Creato da kayfakayfa il 10/01/2006

LA VOCE DI KAYFA

IL BLOG DI ENZO GIARRITIELLO

 

 

CIAO, LUCIANO!

Post n°2020 pubblicato il 18 Luglio 2019 da kayfakayfa
 

 

Di seguito la versione integrale dell'articolo pubblicato su comunicaresenzafrontiere.it

Tra ieri e oggi ci hanno lasciato, a distanza di poco più di ventiquattro ore l'uno dall'altro, Andrea Camilleri, il papà del commissario Montalbano, e poi Luciano De Crescenzo, l'autore di Così Parlò Bellavista.

Se sulla scomparsa dello scrittore siciliano ho taciuto per una questione di pudore, rispetto e dignità personale non avendo letto praticamente nulla di suo se non qualche estratto dai suoi romanzi e qualche articolo apparso sui giornali, altrettanto non farò per De Crescenzo di cui ho letto praticamente quasi tutto, a partire da ZIO CARDELLINO il suo romanzo di esordio, a COSI' PARLO' BELLAVISTA che lo rese famoso in tutto il mondo, alla sua autobiografia STORIA DI LUCIANO DE CRESCENZO SCRITTA DA LUI MEDESIMO, unitamente a tutti i testi sulla STORIA DELLA FILOSOFIA GRECA.

Posso dirlo senza essere tacciato di piaggeria, fu proprio grazie ai suoi libri sulla filosofia che mi sono appassionato a questa disciplina: la semplicità della sua scrittura, unitamente alla sua innata ironia e indiscussa capacità di rendere comprensibili le cose difficili anche a chi non possedeva l'ABC, ne hanno sancito la grandezza letteraria, a prescindere da quanto ne dicessero gli addetti ai lavori, ossia i professori di filosofia, per fortuna non tutti, che vedevano De Crescenzo con il fumo negli occhi perché, a loro dire, s'era addentrato in un campo che non gli apparteneva, usurpandoli dello scettro della sapienza. Una sorta di moderno Prometeo reo di  aver rubato la sacra fiamma della conoscenza dall'Olimpo per offrirla agli uomini!

Se con Camilleri se ne è andato un pezzo di Sicilia, con De Crescenzo se ne va un pezzo di Napoli. Quella città che lui amava e odiava al tempo stesso a causa delle tante contraddizioni che la caratterizzano, che lui seppe mettere in luce nel suo capolavoro letterario COSI' PARLO' BELLAVISTA. E che anni dopo ebbe l'ardire, ma anche la straordinaria capacità di trasporre in versione cinematografica nel doppio ruolo di regista/attore, dimostrando la propria versatilità artistica. A distanza di anni, tuttora quel film viene spesso replicato da qualche emittente napoletana e, come i film di Totò, lo si rivede sempre con piacere.

Se del privato di Camilleri si sa poco o nulla, di De Crescenzo s'è saputo molto essendo stato oggetto di gossip per le tante storie d'amore che ha vissuto con star nazionali e internazionali. Una su tutte Isabella Rossellini!

Ero poco più che quindicenne quando lessi COSI' PARLO' BELLAVISTA: comprai il libro in una cartolibreria a Portici dove eravamo in visita dai genitori di papà. Quando uscii con il libro tra le mani e glielo mostrai, papà disse, "All'interno si racconta l'episodio di quando, mentre era da Minale - Minale è il negozio di giocattoli dove papà ha lavorato per oltre quaranta anni - per degli acquisti, gli rubarono degli oggetti dall'auto!"'. Quell'episodio è stato trasposto nel film con la magistrale interpretazione di Riccardo Pazzaglia nella scena del Cavalluccio Rosso.

Pur conoscendolo come si può conoscere un cliente affezionato, di De Crescenzo papà ne parlava con rispetto, definendolo un signore sorridente e disponibile con tutti.

Da ieri la Sicilia è in lutto per la scomparsa di Camilleri, da oggi Napoli lo è per quella di De Crescenzo. Ma non avendo l'arte confini, tra ieri e oggi in lutto è il mondo intero dell'arte, nazionale e mondiale.

Speriamo che il Senato, così come ieri ha tributato un minuto di silenzio allo scrittore siciliano, altrettanto faccia oggi per la scomparsa di De Crescenzo. Entrambi con le loro opere hanno contribuito a rendere grande l'Italia.

A dispetto di alcuni politici che con le loro sbruffonate e cialtronerie non fanno altro che gettare fango sulla nazione!

CIAO, LUCIANO!

Vincenzo Giarritiello

 
 
 

FOLLIA DIVINA

Post n°2019 pubblicato il 13 Luglio 2019 da kayfakayfa
 

 

Il tempo era sospeso nella staticità virtuale dell'amalgama divina.

La notte e il giorno, il bianco e il nero, la vita e la morte, l'uomo e la donna confusi nell'edenico androgine primordiale, languivano nel lattiginoso guscio, amebiche presenze dalle indistinte trasparenze del tempo che fu.

Nella sua infinita grandezza il supremo demiurgo impugnò la spada infuocata e squarciò il velo di tenebra con rilucenti lampi, fendendo violentemente la placenta dalla cui ferita le acque materne si riversarono nell'infinito spazio partorendo il cielo e la terra, alterne patrie dell'umana stirpe. Capriccio creativo di un Dio che nell'esaltazione parossistica della creazione decretò l'inizio della fine.

È compito nostro, uomini morsi dalla serpe della conoscenza, di arrestare lo scempio che la divina illusione va compiendo. Stretti nel gelido abbraccio della solitudine, amica fedele che ovunque ci accompagna, ci libriamo oltre le nuvole in un sonno purificatore, mentre gli ufficiali delle angeliche legioni ci armano di lancia e spada unguendoci la fronte di olio benedetto per rafforzarci nello spirito, indicandoci il sentiero da seguire per raggiungere l'esercito celeste per unirci a esso in battaglia contro il demone dell'illusione che dalle sue fetide fauci alita le fiamme del desiderio, causa primaria dell'eterno male.

Lo sprofondare improvviso in un pozzo nero e senza fondo, da cui esala il fetore degli innumerevoli cadaveri in putrefazione, stordisce gli spiriti più deboli, distogliendoli dalla sacra battaglia. Arricchendo quelli che a esso sanno resistere, concedendo loro di trovare la risposta al perché della vita; scatenando le loro menti lungimiranti in evoluzioni pindariche fino a condurle agli estremi limiti dell'universo, catapultandole verso il sacro fuoco che arde al centro del firmamento.

Aquila splendente dalle dorate piume, l'anima si invola incontro all'astro del giorno ad ali spiegate. Al suono di invisibili trombe, avanza verso il magnete di fuoco dando l'impressione di volerlo sfidare per usurparne il trono. Imperatrice altera di uomini senza nome e senza volto, sferza l'aria con le ali stringendo negli artigli una pergamena intrisa di sangue su cui spiriti ribelli a un'esistenza formale hanno stretto un patto con Dio implorandone il soccorso onde concedesse loro, umili servitori, il privilegio di varcare la soglia del tempio per bere dalla Sacra Coppa l'acqua dell'eterna giovinezza che fino e poco prima ristagnava nei loro cuori dormienti di pecore al pascolo alla guida del pastore.

