Creato da das.silvia il 26/02/2012

Setoseallegorie

BLOG DI SILVIA DE ANGELIS

 

P A U S A E S T I V A

Post n°1635 pubblicato il 31 Maggio 2018 da das.silvia

 BLOG IN PAUSA ESTIVA

 


 
 
 

I PROVERBI AKAN

Post n°1634 pubblicato il 30 Maggio 2018 da das.silvia

COS’È un proverbio? Un dizionario lo definisce “breve detto, di origine popolare, che esprime una norma, un pensiero, una ammonizione desunta dall’esperienza”. (De Mauro) Gli yoruba della Nigeria ne danno una definizione più pittoresca: “Un cavallo che può portare rapidamente a scoprire delle idee”.

L’importanza dei proverbi, o espressioni proverbiali, è racchiusa in questo proverbio, ben noto agli akan del Ghana: “A un saggio non si parla in prosa, ma con proverbi”. Il punto è che il saggio non ha sempre bisogno di un discorso per convincersi della cosa giusta da fare. Un proverbio appropriato induce a pensare, aiuta a capire e può spingere a fare ciò che è giusto.

Nel Ghana si fa largo uso di proverbi durante le cerimonie nuziali e i funerali, e sono il tema di canti folcloristici. Sono indispensabili anche negli incontri diplomatici. Un rappresentante o un inviato fa spesso abile uso dei proverbi.

Fra gli akan essere abili nell’uso di proverbi è segno di saggezza. A proposito, nella Bibbia si legge che il re Salomone, famoso per la sua saggezza, il suo sapere e la sua diplomazia, conosceva 3.000 proverbi. Naturalmente i proverbi biblici erano divinamente ispirati e sono sempre veritieri, a differenza dei proverbi basati sull’esperienza e la perspicacia umana. I proverbi degli uomini, per quanto saggi, non sono mai all’altezza di quelli contenuti nella Bibbia. Ma esaminiamo alcuni proverbi akan. (WEB)

 

 
 
 

FILARI D'AMORE

Post n°1633 pubblicato il 27 Maggio 2018 da das.silvia


Si irrorano

di tenui filari d'amore

i miei silenzi irrisolti

Si insinuano dentro

bigie sagome d'ombra

che di dolci traiettorie

trafugano il labile nesso

E’ complice d'un imprendibile

soffocato mormorìo

che di risacca

frange

l'effervescente brusìo
@Silvia De Angelis

 
 
 

CAMBIAMENTI

Post n°1632 pubblicato il 25 Maggio 2018 da das.silvia

 

 

Le strade sono sempre più deserte…..

Quando si esce, nel pomeriggio assale un forte senso di desolazione, in   quanto, a meno che, non si transiti per vie costellate di svariati negozi, negli  altri percorsi della città, vige un quasi deserto.

Ciò accade anche nel sabato pomeriggio, quando la maggior parte delle  persone non è impegnata lavorativamente.

Possibile che siano tutti solo su internet e il desiderio di una sana passeggiata  in una bella giornata d’autunno, non assalga più nessuno?

Mi chiedo spesso dove siano tutti….e quei pochi che circolano sono tutti in  compagnia del loro “quattrozampe”, malvestiti e distratti, in attesa che il  loro amico strattoni fortemente il guinzaglio , verso la direzione di casa.

In compenso i centri commerciali sono diventati il ritrovo di famiglie, single  e tutto il resto della popolazione, che si rifugia in quei mega mercati, cercando  di dimenticare, per qualche ora, tutti i disagi della vita…

@Silvia De Angelis 2016

 

 

 
 
 

DENTRO LA POLINESIA

Post n°1631 pubblicato il 23 Maggio 2018 da das.silvia

 

Importanti il Museo di Gauguin, a Papeari, e le Grotte di Maraa: grazie ad un’illusione ottica generata dal bacino d’acqua, la grotta sembra molto più piccola di quanto in realtà non sia. Il visitatore ne resterà stupefatto. Tra le spiagge più belle spicca quella di Papara: la presenza costante del vento, la rende il paradiso per i surfisti di tutto il mondo.

 
Bora Bora è conosciuta come la “Perla del Pacifico”: circondata dalla barriera corallina e da un’immensa laguna, l’isola è nata dal lento sprofondare in mare del Vulcano Mont Otemanu. Bora Bora, non a torto, è considerata l’isola più bella della Polinesia grazie alle sue spiagge chilometriche di sabbia sottilissima, al mare turchese e cristallino, alla barriera corallina disseminata di piccoli atolli. Imperdibili le immersioni in laguna per ammirare la danza delle Mante, i caratteristici raiformi tropicali,  e un giro a Matira Beach, la spiaggia principale dell’isola, con i suoi resort e ristoranti in cui gustare pesce appena pescato, e il mare dalle intense sfumature di colore, dal blu al verde, passando per il turchese.

L’arcipelago delle Taumotu è il più tranquillo, quello più riservato e sfuggente dal turismo di massa, l’ideale per chi voglia immergersi nella natura e sentirsi parte integrante di essa. Le occupazioni principali degli abitanti consistono nella coltivazione della rara perla nera e nel condurre i turisti ad esplorare l’isola. Appartiene alle Taumotu Rangiroa, l’atollo più grande della Polinesia, con i suoi 240 “motu”(isolotti). Rangiroa, dall’alto, sembra un grande anello di terra emersa che, al centro, racchiude una meravigliosa laguna. Coralli, delfini, mante, barracuda, pesci napoleone e squali grigi costituiscono solo pochi esempi dell’immensa varietà di specie osservabili durante le immersioni. (web)

 

 
 
 

F O R M I C H E

Post n°1630 pubblicato il 21 Maggio 2018 da das.silvia

 

Nella dimensione

d’una realtà rarefatta

si muove agile

sulle esili zampe

minuscolo imenottero

Ispirato d’ abili antenne

nei motivi sintomatici

d’un agire programmato

movimenta con passi decisi

un notevole ciclo vitale

agevolato dalla salda mandibola

efferata nei soffi di difesa

Inquadrato in severe caste

s’addentra in ombrosi cunicoli

impegnando riti atavici

tramandati dalla specie

Imbattibile laboriosità

nei cromosomi ereditati

dona all’insetto  irripetibile forza

nell’espansione d’un dominio

che lo fa prevalere

nel mantenimento

di rigenerazione della natura

@Silvia De Angelis

 

 
 
 

MENTE/CORPO

Post n°1629 pubblicato il 18 Maggio 2018 da das.silvia

 

Incredibile quanto sia legato il rapporto mente/corpo….

Appena si instaura un disagio notevole, nel nostro pensiero quasi immediatamente percepiamo un malessere ben definito nel nostro organismo.

Probabilmente, quella parte del fisico è estremamente fragile, in quel momento,  e rispecchia, con precisione, gli impulsi negativi, propagati dal cervello.

Il corpo ci dà dei messaggi ben precisi, che nel corso del tempo impariamo  a distinguere nettamente, dandogli un motivo abbastanza preciso.

Non bisognerebbe rafforzare l’entità d’una preoccupazione, né renderla continua, perché in questo caso abbasseremmo le nostre difese immunitarie, a discapito  dello stato generale di salute.

Affermare questi concetti, non è cosa difficile….forse metterli in pratica richiede bu volontà e costanza, attributi non sempre disponibili nella nostra persona,  spesso stressata dal ritmo quotidiano di vita, non sempre accettabile.

Cerchiamo di ragionare, senza farci prendere da stati d’ansia….anche perché  talvolta, il bello della vita è anche saper superare, con energia le varie difficoltà

@Silvia De Angelis

 


  

  

 

 
 
 

PREGIUDIZI

Post n°1628 pubblicato il 15 Maggio 2018 da das.silvia

 

Densi d’immagini luttuose

sono  incursioni di pensieri ombrosi

nei respiri concitati

di fotogrammi senza tempo

Martellano a piombo

la soglia d’attenzione

nella tregua ormai sfuggente

a proiezioni rubiconde

forse perse nella cecità remota

Ed è un oscuro sentore  astratto

presente nella conca della vita

a non dare assoluzione a chi

indossi pregiudizi

articolando a dismisura

la linea dello zigomo

@Silvia De Angelis 2015

 

 
 
 

SE I VOSTRI MESSAGGI RESTANO SENZA RISPOSTA RILASSATEVI

Post n°1627 pubblicato il 12 Maggio 2018 da das.silvia

Secondo un certo cliché, ormai viviamo nell’era della “comunicazione istantanea”. Ma non è proprio così. Viviamo in un’epoca in cui la comunicazione istantanea è possibile – cioè possiamo ricevere immediatamente la risposta a un’email, a un sms o a un messaggio in chat – ma in realtà questo spesso non succede. A volte passano giorni, o perfino settimane, prima che qualcuno risponda a un’email o a un messaggio.

“Il risultato”, ha scritto di recente Julie Beck sulla rivista The Atlantic, “è la sensazione che, se volessero, tutti potrebbero risponderci immediatamente – e l’ansia che ne consegue quando non lo fanno”. In passato, le risposte immediate erano dovute (come in una conversazione faccia a faccia) oppure impossibili (come con la posta ordinaria). Oggi, invece, tendiamo a confondere le due cose. Perciò quando la risposta non arriva, non sappiamo che cosa pensare.

Questo spiega la sensazione tipicamente moderna di trovarci di continuo in situazioni emotivamente imbarazzanti che, in realtà, forse esistono solo nella nostra mente.

Convinzioni senza prove
Proprio adesso, per esempio, sono convinto che un mio caro amico sia arrabbiato o addolorato perché non ho ancora risposto al messaggio pieno di notizie che mi ha mandato prima di Natale. E che un contatto di lavoro che aveva proposto di vederci un giorno a pranzo, dopo la mia risposta entusiastica non si è fatto più sentire perché forse si è reso conto di avermi confuso con una persona più importante di me e si vergogna di ammetterlo.

Naturalmente non ho la minima prova di nessuna di queste due convinzioni: può anche darsi che il mio amico non abbia dato nessun peso alla cosa, e che il mio contatto al momento sia impegnatissimo ma che prima o poi mi risponderà. C’è una speciale, solitaria follia nello sperimentare una situazione di tensione con persone che quasi sicuramente non la stanno condividendo con noi.(WEB)

 
 
 

C O L I B R I' (Haiku)

Post n°1626 pubblicato il 10 Maggio 2018 da das.silvia

 

Volo all’indietro

d’un agile colibrì

preda raggiunta

@Silvia De Angelis

 

 
 
 

LA FORESTA MILLENARIA DI JRO'MTANIGUCHI

Post n°1625 pubblicato il 08 Maggio 2018 da das.silvia

La mutazione nell’immobilità. Mutazioni che spesso hanno a che vedere con la rivelazione, con la meraviglia per essa. Questo è Jirō Taniguchi, maestro del manga contemplativo, scomparso nel febbraio del 2017.

Ora arriva nelle librerie La foresta millenaria (edizioni Oblomov) il suo libro postumo, tutto a colori – luminosi, vibranti – in un magnifico formato orizzontale. Purtroppo non potremo leggerne la seconda parte, ma le quasi quaranta pagine in appendice, composte da un lungo testo, disegni, bozzetti, ci forniscono la chiave di volta del progetto. “Riconosco nei disegni di Taniguchi qualcosa che vedo ogni giorno, come il balenare improvviso nel verde cupo della foresta di un ammasso di rocce chiare”, scrive Vittorio Giardino, maestro anche lui, che ha rivisitato la cosiddetta linea chiara belga (quella del padre di Tintin, Hergé, e del creatore della serie Blake & Mortimer, Edgar P. Jacobs) per un rilettura della storia moderna in chiave adulta e profonda.

Posseduto da una visione panteistica del mondo, Taniguchi sfrutta al massimo l’immobilità insita in una narrazione per immagini fisse come quella del fumetto, e rivisita la pulizia, la linearità grafica e narrativa del manga, radicalizzandoli con il fine di rileggere, se non rovesciare, il consueto dinamismo frenetico tipico del manga nella concezione orientale della stasi, della contemplazione. Quasi la riappropriazione di un’identità culturale e filosofica.

Nelle tre splendide illustrazioni a colori di Vittorio Giardino – un inno alla natura – che corredano la prefazione, i due approcci sembrano coincidere, confondersi. A proposito di Wataru, il bambino protagonista, Giardino scrive: “Attraverso il suo sguardo scopriamo il fascino misterioso della foresta, fascino avvolgente ma non rassicurante, perché c’è pure un aspetto inquietante nella natura”. Giardino parla di sguardo, ed è ovvio che qui lo sguardo puro del bambino e dell’artista si confondono, coincidono, si uniscono.

Al lettore non resta quindi che inoltrarsi nella quietudine che cela la bellezza dell’inquietudine, la tempesta nell’alito di vento appena percettibile, dietro all’apparente splendore, magnificente, di una foresta millenaria. Apparentemente immobile, immutabile, ma densa di mutazioni, quindi di rivelazioni.

Francesco Boille

 
 
 

ALDILA' DEL SOLE

Post n°1624 pubblicato il 06 Maggio 2018 da das.silvia

 

Hai scandito

la migliore sinergia

per sedimentare

in me

dolci bocche d’amore

Ora che sei in sordina

rincorro

strategie

per far mulinare l’aorta

d’un tocco di te

aldila’ del sole

@Silvia De Angelis 2018

 

 
 
 

ALDILA' DELL'ISTINTO

Post n°1623 pubblicato il 04 Maggio 2018 da das.silvia

Una sensazione improvvisa e fastidiosa, difficile da spiegare per il suo ambiguo e labile porsi, sui margini della coscienza, di tanto in tanto sembra prendere piede nei meandri del nostro segreto, trasmettendoci un inspiegabile senso di irrequietezza. Improvvisamente ci sentiamo pervasi da un malessere indescrivibile, subdolo e insinuante che sembra volerci, in qualche modo mettere in guardia, da un evento quanto meno spiacevole che dovrebbe accadere di lì a poco tempo. Le difese dell’organismo passano immediatamente al contrattacco, trasmettendo ai ricettori della sensisitivà immagini sfavillanti e positive, ma lei, l’istintiva inaccettabile compagna, sembra superarle tutte e instaurarsi in modo deciso nei nostri pensieri. Perché accade questo evento? Probabilmente perché ci troviamo in un momento delicato della nostra esistenza, in cui dobbiamo prendere delle decisioni importanti e la complessità della vita incide fortemente sull’andamento del nostro quotidiano. La stanchezza mentale non andrebbe mai sottovalutata, perché anch’essa grava sul nostro sistema immunitario, rendendolo fragile e attaccabile da parte di agenti capaci di danneggiare l’organismo. L’istinto della sopravvivenza è una grandissima risorsa, alla quale dobbiamo sempre far capo, ricordandoci che una sana dose di egoismo ci preserva da danni maggiori e volersi tanto bene e piacersi aiuta a raggiungere un benessere personale notevole, che ci difende accuratamente anche dagli attacchi, inevitabili, di persone che non vorrebbero la nostra serenità e il nostro buon profitto. @Silvia De Angelis

 
 
 

LE NOTIZIE DI SCIENZA DELLA SETTIMANA

Post n°1622 pubblicato il 30 Aprile 2018 da das.silvia

  • La produzione agricola in Cina potrebbe diventare più sostenibile se venissero adottate tecniche migliori. Uno studio pilota in circa 21 milioni di piccole fattorie ha portato a un minore uso dei fertilizzanti e a una maggiore resa.
  • Nelle persone adulte l’ippocampo, una regione del cervello coinvolta nell’apprendimento e nella memoria, non produce nuovi neuroni. La scoperta, se confermata, solleva molte domande, perché in altre specie di mammiferi la neurogenesi sembra continuare.
  • Lefake news su Twitter si diffondono più velocemente e raggiungono più persone delle notizie autentiche. L’effetto potrebbe essere dovuto al diverso contenuto emotivo e al maggiore grado di novità delle fake news.
  • La baia di San Francisco, negli Stati Uniti, ha un rischio di inondazione più alto rispetto a quanto stimato perché oltre all’aumento del livello del mare bisogna tener conto dell’abbassamento del suolo.
  • I piccoli dei primi uccelli, vissuti al tempo dei dinosauri, probabilmente non potevano volare, come i pulcini moderni.
  • Le tempeste visibili sulla superficie di Giove sono legate a fenomeni che avvengono in profondità.
  • Sono stati identificati tratti del dna umano legati alla sinestesia, e in particolare alla capacità di associare colori all’ascolto di suoni. Questi geni potrebbero influenzare la connessione tra diverse parti del cervello.
  • La società Google ha annunciato la costruzione di Bristlecone, un computer quantistico a 72 bit, che potrebbe superare i computer tradizionali.
  • Sotto la superficie della Terra, a circa 600 chilometri di profondità, potrebbero trovarsi piccoli depositi di acqua.
  • Le vaccinazioni multiple nei bambini non portano a un maggiore rischio di altre infezioni, non coperte dai vaccini. Lo studio è una smentita dell’idea del sovraccarico del sistema immunitario causato dalle vaccinazioni.
  • Secondo uno studio dell’Agenzia tedesca dell’ambiente, nel 2014 ci sarebbero state nel paese circa seimila morti premature a causa dei livelli eccessivi di biossido di azoto. Le auto diesel sono una fonte importante di questo inquinante.
  • La popolazione di squali alle Isole Chagos, una riserva marina nell’oceano Indiano, è molto più piccola rispetto al passato. Questa situazione è probabilmente il risultato di un’attività di pesca che non è stata registrata.
  • Un’alimentazione ricca di fibre modifica la flora intestinale e questo cambiamento aiuta a combattere alcuni aspetti del diabete.(WEB)

 

 
 
 

IL CONFINE

Post n°1621 pubblicato il 27 Aprile 2018 da das.silvia

 

Nel tuo vanesio contraltare

suoni di vita

perdo il filo emotivo

d’un dire sensuale

che s’insinui

nelle curvature increspate

Cotono le parabole della mente

per ragguagliare il passo al tuo

ma l’alfabeto di terra

si fa distante assai

rendendo roco il confine…

@Silvia De Angelis

 

 
 
 

DEMONI D'AMORE POESIA DI SILVIA DE ANGELIS

Post n°1620 pubblicato il 24 Aprile 2018 da das.silvia

 
 
 

PERCHE'IL GATTO NON SARA'MAI UN ANIMALE DOMESTICO

Post n°1619 pubblicato il 21 Aprile 2018 da das.silvia

È un luogo comune chiamare i nostri gatti "animali domestici", da compagnia. Chiunque condivida la propria vita con un gatto, però, potrà dirvi che, a prescindere da quanto noi si possa voler decidere il momento in cui dar loro da mangiare al mattino o farli rientrare in casa la sera, i gatti sono addomesticati soltanto in parte.

I probabili antenati del cane domestico risalgono a oltre trentamila anni fa. Nel caso degli antenati del gatto, invece, si reperiscono tracce fossili risalenti a soli 9.500 anni fa. Un primo sequenziamento del patrimonio genetico del gatto domestico è stato completato nel 2007, ma un recente studio al quale ho preso parte ha messo a confronto il genoma del gatto domestico e del gatto selvatico (Felis silvestris), e ha gettato nuova luce sugli ultimi diecimila anni di adattamento dei felini.

I gatti domestici non sono soltanto gatti selvatici che tollerano gli esseri umani in cambio di pasti regolari: rispetto a quelli selvatici e ai loro stessi corpi hanno crani di dimensioni minori, ed è risaputo che si riuniscono in colonie. Rispetto ai cani, però, i gatti hanno una gamma molto ristretta di variazioni in termini di dimensioni e forme. Wesley C. Warren, uno degli autori dello studio, fa notare che i gatti domestici hanno eccellenti doti di cacciatori come i loro antenati selvatici. Anche questo avalla il concetto che i gatti sono addomesticati soltanto in parte.

Il confronto tra i genomi del gatto selvatico e del gatto domestico ha portato molte conferme a ciò che già sapevamo. Micheal J. Montague, autore principale della ricerca, mi ha detto di aver avvertito subito che i due genomi sarebbero stati assai simili, ma il nostro studio in realtà ha evidenziato una serie specifica di differenze nei geni coinvolti nello sviluppo neuronale. Questo adattamento cerebrale potrebbe spiegare perché i gatti domestici sono docili. (WEB)

Perché il gatto non sarà mai un animale domestico

 
 
 

DECISIONI

Post n°1618 pubblicato il 19 Aprile 2018 da das.silvia

 

                                                                                            

A volte l’intrecciarsi di alcuni eventi, ci costringono a soffermarci su decisioni dell’attimo, che mai avremmo pensato di poter prendere…..Il fato? la casualità? o quale altro marchingegno contribuiscano a far modifcare i nostri  pensieri, è una cosa davvero inspiegabile.

Sembra che una serie di eventi, collegati fra di loro raggiungano un punto cruciale, dal  quale sembra impossibile districarsi e bisogna proprio cambiare direzione.

Questa modifica apporterà dei cambiamenti nella nostra vita? Ci saranno nuove inaspettate  aperture che avranno un risvolto positivo? Ciò, inizialmente, si ignora.

Personalmente sono per i rinnovamenti, che, in ogni caso ci temprano e ci mettono incondizione di dover affrontare nuove situazioni. Certamente queste ci tempreranno  e  aumenteranno il nostro bagaglio di esperienza, grande maestra di vita.

Effettivamente l’esperienza va sempre presa in considerazione, perché ci dà modo di conoscere, in anticipo, il risvolto di un determinato evento, permettendoci di affrontarlo nel modo più saggio, o, almeno, di non incorrere in qualche precedente errore…cosa che ci turberebbe non poco!

@Silvia De Angelis

 

 
 
 

REPETITA IUVANT

Post n°1617 pubblicato il 17 Aprile 2018 da das.silvia

 

 Nell’estensione d’un canovaccio

motivato da figurazioni assidue

s’addensano parole promiscue

che ne ingrandiscano l’entità

E quel tenace ripetere

d’una didascalia

che si fa mito

se ne annovera la sostanza

tramutata

nella costante ideale

d’un astrattismo di perfezione

@Silvia De Angelis

 

 

 
 
 

FRAGILITA'

Post n°1616 pubblicato il 15 Aprile 2018 da das.silvia

 
 
 
Successivi »
 

                                                                      

 

 

 

 

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

AREA PERSONALE

 

La Legge 22 aprile 1941, n. 633

e successive modificazioni,

tutelano i diritti d'autore.

Essendo i versi e/o i pensieri

inseriti in questo blog

di produzione e proprietà

della titolarità del blog,

eventuali illeciti

in tal senso verranno perseguiti

secondo le norme di legge.

e successive modificazioni,

tutelano i diritti d'autore.

Essendo i versi e/o i pensieri

inseriti in questo blog

di produzione e proprietà

della titolarità del blog,

eventuali illeciti

in tal senso verranno perseguiti

secondo le norme di legge.