Creato da med.usa2 il 07/03/2008

Parole A Caso

Pensieri e parole di questa società

 

 

« I Fantastici quattro e l...FEDERALISMO O CENTRALITA'? »

La storia del pesce nel fiume...

Post n°20 pubblicato il 19 Maggio 2008 da med.usa2
 

Esco un attimo dai normali post per inserire questa favoletta, che può sembrare molto infantile, ma a mio parere non lo è, e, si adatta perfettamente a molte situazioni reali. Non metterò una morale, per il semplice fatto che non esiste una morale unica. Il bello delle favole è che ognuno può personalizzare l'insegnamento che si trae dalla lettura in base alla sua visione del mondo, alla sua conoscenza, esperienza, etc.
Buona lettura.

"...C'era una volta un pesce molto bello che viveva nel fiume. Pare che il leone vide il pesce e gli venne voglia di mangiarselo. Il leone andò al fiume, ma si accorse che non riusciva a nuotare così veloce per raggiungere il pesce. Allora chiese consiglio all'oppossum, e questo gli rispose:<< E' molto semplice: il pesce può vivere solo nell'acqua. L'unica cosa che devi fare è berti tutta l'acqua del fiume così il pesce non potrà più muoversi e tu potrai assalirlo e mangiartelo>>. Il leone si mostrò molto soddisfatto del consiglio dell'opossum e lo ricompensò promettendogli un posto da consigliere nel suo regno.
Il leone andò nella riva del fiume e incominciò a bere.
Morì esplodendo per la troppa acqua.
L'opossum rimase disoccupato...."

Tratta da: Racconti per una solitudine insonne, autore: Subcomandante Marcos.


La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Paroleacaso/trackback.php?msg=4726716

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
ele0n0ra1986
ele0n0ra1986 il 22/05/08 alle 10:33 via WEB
Grandissimi questi racconti. A me piace molto: "La storia della spada, dell'albero, della pietra e dell'acqua".
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

LA TIRANNIDE DI UN PRINCIPE IN UN OLIGARCHIA NON E' PERICOLOSA PER IL BENE PUBBLICO QUANTO L'APATIA DI UN CITTADINO IN UNA DEMOCRAZIA.
C. L. de Montesquieu


 
 

BERLUSCONI QUESTO SCONOSCIUTO...


 
 

FACEBOOK

 
 

AREA PERSONALE

 

 

POCHI MOTIVI PER ESSERE ITALIANI


 

 
Se esiste un uomo non violento, perché non può esistere una famiglia non violenta? E perché non un villaggio? una città, un paese, un mondo non violento?
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ansa007psicologiaforenseWIDE_REDsidopaulbal_zacunamamma1agostino.deleoadoro_il_kenyanick48ydistefanolaura_1976strong_passionfalco58dglmeneco1mauromoroniitaloseidita
 

LA VERA LEGA NORD

 
 

MARCO TRAVAGLIO AL V-DAY


 
 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

RAFTING A ROMA?

 
 

RAFTING SULLE ALPI?

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 4