Creato da Praj il 30/11/2005
Riflessioni, meditazioni... la via dell'accettazione come percorso interiore alla scoperta dell'Essenza - ovvero l'originale spiritualità non duale di Claudio Prajnaram

Area personale

 

Ultime visite al Blog

lenterisZanzarina11gocciadiluna_1964SemidiluceeamorePrajcassetta2magdalene57moon_IDesert.69antonella.2009Arianna1921chirizzi.interfruttaDoNnA.Sil_tempo_che_verraLavoro_Rino
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

Ultimi commenti

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 154
 

 

Disclaimer:

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
Le immagini pubblicate e i video tutte tratti da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Questo vale anche per alcuni brevi estratti di testo presi da alcune pubblicazioni, di cui però è sempre citata la fonte.
Qualora il loro utilizzo violasse i diritti d’autore, lo si comunichi all’autore del blog che provvederà alla loro immediata rimozione.

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« Ai bambini non si danno ...Perdoniamoci... perchè n... »

Anche parlando si può essere in Silenzio?

Post n°66 pubblicato il 28 Gennaio 2006 da Praj
 
Foto di Praj

Cosa significa essere in vero Silenzio?
Forse solo non parlare, non pensare discorsivamente?
Dal mio punto di vista, “spiritualmente” parlando, non è così. Mi spiego.
Io ritengo, come qualcuno ha giustamente, a mio parere, già affermato da qualche parte, che noi siamo quello che siamo e che quindi, è nostra  "normale" attitudine quella di pensare e parlare e, a volte tacere o pensare in maniera ridotta: perchè queste sono condizioni naturali della mente.  
 

Perciò esse non vanno represse, peraltro cosa impossibile o pericolosa, con un’auto annullamento mentale, con tecniche orientate a forzare i meccanismi del cervello, a volte anche danneggiandolo.
La pura osservazione non manipolativa, la meditazione intesa in un giusto senso, cioè come contemplazione, invece, possono aiutare a vedere i movimenti sia reattivi che creativi della mente…e quindi a diventarne consapevoli.

Questa osservazione compresente allo stato espressivo del pensiero, più o meno automatico risulta senz’altro utile all’integrazione dell’individuo, perché tende a ridurre la divisione tra l’essere ed il fare...ad essere più armonici in noi stessi. La calma ed il silenzio sorgeranno allora come come espressioni spontanee e non fittizie o forzose. 
Il Silenzio per come io l'intendo appartiene a quell'aspetto non verbale (noumeno) che sottostà a tutte le dimensioni fenomeniche che possono essere sia la parola che il pensiero.
Quindi esso è uno stato di Consapevolezza più profondo e immanifesto: è lo sfondo imperturbabile delle increspature che si esprimono a livello superficiale.
Una metafora potrebbe essere quella del mare: le onde, cioè il manifesto, con le loro forme e suoni sono la parola ed il pensiero, mentre solo nell'abisso, nella profondità, esiste il Silenzio.
Ecco, chi ha riconosciuto il suo abisso interiore non ha problemi a esprimere le sue onde pensiero… perché sa che sono un tutt’uno con il suo silenzio.
Per cui, per come la vedo io, il silenzio non è una qualità spirituale, esteriore, fenomenica ma una Presenza Silenziosa ad un livello interiore più profondo, inattaccabile da qualsiasi frastuono che accade in superficie.
In realtà sono due aspetti della stessa medaglia. Il silenzio e la parola convivono, sono compresenti però solo in uno stato di Consapevolezza.

Quindi non è il tacere che qualifica il vero Silenzio ma lo stato di Coscienza che impassibilmente osserva la mente in azione.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963