Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

 

L'Omo

L'Omo

Guarda che ccosa è ll'omo, e ssi (1) è ppeccato
de fà sparge a la guerra er zangu' umano!
Dio, che ppô ffà 'ggni cosa da lontano
e ppiscià a lletto e ddì dd'avé ssudato,

pe ccreà l'Omo sc'impiegò le mano;
e ddoppo avello (2) bbene smaneggiato,
je fesce hâh: (3) e Adamo, pe cquer fiato,
da un pupazzetto diventò un cristiano.

E aveva appena cominciato a vvive, (4)
che ggià ssapeva rescità l'istoria
com'un de quarant'anni, e llêgge, e scrive.

E ssapeva chiamà ppuro (5) a mmomoria
tutte le bbestie bbone e le cattive
come noi conosscemo la scicoria.

Note:
1 Se.
2 Averlo.
3 Gli fece hâh: spirò sopra a lui il suo alito.
4 Vivere.
5 Pure.

Giuseppe Gioachino Belli
Roma, 19 novembre 1831 - Der medemo
(Sonetto 244)

 
 
 

Er ceco

Post n°4477 pubblicato il 19 Giugno 2018 da valerio.sampieri
 

Er ceco

III


Er ceco camminava accosto ar muro
pe' nun pijà de petto a le persone,
cercanno co' la punta der bastone
ch'er passo fusse libbero e sicuro.

Nun ce vedeva, poveraccio, eppuro,
quanno sentiva (1) de svortà er cantone
ciancicava (2) la solita orazzione
coll'occhi smorti in quel'archetto scuro (3).

Perché, s'aricordava, da cratura (4)
la madre je diceva: - Lì c'è un Cristo,
preghelo sempre e nun avé paura... -

E lui, ne li momenti de bisogno,
lo rivedeva, senza avello visto,
come una cosa che riluce in sogno...

Note:
1 Avvertiva.
2 Biascicava.
3 Buio.
4 Da bambino.

Trilussa
Trilussa tutte le poesie, a cura di Pietro Pancrazi Note di Luigi Huetter, con 32 illustrazioni dell'Autore e 3 facsimili, Arnoldo Mondadori Editore, V Edizione: settembre 1954, pag. 432

 
 
 

La pôra gente

Post n°4476 pubblicato il 18 Giugno 2018 da valerio.sampieri
 

La pôra gente

Ma quanta pôra ggente c'è a 'sto monno?!
Te giri, t'ariggiri e t'arivorti,
só' mórti meno i dritti e più li storti,
capaci de toccà sempre più er fonno.

Te ne stai bôno bôno a casa tua,
quanno te l'aritrovi sur più bello.
Forze ciavrànno 'n bucio ner ciarvello,
o cosa che je fa 'n ber po' de bua.

Diceva la canzona d'Arbertone
"Te ciànno mai mannato a cquer paese?!":
io te ce manno cór un bèr spintone!

Femmina o maschio, pôro ciurcinato,
te dico piano piano e 'n só scortese:
"Ma vedi 'n po' d'annà 'mmor'ammazzato!".

Ma nu' mme só arabbiato.
Quanno che 'nfrocio ne li tipi pazzi,
nu' mme li caco, cór sacro: "E sticazzi?!".

Note:
v.11: Cór = con, quando è seguito dall'articolo indeterminativo.
v.12: Pôro ciurcinato = povero disgraziato.
v.16: Quanno che 'nfrocio ne li tipi pazzi = quando mi imb, nariciatto in persone malate di mente. Infrocià significa, propriamente, andare a sbattere il naso, le "froce" (froge). Chiappini dà al termine il significato di "annusar tabacco" oppure di "incastrare". Ravaro offre un più ampio ventaglio di significati.
v.17: "Nu' mme li caco, cór" = non me li filo, non dò loro importanza. La cacofonia (caco, cór) vorrebbe rafforzare il concetto di assoluta indifferenza.
v.17: "E sticazzi?!" è la panacea, il chissenefrega all'ennesima potenza, la vera ed unica filosofia di vita da adottare quando ci si imbatte negli imbecilli. L'inflesione della voce, nella pronuncia di tale "formula magica" (interrogativoa, esclamativa, interrogativa/esclamativa, oppure esclamativa/interrogativaha estremo valore, perché anche il significato della giaculatoria può mutare con essa, assumendo diverse sfumature.

Valerio Sampieri
17-18 giugno 2018

 
 
 

Er ceco

Post n°4475 pubblicato il 17 Giugno 2018 da valerio.sampieri
 

Er ceco

II


E adesso l'Angeletto fa er gaudente
in una bella cammeretta rosa,
sculetta e ride ne la stessa posa
coll'ale aperte, spensieratamente.

Nun vede più la gente bisognosa
che je passava avanti anticamente,
dar vecchio stroppio (1) ar povero pezzente
che je chiedeva sempre quarche cosa!

Nemmanco je ritorna a la memoria
quer ceco ch'ogni giorno, a la stess'ora,
je recitava la giaculatoria:

nemmeno quello! L'Angeletto antico
adesso regge er lume a la signora
e assiste, a certe cose che nun dico!

Nota:
1 Storpio.

Trilussa
Trilussa tutte le poesie, a cura di Pietro Pancrazi Note di Luigi Huetter, con 32 illustrazioni dell'Autore e 3 facsimili, Arnoldo Mondadori Editore, V Edizione: settembre 1954, pag. 431

 
 
 

Er romano

Post n°4474 pubblicato il 14 Giugno 2018 da valerio.sampieri
 

Er romano

Me fa, dice: - Er romano è strafottente,
baccaja sempre, cià brutte maniere
e, quanno che je gireno le sfere,
diventa fumantino e prepotente.

Dico: - Ma statte zitto, fa' er piacere
e nu' roppe le scatole pe' gnente,
ch'io so' romano e t'hai da mette' in mente
che 'ste frescacce l'hai da di' ar portiere.

Si a 'sto monno ce sta' un ômo gentile,
fine, educato, docile e modesto,
come un fiore che sboccia quann'è aprile,

questo è er romano e, si t'abbisogna,
sai che te dico? Squajatela presto
sinnò te gonfio come 'na zampogna!

Goffredo Durantini
Possenti, Francesco - Roma e i suoi poeti - Aldo Martello Editore Milano, 1972 (Pagine 343) - Pag. 10

 
 
 

Pennazza

Pennazza
Ciglia. Peli degli occhi [Belli]. Il termine è usato al plurale, in quanto ciglio si dice cijo.

Zanazzo, Usi, costumi e pregiudizi del popolo di Roma; Parte II, A tavola: "quanno uno môre è ccondannato pe' ssette anni in purgatorio, a riccoje quer sale sversato co' le pennazze de ll'occhi, granèllo pe' ggranèllo."
Trilussa, Cammera ammobbijata: "ma co' quell'occhi, mai! So' color celo: / che, quanno li tiè bassi, le pennazze / je fanno un'ombra blu, che pare un velo."
Dell'Arco, Fine der monno: "Er girasole, / co' le pennazze gialle / intorno all'occhio nero, aspetta er sole"
T2-2162, Er guazzarolo sbiancato: "Vacca o vvitella poi, bbiocca o ppollanca, / questo a mmé nun me smove una pennazza. // Ma rrara o nnò ccom'una mosca bbianca,"
T1-0132, Er poscritto: "Quanno a mmarenna, quanno a ppranzo e a ccena, / le pennazze dell'òcchi m'ha maggnato. // E ggià che mm'è arimasto er core e 'r fiato,"

 
 
 

Li buci pe' le strade de Roma

Li buci pe' le strade de Roma

L'edizzione 101 der Giro d'Itaja cià avuto 'na tappa in meno, l'urtima che doveva arivà a Roma! Li coridori, che se butteno a 100 all'ora da le montagne, co' tutto er martempo, che córeno la Pariggi - Rubbé co' la neve e su li serci e li buci, ciànno avuto paura de córe, pe' come so' ridotte le strade de Roma! Hanno fatto solo la finta de córe, giusto pe' dì che quarcuno ha vinto la tappa. Nun era mai successa 'na cosa come a questa ... ce voleva er sinnaco Raggi pe' fà puro 'st'arta cazzata.

C'era 'na vorta er Giro de l'Itaja,
la córza che più bella nun ze pô,
e li ciclisti, vestiti ve dirò,
co' majetta, babbucce e carzamaja.

Pe' centunanni, quanti n'hanno córzi,
manco la neve, manco la bufera
riusciva a funzionà come bariera
che nun faceva annà pe' li percorzi!

'O sai che li ciclisti, lì a Rubbé,
córeno su li serci e li spuntoni?
Se ferma er Giro a Roma e sai perché?

Li buci pe' la strade! così tanti
che su la sella schiacceno i cojoni:
me fermo, dice er Giro, e 'n ciò rimpianti!

Sìnnaco, nun incanti!
è ora che le strade le rattoppi,
sinnò, li vaffanculo 'n só' mai troppi!

Valerio Sampieri
27 maggio 2018

 
 
 

Ultime 20 parole

Post n°4471 pubblicato il 26 Maggio 2018 da valerio.sampieri
 

Con questo post chiudo la carrellata di termini desueti, poco comuni o usati a sproposito. Un paio di esse fanno parte dell'armamentario di Vince, il quale le usa così spesso che, a volte, me le sogno la notte !!!! Sul mio blog di wordpress, sul quale ho pubblicato anche parole non presenti su Quid novi?, creerò una pagina, allorché raggiungerò quota 200 (per ora sono a quota 160).

affé - Sulla fede, per la fede, in locuzioni quali affé di Dio (anche in grafia unita, affediddio, affeddiddio), affé di Bacco, affé mia o affemmìa, pronunciate come energica affermazione, equivalenti a «in verità, per davvero». Anche senza complemento: affé, che gliela faccio pagar cara!; non mi gabbate affé (T. Tasso)

afferire - Concernere, riguardar; appartenere, fare parte

coìre - Compiere il coito, congiungersi in un rapporto sessuale

delìquio - Oscuramento passeggero e più o meno profondo della coscienza, accompagnato da senso di vertigine, offuscamento della vista, indebolimento dell’azione cardiaca, pallore intenso, sudore freddo, perdita delle forze e rilasciamento muscolare più o meno gravi, fino all’abbandono completo del corpo e alla caduta

estrinsecare - Manifestare con segni esteriori, significare, esprimere

fanfaluca - Falena, cenere che si leva in aria da cose che bruciano. Ciancia, frottola

fantàsima - Spettro, ombra, incubo, o di oggetto senza realtà, immagine illusoria

giaùrro - Designazione spregiativa usata un tempo dai musulmani, specialmente turchi, verso i cristiani

mercé - Mercede, nel senso di ricompensa, premio (significato antico). Aiuto, pietà, grazia. In unione con un aggettivo possessivo -o nelle forme "mercé il", "mercé al", significa «per merito, per opera» con riferimento a persona, «per mezzo di, mediante» con riferimento a cosa. Talvolta è usato anche in tono ironico con il significato di «a cagione, per colpa». Fortuna, caso fortunato. Arbitrio, discrezione. Formula di ringraziamento, equivalente a «grazie». Poiché, per il fatto che, in grazia al fatto che

mercéde - Ciò che si dà a una persona come compenso per un lavoro o corrispettivo per una prestazione; è vocabolo più nobile e solenne e insieme più generico dei sinonimi paga, salario. Ricompensa, premio, anche di natura spirituale. Opera degna di ricompensa, azione meritoria, merito in genere. Pietà, grazia

osmòsi - Fenomeno di diffusione tra due liquidi miscibili attraverso una membrana di separazione, che può essere provocato da cause di natura termica (termoosmosi), elettrica (elettroosmosi) o, nel caso più comune, da una differenza di concentrazione tra due soluzioni di uguali componenti o tra una soluzione e il suo solvente. Influenza reciproca che persone, gruppi, elementi diversi esercitano l’uno sull’altro, soprattutto in quanto intervenga una reciproca compenetrazione di idee, atteggiamenti, esperienze e simili

paràfrasi - Esposizione con parole proprie, con una costruzione più semplice e chiara rispetto all’originale, e spesso con sviluppi e amplificazioni, di un testo. I musica, componimento quasi sempre strumentale, in cui si segue, con variazioni più o meno ardite, il discorso di un componimento originale

perspìcuo - Che si lascia attraversare dalla luce, diafano, trasparente. Chiaro a intendersi, evidente, di facile comprensione

silano - Appartenente o relativo alla Sila. Abitante della Sila. Nome generico dei composti sintetici di silicio e idrogeno

sintagma - Unità sintattica di varia complessità e autonomia, di livello intermedio tra la parola e la frase

transustanziazióne - Nella teologia cattolica, la totale conversione della sostanza del pane e del vino nella sostanza del corpo e del sangue di Cristo, che si attua per l’onnipotenza divina nella consacrazione durante la messa

trascendentale - Che trascende, cioè va oltre, supera certi limiti, un certo grado, un certo ordine. In filosofia, nel linguaggio della scolastica, sono dichiarati nozioni trascendentale, attributi trascendentale, gli aspetti generali dell’ente in quanto ente, prima che lo si ponga in rapporto con i soggetti dei quali si predica. Con sign. diverso usa il termine Kant per indicare ciò che è indipendente dall’esperienza e in partic. le condizioni generali sotto le quali le cose possono divenire oggetto della nostra conoscenza, quindi le forme a priori in cui si ordinano i dati empirici e senza le quali essi non potrebbero essere pensati. Il concetto di trascendentale subisce mutamenti profondi negli sviluppi successivi dell’idealismo: in Fichte definisce la caratteristica della dottrina della scienza secondo cui tutti gli aspetti della conoscenza dipendono dall’Io; in Schelling l’idealismo è trascendentale in quanto assorbe l’oggetto come tale; più ampiamente, nel pensiero contemporaneo, è trascendentale ciò che appartiene al soggetto in quanto condiziona l’oggetto ossia la realtà; in G. Gentile l’Io trascendentale è l’Io assoluto che «pone» la realtà; in E. Husserl la riflessione fenomenologica trascendentale è quella per la quale il soggetto lascia il terreno empirico e considera l’atto di pensiero senza alcun riferimento a percezioni empiriche. In musica, che richiede, per l’esecuzione, un virtuosismo eccezionale, superiore al normale. Nel linguaggio corrente, il termine si usa nel significato di "molto difficile e complesso, astruso, arduo". Iperbolicamente si usa nel senso di "eccezionale, che ha caratteri di eccezionalità"

trascendènte - Termine che specifica il carattere di ciò che è al di là di un limite, soprattutto al di là delle facoltà conoscitive dell’uomo, o di una realtà data e definita, concetto che si precisa in Kant come ciò che sorpassa ogni possibile esperienza. In matematica, il termine è riferito a qualsiasi ente che non sia algebrico

unìsono - Di suoni simultanei e di uguale altezza; talora riferito anche alle fonti del suono. In musica è più usato nella locuzione all’unisono, per indicare l’effetto di due o più suoni di uguale altezza, anche se di diverso timbro, uditi simultaneamente In senso figurato: oncorde, conforme. Comune soprattutto nella locuzione all’unisono: concordemente, in piena armonia

usbèrgo - Indumento protettivo del corpo, in uso nel medioevo per la difesa personale del guerriero: consisteva in una veste di maglia di ferro, a forma di lunga camicia, aperta talora sul davanti a metà coscia, variamente lavorata. Armatura

 
 
 

Altre 20 parole toste o tostine

Post n°4470 pubblicato il 24 Maggio 2018 da valerio.sampieri
 

ambulacro - Corridoio, portico per il passeggio

ascóso - Nascosto, occulto, celato, riposto

avvegnaché  - Benché, quantunque. Poiché

cornucòpia - Corno dell’abbondanza, simbolo della fertilità [Treccani]. Abbondanza di tutte le cose, ed anche la figura stessa del corno pieno di molte cose [Crusca, 4^ edizione]. Vaso a forma di corno pieno di frutti e fiori, nell’antichità greco-romana simbolo di abbondanza e prosperità ed attributo delle divinità dispensatrici dei beni terreni [GRADIT online]

corrivo - Che corre o scorre. Avventato, superficiale nell'agire

detrùdere - Cacciar giù con forza. [TLIO}: far precipitare, far sprofondare. Sarà detruso Là dove Simon mago è per suo merto [Dante, Paradiso, XXX, 146]

detrusòre - Complesso dei tre strati della muscolatura della vescica urinaria, la cui contrazione tende a ridurre tutti i diametri della vescica e a espellere l’urina contenuta

diuturno - Di lunga durata e continuità nel tempo

fàcie - Aspetto, apparenza

fiàta - Volta (in senso temporale)

frenèllo - Ordigno di ferro, o cuoio, composto d'uno, o più cerchi, nel quale messo il muso dell'animale, gli si vieta il mordere. [Crusca, 4^ ed.]. Museruola. b.
Specie di fascia o cordicella, oppure collana di perle, portata come ornamento femminile intorno alla fronte. Ciascuna delle due cordicelle che, legate una per parte alla barra del timone, servono a provocarne lo spostamento a dritta o a sinistra. Sagoletta che serve a legare le scalmiere mobili alla falchetta di un’imbarcazione perché non cadano in mare. [Treccani]. Frenulo linguale  [GRADIT online]. Mordacchia [TLIO]- Staffa di corda che assicura il remo alla caviglia. Legacciolo. Stringa [Pianigiani]

ìnclito - Nobile, illustre, glorioso

indottare - Lo stesso che temere [OVI]

lasso - Stanco, affaticato, sfinito. Infelice, misero; soprattutto in espressioni esclamative di dolore, di rammarico, di pietà. Largo, allentato, rilassato. eccessivamente indulgente, incline al compromesso nel giudizio morale. Spazio, corso, solo in locuzioni come “breve l. di tempo”. Termine con cui talvolta è designato il laccio, usato in diversi paesi del mondo per la cattura di quadrupedi selvatici o bradi. Guinzaglio

maccatèlla - Sorta di frittella schiacciata, piccolo scrigno di legno per tenervi i sigilli, ecc. Marachella, birichinata, gioco d’astuzia, colpa più o meno grave, e anche difetto, imperfezione. E che neuna donna o femina possa o debbia giocare ... [1352]

maccherèlla - Mezzana, ruffiana

retrivo - Retrogrado. Che va indietro o che resta indietro, riferito, in senso figurato, a chi si oppone al progresso politico, sociale, civile e culturale, ma più per ignoranza e inettitudine che per consapevole volontà

saccènte - Persona che tende presuntuosamente a far mostra di ciò che sa o crede di sapere, che non perde occasione per intervenire su ogni argomento, ostentando in modo sussiegoso e irritante un sapere, spesso superficiale e, talvolta, anche presuntuoso. Sapiente, istruito, e anche esperto, scaltro

simulacro - Corridoio, portico per il passeggio. Parvenza; immagine, rappresentazione esteriore, non rispondente alla realtà. Ombra, fantasma di persona morta, di essere non reale

supèrno - Superiore, che sta sopra, posto in alto

 
 
 

Piazza Bologna

Post n°4469 pubblicato il 21 Maggio 2018 da valerio.sampieri
 

Piazza Bologna

Quanno só nato, poco dietro casa,
ce stava er prato e poi la ferovia.
'Na macchina 'gni tanto pe' la via
girava e poca gente, 'n sacco spasa.

Io m'aricordo quanno l'arberelli,
pe' falli aregge 'n piede, je serviva
un fregno buffo che li soreggeva
e mo só' 'nvece arti, grossi e belli.

Ora che torno, doppo 'n fracco d'anni,
tutto è cambiato da la gioventù ...
só puro vecchio e pieno de malanni.

'O sai che d'è che nun sembra cambiato?
Er sentimento che conservi tu:
l'amore ne la casa 'ndò só nato.

Valerio Sampieri
21 maggio 2018

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

nina.monamourasettico35NORMAGIUMELLIvalerio.sampierimarilu19740solosorrisopulcino_nerocalimeroVince198lucre611molto.personaleviola8591Massimiliano_UdDAaron_Bayletempestadamore10
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom