Creato da Neracattiva il 26/12/2006
 

Neracattiva

...in mutamento!

 

 

« La mia life is nowBAMBINA NELLO SPAZIO »

 Vita mia!

Post n°40 pubblicato il 21 Ottobre 2007 da Neracattiva

Se il tuo istruttore ti dice che non potrai mai essere un arbitro di Baseball, non disperare; sei sulla buona strada per diventare il miglior arbitro che lui abbia mai istruito.

 

Dal 1989 al 1992 ho giocato a softball.

Il primo anno ho giocato da esterno destro e gli altri due anni da prima base.

Ero un buon battitore, così diceva il coach.

Sapevo smorzare benissimo la palla. La mettevo a terra dove volevo. Non ero un battitore di profondità. Venivo usata quasi sempre per il sacrificio.

Il mio destino era spesso out in prima. Ma i corridori con me avanzavano. Se poi ci riesci, mi diceva sempre il manager, e corri più veloce che puoi, magari arrivi salva. Mi allenavo tutti i giorni perché questo mi accadesse. Per me correre veloce era l’unica strada per arrivare a quel sacchetto sana e salva!

Oggi da arbitro ho grande rispetto dei sacrificatori! Ci si ricorda spesso e solo di chi fa fuori campo!

Una vita nell’ombra!

Certo non sono mai stata come Rebecca Iaccino! Lei si che è ha trasformato tante volte un sacrificio in salvo. Quest’anno non ho arbitrato Nuoro- Forlì. Ha giocato senza il suo nome scritto sulla maglia! Forse per rispetto verso la sua ex squadra. Ho  desiderato di essere arbitro di base al posto di Francesco e Marcello a giudicare sui suoi arrivi in prima! Io desiderare di essere in base? Siamo sicuri? Sto scrivendo questo? Follia! In quell’occasione infatti ero fuori dalla rete. All’ombra appunto!

 

È capitato poche volte in cui mi abbia detto..ok Anto, sei libera. Batti dove vuoi!

Una volta ho fatto una battuta da due basi. Ho spazzolato il terza base con una bella legnata. Quando sono arrivata sul sacchetto di seconda non ci credevo. Il cuore mi batteva a mille! Un’ emozione troppo grande. Poi però, il battitore successivo che doveva fare il mio lavoro, cioè sacrificarsi, ha fallito.

Non sono mai arrivata in terza. In cuor mio sospetto ancora che il manager ce l’avesse con me per quel casuale ordine dei battitori!

 

La mia vita in campo era da osservatrice piuttosto che da giocatrice vera e propria.

Il coach mi chiedeva spesso di fare ciò che diceva più che guardare imbambolata il gioco e il suo svolgimento.

Nel 1993 telefonò al capo degli arbitri sardi e gli disse …..venite a prenderla!

 

Sono stata subito sbattuta in campo ad arbitrare partite su partite. Una dietro l’altra e non capivo perché su  quei campi infiniti la palla era piccola e sotto la pedana c’era un monte! Il lanciatore si chiamava Giulio e non Daniela!

I sacrificatori erano sempre salvi! Come mai tutto era così lento?

Finito quel primo campionato da arbitro tornai dal mio allenatore. Era una bellissima giornata di sole ma faceva un freddo cane. Me lo ricordo eccome! Nello spogliatoio del campo di Alghero lui scriveva cose sue seduto all’unica scrivania. Ho scelto una sedia comoda e mi sono messa vicino a lui. Mento in mezzo alle mani. Ero stanca ma non di arbitrare. Mi mancava qualcosa!

-Il capo degli arbitri mi ha detto che non diventerò mai un  arbitro di baseball. Perché mi hai mandato a fare questa cosa?

-Ti piace arbitrare?

-Moltissimo!

-E allora? Che differenza fa la palla piccola o la palla grande?

(lui faceva sia baseball che softball)

-Mi prendono in giro. Mi insultano. Mi manca la mia base, Daniela non mi parla più e Francesca quando mi saluta sta bene attenta che non la veda nessuno! (le mie compagne di squadra!)

-Ti ho vista ti ho vista! Lascialo perdere il capo degli arbitri se lui ti dice che non sarai mai un arbitro di baseball sei sulla buona strada per diventare il miglior arbitro di baseball che lui abbia mai visto!

 

Ho arbitrato la mia prima partita di softball dopo tre anni.

E da allora ho fatto sia l’uno che l’altro fino a quattro anni fa!

Quel capo degli arbitri adesso non c’è più. E oggi nessuno mi chiede di fare baseball.

Il mio manager non era una cima in fatto di baseball e softball. Però è stato lui a fare quella telefonata! Io non sono certo l’arbitro migliore.

Ma sono ancora qui su quella buona strada!

Non basta chiedere a chiunque. Sono spesso i tecnici quelli che incontrano gli arbitri nel loro cammino. Devono solo imparare a riconoscerli.

Per diventare arbitro occorrono due cose: un atleta con un sogno e un istruttore che ti aiuti a realizzarlo!

 

 

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

POESIE

LETTERE DAL CARCERE A MUNEVVER
(Prigione di Bursa, Anatolia)

1942

Il più bello dei mari
è quello che non navigammo.
Il più bello dei nostri figli
non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni
non li abbiamo ancora vissuti.
E quello
che vorrei dirti di più bello
non te l'ho ancora detto.

hikmet

 

POESIE

1948

In questa notte d'autunno
sono pieno delle tue parole
parole eterne come il tempo
come la materia
parole pesanti come la mano
scintillanti come le stelle.
Dalla tua testa dalla tua carne
dal tuo cuore
mi sono giunte le tue parole
le tue parole cariche di te
le tue parole, madre
le tue parole, amore
le tue parole, amica.
Erano tristi, amare
erano allegre, piene di speranza
erano coraggiose, eroiche
le tue parole
erano uomini

hikmet

 

ULTIME VISITE AL BLOG

rstellanatadimarzo0silviacampilongoagendanoirchiara_panizzaunamamma1Soggheureservatersilia99gjusantcardiavincenzosanti1955Perturbabilestefanobati77advisor.1
 

LE SPIAGGE..

immagine
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

I MIEI LINK PREFERITI

LE TORRI..

immagine
 
 
Template creato da STELLINACADENTE20