Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

 

Er ceco

Post n°4481 pubblicato il 16 Luglio 2018 da valerio.sampieri
 

Er ceco

IV


Da cinque mesi, ar posto der lumino
che s'accenneva pe' l'avemmaria,
cianno schiaffato (1) un lume d'osteria
cór trasparente che c'è scritto: Vino.

Ma er ceco crede sempre che ce sia
er Cristo, l'Angeletto e l'artarino,
e ner passà se ferma, fa un inchino,
recita un paternostro e riva via...

L'ostessa, che spessissimo ce ride,
je vorebbe avvisà che nun c'è gnente:
ma quanno è ar dunque nun se sa decide.

- In fonno, - pensa - quann'un omo prega
Iddio lo pô sentì direttamente
senza guardà la mostra de (2) bottega.

Note:
1 I. Messo.
2 L'insegna della.

Trilussa
Trilussa tutte le poesie, a cura di Pietro Pancrazi Note di Luigi Huetter, con 32 illustrazioni dell'Autore e 3 facsimili, Arnoldo Mondadori Editore, V Edizione: settembre 1954, pag. 433

 
 
 

Gaio Giulio Cèsere

Gaio Giulio Cèsere

Morì ammazzato 'sto gran connottiero ...
me spiego ... 'nu stò a dì 'na parolaccia!
Pe' fallo, te ce vô 'na bella faccia:
sor Cèsere è gajardo pe' davero!

Fece 'n fottìo de guere e ha puro vinto
Pirati, Cèrti, Tèutoni e li Galli.
Si 'n c'era Cassio e Bruto, 'sti sciacalli,
'nventava puro er brodo, só convinto!

Ma dato che ciaveva strane vòje,
perché co' 'n ômo o donna era lo stesso,
sai come lo chiamaveno? La moje!

Però, a la faccia tosta der sarciccio,
messe da parte le quistion de sesso,
nun era 'n tipo tenero, ma spiccio.

Nun è che io m'impiccio:
si a lui je date quelo che je spetta ...
datelo puro a me, dateme retta!

Note:
v.1: La congiura delle Idi di marzo.
v.6: Quando fu catturato dai Pirati, Cesare riuscì a conquistare la loro benevolenza, ma, appena liberato e pagato il riscatto, li fece a sua volta catturare e ammazzare tutti.
v.8: Alea iacta est (il dado è tratto; la frase, in realtà, non fu mai pronunciata da Cesare, al pari di "tu quoque, Brute...", che fu invece pronunciata in greco: Kài sù tèknon).
v.11: Sulla presunta omosessualità di Cesare si è dilungato Antonio Spinosa, nel suo "La Grande Storia di Roma".
v.16: Rendete a Cesare ciò che è di Cesare ... (Vangeli: Matteo 22,21; Marco 12,17; Luca 20,25.

Valerio Sampieri
9 luglio 2018

 
 
 

Er Destino

Post n°4479 pubblicato il 02 Luglio 2018 da valerio.sampieri
 

Er Destino

(La scena rappresenta una squallida soffitta. Il temporale si dilegua lontano con frequenti lampeggiamenti e brontolii di tuono. Un uomo sui 45 anni, miseramente vestito, dopo essersi introdotto cautamente nella stanza, chiude la porta a chiave precipitosamente. - A tentoni nel buio raggiunge un tavolino sgangherato e vi posa un elegante cofanetto ravvolto in un fazzoletto a colori e un coltello acuminato. - Si fa luce con dei fiammiferi ed accende una candela, infissa in una bottiglia. - Paurosamente guarda le ombre che si dileguano. - Ha le mani macchiate di sangue - Dopo un pò di pausa, cade affranto su una sedia:

Finarmente rifiato...Stò ar sicuro!
Gnisuno m'ha veduto: manco Dio!!
Co' 'st'acqua che viè giù, e co' 'sto scuro
chi vôi che me vedesse?...Solo io
so quer c'ho fatto in de 'sta notte nera!!

(guardandosi le mani con ribrezzo)

Sangue! (pausa) me fa ribrezzo! se direbbe
che tremo! (risoluto) Ma de che? da la paura?
dar rimorso? Ah si! ciàmancherebbe!!
Ciàmancherebbe, si è la jettatura
che ha vorsuto così! La jettatura
che nun m'ha mai vorsuto galantomo!
Provà rimorso, quanno ch'er destino
me carpesta...me schiaccia 'ndè la fanga
e me dice: - nun vojo che sei bono...
che ci hai famija...sei un lavoratore...
Vojo che bevi lacrime e dolore...
che scenni 'nsino all'urtimo scalino:
t'ho condannato a diventà assassino,
e assassino diventa! - (lugubre) l'ho obbedito!!

(pausa lunga - brontolio di tuono)

Ce so' passato tante e tante sere
pè quella strada, e, sotto a quer villino
co' le finestre illuminate,
ci ho guardato accosì...pè l'ore intere.
'Nde li bicchieri se schiumava er vino...
e lassù, se rideva...se magnava
godennose la vita allegramente
mentre, stracco, affamato...sfinito,
pè me, gnente...mai gnente! (con forza) Ma mò no!

(pausa lunghissima)

Era passata già la mezzanotte,
Pioveva, o pè dì mejo diluviava.
Nun passava gnisuno lì a quell'ora.
Er lampo, che ogni tanto sbarbajava,
pareva m'insegnasse la finestra
come pè dimme: - và!, ce pensi ancora? -
E ce so' ito!!! Butto su e' rampone...
monto ar primo piano...
senza 'no scrocchio,
sfascio er catenaccio der barcone.
Ar balenà d'un lampo, a corpo d'occhio.
ho visto ch'era "cammera da letto":
me so accucciato...poi, così, a struscicone,
sò ito fino ar muro de rimpetto!
All'improvviso, un lampo maledetto,
sbaraja 'nde la stanza, accosì chiaro,
che illumina quer che ci avevo intorno
manco si fusse stato mezzogiorno!!!
Acciderba che lusso! Sola sola
'ntravidi in quer chiarore 'na regazza
intorcinata immezzo alle lenzola.
Pensai: - 'Na mantenuta...'na cocotte!...-
Allora, piano piano, me so' arzato:
stretto, qui in bocca, ci ho messo er cortello,
e, co' 'n occhio ar tiretto e l'artro ar letto,
ho incominciato a daje de "scarpello"!
Sforzo...er tiretto scrocchia...un par de bòtte,
e tutto è fatto! A un tratto 'nde la notte,
sento un rumor de passi cadenzati:
- Madonna!! la Pattuja!! e si se sveja? -
A 'sto pensiero qui, me sò gelato!
Lo scarpello me casca...fà rumore...
Boja disdetta!!! quella s'è svejata!!

Rifà la strada e fugge per barcone?
Sarei cascato in braccio ar pattujone!
'Nfrattanto, insospettita dar rumore,
quella, sur letto s'era messa a sede:
Madonna che momento!!
Ar chiarore d'un lampo lei me vede...
spalanca l'occhi...fà pè caccià un urlo
de terore...ma sverto più der vento,
comme 'na tigre...cor cortello arzato,
l'ho "inchiodata" frammezzo alle lenzola!!

(pausa raccapricciante, indi, tuono)

Poveraccia! ha provato a strillà "mamma"
ma quello strillo j'è rimasto in gola
àffogato dar sangue!! (pausa)

(guardandosi le mani, e rabbrividendo)

Sangue!!

(pausa, indi tre tocchi di orologio)

Sò le tre! Pare che sona a morto
'sta campana!- (pausa) Ho freddo!! - fà paura
a guardamme 'ste mano! embè!?...ce tremo!
Che fossi diventato 'na criatura?
(con forza) No...no!!
Nun devo esse accosì! mo so' "assassino"!...
Er còre l'ho da stregne co' 'na stretta,
e l'ho da stregne, lo da stregne infino
a soffocà e' rimorso e la paura
perchè, se la mì sorte maledetta
m'ha vorsuto cattivo, io l'ho da esse
senza rimpianti, e senza fà lamenti!!

(con tenerezza e rammarico)

Io nun ero accosì, quando mì madre
me consijò de mette sù famija:
ero in quer tempo, un bon lavoratore
e quanno, doppo un pò, me nacque Ersilia,
me c'attaccai co' l'anima e còr còre
a quela fija bella come un fiore...
e m'aricordo, quanno che la sera,
piccoletta, veniva pè le scale,
p'abbraccicamme le gambe e arampicasse,
pè li gran baci je facevo male!!

(la tempesta riprende la sua violenza - raffiche di vento, lampeggiare più frequente e scoppi di tuono - accennando al temporale)

Comme la notte che morì mì moje!!
si, talecquale proprio a quella notte!
E che io cerco de distoje
'sto cervellaccio mio a ripensacce?
Gnente!! 'Gni vorta che alle lastre rotte
de 'sta soffitta dove me rintano
ce sbatte l'acqua o ce sbaraja er lampo,
s'ariffaccia a la mente, piano piano,
quer profilo che, certo in fin che campo,
nun se potrà scassà da 'sto cervello!
(con commozione crescente)
Bianca, più bianca assai delle lenzola
der letto, 'ndove Rosa me moriva,
Ersilia, poverella, che giù in gola
se tratteneva er pianto, je veniva
asciuganno le labbra ancora sporche
de sangue! Rosa, moriva tisica!...
e arisento
'a stessa voce rotta dalla tosse
e quer fiatone che j'arzava er petto:
- Ersilia...hai tredici anni...io te lasso...
quì c'è tu padre...porteje rispetto!! -
Poi co' 'no sforzo, cercò de arzà 'na mano,
e, doppo che se fu cercata in petto
cacciò un brillocco, e poi: - 'Sto medajone
tiettelo ar collo...pè ricordo mio!...
C'è 'na viola seccata, e all'antro lato,
'ste du' parole che ci ho scritte io:
- Qualunque 'nde la vita sia la spina,
tu chiama mamma, e te vierò vicina! -

Dalla finestra mezzo sganghernata
fischiò la tramontana, e quer lamento,
me parve in quer momento
la risata d'un demonio! e poi più gnente:
morì!!...
(accalorandosi)
E doppo poi? Amichi...gioco...vino
E doppo? Ersilia a quindici anni me scappò.
E doppo? Vino...vino...vino...
Si, sempre vino! e doppo?
Ladro!! e doppo? (lugubre con voce strozzata)
doppo...assassino!!!
(pausa, poi con impeto)
Basta mò! basta coi pensieri neri.
Ho vinto io 'sta vorta: ho vinto io!!
(ghermisce il piccolo forziere, con il coltello ne scassina la serratura - ha un lampo di cupidigia negli occhi allorchè ne rovescia il contenuto sul tavolo)
Oro...brillanti...Oro...
(terrificato, con la voce nella strozza)
Cristo! - un medajone!!!
C'è 'na viola seccata!!...ce sta scritto...
(legge)
- Qualunque 'nde la vita sia la spina...
(urlo di terrore)
Fija de Dio!...Ersilia fija mia!!
(come fulminato cade sulla sedia e scoppia in singhiozzi. d'un tratto, nel parossismo del dolore, afferra il coltellaccio e se lo vibra con forza all'impazzata nel petto e nella gola, rotolando)

Hai chiamato tu' madre!!...T'ho sgozzata...
Bojaccia!!...Bojaccia!!
(cade, e con voce roca)
Mo te poi...conte...ntà...bo...ja...destino!!

Il lavoro è perfettamente "granguignolesco", senza il commento musicale, opera sapiente del Prof. CarloGranozio, perderebbemolto del suo effetto. Anche gli altri miei monologhi Er Fattaccio, La Passatella, Lo Schiaffo, diventarono monologhi per opera del suddetto maestro. L'uso di commentare fatti drammatici mediante strumenti musicali risale ai tempi del teatro Greco di Eschilo (nota di A. Giuliani)

Monologo di Alfredo Giuliani

 
 
 

L'Omo

L'Omo

Guarda che ccosa è ll'omo, e ssi (1) è ppeccato
de fà sparge a la guerra er zangu' umano!
Dio, che ppô ffà 'ggni cosa da lontano
e ppiscià a lletto e ddì dd'avé ssudato,

pe ccreà l'Omo sc'impiegò le mano;
e ddoppo avello (2) bbene smaneggiato,
je fesce hâh: (3) e Adamo, pe cquer fiato,
da un pupazzetto diventò un cristiano.

E aveva appena cominciato a vvive, (4)
che ggià ssapeva rescità l'istoria
com'un de quarant'anni, e llêgge, e scrive.

E ssapeva chiamà ppuro (5) a mmomoria
tutte le bbestie bbone e le cattive
come noi conosscemo la scicoria.

Note:
1 Se.
2 Averlo.
3 Gli fece hâh: spirò sopra a lui il suo alito.
4 Vivere.
5 Pure.

Giuseppe Gioachino Belli
Roma, 19 novembre 1831 - Der medemo
(Sonetto 244)

 
 
 

Er ceco

Post n°4477 pubblicato il 19 Giugno 2018 da valerio.sampieri
 

Er ceco

III


Er ceco camminava accosto ar muro
pe' nun pijà de petto a le persone,
cercanno co' la punta der bastone
ch'er passo fusse libbero e sicuro.

Nun ce vedeva, poveraccio, eppuro,
quanno sentiva (1) de svortà er cantone
ciancicava (2) la solita orazzione
coll'occhi smorti in quel'archetto scuro (3).

Perché, s'aricordava, da cratura (4)
la madre je diceva: - Lì c'è un Cristo,
preghelo sempre e nun avé paura... -

E lui, ne li momenti de bisogno,
lo rivedeva, senza avello visto,
come una cosa che riluce in sogno...

Note:
1 Avvertiva.
2 Biascicava.
3 Buio.
4 Da bambino.

Trilussa
Trilussa tutte le poesie, a cura di Pietro Pancrazi Note di Luigi Huetter, con 32 illustrazioni dell'Autore e 3 facsimili, Arnoldo Mondadori Editore, V Edizione: settembre 1954, pag. 432

 
 
 

La pôra gente

Post n°4476 pubblicato il 18 Giugno 2018 da valerio.sampieri
 

La pôra gente

Ma quanta pôra ggente c'è a 'sto monno?!
Te giri, t'ariggiri e t'arivorti,
só' mórti meno i dritti e più li storti,
capaci de toccà sempre più er fonno.

Te ne stai bôno bôno a casa tua,
quanno te l'aritrovi sur più bello.
Forze ciavrànno 'n bucio ner ciarvello,
o cosa che je fa 'n ber po' de bua.

Diceva la canzona d'Arbertone
"Te ciànno mai mannato a cquer paese?!":
io te ce manno cór un bèr spintone!

Femmina o maschio, pôro ciurcinato,
te dico piano piano e 'n só scortese:
"Ma vedi 'n po' d'annà 'mmor'ammazzato!".

Ma nu' mme só arabbiato.
Quanno che 'nfrocio ne li tipi pazzi,
nu' mme li caco, cór sacro: "E sticazzi?!".

Note:
v.11: Cór = con, quando è seguito dall'articolo indeterminativo.
v.12: Pôro ciurcinato = povero disgraziato.
v.16: Quanno che 'nfrocio ne li tipi pazzi = quando mi imb, nariciatto in persone malate di mente. Infrocià significa, propriamente, andare a sbattere il naso, le "froce" (froge). Chiappini dà al termine il significato di "annusar tabacco" oppure di "incastrare". Ravaro offre un più ampio ventaglio di significati.
v.17: "Nu' mme li caco, cór" = non me li filo, non dò loro importanza. La cacofonia (caco, cór) vorrebbe rafforzare il concetto di assoluta indifferenza.
v.17: "E sticazzi?!" è la panacea, il chissenefrega all'ennesima potenza, la vera ed unica filosofia di vita da adottare quando ci si imbatte negli imbecilli. L'inflesione della voce, nella pronuncia di tale "formula magica" (interrogativoa, esclamativa, interrogativa/esclamativa, oppure esclamativa/interrogativaha estremo valore, perché anche il significato della giaculatoria può mutare con essa, assumendo diverse sfumature.

Valerio Sampieri
17-18 giugno 2018

 
 
 

Er ceco

Post n°4475 pubblicato il 17 Giugno 2018 da valerio.sampieri
 

Er ceco

II


E adesso l'Angeletto fa er gaudente
in una bella cammeretta rosa,
sculetta e ride ne la stessa posa
coll'ale aperte, spensieratamente.

Nun vede più la gente bisognosa
che je passava avanti anticamente,
dar vecchio stroppio (1) ar povero pezzente
che je chiedeva sempre quarche cosa!

Nemmanco je ritorna a la memoria
quer ceco ch'ogni giorno, a la stess'ora,
je recitava la giaculatoria:

nemmeno quello! L'Angeletto antico
adesso regge er lume a la signora
e assiste, a certe cose che nun dico!

Nota:
1 Storpio.

Trilussa
Trilussa tutte le poesie, a cura di Pietro Pancrazi Note di Luigi Huetter, con 32 illustrazioni dell'Autore e 3 facsimili, Arnoldo Mondadori Editore, V Edizione: settembre 1954, pag. 431

 
 
 

Er romano

Post n°4474 pubblicato il 14 Giugno 2018 da valerio.sampieri
 

Er romano

Me fa, dice: - Er romano è strafottente,
baccaja sempre, cià brutte maniere
e, quanno che je gireno le sfere,
diventa fumantino e prepotente.

Dico: - Ma statte zitto, fa' er piacere
e nu' roppe le scatole pe' gnente,
ch'io so' romano e t'hai da mette' in mente
che 'ste frescacce l'hai da di' ar portiere.

Si a 'sto monno ce sta' un ômo gentile,
fine, educato, docile e modesto,
come un fiore che sboccia quann'è aprile,

questo è er romano e, si t'abbisogna,
sai che te dico? Squajatela presto
sinnò te gonfio come 'na zampogna!

Goffredo Durantini
Possenti, Francesco - Roma e i suoi poeti - Aldo Martello Editore Milano, 1972 (Pagine 343) - Pag. 10

 
 
 

Pennazza

Pennazza
Ciglia. Peli degli occhi [Belli]. Il termine è usato al plurale, in quanto ciglio si dice cijo.

Zanazzo, Usi, costumi e pregiudizi del popolo di Roma; Parte II, A tavola: "quanno uno môre è ccondannato pe' ssette anni in purgatorio, a riccoje quer sale sversato co' le pennazze de ll'occhi, granèllo pe' ggranèllo."
Trilussa, Cammera ammobbijata: "ma co' quell'occhi, mai! So' color celo: / che, quanno li tiè bassi, le pennazze / je fanno un'ombra blu, che pare un velo."
Dell'Arco, Fine der monno: "Er girasole, / co' le pennazze gialle / intorno all'occhio nero, aspetta er sole"
T2-2162, Er guazzarolo sbiancato: "Vacca o vvitella poi, bbiocca o ppollanca, / questo a mmé nun me smove una pennazza. // Ma rrara o nnò ccom'una mosca bbianca,"
T1-0132, Er poscritto: "Quanno a mmarenna, quanno a ppranzo e a ccena, / le pennazze dell'òcchi m'ha maggnato. // E ggià che mm'è arimasto er core e 'r fiato,"

 
 
 

Li buci pe' le strade de Roma

Li buci pe' le strade de Roma

L'edizzione 101 der Giro d'Itaja cià avuto 'na tappa in meno, l'urtima che doveva arivà a Roma! Li coridori, che se butteno a 100 all'ora da le montagne, co' tutto er martempo, che córeno la Pariggi - Rubbé co' la neve e su li serci e li buci, ciànno avuto paura de córe, pe' come so' ridotte le strade de Roma! Hanno fatto solo la finta de córe, giusto pe' dì che quarcuno ha vinto la tappa. Nun era mai successa 'na cosa come a questa ... ce voleva er sinnaco Raggi pe' fà puro 'st'arta cazzata.

C'era 'na vorta er Giro de l'Itaja,
la córza che più bella nun ze pô,
e li ciclisti, vestiti ve dirò,
co' majetta, babbucce e carzamaja.

Pe' centunanni, quanti n'hanno córzi,
manco la neve, manco la bufera
riusciva a funzionà come bariera
che nun faceva annà pe' li percorzi!

'O sai che li ciclisti, lì a Rubbé,
córeno su li serci e li spuntoni?
Se ferma er Giro a Roma e sai perché?

Li buci pe' la strade! così tanti
che su la sella schiacceno i cojoni:
me fermo, dice er Giro, e 'n ciò rimpianti!

Sìnnaco, nun incanti!
è ora che le strade le rattoppi,
sinnò, li vaffanculo 'n só' mai troppi!

Valerio Sampieri
27 maggio 2018

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

NORMAGIUMELLImanoscrittiebooknina.monamoursolosorrisomolto.personaleVince198viola8591g.montemagnovalerio.sampieriasettico35marilu19740pulcino_nerocalimerolucre611Massimiliano_UdD
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom