Creato da MioDestino il 03/01/2008

___AprilatuaMente___

.....vivi, osserva, ascolta

 

« ** »

RossoCorallo

Post n°1796 pubblicato il 22 Giugno 2009 da MioDestino
 
Tag: ., Corallo

Il corallo rosso (Corallium rubrum ) è un octocorallo della famiglia delle Coralliidae.

Secondo Ovidio (Metamorfosi, IV, 740-752) il corallo rosso nacque dal sangue di una delle Gorgoni, Medusa, quando Perseo la decapitò.

 Le Gorgoni avevano la capacità di pietrificare con lo sguardo, e il sangue di questa, al contatto con la schiuma creata dalle onde, pietrificò alcune alghe che col sangue divennero rosse.

Il Vasari, nella descrizione del quadro Perseo e Andromeda, scrisse nel 1570:

 "... dov’è Perseo, che sciogliendo Andromeda, nuda allo scoglio marino, et havendo posato in terra la testa di Medusa, che uscendo sangue dal collo tagliato, et imbrattando l’acqua del mare, ne nascieva i coralli..."

Si pensa che la parola corallo derivi dal greco koraillon, cioè "scheletro duro", per altri invece deriverebbe sempre dal greco kura-halos, cioè "forma umana" ed altri ancora, infine, fanno derivare il termine dall'ebraico goral, nome usato per le pietre utilizzate per gli oracoli in Palestina, Asia Minore e Mediterraneo, tra le quali ruolo preponderante era svolto appunto dai coralli.

Forma colonie ramificate, che possono superare i 20-30 cm di altezza, di colore generalmente rosso brillante, ma a volte rosa, bianco, marrone ed eccezionalmente nero.

I polipi sono bianchi e trasparenti, lunghi solo pochi millimetri, con otto tentacoli bordati di appendici pinnate, visibili quando questi sono estroflessi per la cattura del cibo.

Lo scheletro calcareo, durissimo e ricercato come materiale per la costruzione di gioielli, è ricoperto da uno strato di tessuto molle chiamato cenosarco, che viene rimosso per la lavorazione e lucidatura per la realizzazione di monili e sculture artistiche.

Si riproduce, per via sia asessuata che sessuata, rilasciando larve che, dopo una fase di embrione della durata di circa un mese, si fissano al substrato.

Ha una crescita molto lenta (3-4 cm l’anno in altezza, 0,62 mm l'anno in diametro) e questo lo rende particolarmente vulnerabile all’azione di raccolta dell’uomo, un tempo operata con metodi distruttivi; oggi in Italia si ha una pesca di tipo selettivo, effettuata in acqua direttamente da sub, che permette, se effettuata con criterio, di massimizzare la resa della pesca con la scelta solo dei rami più grandi permettendo nel contempo la salvaguardia della specie.

Il corallo rosso viene pescato e commercializzato principalmente per essere lavorato per ottenere gioielli ed opere d'arte. Prevalentemente viene montato su oro e argento, o infilato per ottenere collane e bracciali.

La lavorazione si suddivide in varie fasi a partire dalla eliminazione del rivestimento, il cenosarco, dalla pulizia, dal taglio e/o intaglio, dalla lavorazione ed infine dalla lucidatura.

La storia di Torre del Greco è talmente intrecciata con quella del corallo tanto da costituire un binomio inscindibile, ed è documentata fin dal XV secolo.

 Nel 1790 fu costituita nella città di Torre del Greco la Reale Compagnia del Corallo, con l'idea di lavorare e vendere il corallo pescato.

 (Ciò dimostra che la pesca del corallo era fiorente già da tanti anni nella città campana...)

Inoltre fu promulgato il 22 dicembre 1789 da Ferdinando IV di Borbone il Codice corallino (preparato dal giurista napoletano Michele Jorio), con l'intento di regolamentare la pesca del corallo che in quegli anni vedeva impegnati, oltre ai marinai torresi, anche i genovesi, i livornesi e quelli di Trapani.

Tale regolamentazione non ebbe però... il successo sperato

Dal 1805, anno in cui fu fondata la prima fabbrica per la lavorazione del corallo a Torre del Greco (da Paolo Bartolomeo Martin, francese ma con origini genovesi), iniziò il periodo d'oro per la lavorazione del corallo nella città sita alle pendici del Vesuvio, anche perché insieme alla lavorazione la pesca del corallo era sempre più sotto il dominio dei pescatori torresi.

Dal 1875 i torresi iniziarono a lavorare con il corallo di Sciacca e nel 1878 sorse in città addirittura una Scuola per la lavorazione del corallo (che chiuse nel 1885 per riaprire nel 1887), presso la quale nel 1933 fu istituito un Museo del corallo (dalla famiglia Ascione)

In seguito venne il momento della lavorazione del corallo giapponese scoperto sui mercati di Madras e Calcutta.

Oggi a Torre del Greco non viene più praticata la pesca del corallo (l'ultima corallina risulta in disarmo nel 1989) ma la città resta comunque il più importante centro al mondo per la lavorazione del corallo, con oltre 2000 addetti al settore

Ruolo importante nella pesca del corallo è anche il Giappone, sin dal 1889. Nel paese nipponico si pescano varietà di corallo differenti per pregio e valore:

 il cosiddetto "Corallo pelle d'angelo", dal colore bianco sfumato in rosa, il "Corallo Moro", il cerasuolo, di colore rosso rubino, ecc.

La grandezza dei rami è di un certo rilievo dato che i cespi raggiungono una grandezza di 30-40 centimetri con rami di diametro di 160 millimetri.

. . .

- Piero della Francesca -

Il corallo è un antichissimo amuleto di valore apotropaico per i neonati, ancora oggi diffuso.

 ...Secondo la tradizione pagana i rametti appuntiti infilzavano il malocchio lanciato per invidia, mentre per i cristiani il suo colore rosso ricordava il sangue di Cristo, infatti veniva usato già nel medioevo per i reliquiari della Croce.

- Masaccio -

Il corallo assumeva così la valenza di simbolo della doppia natura di Cristo, umana e divina. Per questo si trova in numerosi dipinti rinascimentali, come la Madonna del solletico di Masaccio, la Madonna di Senigallia e la Pala di Brera di Piero della Francesca.

- Piero della Francesca -

.

Questo è per dire cosa è il Corallo, la sua storia, il suo percorso, il suo mondo.

E aggiungere che ci son stata alla Mostra del Corallo.  Pochi giorni fa. Magnifica. Bellissima oasi di cultura e sapienza, data anche dal fatto che chi ha presentato tali Opere artistiche e tali sono, (certo Giancarlo Ascione - un nome una garanzia, giuro...), ha avuto la maniera giusta di porsi col pubblico presente, piuttosto semplice seppur accurata, sostando tra i vari box di cristallo e spiegando con minuzia, ogni singolo dettaglio, ogni singola lavorazione, non tralasciando nulla, anzi, arricchendo cio' che di ricco, era gia'. Non dimentico i cammei, vera delizia.

Insomma, se capita di andar per Napoli, si pensi di passar per questo Museo. Proprio davanti il Teatro san Carlo.

L'amica, cara, per esempio, che m'ha accompagnata, pur essendo del luogo, non c'è mai stata (!). Quale occasione migliore per ...lucidarsi gl'occhi, dinanzi simile meraviglie.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/MioDestino/trackback.php?msg=7266507

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Arvalius
Arvalius il 22/06/09 alle 12:50 via WEB
Da quanto ricordo (anni fa feci delle ricerche sugli oggetti apotropaici), il corallo aveva forti significati anche per gli amanti. Si regalavano coralli alla propria bella, infatti.
 
 
MioDestino
MioDestino il 22/06/09 alle 15:09 via WEB
Assì? E non lo sapevo. Caro gli costava allora....e non che adesso sia meglio. Anzi.
 
ricciorosanna
ricciorosanna il 22/06/09 alle 12:54 via WEB
buongiorno cara DES ,nota il ciondolo del bambino nel quadro ..ne possiedo uno uguale...è stupendo da indossare ...baci
 
 
MioDestino
MioDestino il 22/06/09 alle 15:12 via WEB
Ci credo! Sapessi quanti belli ne ho visti dentro quelle stanze. Uno di queste bellezze, lo vedi riprodotto qui sopra (la parure). Ma ce ne erano diverse fatte con corallo bianco. O nero. Peccato non ci abbiano fatto fare almeno UNA foto. (Niente. Nisba.) Baci, Rosy***
 
soloperituoiocc_1968
soloperituoiocc_1968 il 22/06/09 alle 14:42 via WEB
Ho un'amico a napoli che mi ha portato a comperare corallo antico e ne ho fatto una bellissima collana estiva che porto spessissimo...adoro il corallo, in tutte le sue sfumature...è veramente una meraviglia per gli occhi.
Lo associo spesso al turchese, altra pietra estiva ma un po' èiù delicata, infatti al contatto con la pelle tnde a cambiare colore.
Con un po' di vanità direi che una bella collana di corallo o di turchese, su una bella abbronzatura sono quanto di meglio di cui ci si possa adornare l'estate.
Un bacio Des...buona settimana***
 
 
MioDestino
MioDestino il 22/06/09 alle 15:20 via WEB
Ooh.. ti dico una cosa. A me da ...ragazza, poco piaceva. Anzi, davvero chi pensava di potermene far dono, 'dirottavo' quel pensiero in ben altre direzioni, ecco. E non è che ci vada matta. Ma....in estate, hai ragione, diventa stupendo monile per incorniciare e risaltare quell'abbronzatura che ci piace tanto, ve'? ;-). Ed è per questo che entrambi, anche col turchese, non me ne distacco mai mai. Un bacio grande a te e buon riavvio, mia Chiaretta*** ps: spero presto di poterlo prendere quel sole. Non è possibile che sabato e domenica piova sempre qui, ehh..:-(
 
   
soloperituoiocc_1968
soloperituoiocc_1968 il 22/06/09 alle 16:31 via WEB
Davvero Des...e poi me OCCORRE l'abbronzatura per far risaltare l'abito da sposa ^___* (odio le lampade)
Un bacione***
 
     
MioDestino
MioDestino il 22/06/09 alle 20:05 via WEB
ODDIO è vero. La VOSTRA data si avvicina sempre piu' e l'abbronzatura DEVE esserci. Eh! (amo i metodi ...naturali anch'io) ;-) ti bacio!***
 
mizar_s_light
mizar_s_light il 22/06/09 alle 15:11 via WEB
Sono una meraviglia, ma sarebbe bello abusarne per non privare i fondali di questo tesoro naturale. Buona settimana miacaraDes un bacione :)
 
 
MioDestino
MioDestino il 22/06/09 alle 15:29 via WEB
Mizzi. Il signor Ascione che ci ha fatto da 'cicerone' per le sue stanze del Museo, ha parlato e tanto di questi fondali marini, pieni di questo materiale così prezioso. E....ha anche sfatato la 'leggenda' che circolava su Torre del Greco, che abbia corallo in mare. Solo frutto di fantasia, a suo dire. Sara'. Il suo mestiere lo sa far solo lui. E' pur vero che prendendone da altri mari, i costi son maggiori. Si sa. Ma è altrettanto vero che c'è una legge che limita l'abuso che se ne potrebbe fare. Solo che bisognerebbe vedere chi è che controlla, perchè altrimenti davvero, si perderebbe oltre che la bellezza in se', proprio la capacita' di non avere piu' quel materiale adatto alla sopravvivenza di ogni specie. Un anello concatenante... è così. Bacione a te, Stella )))
 
   
mizar_s_light
mizar_s_light il 23/06/09 alle 00:45 via WEB
Ogni creatura è anello di una catena... noi più che un anello di quella catena siamo la tronchese...
Un abbraccio forte ed affettuoso miacaraDes e un bacione. Buonanotte
 
     
MioDestino
MioDestino il 23/06/09 alle 08:12 via WEB
Eh, Mizzi. Solo che certe tronchesi sarebbero meglio lasciarle a casa. Dimenticarsene e rimanere anelli negli anelli. Un'unica, ideale catena.... Ti abbraccio anch'io di stesso, stretto affetto, stellina mia.)
 
fabergiza
fabergiza il 22/06/09 alle 15:40 via WEB
ciao Des... bello il corallo... bello il suo colore intenso... il rosso... mi ricorda un tuo post di qualche tempo fa... il rosso è un colore particolare... attrae lo scorpione in maniera speciale... ma siccome è anche il simbolo di marte e della guerra... per questo attrae uno spirito "ribelle" e "battagliero"....
 
 
MioDestino
MioDestino il 22/06/09 alle 15:47 via WEB
Faber. Giuro. Ma lo sai che vedendoti qui, pensavo la stessissima cosa anch'io? Un rosso ci ...travolse entrambi. E chi se lo scorda quel giorno. (Eh...) E hai ragione.... sti Scorpionacci ad esser sempre così attratti dallo spirito ribelle e battagliero. Manco fossero Tori che alla vista del "rosso", schizzano (...)
 
   
fabergiza
fabergiza il 22/06/09 alle 16:03 via WEB
mi sa tanto che siamo mezzi tori DES... che caricano a testa bassa senza rendersi conto... che dietro lo straccio rosso... potrebbe esserci il muro...
 
     
MioDestino
MioDestino il 22/06/09 alle 16:08 via WEB
Tu dici....? Puo' esser pure che quei mezzi tori, FABER, lo sappiano che c'è quel muro davanti. Ma la corsa, oramai è al limite, come fare a fermarli. Io, non ci penserei un istante. Potenti e rabbiosi come sono. Capirai.
 
     
fabergiza
fabergiza il 22/06/09 alle 16:32 via WEB
dici che c'è il rischio che si possa rompere il muro? :)
 
     
MioDestino
MioDestino il 22/06/09 alle 19:49 via WEB
Beh....dipende da CHE muro e da CHE Tori. Se e 'come' siano forti entrambi. (...bella lotta, eh.)
 
sturm_2009
sturm_2009 il 22/06/09 alle 16:55 via WEB
cara des, hai scritto un bellissimo post, sono contenta che ti sia piaciuto tanto visitare un Museo , che ti ricordo è privato, appartiene alla famiglia Ascione e che si apre su prenotazione ad agenti commerciali e pubblico interessato, non c'ero mai stata nemmeno io e prenotare quella visita per te è stato un mio arricchimento , pur essendo del luogo, alcuni posti sono più inaccessibili di altri.Certe meraviglie a Napoli si visitano solo tramite associazionismo. Un post splendido, ripeto, arricchito dal tuo buon gusto artistico, un bacio, Tonia
 
 
MioDestino
MioDestino il 22/06/09 alle 19:53 via WEB
Oh, Tonia... Hai fatto bene a ricordare questa cosa, del fatto che sia privato e su concessione di visita solo prenotandola. Un post che è un po' dedica alla Napoli artistica e culturale che, solo in minima parte, ho respirato nelle mie visite presso la tua bella citta'. E ...sperando di approfittarne piu' in la', chissa'. Un abbraccio forte, amica cara.
 
Puvis
Puvis il 22/06/09 alle 17:38 via WEB
Des! Ho visto più volte la Pala di Brera di Piero, me la sono guardata per bene da vicino.. e non mi ero mai accorto che il Bambino avesse quel ciondolo di corallo.. Ci volevi TU!
 
 
MioDestino
MioDestino il 22/06/09 alle 20:03 via WEB
Sai Puvis...nemmeno io, me ne ero davvero accorta mai di questo ciondolo indossato dal Bambinello. Proprio vero...a volte ci sono 'diversi' percorsi e proprio grazie ad essi puoi notare, stupendoti come hai fatto tu o io, di come mai, prima, non si realizzasse. E' un... caso, quindi, trovare intrecci di conoscenza, qui. Solo un puro caso.
 
lennon927
lennon927 il 22/06/09 alle 18:54 via WEB
i coralli sono come i miei capelli: sono mossi entrambi.....significa qualcosa?
 
 
MioDestino
MioDestino il 22/06/09 alle 20:08 via WEB
Non so. Potrebbe significare, forse, che son rossi entrambi. Ma tu non lo sei (rossa). Sicchè. Nessun nesso. (ti capisci tu da sola, ne.)
 
Ninotzcka
Ninotzcka il 22/06/09 alle 20:16 via WEB
Desssssssssssssss! Che meravigliaaaaaaaa! Il corallo! Pensa che stavo per farci un post anch'io, ma mai dettagliato come questo...bellissimo leggere la sua storia...il colore del corallo mi piace in tutte le sue sfumature...e poi c'è un aneddoto che non posso scordare...mia madre aveva una collana di corallo di colore rosa chiaro e mia sorella da piccolina diceva che era una collana di "denti guastati" ahahahah la voce dell'innocenza ^_________^ ciao Des, buona settimana...O_____x spero**********bacione***********
 
 
MioDestino
MioDestino il 22/06/09 alle 20:44 via WEB
Ninuzza della Des....))allora. Proprio grazie al tuo aneddoto famigliare, lego questa cosa qui. I famosi denti 'cariati' esistono davvero in questo 'mondo rosso'! In vetrina, c'erano diverse collane fatte con perle non levigate e rovinate (non apposta, eh) e rese materiale per preziosi. Certo, il loro prezzo è inferiore a quello delle piu' famose 'lisce'. Ma ti dico una cosa. Le preferisco così. Hanno stile, sono diverse e non facilmente assimilabili alle sorelle piu' famose. Ah, la voce della diseguaglianza! ;-))) Ciao Nina mia bellissima, buona settimana con un grosso bacio*****
 
adamsmith76
adamsmith76 il 22/06/09 alle 21:08 via WEB
Ciao DES:)) Più che un post sembra un programma scientifico. L'ho letto tutto d'un fiato. Immagini stupende. Beata te che sei stata a questa mostra. Difficile che mi capiti di andare a Napoli in questo periodo... Buona serata, DES:)))
 
 
MioDestino
MioDestino il 23/06/09 alle 08:16 via WEB
Fa nulla, Adam caro. Se gli impegni vari tuoi, ti tengono lontano e non possa andarci in questo periodo.....la mostra è lì. In attesa di chi decidera', poi, di 'poggiar sopra' gli occhi :)) Un abbraccio forte, amico mio)
 
LouMelinda
LouMelinda il 27/06/09 alle 12:14 via WEB
il corallo è come un cuore nell'oceano. Sempre RougeEtBleu, MonTresor... Lou.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

FACEBOOK

 
 

AREA PERSONALE

 

V

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I MIEI LINK PREFERITI

 

 

 

I am a
Lily

What Flower
Are You?

 
Citazioni nei Blog Amici: 67