Creato da Penelope750 il 14/10/2005
pensieri, parole, versi che descrivono emozioni e sensazioni
 

Il mio primo libro

Junior L'onda più bella

Caro Junior,

è giunto il momento che io parli un po’ con te perché non l’ho mai fatto prima.
A dire il vero, in tante occasioni ho persino evitato di pensarti, ti ho allontanato, perché il pensiero di te mi ha fatto male per lungo tempo.
Avevo bisogno di mettere tutta la distanza possibile tra noi, di non sentire la tua voce che pure, insistente, dentro di me non ha mai smesso di parlarmi.
Che madre snaturata sono stata!
Chissà se riuscirai mai a perdonarmi per ciò che ti ho fatto!
E’ stata lunga la strada che mi ha portato fin qui, fino a questa lettera, un sentiero tortuoso che mi ha condotta lontana da te, ma solo per poter poi ritornare. Ora so che da te non voglio e non posso scappare perché sei la parte migliore di me.
E quindi eccomi, ora sono qua, pronta a spiegarti, a rispondere alle tue domande…ma che sciocca sono, tu non puoi parlare, tu non hai voce, tu non esisti se non nei miei pensieri, in quelli che sono stati e sempre resteranno forse i miei sogni.
E allora comincerò raccontandoti di te…

http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=565952

 

La mia Napoli

Chillu juorn nu rré e na reggina
partettene a fore venettene ccà
Fuje na festa e pe for'e balcone
nu sacco e bandiere pe tutt'a città
Masaniello purtaie nu babà
ma a riggina vuleve mangià
Fuje accussì ca cu ll'acqu'e a farina
nu bellu guaglione e facette ncantà

Po' guardaie da bandiera e culure
pensaie nu numento dicette Maistà
Mo ce metto ddoie pummerulelle
cu sta muzzarella e na fronna d'està
Po' nu furno vulett'appiccià
dduie minut'e va faccio assaggià
Chella pizz'a nventaje pe reggina
perciò margherita l'avetta chiammà

Napule
t'ho raccontano Napule
Nfaccio e mure de viche
può lleggere a storia e sta bella città

Gennarino a Pozzuoli cresceva
parlava ca ggente sultanto e Gesù
Ma c'è steve chi nun c'è credeva
e nu juorno e settembre o vuletto affruntà
Contr'o riavolo niente può ffà
ma sapeva ca Dio steve llà
E accussì mparaviso sagliette e o Vesuvio
che mmane sapette fermà

C'era un principe senza casato
che aveva cambiato la sua identità
Diventato un attore importante
per tutta sta gente era il grande Totò
E cuntento morì in povertà
p'ajutà tanta gent'a campà
Chillu principe ricco ind'o core
ma quant'allegria cia saputo purtà
Napule 

Una notte ero in barca a Surriento
in un mare elegante vestito di blu
Sotto un cielo pezzato di stelle
da un vecchio terrazzo qualcuno cantò
Una voce cantava per me
non vedevo nessuno perchè
Era il canto del grande Caruso
che il mare l'aveva tenuto per sè

E accussì te mettist'a sunà
ddoie parole sapiste nventà
Sta canzone ca je scritt'a Surriento
oramai tutt'o munno t'ha sapè cantà

 

Io..

Ho ancora la forza che serve a camminare,
picchiare ancora contro per non lasciarmi stare
ho ancora quella forza che ti serve
quando dici: "Si comincia !"

E ho ancora la forza di guardarmi attorno
mischiando le parole con due pacchetti al giorno,
di farmi trovar lì da chi mi vuole
sempre nella mia camicia...

Abito sempre qui da me,
in questa stessa strada che non sai mai se c'è
e al mondo sono andato,
dal mondo son tornato sempre vivo...

Ho ancora la forza di starvi a raccontare
le mie storie di sempre, di come posso amare,
di tutti quegli sbagli che per un
motivo o l'altro so rifare...

E ho ancora la forza di chiedere anche scusa
o di incazzarmi ancora con la coscienza offesa,
di dirvi che comunque la mia parte
ve la posso garantire...

Abito sempre qui da me,
in questa stessa strada che non sai mai se c'è
nel mondo sono andato,
dal mondo son tornato sempre vivo...

Ho ancora la forza di non tirarmi indietro,
di scegliermi la vita masticando ogni metro,
di far la conta degli amici andati e dire:
" Ci vediam più tardi ..."

E ho ancora la forza di scegliere parole
per gioco, per il gusto di potermi sfogare
perché, che piaccia o no, è capitato
che sia quello che so fare...

Abito sempre qui da me,
in questa stessa strada che non sai mai se c'è
col mondo sono andato
e col mondo son tornato sempre vivo...

 

 

Il mio rifugio

Liddove tutto accade, tutto vive, tutto respira.

 

Il mio secondo libro

Mi presento...Amore

Questa è la storia di un dialogo, di un incontro e di un sogno.

E' la storia di un viaggiatore e di un Viaggio;

di una vita e di tutte le sue domande.

E' la storia di una ricerca ma soprattutto è la storia di Amore

http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=316300

 

Area personale

 

Ultime visite al Blog

don_rickymassimiliano_010f.lli_orlandodivertirsiincucinapantaleoefrancanadia.azzolinroby859mari.r78IleniaSpadonilovable39danielagreco.dglubopoteo.tnbpiemmellesofia_mattei11
 

FACEBOOK

 
 

Ultimi commenti

Oceano Mare

immagine

"Sarebbe bello se per ogni mare che ci aspetta, ci fosse un fiume e
qualcuno in grado di prenderci per mano, posarci sulla sua
corrente. Le cose non farebbero male..si potrebbe prima sfiorarle,
poi toccarle e solo alla fine farsi toccare, farsi ferire
anche..morirne, non importa"

 

La Neve Se Ne Frega

"Chiudi gli occhi. Non fargli arrivare l'immagine dei loro ferri. Non fargli arrivare la tua angoscia. Mi senti? Tieni chiusi gli occhi e guarda i tulipani bianchi, i mughetti, le betulle. Pensa al melo selvatico, alle petunie, alle campanule. Ricorda le tue piante.Riesci a sentirmi? Abbraccia la quercia, il nocciolo, il faggio. Sdraiati sugli iris e sui gigli.
Fai l'impossibile.
Non farlo partire con la paura"

immagine

 

La mia musica

Grazie Filo!

 

Contatta l'autore

Nickname: Penelope750
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 45
Prov: MI
 

Farfalla inquieta

immagine
 
Citazioni nei Blog Amici: 18
 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
 
Free counter
 

Mi leggono da...

 

 

« Un Capodanno insolitoQuando il vaso si riempi... »

Cara Italia Ti scrivo…

Post n°909 pubblicato il 09 Dicembre 2011 da Penelope750

Non per distrarmi un po’ come diceva una canzone ma per provare a capirci qualcosa.

Qui tutti parlano di salvarti ma nessuno parla di salvare chi la Tua terra la calpesta.

“Dobbiamo salvare l’Italia” dicono, urlano, ripetono..ridicolmente ne piangono…

Nessuno che abbia detto “Dobbiamo salvare gli italiani!”

Scusami cara Italia ma,  secondo me  non è semplice dialettica, non mi pare un fatto da poco, anzi.

Senza di noi, Tuoi cittadini, Tu non esisti.

Tu lo sai bene, ma loro, i nostri politici o politicanti che dir si voglia, mi pare lo sappiano molto meno.

E’ una questione di rispetto, di proporzioni, di riempire di contenuto un messaggio ed un’azione.

“Dobbiamo salvare l’Italia” dice Monti e poi aggiunge “ Gli Italiani devono fare sacrifici ma sono certo che capiranno”

Perché, cara Italia, gli Italiani vengono tirati in ballo solo quando c’è da metter mano alle loro tasche?

 

Facciamo due conti, Italia mia, per capire com’è che vogliono salvarTi (ribadisco: Te, mica NOI).

Te intendono salvarTi, noi ucciderci: divertente dettaglio vero?

Guarda come!

 

-Aumento delle accise sui carburanti per la quinta volta in un anno. Gettito in entrata per le Tue casse, ma dissanguamento delle nostre. Il carburante è aumentato cinque volte in un anno…perché i nostri stipendi non sono aumentati, non dico di cinque, ma almeno di ¼?

Se il carburante aumenta, non solo aumenta la benzina, aumentano i biglietti dei trasporti, aumentano i costi sui prodotti.
Questo è favorire l’economia? Far circolare la moneta?
Complimenti agli economisti allora!

 

-Ritorna l’ICI sulla prima casa, che anche se cambia nome, è sempre la stessa tassa: aumento in entrata per le Tue casse, ma noi Italiani, che crediamo nel mattone, certo non ne siamo felici: paghiamo già così tante tasse che una delle poche cose buone del precedente governo, la togliamo??

Effettivamente ci farà bene non percepire le nostre tredicesime per versarle nelle casse dello stato. Noi non faremo Natale, ma Tu ti salverai, giusto?

 

-La riforma delle pensioni. Non so neanche più a quanti anni, secondo questa nuova riforma dovrò andare in pensione: 42? E non meno di 62?65?67?

