Creato da mtttl il 01/10/2005

Pangea

Almanacco sulla scienza e sulla natura; con news e approfondimenti dal web ;caratteristica di questo blog è la lentezza, qui ogni argomento di scienza puo' essere approfondito con calma senza alcuna fretta come succede in tv o in altri luoghi.Gli aggiornamenti sono variabili,non hanno una data fissa qualsiasi notizia di scienza non passera' inosservata , anche se è passato del tempo verra' ripresa ed approfondita, chiunque ha interesse ed è registrato puo' commentare.Cerchiamo inoltre blog scientifici disposti a collaborare con noi.Inserite nuove notizie prossimo aggiornamento appena possibile .E' possibile usare il blog gemello per qualsiasi tipo di commento non scientifico. Visitateci

PANGEA: VIAGGIO NELLA SCIENZA

Questo blog viene aggiornato appena possibile,per impegni non mi è sempre possibile farlo, sono graditi i commenti , cerco di imparare nuove cose grazie a chi commentera',offendo spunti e magari perchè no, il lettore che è cultore di una materia scientifica potra prendersi cura in questo piccolo spazio  di un argomento scientifico che gli sta' a cuore  e diffonderlo aiutandoci a crescere.

Pangea è qui per questo.

Grazie a tutti voi

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

I DANNI ALLA SCIENZA

http://cinema.castlerock.it/film.php/id=9353/scheda=alien-autopsy
gli autori della burla della autopsia di un alieno diventati miliardari, a testimonianaza del fatto che non bisogna credere sempre a quello che viene detto in tv
Perditempo speculatori: ovvero come guadagnare soldi dicendo di venire dal futuro e dire che il mondo finira'ovvero la storia di John Titor
 
 

PREVIEW:LA BIOEDILIZIA

da Wikipedia"Con il termine bioedilizia, ci si riferisce a particolari metodi costruttivi e/o materiali provenienti dalla natura. Ovviamente quest'ultimi sono naturali e percio' non prodotti artificialmente dall'uomo. Diversamente dal solito nel settore edilizio dove si usano e si sono usati per migliaia di anni materiali per la costruzione creati dal uomo, la bioedilizia sfrutta prodotti naturali prodotti dalla natura per la realizzazione di strutture, opere edifici realizzati in materiali ecocompatibili. Un buon esempio moderno sono le case di solito villette realizzate interamente in legno di pino od altri materiali, usati a seconda della facilita' di reperimento nelle varie nazioni mondiali, che vengono realizzate con travi di legno disposti a sandwich con pareti esterno/interno con camera d'aria isolante. Queste strutture se ben costruite riescono infatti a riprodurre le pareti e le strutture di abitazioni cosidette tradizionali. I vantaggi delle costruzioni in legno: 1. Benessere e comfort abitativo 2. Ecocompatibilitá eccezionale 3. Alta protezione termica 4. assenza di umidità 5. Statica e antisismica 6. Prefabbricazione 7. Isolamento acustico elevato 8. Protezione antincendio 9. Durabilità e manutenzione." "

 

Pangea si occupera' a piu' riprese di questa materia con vari articoli.

 

 

 

« I coralli e la CO2Il Cosmo a Raggi X »

Lo sbiancamento dei coralli

Post n°403 pubblicato il 08 Luglio 2009 da mtttl
 

 

Lo sbiancamento dei coralli è un segno tangibile della reazione di questi a qualche forma di stress, soprattutto l’aumento della temperatura dell’acqua. Là dove maggiori sono stati gli effetti del riscaldamento globale è stata riscontrata una maggiore incidenza dello sbiancamento, che può peraltro avere luogo in presenza di altri fattori: irraggiamento solare (radiazione fotosinteticamente attiva o esposizione a radiazione ultravioletta), cambiamenti nella composizione chimica dell’acqua (specialmente del grado di salinità) o della sua opacità, cambiamento di correnti (che, a causa dell’accumulo di sedimenti, finiscono per deviare l’acqua calda della laguna verso la barriera), malattie del corallo, oppure uno slittamento degli strati di silt. In generale le cause dello sbiancamento sono naturali, anche se non è del tutto esclusa l’azione dell’uomo, in particolare l’inquinamento.

Un’area della barriera corallina dell’isola maldiviana di Moofushi, nell’Atollo di Ari, colpita duramente dallo sbiancamento verificatosi in conseguenza del Niño del 1998, in un’immagine del luglio 2006. Ancor oggi non si osserva alcun segno di recupero della copertura da parte di talune specie coralline, come quelle ramificate.

Un’area della barriera corallina di Kandholhudhoo, nello stesso atollo; anch’essa fu colpita dallo sbiancamento e distrutta quasi completamente; tuttavia in ques’isola i coralli ramificati hanno mostrato una notevole capacità di recupero e sono tornati all’originaria varietà di colori.

Conseguenze e ipotesi [modifica]

Se la causa stressante dura pochi giorni, il corallo ritorna rapidamente allo stato normale; tuttavia vi è il rischio che, una volta iniziato lo sbiancamento, il corallo continui a espellere le alghe simbiotiche anche se la causa dello stress viene rimossa; ciò avviene in particolare se lo stress dura parecchi giorni consecutivi. In questo caso, se la colonia di corallo sopravvive, possono passare settimane o mesi prima che la concentrazione dei simbionti torni a livelli normali. Il corallo morto, invece, diventa rapidamente oggetto dell’azione distruttiva della fauna ittica (in particolare dei pesci mangiatori di corallo come il pesce pappagallo) e soprattutto del mare, e si sgretola in poche settimane, andando cosí ad innalzare il livello di base della barriera e, alla lunga, finendo per produrre nuovo materiale per la formazione delle isole; si potrebbe pertanto interpretare lo sbiancamento come un’azione di difesa della natura contro l’innalzamento ciclico delle acque, ma diversi studi sono ancora in corso e questa rimane soltanto una delle ipotesi più accreditate. Non sempre su una barriera morta il corallo ricresce, ma quando ciò avviene passano diversi anni prima che la concentrazione corallina torni al livello iniziale. Ad esempio, in seguito agli effetti del Niño, nel 1998 oltre il 90% del genere Acropora spp. fu distrutto in molte aree dell’Oceano Indiano.

Condizioni di sopravvivenza [modifica]

Cambiamenti nella varietà di simbionti (altre varietà di zooxantelle, per esempio) sono estremamente rari, e generalmente implicano la presenza di specie non persistenti. L’abilità di sopravvivere a un fenomeno di sbiancamento e la possibilità di sopravvivenza variano grandemente fra le specie di corallo: alcuni coralli di grandi estensione, come il Porites lobata può sopravvivere a temperature molto alte e a gran parte degli effetti che esse comportano, mentre alcune varietà fragili come l’Acropora spp. sono, come si è visto nel caso dell’Oceano Indiano, molto più sensibili e non resistono allo sbiancamento. Alcune ricerche recenti hanno anche dimostrato che le specie costantemente sottoposte a piccoli stress sviluppano una certa resistenza al fenomeno.

tratto da wikipedia

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Pangea/trackback.php?msg=7352188

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Gaia.dgl1
Gaia.dgl1 il 08/07/09 alle 10:10 via WEB
Buono a sapersi!!!! Allora, quelli che ho io... si devono essere sbiancati x colpa del mio stress lavorativo, ke si concentrava sui lobi delle mie orecchie!!! ^___^
 
mtttl
mtttl il 08/07/09 alle 10:25 via WEB
come ogni ecosistema i coralli offrono protezione e ricovero per una grande varieta' di pesci ,ha la stessa funzione della foresta che offre un gran numero di ricoveri a migliaia di specie dagli orsi fino agli insetti,anche molti pesci pappagallo trovano rifugio in questo ecosistema ,la simbiosi negli ecosistemi è un fenomeno molto diffuso.
 
exasimpol
exasimpol il 07/09/09 alle 23:46 via WEB
Ciao Mtttl, avevo sentito di questo problema, perciò io vieterei già da oggi l'utilizzo la vendita e la produzione, e magari invece di stare nudi sotto il sole si sta con una maglietta e magari sotto l'ombrellone. Salutoni. Silvano.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

CITAZIONE DEL MESE

La vita è un processo che cerca conoscenza<<Vivere è imparare>>

Konrad Zacharias Lorenz (1903 – 1989), zoologo austriaco e premio Nobel per la medicina.

 

LA TAVERNA DEL GRIFONE

lascia qui i tuoi commenti , non scientifici, e altro visitate il blog gemello di Pangea nato per questo scopo;occorre registrarsi.La registrazione è assolutamente gratuita.

 
 

DIFFICOLTA'DI LETTURA

se trovi difficolta ' nel leggere gli  articoli clicca sul loro titolo per visualizzarli per intero.

 

ULTIME VISITE AL BLOG

fe.grecoangelascgastonegeomrosaria.puposonic56modusdomuscozzadgl2diletta.castelliairoasexydamilleeunanotteamonte87rinok2dantecremonesiericaperrecapaolo.gp1970
 
Get the Crystal Clock widget and many other great free widgets at Widgetbox!
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

I MIEI BLOG AMICI

LINK CORROTTI

segnala eventuali link corrotti o che ritieni non attinenti al sito.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Get the Earthweek - A Diary of the Planet widget and many other great free widgets at Widgetbox!