Creato da SOUL2007 il 23/03/2007
INCONTRI SPIRITUALI

Area personale

 
 
 

Tag

 
 

Archivio messaggi

 
 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 6
 

Ultime visite al Blog

 
SOUL2007coluciNarcyssemariomancino.ma_solitary_manles_mots_de_sablealf.cosmoselisar_81suntreeNICKTITANONues.sTabeaBorchardtLisa20141sols.kjaer
 

Ultimi commenti

 
Bellissima , l'avevo già letta qualche tempo fa ....
Inviato da: RavvedutiIn2
il 24/09/2015 alle 09:20
 
E' come se tutti ci trovassimo nelle sabbie mobili:...
Inviato da: SOUL2007
il 26/11/2013 alle 12:04
 
ma allora come fare?
Inviato da: pony2006
il 26/11/2013 alle 11:51
 
La mente crea e divide. Noi tendiamo al ritorno...
Inviato da: SOUL2007
il 25/11/2013 alle 05:07
 
ciao SOUL. ho cercato di smettere di cercare, ma la mia...
Inviato da: pony2006
il 24/11/2013 alle 09:41
 
 

Chi può scrivere sul blog

 
Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

 

 
« Una poesia della moglie ...Hexael »

Hexael

Post n°91 pubblicato il 03 Settembre 2015 da SOUL2007

Hexael

 

Amazzonia, 220 milioni di anni fa

 

 

Il coleottero Hera si trovava nella sua calda giungla, con le sue colorazioni sul verde, oro, giallo e rosa cangiante e brillante: era bellissima.

Era intenta a darsi una pulita alle elitre, che erano a protezione delle ali, in uno dei rari momenti in cui poteva permettersi di curare il suo aspetto.

Di natura saprofaga, si era appena nutrita di deliziosi resti vegetali ai piedi di un’orchidea e questa sua natura consentiva ai suoi simili e a tutti gli altri piccoli esseri della giungla di sopravvivere e di non temerla. Aveva dato alla luce tante uova, piccole e coloratissime e le larve, protette da una cavità da loro scavata in un tronco di legno, si erano già schiuse da molti mesi e attendevano di raggiungere la loro età adulta.

Madre natura la aveva provvista di una valida corazza anti predatori e soprattutto di una forza e un’energia fuori dal comune. Le sei zampe le assicuravano la giusta velocità che le situazioni contingenti richiedevano e nei casi estremi poteva sempre disporre delle ali.

Era passata attraverso quattro forme di vita distinte e separate tra loro: da uovo a larva a pupa a insetto perfetto.

Questo si sentiva Hera: perfetta.

I suoi occhi, ovoidali, composti da tante faccette esagonali, colpiti da un tenue raggio di sole, sembravano sorridere nell’osservare la sua numerosissima prole, generata per partenogenesi: un atto di volontà era stato sufficiente a generare tutto il processo. Non aveva mai avuto bisogno di maschi Hera e loro se ne erano guardati bene dal corteggiarla in nessun modo. Solo una volte un maschio giovane ed inesperto la aveva avvicinata con intenzioni riproduttive, ma lei, non avendo esperienza in merito e anzi confondendo quelle intenzioni con intenti aggressivi lo aveva aggredito e mangiato in pochi secondi, vomitandolo subito dopo.

E così, di ramo in ramo e di foglia in foglia aveva gradatamente trasferito

il proprio domicilio, abbandonando tutta la sua vita precedente, il suo rifugio, l’altro rifugio di emergenza, le riserve alimentari e tutti i suoi figli ed era corsa incontro al richiamo della natura, così magnetico ed irresistibile: il suo destino fatale fu per lei come il canto di una sirena: il suo karma la richiamò lontano, perché lontano doveva compiersi il suo destino.

“Tutto è terminato Hera” le suggerì una voce di istinto all’interno.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog