Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

 

Ma chi sarò mai?!

Post n°4502 pubblicato il 11 Gennaio 2019 da valerio.sampieri
 

Ma chi sarò mai?!

Io sempre me sdrucino co' quarcuna,
nun certo pe scallà er testosterone,
così divento ancora più marpione.
Lo fò quanno c'è er sole o c'è la luna

e mica m'accontento solo d'una!
Me piace fallo ne l'intimità
'ndove nisuno ce se pò impiccià,
co' na ragazza bionna oppuro bruna,

capito si che razza de mandrillo?
La donna la spupazzo dritta e stesa:
ce l'hai presente come fai a 'n birillo?

"Preparate!" - me guarda, e se sciacquetta
e quanno co' la mano su me è scesa,
entro in azzione io: la saponetta!

Valerio Sampieri
10 gennaio 2019

 
 
 

L'Utore

Post n°4501 pubblicato il 31 Dicembre 2018 da valerio.sampieri
 

L'Utore

L'Utore de 'sti gran capolavori
è lui, è propio lui, nun ce se sbaja.
Ce sta chi scrive, sinnò s'incacaja,
ma lui declama mejo de l'attori!

Lui quinni scrive, perché così er monno
ciavrà modo de fasse 'na curtura,
potrà sentì la vita meno dura,
e vive in modo alegro e più gioconno.

Ma 'ndo lo trovi 'n antro generoso
come quer fusto che er tu' core avvorge
cor modo d'esse suo così affettuoso?

Stimola sentimenti e li ricordi,
crede che je voi bene e nun s'accorge
che leggi li versi sua ... e te li scordi!

Valerio Sampieri
27 dicembre 2018

 
 
 

Er Profeta de le gabbole

Er Profeta de le gabbole (1)

Voi sce gonfiate (2) da 'na man de (3) sere
sor uscellaccio de le male nove (4)
che in tutto quanto er Carnovale piove:
pôzzi crepà lo stroligo (5) in braghiere! (6)

C'abbitassivo (7) ar vicolo der bove (8)
co vostra mojje a rregge er cannejjere (9)
lo sapevo, ma nnò st'antro (10) mestiere
de rubbà ll'occhialino a Bbarbaggiove. (11)

Io ve lassai cuggnato (12) de li preti,
e vv'aritrovo mó tutt'in un botto (13)
diventato Spacoccio de Rieti. (14)

Dunque, sor Casamia, (vd. n. 14) sor Omo dotto,
sor Barbanera, (vd. n. 14) a nnoi, tra sti segreti
s'ariccapezza sto ternuccio all'Otto? (14a)

Note:
1 Cabale.
2 Ci annoiate.
3 Da una mano di, ecc.: da cinque.
4 Uccello di cattivo augurio.
5 Possa crepar l'astrologo. Così rispondesi a chi predice sventure.
6 Il brachiere è a Roma tenuto per un famoso barometro.
7 Che abitaste, ecc.
8 Cioè: «che foste cornuto».
9 Candeliere.
10 Quest'altro.
11 Di antivedere il futuro.
12 Cognato. Dicesi in Roma cognato a chi partecipa con altri d'una medesima donna.
13 D'improvviso.
14 Tre famosi facitori e titoli di lunari.
14a Al lotto.

Giuseppe Gioachino Belli
Roma, 20 novembre 1831 - Der medemo
(Sonetto 247)

 
 
 

Bon Natale 2018

Post n°4499 pubblicato il 23 Dicembre 2018 da valerio.sampieri
 

Bon Natale 2018

Mancava pe' quest'anno er mi' sonetto,
che dice "Bon Natale a tutti quanti!".
L'uguri ch'ho da fà sò' propio tanti
e vojo che ve fanno 'n cert'effetto.

Potrebbe divve d'esse tutti boni,
perché la pace in tera cià da esse
pe' davve bene come si piovesse
e senza più rotture de minchioni.

Perciò, lo sai che faccio pe' quest'anno?
Certo, ciò moje, fiji e ciò l'amichi,
nipoti, che ner còre sempre stanno,

e vojo che nun ciànno mai dolore.
L'ugurio che fo a tutti nun cià prichi:
v'auguro de sta in pace cor Zignore.

Note:
v.3: Uguri = auguri.
v.13: prichi = plichi.
 
Valerio Sampieri

 
 
 

Er Leone e er conijo

Post n°4498 pubblicato il 21 Dicembre 2018 da valerio.sampieri
 

Er Leone e er conijo

Un povero Conijo umanitario
disse al Leone: - E fatte tajà l’ogna!
levete quel'artiji! È 'na vergogna!
Io, come socialista, so' contrario
a qualunque armamento che fa male
tanto a la pelle quanto a l'ideale.

- Me le farò spuntà... - disse el Leone
pe' fasse benvolé dar socialista:
e agnede difilato da un callista
incaricato de l'operazzione.
Quello pijò le forbice, e in du' bòtte
je fece zompà (1) l'ogna e bona notte.

Ècchete che er Conijo, er giorno appresso,
ner vede un Lupo co' l'Agnello in bocca
dette l'allarme: - Olà! Sotto a chi tocca! -
El Leone je chiese: - E ch'è successo?
- Corri! C'è un Lupo! Presto! Daje addosso!
- Eh! - dice -me dispiace, ma nun posso.

Prima m'hai detto: levete l'artiji,
e mó me strilli: all'armi!... E come vôi
che s'improvisi un popolo d'eroi
dov'hanno predicato li coniji?
Adesso aspetta, caro mio; bisogna
che me dài tempo pe' rimette l’ogna.

Va' tu dal Lupo. Faje perde er vizzio,
e a la più brutta spàccheje la testa
coll'ordine der giorno de protesta
ch'hai presentato all'urtimo comizzio...
- Ah, no! - disse er Conijo - Io so' fratello
tanto del Lupo quanto de l'Agnello.

Nota:
1 Saltare.

Trilussa
gennaio 1915
Da "Lupi e agnelli", in Trilussa tutte le poesie, a cura di Pietro Pancrazi Note di Luigi Huetter, con 32 illustrazioni dell'Autore e 3 facsimili, Arnoldo Mondadori Editore, V Edizione: settembre 1954, pag. 434

 
 
 

La magnata

Post n°4497 pubblicato il 29 Novembre 2018 da valerio.sampieri
 

La magnata

Ciò carcoli, diabbete e mar de core,
er fegheto e li reni puro rotti,
er gasse de la panza fa li botti ...
ammazza sì che vita de dolore!

Me tocca magnà solo che 'n brodino
a pranzo; a cena solo che 'n pescetto,
de pane e pasta, invece, manco 'n etto,
inzomma ... sò ridotto a pedalino!

M'inzogno che me 'ngozzo puro troppo,
sò alegro mentre casco a tera prono,
stò pe' stirà le cianche e quinni schioppo.

Appare er Padreterno che me dice:
"Sei stato 'n peccatore e te perdono,
perché t'ariesce de morì felice!

Metti che, versavice,
schiattavi mentre avevi diggiunato,
te meritavi da morì addannato!"

Valerio Sampieri
28 novembre 2018

 
 
 

Il gobbo

Post n°4496 pubblicato il 17 Novembre 2018 da valerio.sampieri
 

Il gobbo

Sosténéva un dóttóre
Che ha fatto tutto bène il Créatóre:
Un gòbbo ad esso: guardami le réne:
E quei: per gobbo tu sei fatto bène.

Filippo Pananti
(nato presso Ronta di Mugello il 1766, morto l Firenze nel 1887).

 
 
 

Du' vorte

Post n°4495 pubblicato il 14 Ottobre 2018 da valerio.sampieri
 

Du' vorte

De caccabbàrdole te copro er viso,
perché er grugnetto tuo nun cià rivali;
quanno te guardo, è come si m'assali,
pe' quant'è bello ciuco er tu' soriso.

Uperti o chiusi, st'occhiettucci tua
manneno frezze che Gujermo Telle
fà ride polli e puro gallinelle,
che pare 'n ciurcinato, tacci sua!

E che portento ciài de ganassine!
Paciocca mia, sei propio delizziosa,
puro si t'accarezzo le manine.

E quanno che t'incontro, è sempre l'ora
d'assaporà le labbra tua radiosa ...
'na vorta ..., ma du' vorte è mejo ancora!

Note:
v.1: Caccabàldole. Termine di derivazione greca, tuttora reperibile sul Vocabolario Treccani, che la 4^ edizione del Vocabolario della Crusca definisce con: Carezze, Vezzi, Atti, e Parole lusinghevoli. Lat. deliciae, blanditiae. Risale al XIII Secolo la prima occorrenza di caccabàldole, al Pataffio, attribuito a Brunetto Latini.
v.4: Ciuco vuol dire piccolo, ma qui è usato come vezzeggiativo.
v.6: Frezze, frecce.
v.8: Ciurcinato o ciorcinato significa misero, disgraziato.
v.9: Ganassine, piccole gote.
v.10: Paciocca, ragazza prosperosa.
v.13: Nel dialetto romano, l''aggettivo prende la stessa desinenza del sostantivo: le labbra tue radiose.

Valerio Sampieri
14 ottobre 2018

 
 
 

'Na vorta

Post n°4494 pubblicato il 03 Ottobre 2018 da valerio.sampieri
 

'Na vorta

'Na vorta scrivo versi in romanesco
e poi me metto a scrìve in cispadano:
ma ... ner ciarvello ciò quarcosa sano?
Sà tanto che a trovallo nu' riesco!

Però, che t'ho da di?, me ce diverto
a cérca e tròva 'gni parola oscura,
che pe' capilla ce vò tanta cura
e che la dico giusta è puro incerto!

Metti che 'n giorno dico scerpellone,
che nu l'ho mai sentito 'n vita mia:
sarò 'n poeta, oppuro 'n gran fregnone?

Nu 'mme ne vò a cercà imprese grandiose
e m'accontento de la fantasia:
la vita è fatta de piccole cose.

Valerio Sampieri
3 ottobre 2018

 
 
 

Er traghetto

Er traghetto (1)

Ahàggnola! (2) a la fine te sciò ttrova (3)
a ppreparamme (4) er barzimo (5) der corno!
Ma ttanto e ttanto me credevi ssciorno (6)
de nun capillo (7) cquà ccosa se (8) cova?

Sputa: (9) chi è cquello c'a la Cchiesa-nova
un quarto fà tte ronneggiava (10) intorno?
eppoi entrò cco tté llì accant'ar forno
da quella donna c'arivenne (11) l'ova?

Io ve vedevo, sai? Lui chiotto chiotto
a vvienitte a le tacche, (12) e ttu a gguardallo
co la coda dell'occhi pe dde sotto.

E mmó ccosa sarebbe sto bbarbotto? (13)
Fussi (14) quarche ttumore da riontallo (15)
come jjeri coll'ojjo der cazzotto! (16)

Note:

1 Occulto commercio d'amore.
2 Esclamazione propria di chi gode aver trovato ciò che cercava.
3 Ti ci ho trovata.
4 Prepararmi.
5 Balzamo.
6 Stolido.
7 Da non capirlo.
8 Si.
9 Confessa, parla.
10 Rondeggiare: far la ronda.
11 Che rivende.
12 A venirti alle tacche: a seguirti da presso.
13 Questo borbottio.
14 Fosse mai.
15 Da riontarlo: riungerlo.
16 Coll'olio dei pugni.

Giuseppe Gioachino Belli
Roma, 20 novembre 1831 - Der medemo
(Sonetto 246)

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

NORMAGIUMELLImolto.personaleSEMPLICE.E.DOLCELSDtripVince198nina.monamoursolosorrisovalerio.sampierimonica_varanimoschettiere62ciaobettinacasadelviandanteIO.DIVINA_CREATURAvirgilio710
 

ULTIMI COMMENTI

 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom