Creato da: tizianacorreale il 16/12/2007
Attraverso i miei occhi a volte una semplice eco, altre un'inarrestabile surrealtà...

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

stefano.rigillocomelunadinonsolopolantpicacap.harlock74tizianacorrealefelisia6farfallanarranteProfumoColoratoTopoCanguroocsurtegossipcoccinellagiannyalfieriblaisemodestyCantastorie61ORCHIDEA693
 

Ultimi commenti

Ciao a tutti! Ci tengo molto a dire che il testo "Lo...
Inviato da: Lorenzo Simonini
il 28/05/2012 alle 20:21
 
Davvero grazie per il commento. Non c'è niente di più...
Inviato da: tizianacorreale
il 27/05/2012 alle 22:36
 
"Qui c'è soave indecisione" Brivido.
Inviato da: zr
il 27/05/2012 alle 14:24
 
Ho letto poche poesie moderne così belle e dense di...
Inviato da: antonio
il 07/04/2012 alle 19:07
 
Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 17:09
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

 
« Gusci di gommaUna sola estate ha fatto... »

La favola di Adamo ed Eva

Post n°51 pubblicato il 07 Aprile 2012 da tizianacorreale

Splendevan gli occhi di lui

Al riflesso di lei

E seppure avesse avuto voce

Educata a emetter suoni

Non avrebbe saputo

Ben disporre le lettere

Dinanzi a tal splendore

 

Lei in quello specchio d’acqua

lei in quel rifulger d’occhi

lei domina e dominata

lei tentatrice ignota

 

Si alzavan le gote di lei

Alla vista di lui

E seppure avesse avuto labbra

Educate a mandar baci

Non avrebbe saputo

Ben dosar la dolcezza

Dinanzi a tal fermezza

 

Lui in quel rifugio d’ombra

Lui in quel sentor di fiore

Lui seduttor sedotto

Lui pensatore ignoto

 

In un vortice di novità

Iniziarono ad avvicinarsi

 

In cima a quel monte,

Così lontano da entrambi

L’albero maestoso

Dai frutti tanto maturi

 

Bastarono due passi,

Un gesto di lei

La mela venne morsa

 

Come poteva Eva,

anche solo immaginare

un percorso senza Adamo?

 

Come poteva Adamo

Anche solo immaginare

Un paradiso senza Eva?

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Realtaparallele/trackback.php?msg=11214806

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
antonio il 07/04/12 alle 19:07 via WEB
Ho letto poche poesie moderne così belle e dense di significato. Complimenti
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.