Risvegliandole, il Signore Dio beatificò le loro anime ricostituendo l'unità originaria, restituendo all'uomo la sua funzione di nucleo primordiale da cui infiniti raggi si diramano ad intrecciare quelli di altri nuclei, formando una sottile catena di anime senza tempo e senza luogo da cui l'anima dei mondi si fonde in un abbraccio mortale, sintomo del passaggio di stato in cui tutti incorriamo per riposarci dall'immane fatica che l'edificazione della babelica torre richiede per l'illusorio incontro con Dio un giorno che fu, che è, che sarà.

Ciò mai accadrà perché Dio si espande nell'evoluzione delle coscienze: più le coscienze evolvono, più Dio si allontanerà da loro perché Egli si nutre dei frutti che le coscienze hanno seminato e raccolto in terra in un susseguirsi esistenziale che da Adamo in poi si protrae all'infinito, vita dopo vita.

Il pianto del neonato partorito dal ventre della donna è il segnale che un nuovo mondo è sorto per servire Dio nell'estenuante opera di sutura della placenta primordiale da cui si riversano le acque della creazione seminando morte e distruzione, ma anche gioia a amore!

Erranti cavalieri in groppa ad alati destrieri sorvoliamo le lattee vie con iperboliche traiettorie, viaggiando da un sogno all'altro guidati dalla rilucente cometa la cui iridescente coda accarezza la fulva criniera dell'immortale Pegaso, l'inesauribile stallone astrale che, teso nel compimento dello sforzo creativo, sparge nel vuoto cosmico il fluente seme, affidandolo al soffio divino affinché lo vivifichi con l'inestinguibile fuoco della passione, alimentato dalla lussuriosa danza di Venere che incendia le anime fino a ridurle in cenere che Borea, il vento astrale, disperderà nell'infinità del tempo.

Allorquando l'alato mito placa l'impeto creativo, un mare celeste si estenderà sotto di sé. Vele gravide lo fenderanno con briosa schiuma, piroettando tra le onde in allegre rotte serpentine disegnate da timonieri millenari.

All'orizzonte vette piramidali, eternamente imbiancate, sfiorano il cielo regalando l'incantevole scenario di un'alba senza tempo, nella vibrante attesa che essa sorga dentro di noi liberandoci dell'alternanza temporale giorno/notte, connubio vitale con cui un demone malvagio ha ingannato l'umanità intera, schiavizzandola a sé con l'ammaliante canto di splendide sirene bramose di fondersi in spossanti amplessi al fine di depredare l'umanità del gene creatore, estinguendo la fiamma che rischiara le tenebre dell'eternità.

L'ansante ritmo dei corpi fusi nell'ancestrale unione generativa dà vita a un suono muto le cui vibrazioni, in un crescente di sensuali movenze, sfociano nell'apicale nota del piacere, riunendo disciplinatamente le particelle cosmiche sparse nell'universo in formea dalle labili consistenze che si lasciano risucchiare nella spirale ombelicale per essere seppellite nelle viscere della terra da cui germoglieranno in consistenza materiale, azione combinante dei geni elementari sul tratteggio pentagrammato che antiteche polarità imbastiscono nell'orchestrale unione dei sensi.

Sfibranti orgasmi consumati nell'orgiastica visione di volti e corpi trasfigurati dall'accattivante piacere umorale intrisi di sudore; gli occhi levati al cielo nell'estatica visione di un dio incarnato, sacrificato sul vegetale intreccio infisso sul teschio bagnato dal sangue purificante che fuoriesce dai cardinali punti corporali, mentre un tremendo boato sentenzia l'imminente cambiamento di stato di colui che sacrificò se stesso per salvare l'umanità corrotta e ingrata.

Schiavi dell'ipocrita pentimento affondiamo il viso nello sterco, consapevoli delle pesanti colpe commesse verso colui che si lasciò uccidere per donarci la vita eterna. Mai domi di peccare, a frotte accorriamo alla corte di un'acerba meretrice che offre le proprie grazie solo per il gusto di sentirsi padrona di un branco di caproni instupiditi dal suo fiore nascosto che sbuffano frementi di appagare l'incontenibile desiderio che la sua visione suscita in loro. Ipocrite vipere, moralizzatori da strapazzo, sprofondano stancamente in un sofà sviliti della sovrana dignità che un tempo fu loro concessa, lasciando che lo scettro della creazione penda  mestamente tra le loro gambe, incapaci di resistere alla maliziosa concubina che astutamente ha svelato la loro animica lordura.

Nell'alchimia dei sensi le menti incontrollate evocano mostri, rifiuti astrali la cui gioia distruttiva trova il proprio appagamento nella furia assassina di coloro che si credono comandanti, condottieri, imperatori, ma che in realtà sono inconsapevoli strumenti alle direttive del mostro satanico il quale, nell'inaccettabile sconfitta, si doma con fameliche offerte dall'amaro sapore dell'ingiustizia e della crudeltà, illudendosi di sconfiggere Dio di cui a sua volta è inconsapevole strumento per il raggiungimento della perfezione in terra.

Intrepidi argonauti alla ricerca del Vello d'oro, sondiamo l'infinito esplorando le sferiche stazioni dove creature angeliche e infernali si affrontano nell'estenuante lotta tra bene e male da dove nessun vincitore risulterà essendo l'alternanza alba a tramonto condizione imprescindibile per la vita.

Come accade nell'ermetico caduceo, dove le serpi si intrecciano in un recondito messaggio iniziatico, solo chi riuscirà ad annientare il veleno inoculatogli dai morsi traditori dell'odio e dell'amore, restando immune da dolori e gioie, un giorno godrà le angeliche visioni indotte dall'estasi della piacevole unione.

Il sei, numero bestiale, giorno della creazione umana, è l'eccellente tomo dell'infinito libro in cui le ventidue lettere della kabbala ebraica assumono toni figurativi, esplicando alle ansiose menti avide di sapere il misterioso arcano della creazione; ingiungendo a coloro che per volontà divina cavalcano le onde dell'ascetica visione d'essere avveduti nell'incedere nei corridoio del labirintico sentiero, ponendo attenzione ai fallaci impulsi che il vizio e la virtù animano in essi all'apparire di ninfe e pellegrini stanchi.

Allegri menestrelli di favolose storie, principi fate streghe maghi stregoni per noi son solo tracce dell'infantile natura che alberga nei nostri cuori infiammati di desiderio dall'immacolato spirito del primitivo istinto immaginativo. Seduti alla rotonda tavola banchettiamo ammirando il RE e la Regina tenersi per mano sorridenti. Cortesi personaggi dal principesco rango levano al cielo la sacra coppa  intonando un osannante canto.

Seduto sul cubico trono l'imperiale protagonista accoglie nel proprio castello ambasciatori di popoli lontani giunti nelle avalloniche pianure per testimoniare al sovrano la fedeltà di genti dimenticate che attendevano il salvatore per ritornare a vivere in pace e libertà. L'orso sornione dorme profondamente in attesa che l'uomo baci la sua sposa, risvegliando il canto d'amore sopito nel proprio cuore. Soave sinfonia che ravviva il ricordo di un aureo passato dove gli uomini vivevano tra loro in biblica fratellanza,  punti fermi di nature amorfe dove razza, ceto e colore della pelle erano insignificanti particolari che non lasciavano traccia.

Tinti d'azzurro il cielo , di verde i prati, di arancio l'alba, di rosso il tramonto, l'Eterno artista dette un saggio della propria abilità separando tra loro suoni e colori, dando vita alla determinatezza dell'essere. Ma quando comprese la pericolosità della dualità, cercò di unificarla nell'unità della creazione assegnando a ogni cosa un ruolo distinto.

Purtroppo lo strappo inevitabile del due dall'uno fu solo rinviato con quello del due dal sei quando l'umana natura vide il giorno, dopo aver vissuto a lungo nel buio placentare. L'alternanza fuggente tra luce e tenebre obbligò alla natura interna di separarsi da quella esterna. Fu così che nacquero l'uomo e la donna, l'uno figlio del sole l'altra della luna, che nelle alterne eclissi copulari intervallano il dominio del bene e del male su questo mondo, trafiggendo l'umanità con la lancia della vita che trapassò l'evangelico costato per svelare il succo dell'eternità che parla il muto linguaggio dell'amore.

Parole, solo parole bastarono a Dio per creare il tutto. Dal semplice "dire" un complesso ordinamento cosmico si andò formando dal caos dell'unità primordiale. Dall'uno nacque il due, dal due il tre, dal tre il quattro, dal quattro il cinque, dal cinque il sei, dal sei il sette, dal setto l'otto, dall'otto il nove.

Per giungere al nove si deve attraversare tutto l'ordinamento universale in quanto la legge impone che solo chi ha percorso, tappa dopo tappa, il periglioso cammino esistenziale, possa poi proseguire sul sentiero decimale, livello successivo a cui seguirà il ventennale, poi il trentennale e così via, fino a perdersi nell'infinito non essendo prevista una fine in quanto l'uomo, riflesso divino in terra, è illimitato e immortale al pari di Dio!

Solo il corpo, corruttibile strumento di cui l'uomo è stato dotato per viaggiare in eterno  nelle infinità siderali, si arrende alla morte. L'essenza dell'uomo, l'anima, mai perirà. Vita dopo vita, essa rivestirà forme diverse per esperimentare nuove forme di vita, assimilando continue conoscenze, nell'illusione di poter un giorno incontrare Dio. Ma dal quale paradossalmente si allontana, man mano che acquisisce consapevolezza perché l'evoluzione della coscienza umana è il nutrimento che consente a Dio di espandersi sempre più!

Se per molti il tempo rappresenta un insignificante aspetto del ritmare del respiro divino, per chi anela all'incontro con Dio, estrema salvezza alla terrificante incomprensione della vita e della morte, le mortali tappe simboleggiano il giusto premio alle sofferenze patite in vita; il mezzo necessario per comprendere ciò che è giusto da ciò che non lo è: la verità e la falsità hanno spesso aspetti indistinti, difficili da capire se non si conosce la volontà di Dio che nella sua opera creatrice ha manifestato come tutto sia  racchiuso in Lui e Lui sia in tutto racchiuso.

Dimostrando così quale folle irrazionalità abbia originato  il creato: Follia Divina!

Vincenzo Giarritiello

 
 
 

GIANLUCA GUILLARO, UN GIOVANE IMPRENDITORE NAPOLETANO SI RACCONTA

Post n°2018 pubblicato il 08 Luglio 2019 da kayfakayfa
 

A seguire la versione integrale dell'intervista pubblicata su comunicaresenzafrontiere.it

Poco più che ventiseienne, laureato in Economia Aziendale, Gianluca Guillaro è un giovane/dinamico imprenditore napoletano che insieme a tre colleghi di università ha fondato a Roma MARKAPPA SRL, agenzia di marketing e comunicazione, in crescita esponenziale.

Gli abbiamo posto alcune domande per conoscere meglio lui e la sua azienda.

Gianluca a giugno si è fondata MARKAPPA, ci spieghi esattamente cosa è?

È una società di consulenti di marketing. Nello specifico quattro giovani professionisti del settore: io, Eduardo Saba, Giuseppe De Nicola e Andrea Sergiacomo. Ci siamo conosciuti quattro anni fa all'università Sapienza per un progetto di marketing e comunicazione digitale. Lavorammo su un prodotto yogurt che ci fu assegnato dalle nostre professoresse. Da quel progetto nacque tra noi una forte sintonia tanto che siamo riusciti a portare quell'idea sulla scrivania dell'azienda che ci fu affidata per "gioco" e per studio dalle docenti, riuscendo a venderla a questa ditta di yogurt molto nota nel nord Italia. Da lì decidemmo di metterci in gioco: aprimmo la partita IVA e iniziammo a lavorare come liberi professionisti. Da giugno di quest'anno abbiamo deciso di fare un ulteriore salto di qualità, costituendo MARKAPPA SRL e metterci sul mercato come consulenti di marketing.

Tu sei napoletano, ma MARKAPPA ha sede a Roma. Qual è il motivo di questa scelta?

La scelta di Roma dipende dal fatto che, studiando lì, già ci trovavamo sul territorio. Dunque decidemmo di prendere un ufficio nella capitale e di iniziare a lavorare.

Tu e i tuoi soci siete tutti napoletani?

No. Io sono napoletano, poi c'è un siciliano e due romani. Sembra l'incipit di una barzelletta, in realtà siamo un team ben affiatato.

Con voi avete dei collaboratori?

Abbiamo dei consulenti esterni sia per quanto riguarda la grafica sia per quanto concerne lo sviluppo di siti web.

Nello specifico mi faresti un quadro di cosa esattamente si occupa MARKAPPA?

MARKAPPA si divide in due branche fondamentali, quella del marketing strategico e quella del marketing operativo. Il marketing strategico è votato alla consulenza di marketing: un'azienda o una persona ci contatta, ci racconta la sua realtà aziendale o il proprio progetto personale, nello specifico il personal branding di cui si parla tanto ultimamente soprattutto con Instagram, e insieme pianifichiamo una strategia volta a promuovere la persona o l'azienda. Ovviamente gli obiettivi sono diversi: pubblicizzare la propria immagine o accrescere la propria notorietà; o obiettivi di vendita, quindi cercare in breve tempo una monetizzazione.

La vostra attività è limitata a aree specifiche o si estende su tutto il territorio nazionale?

Operiamo su tutto il territorio nazionale, ma i principali clienti li abbiamo nel centro-sud tra Roma, Napoli, Bari e Palermo. Questo è il nostro polo operativo maggiore.

Esattamente tu in MARKAPPA che ruolo occupi?

La mia funzione è quella del CEO, una sorta di ambasciatore di MARKAPPA, la figura esterna che insieme al direttore commerciale parla con i clienti, cerca bandi, partecipa a eventi. Un po' il frontman della società!

Quali sono i vostri obiettivi a breve e a lunga scadenza?

A breve termine affermarci nel centro-sud come tra le prime aziende di consulenza di marketing. A lungo termine vogliamo tornare da dove siamo partiti per cui estenderci al nord Italia e, perché no, all'estero. A riguardo già stiamo trattando la comunicazione di un brand in Spagna.

In quali settori operano per lo più i vostri clienti?

I nostri clienti operano nei settori più disparati. Il nostro core business è il food insieme alla sicurezza. Ma non ci poniamo limiti. Come dicevo prima la comunicazione si apre a più settori, perfino a quello degli scrittori, come hai avuto modo di sperimentare anche tu. In questo caso ci preoccupiamo di far conoscere l'autore, di pubblicizzarne l'immagine e l'operato. Soprattutto per quanto riguarda coloro che come te affidano le proprie pubblicazioni al self publishing. Un mondo a noi sconosciuto fino a quando non abbiamo lavorato con te e con una scrittrice di Palermo. In questo caso seguiamo tutto il processo creativo, dall'impaginazione alla grafica fino alla pubblicità dell'opera.

A un neo laureato in economia suggeriresti di intraprendere il tuo stesso cammino professionale?

Certo. Anche se devo dire che il mio percorso è iniziato all'indomani della laurea: credo di aver studiato e letto più libri dal giorno dopo che mi sono laureato anziché quando ero all'università. Come diceva Eduardo, è proprio vero, "gli esami non finiscono mai!"

Vincenzo Giarritiello

 
 
 

INCIPIT DEL MIO PROSSIMO ROMANZO

Post n°2017 pubblicato il 06 Luglio 2019 da kayfakayfa
 

 

Risultati immagini per viandante sul mare di nebbia

Di seguito l'incipit del nuovo romanzo che spero di pubblicare per la fine dell'anno. 

PROLOGO

All'orizzonte il tramonto srotolava sul mare un tappeto di stelle. L'ombra del promontorio spruzzato di viti si stemperava sull'acqua increspata dallo zefiro. L'incanto del sogno, frammisto all'aria fragrante di sale e agrumi, spingeva le barche, dalle vele ingravidate dal vento, oltre i limiti del mondo.

Avanzando a piedi nudi sulla battigia, il ragazzo osservava le onde inseguirsi sul mare come pagine di un libro sfogliate velocemente, da cui sciamavano nella sua mente desiderosa d'emozioni leggendarie città, continenti scomparsi o lontani, civiltà misteriose, uomini senza scrupoli, maghi bianchi e neri, donne prodighe d'amore. Ciononostante, un'arcana forza lo legava alla collina che s'innalzava alle proprie spalle.

Tutte le mattine scendeva sulla spiaggia a mirare le imbarcazioni dirigersi verso l'ignoto. Quando il fischio del treno si levava attraverso la vegetazione che ammantava l'altura, un sorriso amaro ne feriva il volto.

Una sera, mentre rientrava a casa, salendo il sentiero che conduceva al podere di famiglia, trovò una stella marina. Rigirandola a lungo tra le mani, pensò fosse il destino d'ogni creatura che sfuggiva al proprio mondo inaridirsi fino a morirne. Quel pensiero accrebbe in lui la rabbia. Di slancio si girò e gettò la stella nel vuoto in direzione del mare.

Osservando i propri sogni dissolversi nell'aria, si chiese se un giorno li avrebbe ritrovati...

CAPITOLO I

Il treno a diesel, sferragliando, si arrestò sui binari della piccola stazione di campagna. Impaurito dallo stridore dei freni, uno stormo di tortore schizzò via in volo dagli alberi.

Sul margine del marciapiede assolato lo attendeva il capostazione dal viso tondo e gioviale da cui si effondeva un profondo senso di tranquillità, prerogativa di quanti vivono in luoghi ameni e nelle cui anime sembrano trasfondersi la purezza e la leggerezza della quieta atmosfera che respirano.

Il ferroviere, impettito nell'uniforme di stoffa leggera colore del cielo all'imbrunire che pareva essergli stata cucita addosso, osservava l'uomo, la donna e il ragazzo con lo zaino sulle spalle uscire dalla sala d'attesa per raggiungere l'ultima carrozza.

- Abbi cura di te! - sospirò la donna, guardando con tristezza il figlio aprire lo sportello. Gli occhi verdi, resi umidi dall'emozione, scintillavano al sole come gemme preziose.

- Non temere, mamma - la rassicurò - Appena arrivo ti chiamo - aggiunse tirando fuori dalla tasca dei pantaloni il cellulare.

- Allora, hai deciso dove andare? - chiese il padre fissandolo negli occhi.

- Deciderò strada facendo - rispose pensieroso, abbassando la maniglia.

Il ragazzo assomigliava in maniera impressionante alla madre, tuttavia il tratto degli occhi ricalcava il disegno paterno.

- Qualunque cosa ti accada, ricorda che potrai sempre contare su di noi! - disse l'uomo, dando l'impressione di pronunciare quelle parole per pura formalità.

- Non temere - mormorò lui, spingendo con rabbia lo sportello. - Non mi accadrà nulla di spiacevole!

- Lo spero! - La sprezzante risposta sortì l'effetto di una stilettata al cuore del giovane.

- In carrozza, si parte! - La voce del capostazione pose fine ai saluti. Con un profondo respiro il ragazzo si aggrappò al corrimano e di slancio salì nel vagone. Richiuse lo sportello dietro di sé e si avviò nello scompartimento che si apriva al proprio sguardo.

Al fischio del capostazione il convoglio cominciò a muoversi a scossoni inoltrandosi lentamente nella fitta vegetazione che cresceva ai margini delle rotaie, lasciandosi alle spalle l'uomo e la donna che lo fissavano allontanarsi tra le fronde portando via con sé il loro unico figlio nato dopo cinque anni di matrimonio. Il tardo concepimento non era frutto né di una scelta ponderata da entrambi, né conseguente a un problema di fertilità, ma semplicemente perché la vita aveva voluto così, impedendogli di mettere al mondo quella prole numerosa che sognavano da fidanzati. Com'era accaduto ai genitori di suo padre, i quali avevano concepito il loro unico figlio subito dopo il matrimonio e poi più nulla, seppure entrambi fossero sani e desiderassero averne altri. Uno dei tanti misteri della vita che segnano l'esistenza di molte coppie, privandole del piacere di una famiglia numerosa.

Con le mani strette ai tiranti dello zaino, il ragazzo entrò nella carrozza deserta.

Osservò le fila di sedili tristemente vuoti, separate dallo stretto corridoio che immetteva nello scompartimento successivo, chiedendosi se anche in quello non ci fosse nessuno.

La curiosità lo spinse a varcare la soglia.

Avanzando tra la schiera di poltroncine, si domandò se quel deserto non giustificasse le perplessità del padre sulla sua decisione di partire quando gliela aveva comunicata...

Sdraiati all'ombra di un ulivo secolare dal tronco nerboruto, padre e figlio riposavano dopo aver lavorato l'intera mattinata a spianare una terrazza di terra sotto il sole. Con aria soddisfatta, i volti abbronzati solcati da gocce di sudore, gustavano il pollo alla cacciatora cucinato dalla madre innaffiandolo con lunghe sorsate di vino biancotenuto al fresco nella borsa termica sistemata tra le radici dell'albero.

Figliolo, un giorno tutto questo sarà tuo! - fece orgoglioso l'uomo, abbracciando con lo sguardo il vigneto che si estendeva a vista d'occhio sulla collina.

Il mare era solcato da uno sciame di windsurf; all'orizzonte, un'isola si stagliava nel cielo terso.

Guarda che meraviglia! - mormorò, mostrando al figlio il grappolo d'uva tratto dalla cesta al fianco. Staccò un chicco e, stringendolo tra le dita, trafisse con lo sguardo la sottile cuticola che lo ricopriva.

Queste viti sono tanto rigogliose per via del sole che scalda la terra su cui crescono, rendendola magica - disse raccogliendo un pugno di terreno. - Nei loro chicchi è racchiuso l'amore e la fatica con cui, da sempre, gli uomini la curano. - Allargò il palmo, disperdendo il terriccio nel vento. - Questo è il segreto che fa sì che il vino ottenuto allontani i dispiaceri di quanti vi cercano conforto senza bruciarne le menti e i cuori. - Schiacciò il chicco tra le dita: un'appiccicosa poltiglia rossastra aderì ai polpastrelli. Con gesti misurati dall'esperienza, sfregò tra loro le estremità umide di succo per determinare dalla viscosità la gradazione del vino che se ne sarebbe ottenuto e quindi la qualità. Un denso filamento si tese tra il pollice e l'indice. L'uomo sorrise: quell'annata sarebbe stata ottima. Staccò un altro chicco e l'offrì al figlio che lo assaggiò senza entusiasmo.

Allora? - domandò impaziente.

Sembra buona - disse lui, masticando distrattamente.

Offeso, il padre si drizzò sulla schiena.

Ma che dici? Quest'uva è ottima! Da anni non ne avevamo di così dolce. Il vino che ne ricaveremo sarà un vero nettare degli dei!

Il ragazzo non lo ascoltava. In lontananza, tra gli alberi, filtrava la densa scia di fumo nero del treno subito seguita dal fischio. Fin da bambino ne restava sempre rapito.

Mi ascolti? - chiese l'uomo.

Sì! - rispose il figlio, fissandone con decisione il viso corrucciato - E sappi che non ho alcuna intenzione di sacrificare la mia vita su questa terra. Io voglio conoscere il mondo e confrontarmi con gli altri. Papà, ho voglia di vivere, non di vegetare come una pianta, in eterno, nello stesso luogo, lasciando che il sole e l'aratro traccino il mio cammino. Il futuro voglio costruirlo da solo con le mie mani! - aggiunse, mostrando i palmi callosi.

Il padre li osservò con attenzione. Alla stessa età i suoi non erano così, la loro rudezza testimoniava che suo figlio, malgrado odiasse lavorare la terra, quando impugnava la vanga e l'aratro dava l'anima.

Sapevo che questo giorno sarebbe arrivato - mormorò rassegnato. - Da che sei nato, tuo nonno non fa che ripetere che sei uno spirito libero; che un giorno avresti rinnegato le tue origini contadine - Parlando, con rimpianto fissava il manto di viti ricoprire la collina. - In cuor mio speravo si sbagliasse: ho sacrificato l'intera vita per ottenere ciò. - Sospirò profondamente. - Chissà il dolore di tua madre quando le comunicherai la tua decisione!

Ora ti preoccupi di lei? - sibilò tra i denti il ragazzo, piegando leggermente il capo - Eppure, quando ti rechi a quelle maledette fiere lasciandola sola per intere settimane, non te ne curi per niente, vero? Come non ti preoccupi di regalarle una breve vacanza perché per te esiste solo la vigna. Forse temi che, andando io via, sarai costretto a dedicarle più tempo? Rilassati, quando ieri le ho parlato mi ha benedetto, dicendo di non preoccuparmi per lei perché il suo posto è al tuo fianco, ed è pronta ad accettare qualunque cosa perché ti ama. Sì, ha detto che ti ama! Parole che tu non le hai mai rivolto perché ami soltanto questa dannata terra!

La voce improvvisamente si frantumò in un pianto. Si girò di fianco per non concedere al padre la soddisfazione di vederlo singhiozzare come un bambino.

L'uomo levò lo sguardo tra le foglie dell'ulivo. Il vento accarezzò le fronde. Con aria assente tornò a fissare i filari di viti sulla collina.

Quando partirai? - domandò.

Subito dopo l'esame di maturità! - rispose portandosi le ginocchia al petto per poggiarvi il mento, il viso segnato dalle lacrime.

Era iscritto al liceo scientifico con un ottimo rendimento tanto da far sperare che all'esame potesse prendere il massimo. Una volta diplomatosi, sapeva che le attese del padre prevedevano s'iscrivesse alla facoltà di agraria in modo da poter applicare alla cura della vigna le conoscenze acquisite con gli studi, consentendo all'azienda di famiglia quel salto di qualità che avrebbe permesso di avviare una vera propria impresa di vini, puntando non solo al mercato locale e nazionale, ma anche a quello estero. Lui avrebbe voluto invece iscriversi a medicina, malgrado consapevole che superare i test d'ingresso non fosse semplice e che, seppure li avesse superati, il corso di studi sarebbe stato lungo e complesso. Sua madre, nel momento in cui le aveva confidato la propria intenzione di tentare l'ingresso a quella facoltà, gli aveva suggerito di non essere avventato nella scelta; di pensare a diplomarsi e poi ne avrebbero riparlato, magari dopo il viaggio che aveva deciso di intraprendere subito dopo la maturità. Secondo lei non era improbabile che, una volta libero dagli impegni per la preparazione dell'esame, viaggiando, avrebbe avuto modo di schiarirsi le idee e decidere sulla scelta giusta da compiere. In cuor suo anche lei avrebbe preferito che s'iscrivesse ad agraria, ma sapendo quanto il figlio le fosse legato, non glielo aveva detto per non condizionarlo.

Andrai via da solo o con qualche amico? - domandò suo padre

Penso da solo: ho bisogno di riflettere sul mio futuro!

Hai anche la mia benedizione! - disse l'uomo, alzandosi di scatto per riprendere il lavoro, incurante del sole a picco.

CAPITOLO II

- Resterai via molto? - chiese la madre, fissando il figlio riempire lo zaino.

- Non saprei - rispose, pressando il carico nel sacco. Si girò a guardarla, il viso della donna era il ritratto della sofferenza.

Le andò incontro e la strinse a sé.

- Mi raccomando, chiama, non fare come tuo solito che dimentichi il cellulare spento o addirittura di ricaricarlo - mormorò.

Per tutta risposta lui si sciolse dall'abbraccio e le indicò con il dito il telefonino e il caricatore sul letto tra le cose che avrebbe portato con sé.

- Perché vuoi andare via? - sussurrò lei, abbracciandolo forte.

- L'uomo che vive nell'ignoranza è come l'uva che cresce su un terreno eternamente ombreggiato: il vino che se ne ricaverà sarà pallido, privo di forza e di carattere! La voce rimbombò nella stanza.

La donna e il ragazzo si volsero a fissare l'imponente figura del nonno impettita sotto l'arco della porta, con le mani intrecciate sul bastone dal manico intarsiato a testa d'aquila fisso davanti ai piedi.

- Non tormentarlo con le tue lacrime - disse l'anziano alla nuora - Non gravare il travaglio del suo animo. Aspetta che l'uva maturi. Solo allora conoscerai la qualità del vino e saprai se siete stati bravi nel produrlo. - Con passo incerto, appoggiandosi al bastone, il vegliardo avanzò incontro alla nuora e al nipote che lo fissavano intimoriti. Nella mano recava una conchiglia...

 

Le feluche, spinte dalla brezza verso il mare, scivolavano sul fiume accompagnate dallo sguardo di Sirio splendente in cielo; il quarto di luna rifletteva sull'acqua le ruvide ombre delle vele. All'estremità del molo la luce del faro fendeva la scura superficie, spianando alle barche il cammino nelle tenebre.

Affacciato alla balaustra del postale ancorato nella rada, il giovane mozzo osservava amareggiato le luci della città riflettersi in lontananza. Avrebbe preferito approdare direttamente ad Alessandria d'Egitto per riviverne i fasti trasmessi dalle antiche mura e dai monumenti lasciati dai faraoni in eredità ai posteri. In particolare il suo pensiero andava al leggendario faro considerato tra le sette meraviglie del mondo dell'epoca, la cui torre si innalzava nel cielo, così si raccontava, per 120 metri, e alla mitica biblioteca in cui erano conservati oltre 700 mila papiri, distrutta nel 280 d.C. dall'imperatore Aureliano durante il saccheggio della città. Ogni volta che ripensava a quei drammatici eventi, non poteva fare a meno di domandarsi se davvero tutti i papiri fossero andati distrutti o se molti non fossero stati messi in salvo dai curatori della biblioteca. E, in quel caso, se molte opere dell'antichità di cui si era persa ogni traccia, divenendo a loro volta leggenda perché citate da autori classici che dichiaravano di averle consultate, non fossero tuttora conservate in luoghi ignoti. Così come, tutte le volte che ripensava all'Egitto, non poteva fare a meno di andare con la mente alle piramidi e alla sfinge, chiedendosi chissà quali misteri conservassero nelle proprie viscere di pietra. Allo stesso tempo, misteriosa era la loro origine: la sua fervida fantasia si rifiutava di accettare che a costruirle fossero stati gli antichi egizi utilizzando tronchi, barconi di papiro e carrucole su cui trasportare e innalzare le migliaia di enormi massi di calcare, ognuno dal peso di diverse tonnellate, che le costituivano. Di chissà quale oscura civiltà le piramidi erano invece testimonianza! Magari della mitica Atlantide di cui per primo aveva parlato Platone nel Crizia e nel Timeo, citando il suo antenato Solone: egli riferiva di aver sentito raccontare di quel continente e della sua scomparsa nel mare, a seguito di un tremendo cataclisma, dai sacerdoti della città di Sais nel delta del Nilo che facevano risalire i fatti a un tempo remoto in cui gli dei dimoravano sulla terra.

L'eco della voce del muezzin che invocava la grandezza di Allah ruppe la notte. Il ragazzo chiuse gli occhi e inspirò profondamente affinché quella voce trasportata dal vento del deserto gli ravvivasse l'anima.

Improvvisamente le  grida disperate  di donna giunsero da poppa, sfumando il sogno.

D'istinto il giovane attraversò di corsa il ponte della nave, senza mai staccare lo sguardo dal mare. Era quasi arrivato, quando nell'acqua distinse il bambino trascinato dalla corrente verso il piroscafo che si stava lentamente allontanando dalla banchina. Pochi attimi ancora e le eliche del bastimento l'avrebbero maciullato. Senza indugio si tuffò nelle tenebre e, nuotando con forti bracciate, lo raggiunse cingendogli un braccio al collo. Incurante dei gorghi delle eliche che lentamente li risucchiavano, prese a nuotare come un folle, tirandosi appresso il bimbo nell'angoscioso tentativo di respingere la morte incombente.

Sul molo, la madre disperata fissava la scena.

Avvinghiati in un vortice, il ragazzo e il bambino si volsero a fissare terrorizzati il minaccioso roteare delle eliche, sempre più vicine, mentre erano sovrastati dall'acqua.

A un tratto, il bagliore del faro rischiarò il lato poppiero del piroscafo, consentendo al marinaio che dirigeva le manovre d'individuare tra i flutti i corpi dei due sventurati.

Tutto a babordo, tutto a babordo! Uomo in mare, uomo in mare! - urlò al timoniere affacciato all'oblò della sala comandi che subito, con un colpo secco al timone, virò, calando simultaneamente la leva sul pannello dei comandi per fermare le macchine.

Sebbene i motori si fossero spenti, per inerzia la nave continuò a spostarsi nell'acqua, arrivando a ridosso del ragazzo e del bambino, arrestandosi con l'elica alle loro spalle.

Un applauso si levò dal piroscafo e dal battello. Il pianto disperato della donna si trasformò in lacrime di gioia.

Per premiare il valore del mozzo, il comandante gli concesse un giorno di libertà, consentendogli di visitare Alessandria.

Circondato dai banchi dei mercanti assiepati nel bazar, il giovane volgeva lo sguardo sulle imponenti cupole moresche che, svettando tra i tetti delle case costruite con mattoni di fango e paglia, si ergevano al cielo come funghi giganteschi. Avanzando tra la folla si guardava intorno stordito dal caleidoscopio di colori, profumi e voci del mercato. Nell'aria l'acre odore dei narghilè, fumati dai negozianti seduti sulla soglia delle botteghe, si mischiava all'intenso aroma delle spezie e delle essenze profumate racchiuse nei sacchi e nelle piccole ampolle di vetro soffiato, esposte ordinatamente sui banchi.

Ciao! - risuonò di spalle la voce di donna.

Lui si girò. Rapito, ammirò lo splendido viso sorridergli, adornato dalla folta chioma ramata. Attraverso la lunga veste di veli rossi traspariva la sua seducente femminilità.

Con voce rotta dall'emozione, pensando si trattasse di una prostituta alla ricerca di clienti, arrossendo, rispose al saluto. Il pensiero che finalmente anche per lui fosse giunto il momento di diventare uomo lo mise in agitazione.

Non farti strane idee - disse lei, divertita, leggendogli nella mente - Volevo ringraziarti per quel che hai fatto questa notte: salvare una vita umana rischiando la propria è un nobile gesto, indelebile agli occhi degli dei. Questa è la ricompensa che meriti! - Così dicendo, allungò il braccio verso il giovane, tendendogli la mano aperta.

Una conchiglia? - si meravigliò lui, mirando la spirale di madreperla rilucere come un serpente aggrovigliato su se stesso nel palmo della donna.

Tutte le volte che ascolterai la melodia racchiusa, i tuoi sogni si realizzeranno.

Titubante, s'impossessò della conchiglia e la accostò all'orecchio. Un dolce suono gli penetrò l'animo, cancellando le inquietudini che lo turbavano.

Chiuse gli occhi, abbandonandosi alla melodia. Quando li riaprì la donna era scomparsa.

- Tieni! - disse il nonno, offrendo la conchiglia al nipote. Tenendola tra le mani, lui la alzò al soffitto ammirandola luccicare alla luce del lampadario. Un'energia indescrivibile s'irradiò dal guscio, inondandogli mente e cuore. Con cura la avvolse in uno straccio per proteggerla da eventuali urti e la ripose in una delle tasche laterali dello zaino. Percepì che quell'oggetto gli avrebbe portato fortuna, o almeno si sarebbe rivelato fondamentale per il viaggio; ma non sapeva spiegarsi perché...

CAPITOLO III

Il ragazzo entrò nello scompartimento successivo, anch'esso vuoto.

Fu tentato di andare oltre, ma sulle spalle il peso dello zaino incominciava a farsi sentire. Lo sfilò e lo poggiò sul pavimento davanti a sé per poi sedersi accanto al finestrino. Attraverso i vetri, il paesaggio verdeggiante si scioglieva allo sguardo come un film.

Di tanto in tanto il ramo di una pianta cresciuta sul margine dei binari graffiava i vetri. Trasse di tasca il cellulare per controllare se ci fossero messaggi da parte di quei pochi amici che aveva: solo cinque in cui gli si augurava "in bocca al lupo", o "buon viaggio".

I sacrifici con cui si divideva tra lo studio e la vigna gli avevano talmente condizionato l'esistenza da impedirgli di coltivare le normali amicizie di un ragazzo della sua età, tanto che a diciotto anni si ritrovava ad avere per lo più conoscenti con cui saltuariamente gli capitava di incontrarsi il sabato sera nella piazza del paese per fare quattro chiacchiere, bevendo una birra o mangiando un panino in un pub. A parte ciò, mai era riuscito ad avere un vero amico con cui confidarsi. Per quanto invece riguardava le ragazze, peggio che mai. Seppure le classi che aveva frequentato fossero state miste, non era mai riuscito a instaurare con qualcuna delle compagne un rapporto che andasse oltre la scuola, malgrado ci fosse una con cui gli sarebbe piaciuto ritrovarsi da solo: si chiamava Claudia, sedeva due file di banchi davanti a lui. Capelli lunghi, viso tondo, occhietti furbi, bassina, fisico proporzionato, era stata in classe con lui dal primo anno del liceo, ma mai gli aveva dato a intendere di piacerle...

Una mattina, poco prima della fine del primo quadrimestre del terzo anno, non appena suonò la campanella, Claudia gli si affiancò chiedendogli se quel pomeriggio potesse andare a studiare da lei per aiutarla a ripassare matematica, materia in cui lui primeggiava. Ascoltandola, non gli sembrò vero che quella ragazza, piaciutagli dalla prima volta che l'aveva vista, gli chiedesse di studiare insieme. D'impulso rispose di sì, dimenticando che per quel pomeriggio aveva promesso al padre che lo avrebbe aiutato alla vigna. Quando tornò a casa, euforico si sedette a tavola. Mentre pranzavano, ascoltando il padre anticipargli il lavoro che avrebbero svolto a breve, quasi si sentì male. << Papà >> disse, << più tardi un'amica mi ha chiesto di passare da lei per aiutarla in matematica >>. << Ovviamente le hai risposto di no >> osservò  l'uomo con sguardo gelido. << Le ho detto di sì >>, rispose fissando il piatto. << Hai fatto male >> riprese il genitore. << Lo sai bene che mi sono organizzato il lavoro per questo pomeriggio perché potevo contare sul tuo aiuto. Mi dispiace, la chiami e le dici che non puoi andarci >>. La madre intervenne in sua difesa offrendosi di sostituirsi a lui, ma il padre fu inflessibile: << Niente da fare, mi aveva promesso che mi avrebbe aiutato, non può rifiutarsi per correre dietro a una smorfiosa! >>. La donna cercò di replicare, chiedendo il supporto del suocero che in silenzio assisteva alla scena. Anche lui fu del parere che il nipote dovesse onorare l'impegno preso con il padre perché gli uomini veri non disattendono la parola data. Per evitare ulteriori discussioni il ragazzo disse alla madre di non preoccuparsi, che avrebbe telefonato alla sua amica inventandosi una scusa. Quindi prese il cellulare dalla tasca, si alzò dalla tavola e andò a telefonare nella sua stanza. Ascoltandolo mentre cercava di giustificarsi, dall'altro lato dell'apparecchio Claudia rimase in silenzio. Alla fine disse solo, << Va bene, ciao! >>.

Il giorno dopo fuori scuola non lo degnò di uno sguardo e quando, prima di entrare in classe, lui si avvicinò per spiegarsi, lo respinse come se fosse un appestato. Ma l'umiliazione più grande la subì quando, alcuni giorni dopo, la sorprese ad amoreggiare con il bullo della classe il quale non si stancava mai di lanciare frecciatine al suo indirizzo, definendolo "zotico", suscitando l'ilarità di tutti, lei compresa.

In realtà c'era un'altra ragazza che gli piaceva molto. Si chiamava Veronica, era figlia di un colono che collaborava con il padre durante la vendemmia. Alta quanto lui, bene in carne, aveva il viso lentigginoso cui si sposava una folta chioma rossa raccolta in una lunga treccia dietro alla nuca. Quando era tempo di vendemmia, insieme agli altri figli dei contadini, Veronica accompagnava il papà e la mamma perché quel momento rappresentava per tutti un gioco. In quelle giornate di festa, il ragazzo non perdeva occasione per osservarla di sfuggita e quando capitava che i loro sguardi s'incrociassero, entrambi volgevano subito gli occhi da un'altra parte, arrossendo. Alla madre non era sfuggito che Veronica e suo figlio si piacessero, in cuor suo sperava che lui si decidesse ad avvicinarla per esternarle i propri sentimenti. Vedendo la ritrosia del figlio nel fare il primo passo, convinta fosse timidezza, in più di un'occasione aveva cercato di infondergli coraggio dicendo, << Quando una persona ci piace, non dobbiamo vergognarci di farglielo capire. Spesso la timidezza è l'ostacolo più difficile da superare per essere felici! >>. Ascoltandola, pur comprendendo perfettamente a cosa la madre alludesse, il ragazzo non rispondeva, limitandosi a fare spallucce. Malgrado fosse consapevole di piacere a Veronica tanto quanto lei piaceva a lui, le  si teneva lontano temendo che, una volta insieme, avrebbe dovuto dire addio all'idea di viaggiare, essendo la ragazza  molto legata alla famiglia e al lavoro nei campi. Tuttavia non poteva negare che spesso pensava a lei, chiedendosi che sapore avessero i suoi baci e quale profumo emanasse il suo corpo...

 
 
 

INTERVISTA A CASSANDRA FORTIN – UNA CANADESE A POZZUOLI

Post n°2016 pubblicato il 06 Luglio 2019 da kayfakayfa
 

 

Di seguiti l'intervista integrale pubblicata su comunicaresenzafrontiere.it

Ventitreenne canadese del Quebec, laureata in Scienze Storiche, Cassandra Fortin è in Europa da due anni per l'Erasmus con cui sta completando un master sui beni e i paesaggi culturali. Da sei mesi a Pozzuoli, collabora attivamente con l'associazione culturale Lux In Fabula.

A fine agosto completerà il ciclo di studi e agli inizi di settembre rientrerà in Canada. Ne abbiamo approfittato per farle qualche domanda e conoscere il suo punto di vista su Pozzuoli e i suoi abitanti.

Cassandra da quanti mesi sei in Italia?

Sono arrivata all'inizio di febbraio

Sei qui per l'Erasmus?

Sì!

In cosa stai per laurearti?

Sono laureata in Scienze Storiche. Ora sto facendo un master in beni e paesaggi culturali.

Perché hai scelto di vivere a Pozzuoli?

Perché l'Associazione Lux In Fabula, presso cui mi appoggio per i miei studi, lavora sugli stessi argomenti oggetto delle mie ricerche.

Come sei venuta a conoscenza di Lux In Fabula?

Me ne parlò una professoressa della Federico II che conosce Claudio Correale il presidente di Lux. Quando le chiesi a chi potessi rivolgermi per avere un valido sostegno alle mie attività di ricerca, mi indicò lui e la sua associazione.

Che cosa ti ha colpito dei campi flegrei?

Quando sono arrivata non sapevo che questa zona fosse vulcanica e sismica. Per me è stata una sorpresa, soprattutto vedere il modo naturale con cui gli abitanti interagiscono con questa realtà.

Puoi spiegarti meglio?

Per me che vengo da una terra dove non esistono fenomeni vulcanici così intensi come qui da voi, mi ha stupito la semplicità con cui le persone vivono quest'aspetto del territorio. Ho la sensazione che gli abitanti adorino la loro terra, anche quando li fa "ballare" costringendoli a doversene allontanare per motivi di sicurezza. Ho riscontrato che qui c'è una maniera diversa di appropriarsi del territorio rispetto a tante altre zone dell'Italia che ho conosciuto.

In che senso?...

Un esempio facile, le terme: sono una realtà molto antica, che risale all'epoca romana. Ma qui da voi è una realtà tuttora molto utilizzata, un aspetto quotidiano che caratterizza l'economia del territorio e la vita di molte persone. Pur non essendo obbligate a vivere in questa terra così problematica e pericolosa, la gente lo fa come se nulla fosse, tradendo un legame molto forte con essa. Sono cose come queste che mi hanno stupita!

Questo legame così forte con il territorio non lo riscontri in voi canadesi?

Sì, ma è diverso. Noi non abbiamo i vulcani o fenomeni come il bradisismo. Abbiamo la neve, il ghiaccio e tanta acqua. Fenomeni diversi che non ti inducono a vivere come se ti pendesse sul capo la spada di Damocle!...

Tu da quale zona del Canada vieni?

Quebec, la parte francese!

Ci puoi raccontare cosa hai esattamente fatto in questi mesi che sei stata in Italia, in particolare a Pozzuoli?

Ho lavorato a molti progetti: ho allestito un sito web per l'associazione che ho quasi finito; ho lavorato a un video sullo sgombero del Rione Terra del 1970 da cui ho tratto spunto per farne poi uno sul successivo sgombero a Pozzuoli del 1983 sempre conseguente al bradisismo.

Ora che tornerai nel tuo paese, cosa pensi ti resterà di questa esperienza in Italia, a Pozzuoli in particolare?

Studiando da antropologa, questo lavoro che sto facendo con gli abitanti che hanno vissuto e vivono la realtà bradisismica dei campi flegrei e gli sgomberi che ci sono stati, è per me un modo concreto di conoscerne in maniera più approfondita la storia e la mentalità.

Oltre alla loro capacità di adattamento alla natura instabile del territorio, cos'altro ti ha colpito dei puteolani?

La maniera di vivere sapendo cogliere l'attimo, attuando il motto latino del carpe diem. Da che sono in Italia ho avuto modo di constatare come negli italiani, e soprattutto nei napoletani e puteolani, sia insita questa filosofia di vita. Del resto non mi stupisce: vivendo in un territorio dove sai benissimo che da un momento all'altro potrebbe verificarsi un evento sismico che potrebbe completamente cambiarti la vita, è naturale che le persone vivano la propria esistenza attimo per attimo. Questo mi piace perché, così facendo, assapori ogni momento della vita. Dai valore a ogni secondo, non perdendoti nell'effimero!

Quando rientrerai in Canada?

Agli inizi di settembre.

Il pensiero di dover andare via ti rende felice o pensi che ci soffrirai un po'?

Entrambe le cose! Sono due anni che sono in Europa e mio mancano molto la mia casa, la mia famiglia, i miei amici. È vero che parlo spesso in chat con i miei familiari, in particolare con mamma, ma non è la stessa cosa!

I tuoi genitori cosa dicono di questo tuo lungo soggiorno europeo?

Quella che lo sta soffrendo molto è mamma: sia papà che mio fratello, per motivi di lavoro e di studio, stanno via da casa tutta la settimana e mamma resta molto tempo da sola. Questo mi dispiace, per cui ecco perché non vedo l'ora di rientrare in Canada!

Pensi che un giorno ritornerai a Pozzuoli?

Sicuramente, adoro questa terra e la sua gente!

Vincenzo Giarritiello

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

- Abbandonare Tara
- pensieri nel vento
- Il diario di Nancy
- sciolta e naturale
- Per non dimenticare
- il posto di miluria
- Arte...e dintorni
- dagherrotipi
- C'era una volta...
- passaggi silenziosi
- le ali nella testa
- Grapewine
- FAVOLE E INCUBI
- critica distruttiva
- GallociCova
- estinzione
- Starbucks coffee
- L'angolo di Jane
- In Esistente
- Comunicare
- Writer
- Chiedo asilo.....
- antonia nella notte
- Quaderno a righe
- come le nuvole
- Contro corrente
- Scherzo o Follia?
- La dama della notte
- MARCO PICCOLO
- Fotoraccontare
- epochè...
- considerazioni
- ESSERE E APPARIRE
- Oniricamente
- prova ad afferrarmi
- Nessuno....come te
- confusione
- io...Anima Fragile.
- evalunaebasta
- La MiA gIoStRa
- ...spiragli
- CORREVA L' ANNO...
- LE PAROLE
- SPETTA CHE ARRIVO
- (RiGiTaN's)
- esco fuori
- ....bisogni
- La Mia Arte
- pEaCe!!!
- Ginevra...
- Like A Wave
- BLOG PENNA CALAMAIO
- Amare...
- Sale del mondo....
- Praticamente Io
- Imperfezioni
- Mise en abyme
- Due Destini
- manidicartone
- acqua
- BRILLARE!!!!!
- Osservazioni
- XXI secolo?
- justificando.it gag comiche
- Di palo in frasca...
- montagneverdi...
- Verit&agrave;... Piero Calzona
- osservatorio politic
- Geopolitica-ndo
- Lanticonformista
- Riforme e Progresso
- LAVOROeSALUTEnews
- Ikaros
- ETICA &amp; MEDIA
- Canto lamore...
- Pino
- MY OWN TIME
- Tatuaggi dellanima
- cos&igrave;..semplicemente
- Acc&ograve;modati
- Il Doppio
- arthemisia_g
- senza.peli
- marquez
- Cittadino del mondo
- Quanta curiosit&agrave;...
- entronellantro
- iL MonDo @ MoDo Mio
- LOST PARADISE Venere
- Frammenti di...
- La vita come viene
- Mondo Alla Rovescia
- Pietro Sergi
- StellaDanzante
- Polimnia
- e un giorno
- Parole A Caso
- tuttiscrittori
- Dissacrante
- Artisti per passione
 
Citazioni nei Blog Amici: 61
 

ULTIME VISITE AL BLOG

sens.azioniVince198kayfakayfamaxit00aliacapricarmela_mancinellispalmieroscarmela.omdtipoleohalpertacquasalata111g1b9giampiero.maranom.a.r.y.s.e
 

ULTIMI COMMENTI

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom