
Il più bello dei nostri figli
non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni
non li abbiamo ancora vissuti.
E quello
che vorrei dirti di più bello
non te l'ho ancora detto.

Se avete qualcosa da dire a qualcuno, fatelo, potrebbe non esserci un'altra occasione...

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: Argon_Zero
Data di creazione: 17/12/2009