Creato da prositpress il 23/08/2008

PROSIT-PRESS

valutazione di testi inediti, consulenza, editing e supporto alla pubblicazione

 

CHRISTIAN JACQ. L'EGITT... »

.

Post n°2 pubblicato il 23 Agosto 2008 da prositpress
 

LE BIBLIOTECHE E GLI ARCHIVI DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE.
IL CASO ITALIANO


  




Le biblioteche e gli archivi durante la seconda guerra mondiale.
Il caso italiano.
Atti del convegno Le biblioteche italiane
durante la seconda guerra mondiale a cura di Andrea Capaccioni,
Andrea Paoli e Ruggero Ranieri, Pendragon, Bologna 2007, pp 581. €
38,00


In occasione del 60esimo anniversario della fine della seconda guerra mondiale, la Fondazione Uguccione Ranieri di Sorbello ha promosso un convegno dal titolo Le biblioteche italiane durante la seconda guerra mondiale ( svoltosi a Perugia nei giorni 1-3 dicembre del 2005) che raccoglie gli atti del convegno perugino. I saggi raccolti studiano le molteplici realtà che hanno coinvolto le istituzioni bibliotecarie nei giorni cruciali della seconda guerra mondiale, esaminando approfonditamente sia le politiche governative (avvisi e circolari ministeriali) sia i provvedimenti adottati a livello pratico. Da quest’ottica si sviluppano una serie di testi che illustrano le vicende dei libri e di chi era chiamato a difenderli. Tutto il testo risulta essere un attento esame, esauriente e globale dell’intero universo bibliografico nazionale nelle sue multiformi espressioni, dalle biblioteche governative a quelle comunali, gli archivi ecclesiastici e quelli privati. L'analisi delle fonti parte dalla Prima Guerra mondiale. In questa occasione non esisteva una vera e propria distinzione tra il patrimonio artistico e quello librario: sarà la Direzione generale per l’antichità e le belle arti della Pubblica Istruzione ad avviare le operazioni per la protezione dell’intero patrimonio nazionale, affidandole all’attivismo e alla sensibilità di singoli promotori come Corrado Ricci e Ugo Ojetti. È ad opera di quest’ultimo e della sua lungimiranza che sarà organizzato il primo, generico piano di protezione dei beni artistici con la messa a punto di alcuni punti cardine: rimuovere le opere da tutte le città considerabili obiettivo militare, catalogarle in base a un criterio di importanza storico-artistica (soluzione discutibile ma tristemente necessaria), distribuirle in ricoveri sicuri a seconda del loro grado d’importanza, organizzarne anzitempo il trasporto. Solo a partire dal 1934 l’autonomia e l’identità del settore librario sono pienamente riconosciute e questo status permetterà la stesura di un piano di mobilitazione per le biblioteche anche in previsione di potenziali attacchi aerei. In seguito a precise disposizioni, tutto il materiale bibliografico doveva essere diviso in 3 gruppi a seconda dell'importanza storico-culturale che rivestiva: il materiale appartenente al gruppo A andava trasferito in ricoveri scelti dal Ministero, quello del gruppo B andava protetto in loco e trasferito solo in mancanza di un luogo adatto, mentre quello del gruppo C doveva restare sul posto. Ma alla teoria non corrisponde la pratica. In realtà i ricoveri già da tempo individuati, spesso risultavano inadatti a causa dell’umidità o erano addirittura già occupati da altri enti. Il fil rouge che percorre tutto il testo è un’indagine dalla forte connotazione comparatistica il cui scopo è quello di evidenziare le discronie presenti sul territorio e le differenze di provvedimenti, difficili ma necessari, che in quei giorni critici fu inevitabile prendere nei confronti di uno sterminato patrimonio culturale difficilmente difendibile in toto. Ma è anche il ricordo degli atti a volte eroici che hanno per protagonisti figure spesso oscure alla maggioranza: è il caso tragico del direttore della biblioteca dell’Archiginnasio di Bologna, Lodovico Barbieri che morì in un bombardamento l’11 ottobre 1944 mentre stava organizzando il ritorno del materiale librario all’Archiginnasio in seguito alla dichiarazione di Bologna quale “città aperta”. Interessante risulta essere l'analisi dell'operato sia delle truppe tedesche che di quelle alleate che, nel corso della guerra hanno dovuto invertire i propri ruoli nel giro di pochi giorni; nel caos derivato dall’8 settembre, i responsabili delle truppe cobelligeranti come anche quelli delle milizie nemiche si sono a volte scoperti privi di conoscenze specifiche e sensibilità culturali assolutamente indispensabili per la salvaguardia di opere di inestimabile valore. In questo arco di tempo si possono, infatti, distinguere due fasi: fino al settembre ’43 il problema della tutela del patrimonio archivistico era rappresentato sostanzialmente dai bombardamenti, successivamente ad essere pericolosi sono i saccheggi compiuti sia dai tedeschi che, in qualità di ex alleati si preoccupavano di tornare in possesso di documenti compromettenti, sia dagli americani ansiosi di rintracciare gli archivi del governo fascista e il carteggio privato di Mussolini. In ultima analisi il libro Le biblioteche e gli archivi durante la seconda guerra mondiale. Il caso italiano, ricchissimo di stralci, aneddoti, esempi nonché di un ottimo apparato di note anche biografiche, è organizzato secondo un vero e proprio excursus cronologico che partendo dalle origini dei piani di protezione, traccia, alla luce di nuove ricerche archivistiche, un bilancio il più definitivo possibile di ciò che la guerra ha causato e inquadra, anche con la presenza di un interessante appendice fotografica, un periodo storico per certi versi ancora oscuro e dalle dinamiche a volte contraddittorie.

ROSSANA PREZIOSO

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/PROSITPRESS/trackback.php?msg=5287877

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 











 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

AREA PERSONALE