Io mi chiedo, cara Italia e correggimi se sbaglio, come sia possibile accumulare 40/42 anni di lavoro se oggi, a 30 anni sei ancora precario.

Vuol dire lavorare fino ad oltre 70 anni? E tu, per tutti i miei 40 e passa anni di lavoro prendi i miei contributi…per restiuirmene una minima parte..praticamente in punta di morte?

E allora, facciamo  una cosa, io la preferirei e come me chissà quanti Italiani: aboliamolo proprio il discorso pensione; mi togli tutti questi accidenti di contributi che ogni mese Ti verso e alla pensione ci penso io, da sola.

Ti piace?

Sono certa che a Te si, ma a loro, sempre loro, i nostri politicanti, no di certo!

Non Ti chiedi come mai?

 

-Maggiore flessibilità in uscita per i neoassunti: e questa, Italia mia, è proprio l’apoteosi! E già perché con l’immobilismo economico dovuto al rincaro di tutti i prezzi, la produzione certo non aumenterà, i vecchi, visti i nuovi tetti pensionistici non vanno in pensione…e, ciliegina sulla torta, i pochi neo assunti (quelli che devono accumulare i 40anni e passa di contributi per la pensione) li buttiamo fuori più facilmente!

 

Ma non è bellissimo questo disegno?

Ma chi l’ha fatto? Picasso??

Io non ne vengo a capo.

So solo che ogni giorno che passa mi vien sempre piùvoglia di trasferirmi all’estero e mi sento meno fortunato ad essere Italiano.

E scusami se è poco!

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Penelope750/trackback.php?msg=10877106

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
RusselKane
RusselKane il 12/12/11 alle 09:17 via WEB
Carissima cme darti torno. Il nocciolo della questio è che per 20 o 30 anni ne hanno combinato di cotte e di crude senza nessun rigore e senza dover rispondere a nessuno. Adesso ovviamente per rimediare ai danni, nessuno vuole farsi un bell'esame di coscienza ma è molto piu facile colpite i pochi e deboli. Molte persone hanno dimenticato o forse non sanno che alla fin fine il nuovo primo ministro non è un dittatore ma semplicemente un operatore messo lì sempre dalle stesse persone, e che questa famosa maovrà dovra essere votata e trasformata in legge sempre da questi bravi soggetti, mi sa tanto di propaganda populista ci scommetto che i provvedimenti dei tagli alla c.d. casta saranno i primi a sparire dalla conversione in legge. Mi vengono in mente due proverbi popolari: Il lupo non si mangia il lupo; e: Le rivoluzioni non si fanno a pancia piena. Infine che dirti: Io speriamo che mela cavo!. Kiss Kiss RK
 
 
Penelope750
Penelope750 il 12/12/11 alle 13:04 via WEB
Ciao Cavaliere! Ed infatti, è di ieri la notizie che i primi emandamenti ed i primi blocchi riguardano proprio la "casta". Ma stanno giocando con il fuoco..e nel senso letterale del termine. La mia paura più grande è che si possa tornare ai momenti tragici del terrorismo, alle stragi, alle bombe. Quanto a Monti..io ho sempre detto che è stato messo lì apposta, da destra e sinistra insieme. Non so se lui si sia fatto incastrare, se veramente credeva di poter salvare l'insalvabile o se era d'accordo pure lui..
 
   
RusselKane
RusselKane il 12/12/11 alle 19:01 via WEB
Piu che farsi incastrare penso che Monti sia stata una scelta fortemente pilotata dal potere bancario, ed è risultato un ottimo paravento politico per evitare di giocarsi i voti alle prossime elezioni con scelte impopolari. Nessuno puo negare che i primi a rischiare siano le banche, ma perchè a loro non è stato chieso per esempio almeno di dimezzare i costi per le operazioni virtuali se proprio vogliono la tracciabilità. SI il clima del terrosismo è probabile, vedi ultime notizie di pacchi bomba ed intimidazioni varie, ma io incomincio a pensare a cose peggiori, tipo Argentina di alcuni anni fa. In fondo ci vuole poco basta il panico generale e la richiesta collettiva di prelevare dai conti correnti ed il sistema salta. Ti ricordi con la Guerra del Golfo quando le persone svuotavano i supermercati. Per ora il popolo si lamenta ma è ancora controllabile e speriamo continui cosi. Altrimenti finiamo veramente male. Un abbraccio.
 
     
Penelope750
Penelope750 il 13/12/11 alle 12:43 via WEB
..mi preoccupa il fatto che non sono l'unica a pensarla così...
 
sierva
sierva il 14/06/12 alle 12:22 via WEB
L'ha fatto Andrea Ferolla, dello Studio Ferolla-Reina. Io lo trovo osceno...
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.