Quezars world

Il mio mondo

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIMI COMMENTI

 

Troppo geloso: non potrà avere fidanzate per 3 anni

Post n°252 pubblicato il 21 Giugno 2007 da Quezar
 
Foto di Quezar

Steven Cranley, un ventiquattrenne di Peterborough, un piccolo centro dell'Ontario, non potrà avere fidanzate per i prossimi tre anni. Lo ha ordinato un giudice, dopo l'ammissione di colpevolezza del ragazzo su una lunga serie di reati di aggressione nei confronti della ex. Cranley, cui è stato diagnosticato un disturbo della personalità, ha aggredito l'ex fidanzata dopo un litigio, avvenuto quando la relazione tra i due era finita da tempo.

Ha inoltre cercato di impedirle di chiedere aiuto alla polizia tagliandole il cavo del telefono e l'ha presa a pugni e calci. Quando gli agenti sono finalmente arrivati Cranley ha cercato di togliersi la vita con un coltello da cucina, arrivando a bucarsi l'aorta. Le difficoltà di Cranley ad accettare l'idea di essere respinto lo rendono pericoloso, secondo i periti medici ascoltati dal giudice, se nuovamente coinvolto in una relazione affettiva.
Il giudice Rhys Morgan ha agito in conseguenza, vietando a Cranley "qualsiasi rapporto romantico o intimo con una donna" per tre anni. "E' l'unica maniera per proteggere le persone che la circondano e consentirle di curarsi", ha spiegato al ragazzo, che ha già scontato già 146 giorni in carcere e sarà ora rimesso in libertà. Una simile sentenza non era mai stata pronunciata prima in Canada, secondo il legale di Cranley.

 
 
 

Trova la testa di un serpente in confezioni fagiolini

Post n°251 pubblicato il 19 Giugno 2007 da Quezar
 
Foto di Quezar

"Quando ho guardato nel piatto ho visto qualcosa che sembrava sbagliato: sicuramente non sembrava un fagiolino": nella sua latta di fagioli in conserva Earl Hartman, residente a South Philadelphia, ha infatti trovato una testa di serpente.

I circa due centimetri e mezzo erano tutto quanto era presente all'appello del rettile, quantità più che sufficiente per rovinare il pranzo di Hartman, che si è immediatamente attaccato al telefono per protestare contro il supermercato in cui aveva comprato la confezione.
La Pathmark Stores ha effettuato un controllo a campione sulle altre confezioni , senza trovare nulla di strano: il prodotto è stato ritirato dagli scaffali per prudenza (dopotutto, il corpo del serpente rimane ancora disperso); la Seneca Foods, casa produttrice dei fagiolini, non ha commentato l'accaduto.

 
 
 

Si abbuffano al ristorante e ingrassano di 5 kg in una sera

Post n°250 pubblicato il 18 Giugno 2007 da Quezar
 
Foto di Quezar

Mantenere la linea è dura per la maggior parte delle persone. Per mettere su qualche chilo bastano pochi eccessi e un po' di tempo. Ma riuscire a ingrassare di ben 5 chili in una sola serata, è davvero da pochi. Impresa che è riuscita in occasione di una manifestazione riservata agli over 100. Chili naturalmente.

Il tradizionale appuntamento si è svolto nel ristorante dello chef Massimo Ratti a Monteveglio, in provincia di Bologna. Qui sono arrivate una trentina di persone. Fra queste alla fine hanno trionfato Mirella Oliva di Pescara e Enrico Elvezi di Castelfranco (Modena). Hanno mangiato talmente tanto che il loro peso è lievitato in poche ore.
La donna è arrivata al locale che pesava 116,500 chili ed è andata via raggiungendo quota 121,400, cioè 4,9 chili in più. Ha fatto meglio l'altro concorrente che all'inizio della "sfida" pesava 154,700. Dopo l'abbuffata la bilancia segnava 159,800 con un saldo di +5 chili e 100 grammi. Performance che ha regalato la vittoria del concorso ai 2 over 100.
Fonte:Tiscali

 
 
 

Maturità, indiano bocciato 39 volte di seguito

Post n°249 pubblicato il 17 Giugno 2007 da Quezar
 
Foto di Quezar

L'esame di maturità? Per alcuni è una prova estremamente difficile, un ostacolo insormontabile che si deve comunque riuscire a superare, per mille ragioni differenti. Un 73enne indiano che risponde al nome di Shivcharan Jatav, proprio per via di questa pesantissima prova, rischia di entrare a pieno titolo nel libro dei Guinness dei primati.

L'uomo, infatti, è stato bocciato per la trentanovesima volta consecutiva. Il diploma, stando a quanto da lui stesso affermato, gli serve per migliorare la sua posizione nel lavoro e ottenere maggiori prospettive matrimoniali. Jatav, agricoltore del desertico stato del Rajasthan, ha già promesso che il prossimo anno ritenterà. Quel titolo è per lui fondamentale.
Da bimbo non ha infatti potuto avere un'istruzione formale, sta cercando di superare quell'esame dal 1969. All'epoca un reclutatore dell'esercito gli disse che avrebbe dovuto migliorare la sua istruzione per avere la possibilità di essere arruolato. "Da allora io cerco di superare gli esami - ha detto Jatav - ma senza alcun successo". Nel suo ultimo tentativo l'anziano studente è riuscito ad ottenere la sufficienza soltanto in sanscrito, raggranellando appena 103 punti sui 600 previsti.
Sebbene sia ormai troppo vecchio per essere arruolato nell'esercito, l'uomo insiste nella speranza di diventare uno scapolo più desiderabile. "Non ho potuto sposarmi perchè le ragazze dicevano alla mia famiglia che io non ero sufficientemente istruito - ha concluso Shivcharan -. E' il mio destino che mi ha privato dell'istruzione e di una vita matrimoniale. Sono comunque una persona felice e combattiva".

 
 
 

iPhone ora ha un nemico, un grosso nemico

Post n°248 pubblicato il 16 Giugno 2007 da Quezar
 
Foto di Quezar

Ancora due settimane e l'iPhone vedrà la luce dei punti vendita negli USA. Nel frattempo, i suoi antagonisti affilano le armi per fronteggiarlo e, all'insegna del motto "l'unione fa la forza", danno vita a un'alleanza di enormi proporzioni, che configura un match inedito: iPhone contro Resto del Mondo.

Lo riferisce l'autorevole Financial Times: lo sfidante non è un music-phone, ma una soluzione che si propone di diventare il nuovo veicolo di diffusione di contenuti musicali, in alternativa al binomio iPhone-iTunes.

Il servizio si chiama MusicStation e ha muscoli da vendere, e spalle larghe e coperte. A lanciarlo è un consorzio senza precedenti voluto da Omnifone e formato da Nokia, Motorola, Sony Ericsson e Samsung, nonché da una trentina di operatori telefonici e dalle principali major di settore: Universal, Emi, Warner e Sony.

L'alleanza punta in primis sul fronte del commercio musicale. Le aziende, a partire dall'estate che è ormai alle porte, stanno per lanciare sul mercato telefoni cellulari con preinstallata l'applicazione MusicStation, che potranno costare anche molto meno di un iPhone (i cui prezzi negli USA partono da 499 dollari).

Ambizioso l'obiettivo prefissato: vendere 100 milioni di telefonini Musicstation-enabled entro un anno. Si stima che i consumatori musicali effettuino mediamente il download di sei brani all'anno, ad un prezzo indicativo di una sterlina (circa 1,48 euro) a canzone. Le major si aspettano un'impennata del mercato, offrendo attraverso MusicStation un catalogo che consta di oltre un milione di brani disponibili per l'accesso illimitato, a fronte di un canone settimanale di 2,99 euro.

"Ci piace l'idea di tagliare il traguardo per primi - dice Rob Lewis, direttore generale di Omnifone - Tutti gli utenti europei e asiatici accederanno al servizio Musicstation prima che l'iPhone possa raggiungere quelle zone".

La prima compagnia telefonica ad offrire il servizio nel vecchio Continente sarà la svedese Telenor. Sul mercato italiano è verosimile prevedere lo sbarco di MusicStation per Natale, in tempo per fronteggiare l'iPhone.

 
 
 

Il nuovo Harry Potter si chiamerà Tunnels

Post n°247 pubblicato il 14 Giugno 2007 da Quezar
 
Tag: Libri
Foto di Quezar

Di eredi vari, o presunti di Harry Potter ormai abbiamo perso il conto. Una volta si sprecavano i paragoni con Tolkien, oggi si è costretti a trovare un'erede della Rowling. Il business lo esige, gli appassionati lo sperano e le case editrici ci provano.

L'ultimo arrivato è Tunnels e il protagonista si chiama Will Burrows, un 14enne apprendista archeologo che condivide con il padre la passione per la storia e l'archeologia. Un giorno il papà scompare in uno dei tanti tunnel scavati dal suo team e il ragazzino lo va a cercare. Insieme ad un amico pasticcione, scopre così un mondo antico e nascosto nella cavernosa rete di sottopassaggi che attraversano i meandri della capitale inglese.

Vedremo come sarà. Per ora Barry Cunnigham, l'editore che ha il merito di aver scoperto J. K. Rowling, giura sul sicuro successo del libro scritto a quattro mani da Roderick Gordon e Brian Williams. "Ho capito già alla prima pagina che Harry Potter era magico — racconta l'editore della Chicken House al quotidiano "Independent" — e Tunnels mi ha dato lo stesso brivido mentre lo leggevo. Sono sempre alla ricerca di storie di questo tipo: i bambini adorano l'elemento del portale che ti porta dal mondo reale a uno magico". Sicuramente il mercato sta rispondendo bene, visto che i diritti di pre-pubblicazione in 15 lingue per un ricavo di 750 mila euro. E Hollywood ha già manifestato l'intenzione di trarre un film dal romanzo.

Un successo inaspettato, tranne che nella testa dei due autori, Gordon e Williams: conosciutisi all'università, iniziarono a scrivere il romanzo dopo il licenziamento di Gordon dalla banca dove lavorava.

Dopo aver pubblicato a loro spese un'edizione limitata del romanzo, venduta in una piccola libreria di quartiere a Londra, registrarono un successo immediato. Il libro andò esaurito in un solo pomeriggio.

Cunningham non si è fatto scappare il potenziale bestseller e ha deciso di acquisire i diritti sul libro.

A luglio il libro arriverà sugli scaffali delle librerie britanniche. Se il successo sarà quello sperato, non attenderemo molto prima di vederlo in Italia."

 
 
 

Che cosa è il déjà vu?

Post n°246 pubblicato il 13 Giugno 2007 da Quezar
 
Foto di Quezar

Chissà quante volte vi sarà successo di trovarvi per la prima volta in un luogo e di trovarlo stranamente familiare, quasi come se la vostra mente ne avesse un qualche ricordo. A questa particolare esperienza diamo comunemente il nome di déjà vu.
Come spiegare questo misterioso fenomeno? Fino a poco tempo fa potevamo tranquillamente volare con la fantasia e immaginare di aver già vissuto quel momento in un altra vita, o in sogno. Questo poteva accadeva fino a che la scienza non è giunta a svelare di che cosa si tratta.
La spiegazione è stata pubblicata sull'ultimo numero di Science e, a tal proposito Giulietta Capacchione, curatrice di Psicocafé, svela che il déjà vu non sarebbe altro che un errore della memoria episodica, in particolare è una temporanea incapacità del giro dentato ippocampale di riconoscere luoghi simili.
Più semplicemente, ogni volta che ci troviamo in un luogo nuovo il nostro cervello scatta una sorta di fotografia di quel determinato posto, così ogni volta che ci torniamo possiamo riconoscerlo. Se capitiamo in uno spazio simile il nostro cervello produrrà una nuova mappa neurale, che sarà largamente sovrapposta alla prima. È sufficiente anche un solo elemento appartenente a più contesti per scatenare il déjà vu. Vai su Psicocafé per conoscere tutti i particolari.E voi cosa ne pensate? Forse preferivate quando il déjà vu era ancora avvolto da un'affascinante aurea di mistero?

 
 
 

Voleva colorare il Monte Bianco, arrestato artista

Post n°245 pubblicato il 12 Giugno 2007 da Quezar
 
Foto di Quezar

Marco Evaristti, 43 anni, artista danese nato in Cile, uno dei massimi esponenti della cosiddetta "shock art" è stato arrestato dagli agenti della gendarmeria francese mentre, in cima al Monte Bianco, stava cercando di verniciare di rosso circa duemila e cinquecento metri quadrati di ghiacciaio.

Evaristti è già noto per la sua particolare forma d'arte: nel 2004 ha deciso di iniziare una trilogia naturalistica, partendo dalla Groenlandia. La prima impresa, denominata The Ice cube project (letteralmente, "progetto cubetto di ghiaccio") è stata quella di colorare di rosso un iceberg per protestare contro i rifiuti nucleari abbandonati nell'isola da parte degli Stati Uniti.
Evaristti ha organizzato l'iniziativa sul Monte Bianco con grande precisione investendo circa 50mila euro e facendosi aiutare da una quindicina di persone: "a chi appartiene la natura? - si chiede l'artista motivando il "Mont Rouge project", secondo step della trilogia - l'acqua nei laghi, la neve sulla terra, i fiori nei campi o gli alberi nelle foreste tropicali? Ho il diritto di creare uno stato di non violenza, di pluralismo e di tolleranza sul Monte Bianco, che non appartiene solo alla Francia".
I gendarmi lo hanno fermato quando era arrivato a 3400 metri di quota, dopo che aveva già verniciato, a scopo di test, una parte del colle Flambeaux, sopra la "Vallée Blanche", una delle aree più incontaminate e suggestive dell'arco alpino. Gli agenti del Péloton d'Haute Montagne di Chamonix, sono arrivati sul posto in elicottero e, dopo aver fermato l'artista, hanno anche sequestrato i bidoni d'acqua colorata. Marco Evaristti è stato trattenuto nella caserma della cittadina francese per qualche ora con l'accusa di offesa al "codice dell'ambiente". L'uomo però non si è perso d'animo ed è ripartito alla volta della vetta del Monte Bianco dove ha realizzato, domenica 10 giugno, una versione riveduta e limitata del progetto, stendendo degli spicchi di stoffa rossa sulla vetta, in modo da formare un cerchio rosso.

Fonte: Tiscali

 
 
 

Primo poster di Saw 4

Post n°244 pubblicato il 12 Giugno 2007 da Quezar
 
Foto di Quezar

Uno degli elementi più interessanti del franchise di Saw, fin dal primo episodio, è sicuramente il marketing, e in particolare la Lionsgate ci ha sempre stupiti con poster piuttosto disturbanti di dita mozzate e denti strappati.
Il primo poster di Saw 4, o meglio la prima promo art, non è niente male anche se non ai livelli delle vecchie locandine che tutti ricordiamo.

Sicuramente nei prossimi mesi verremo sommersi da nuovo materiale promozionale ben più interessante, ma come inizio non c'è da lamentarsi.

Intanto, le riprese del quarto episodio sono passate sono silenzio ma sembra si siano già concluse nei giorni scorsi. Nei giorni scorsi è emerso qualche nuovo dettaglio. Si è appreso che Tobin Bell, ovvero Jigsaw, apparirà fisicamente nel film e non soltanto nelle immagini dei monitor, e comparirà anche la sua assistente Amanda (Shawnee Smith). Ancora non è chiaro in che modo verranno introdotti questi personaggi.
Ecco la breve sinossi rilasciata:

Jigsaw continua a tormentare i vivi in Saw 4, forzandoli ad apprezzare la vita, o affrontare la morte. Proseguendo con la vicenda di Saw 3, Jeff deve trovare sua figlia e fuggire dall'edificio in cui si trovano rinchiusi prima di morire entrambi. Trovando una nuova cassetta di Jigsaw, Jeff realizza che potrebbe esserci un nuovo pezzo del puzzle che dev'essere decifrato prima che sia troppo tardi.



Il regista del film sarà Darren Lynn Bousman, che ha diretto gli ultimi due episodi. Il film entra ora in postproduzione e uscirà, come di consueto, ad Halloween, pronto per un prevedibile successo ai botteghini.

Fonte:Badtaste

 
 
 

Incredibile ma vero: pittore con le chiappe

Post n°243 pubblicato il 11 Giugno 2007 da Quezar
 
Foto di Quezar

Usa, Stephen Murmer, insegnante d'arte, usa il fondoschiena al posto del pennello per realizzare i suoi quadri.

Un insegnante d'arte americano è stato sospeso dopo che il suo capo ha saputo che era solito dipingere i suoi quadri usando il fondoschiena come pennello. Stephen Murmer, questo il nome del bizzarro artista, ha anche aperto un sito internet, buttprintart - in cui spiega la sua personalissima tecnica di pittura e ne dà dimostrazione con un video.

I suoi quadri di solito ritraggono fiori e farfalle e costano all'incirca dai 290 ai 520 dollari. Quando appare nei video il professore-artista usa travestirsi da Groucho Marx, con tanto di naso, occhiali e baffi finti, come si può vedere nel filmato in cui il docente, solo con un tanga nero addosso, si adopera in favore delle telecamere per mostrare come si dipinge un quadro utilizzando proprio le "chiappe" come pennello.

Nel frattempo il consiglio d'istituto della scuola in cui lavorava sta valutando se riammetterlo all'insegnamento, considerata l'originalità della sua arte.

Fonte:Libero

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: Quezar
Data di creazione: 14/03/2006
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Gbrielsexydamilleeunanotteangelomatopiaclara10cfnmmanvogliaditectsluigi1adele1983Danielinax86xunicababyMarco78wmau1203monicuccia87damiano84_dinzillonigla
 
Citazioni nei Blog Amici: 3