Creato da Io_piccolo_infinito il 14/12/2008

PICCOLO INFINITO

"NOI STESSI SIAMO L'INFINITAMENTE PICCOLO E L'INFINITAMENTE GRANDE E LA VITA CHE LI UNISCE(GIBRAN)Vorrei parlare di tutto ciò che mi piace e che mi và sul momento....senza dare un limite o un' impronta precisa a questo blog....

 

« TORTA RADICCHIO ROSSO SA...FORZA GIAPPONE! »

L'UNITA' D'ITALIA e PELLEGRINO ARTUSI

Foto di Io_piccolo_infinito

Anche Pellegrino Artusi ha contribuito all'Unità d'Italia  dando una patria gastronomica alle classi medie. Ancora all'epoca della prima edizione, l'unificazione del paese era più virtuale che effettiva: in pochissimi parlavano italiano, gli infiniti particolarismi regionali e l'acceso campanilismo vanificavano gli sforzi unificatori dell'amministrazione sabauda.

La "Scienza in cucina", oltre ad essere quel delizioso ricettario che tutti, almeno di nome, conoscono, svolse anche, in modo discreto, sotterraneo, impalpabile, il civilissimo compito di unire e amalgamare, in cucina prima e poi, a livello d'inconscio collettivo, l'eterogenea accozzaglia delle genti, che solo formalmente si dichiaravano italiane (Camporesi, op. cit., xii).

 Piero Camporesi nell'introduzione alla "Scienza in cucina" (Einaudi, 1991) dice che il manuale artusiano, assieme al "Pinocchio" di Collodi e al "Cuore" di De Amicis, è uno dei capisaldi della cultura italiana ottocentesca.
Animato dagli ideali borghesi di decoro, moderazione e buon gusto, ebbe il grande merito di imporre, per la prima volta, una visione unitaria ed economica della cucina italiana e la sua importanza è indiscutibile.
Selezionando dal ricchissimo patrimonio gastronomico delle varie regioni e dalla produzione libresca del passato, Artusi propose un modello di cucina nazionale che incontrò il favore del pubblico e che si impose alla lunga come punto di riferimento obbligato.
Il progetto artusiano si sviluppa secondo un tracciato i cui punti fissi ancora oggi tutti noi riconosciamo: i crostini di fegatini di pollo, gli spaghetti col pomodoro, gli gnocchi, il risotto alla milanese, il vitello tonnato, le scaloppine al marsala, le crostate di frutta e la zuppa inglese sono alcuni dei piatti che Artusi riuscì ad imporre dal Piemonte alla Sicilia come "piatti nazionali".
In particolare fu proprio Artusi a canonizzare il binomio "pasta-salsa di pomodoro": prima di lui, infatti, in nessun altro manuale di cucina si trova quello che sarebbe diventato il piatto simbolo della cucina italiana - si vedano la ricetta 86, "Maccheroni alla napoletana II" e la numero 6, "Sugo di pomodoro".

Attraverso le ricette di Artusi le classi italiane medie divennero sia più consapevoli dell'esistenza delle diverse regioni sia, allo stesso tempo, di appartenere ad un'unica comunità, la comunità degli italiani: i "Risi e luganiche" della cucina veneta (ricetta 42), i "Maccheroni con le sarde alla siciliana" (ricetta 88) e la classica "Zuppa inglese" toscana (ricetta 675), contribuirono non poco all'unificazione spirituale del paese, quanto meno a tavola.

La gran parte del ricettario di Artusi si basa sulla tradizione gastronomica emiliano-romagnola (Artusi era nato a Forlimpopoli e mantenne sempre stretti rapporti con la sua terra) e quella tosco-fiorentina (Artusi visse a Firenze per gran parte della sua vita). La cucina delle altre regioni è invece presente in maniera nettamente minore.
Lo schema artusiano evita poi anche tutti quei piatti eccessivamente municipali: troppo legati a prodotti e gusti locali, sarebbero stati "incomprensibili" a tutti gli altri italiani. Ugualmente, sottolinea Camporesi, i piatti a forte connotazione "popolare" sono banditi: la cucina di Artusi è una cucina essenzialmente borghese, descritta da un borghese e rivolta ad altri borghesi.
Non c'è posto ad esempio per tutto quel repertorio di minestre e polente a base di cereali "inferiori" (farro, orzo e miglio) che avevano invece cosituito un'ancora di salvezza per intere generazioni di contadini.

 Fonte Web.

Ciao a tutti e...

Buon festeggiamento

per domani in occasione

dell'Unità di Italia

CIAO

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

CONTATTA L'AUTORE

Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 121
Prov: FI
 
 

VISITE

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

VISITORS DAL 25-02-2013

Flag Counter

 

ULTIME VISITE AL BLOG

FataCuochinapaolo.vandinIo_piccolo_infinitoakimdellagiunglaantonionapolitano80ORGOGLIO1980sparusolamassi023cassetta2ormaliberaMiss06marty97dbmaresogno67la.cozza
 

ULTIMI COMMENTI

A un certo punto finiscono pure i lati verso cui voltarsi...
Inviato da: cassetta2
il 13/04/2021 alle 15:30
 
Ciao Mirella
Inviato da: quarantacost
il 09/12/2020 alle 02:11
 
Ciao Angelo ,dopo tanto tempo, sono di nuovo in Libero ....
Inviato da: lunetta55
il 08/12/2020 alle 21:47
 
Milady buongiorno
Inviato da: AngeloQuaranta
il 08/12/2020 alle 07:50
 
Tanti auguri buone feste Buon natale Infi:)))) io manco da...
Inviato da: SEMPLICE.E.DOLCE
il 23/12/2018 alle 21:13
 
 

AREA PERSONALE

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova