Creato da med.usa2 il 07/03/2008

Parole A Caso

Pensieri e parole di questa società

 

 

« La storia del pesce nel ...La caccia alle streghe nel 2008  »

FEDERALISMO O CENTRALITA'?

Si parla molto di abolire l'ICI. In parte già abolito con il precedente
governo, ma nessuno lo sapeva (forse anche chi ha fatto la legge); Era
già abolito per le abitazione di modesto valore.
Ora si andrà ad
abolirlo completamente.

L'imposta comunale sugli immobili rappresenta l'icona del federalismo
fiscale, perchè viene raccolta e investita nel comune stesso. Abolendo
quest'imposta, per far si che non scompaiano i comuni, lo Stato
trasferirà del denaroagli stessi. Questo è un modo per ribadire la
centralità del potere. Inoltre l'ICI non è una tassa che ha come
imponibile il reddito, bensì il patrimonio. Quindi meno soggetta
all'evasione, perchè è una delle poche imposte che paga anche chi non
dichiara reddito, o ne dichiara solo una parte.

Come ho detto in precendenza, per far si che non muoiano i comuni, i
Comuni stessi aumenteranno gli addizionali IRPEF: come ha appena fatto
il Comune di Palermo, che ha raddoppiato gli addizionali per portarsi
già avanti con il lavoro.

Il senso che dovrebbe avere il federalismo è quello di dare maggiore
autonomia finanziaria e decisionale alle regioni e gli enti locali,
oltre che investire nel territorio stesso il denaro
raccolto (come succede in tutto il mondo normale), è altresì importante
essere indipendenti dal centro, in modo tale che ogni regione sia
amministrata ad hoc.

Ma come fa un Comune ad essere indipendente se gli viene tolta la
maggior fonte di ossigeno, e per sopperire a tale mancanza vengono
trasferiti soldi da Roma? A mio modesto vedere, è un modo per ribadire
la centralità, perchè i trasferimenti dallo Stato centrali agli organi
periferici sono sempre stati un modo per controllare questi ultimi: in
quanto non è detto che il trasferimento sia pari all'importo che si
sarebbe raccolto con l'ICI, anzi la storia delle amministrazioni
pubbliche dice proprio il contrario.

Il federalismo sarebbe utile a molte regioni per responsabilizzarle sui
loro costi e introiti, ma in questo modo rafforza il cordone
ombelicale, quindi a livello pratico non cambierà nulla, anzi si
continuerà a fare errori o a sforare dai bilanci, tanto i deficit
verranno sempre tolti dallo Stato. Ma non si doveva responsabilizzare e
garantire un autonomia alle regioni?



Alberto Gilardi

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Paroleacaso/trackback.php?msg=4776010

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 

LA TIRANNIDE DI UN PRINCIPE IN UN OLIGARCHIA NON E' PERICOLOSA PER IL BENE PUBBLICO QUANTO L'APATIA DI UN CITTADINO IN UNA DEMOCRAZIA.
C. L. de Montesquieu


 
 

BERLUSCONI QUESTO SCONOSCIUTO...


 
 

FACEBOOK

 
 

AREA PERSONALE

 

 

POCHI MOTIVI PER ESSERE ITALIANI


 

 
Se esiste un uomo non violento, perché non può esistere una famiglia non violenta? E perché non un villaggio? una città, un paese, un mondo non violento?
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ansa007psicologiaforenseWIDE_REDsidopaulbal_zacunamamma1agostino.deleoadoro_il_kenyanick48ydistefanolaura_1976strong_passionfalco58dglmeneco1mauromoroniitaloseidita
 

LA VERA LEGA NORD

 
 

MARCO TRAVAGLIO AL V-DAY


 
 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

RAFTING A ROMA?

 
 

RAFTING SULLE ALPI?

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 4