Creato da giona2068 il 15/03/2015

OMELIA DOMENICALE

Spiegazione del Santo Vangelo

 

 

« Omelia del 31.01.16OMELIA DEL 14.2.16 »

OMELIA DEL 7.2.16

Post n°107 pubblicato il 09 Febbraio 2016 da giona2068

Luca 5,1-11
 In quel tempo, mentre la folla gli faceva ressa attorno per ascoltare la parola di Dio, Gesù, stando presso il lago di Gennèsaret, vide due barche accostate alla sponda. I pescatori erano scesi e lavavano le reti. Salì in una barca, che era di Simone, e lo pregò di scostarsi un poco da terra. Sedette e insegnava alle folle dalla barca.
 Quando ebbe finito di parlare, disse a Simone: «Prendi il largo e gettate le vostre reti per la pesca». Simone rispose: «Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti». Fecero così e presero una quantità enorme di pesci e le loro reti quasi si rompevano. Allora fecero cenno ai compagni dell’altra barca, che venissero ad aiutarli. Essi vennero e riempirono tutte e due le barche fino a farle quasi affondare.
 Al vedere questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù, dicendo: «Signore, allontànati da me, perché sono un peccatore». Lo stupore infatti aveva invaso lui e tutti quelli che erano con lui, per la pesca che avevano fatto; così pure Giacomo e Giovanni, figli di Zebedèo, che erano soci di Simone. Gesù disse a Simone: «Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini».
E, tirate le barche a terra, lasciarono tutto e lo seguirono.

Parola del Signore.

 

 

Secondo il pensare secondo il mondo, a questo  Simone non converrebbe lasciare il suo lavoro, la sua barca, la sua famiglia e quant'altro possedeva, per avere come ricompensa la crocifissione a testa in giù per mano dei nostri antenati romani, ma agli occhi della verità  la sua ricompensa non sarebbe  potuto essere più grande perché ha ricevuto la grazia più grande. La sua ricompensa infatti  fu/è il regno dei cieli. Da questo possiamo scoprire se noi siamo veramente disposti a seguire il Signore Gesù oppure se preferiamo continuare a vivere secondo il mondo. La croce è ricompensa e la speranza per ogni cristiano, perché essa rappresenta la disponibilità a rinunciare a tutto per avere in cambio il regno dei cieli. Solitamente noi siamo buoni commercianti capaci di valutare se una cosa è per noi conveniente oppure no, ma purtroppo fino ad oggi ci siamo sbagliati. Se non ci fossimo sbagliati saremmo santi.

Ci siamo sbagliati perché, pur cedendo di sapere quello che stavamo scegliendo, non siamo riusciti a vedere le conseguenze delle nostre scelte.  Per non sbagliarci dobbiamo  conoscere la verità che poniamo alla base delle nostre scelte.  Quasi sempre quando scegliamo siamo convinti di aver scelto giusto, ma solo alla fine scopriamo se la nostra scelta era giusta o sbagliata, ma quando scopriamo di esserci sbagliato non sempre  è possibile rimediare, se non c'è la Sua mano. Quando sbagliamo scelta di vita spesso assomigliamo a quel Pinocchio che accettando di seguire il suo amico Lucignolo,  che gli promise di portarlo nella città dei balocchi, alla fine si ritrovò in tutt'altro posto e con  le orecchie lunghe.

Fino ad oggi abbiamo sempre  scelto ciò che ci era sembrato facile da realizzare e ci dava la speranza di arrivare alla felicità! Alla fine abbiamo scoperto che la felicità è una cosa di questo mondo, che quando la incontriamo, se la incontriamo, dura poco, ma per seguire questa illusione abbiamo perso la via della vera gioia, che, come la nostra anima, è eterna ed è vera vita.

Chi c'era dietro la nostra scelta, il Signore Dio o satana?

La risposta è evidente!

Ringraziamo il Signore Gesù che  nonostante i nostri sbagli ha  accettato la croce per rivelarci la verità e per darci la stessa possibilità che ha dato a Simone/Cefa/Pietro.

Simon Pietro, che aveva sbagliato quanto noi,  ha avuto questa possibilità che lo ha portato nel regno dei cieli passando per la croce, dopo aver riconosciuto di essere un peccatore.

"Signore, allontanati da me, perché sono un peccatore". Il Signore Gesù vedendo che quest'uomo era sincero e veritiero, non guardò i suoi peccati ma la verità, la sua verità, nella quale viveva. Lui che  è  via, vita e verità con questo episodio ci ha indicato la via che porta alla vita e che consiste nel conoscere la nostra vera verità. A Lui, che è verità, sono graditi proprio quelli che riconoscono la loro verità. La stessa cosa è capitata con Maria di Magdala e con il ladrone crocifisso alla Sua destra. Questo è un passaggio obbligato. Fino a quando non scopriremo che in noi vive il nemico, l'ingannatore che ci impedisce di vedere come siamo, continueremo a vivere nell'inganno pensando di essere già apposto ed a Lui graditi,   quando in verità  non lo siamo  perché siamo una spina nel Suo capo ed una spada nel Suo cuore. Fino a quando non scopriremo la nostra verità, ciò che guida i nostri passi, il nostro inganno ci impedisce di obbedire al Signore della vita perché pensiamo di sapere già  tutto pur non sapendo nulla. Non saremo mai quel Simon Pietro che, sulla Sua parola,  butta la rete come obbedienza per poi seguirlo nel cammino verso la vita. Non saremo mai pescatori nè uomini nè di pesci e la prima persona che non pescheremo sarà noi stessi.

Oggi il Signore ci sta chiamando esattamente come in quel tempo ha chiamato Simon Pietro per darci la croce che ci guiderà verso il cielo. Se diremo "Eccomi Signore", sentiremo il profumo della Pace e della Vita; sentiremo la gioia di amare ed essere amati anche se questo comporterà rinuncia e sacrificio, ma nella rinuncia e nel sacrificio c'è sempre la speranza e, la speranza è già il profumo della vita.

Per darci questa opportunità il Signore ha accettato la croce per noi perché ci ama e vuole farci pescatori di uomini che Lui ama quanto noi. Gioia per noi, gioia per il mondo e gioia per il cielo.

Il Signore è la nostra salvezza.

Grazie Signore Gesù

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Spiegazione/trackback.php?msg=13354047

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
animasug
animasug il 13/02/16 alle 16:12 via WEB
Maria Maddalena, da difendere contro tradizionali calunnie; alla tavola del Fariseo l'identità della donna... non è specificata. Dire che Maria Maddalena di (Magdala), guarita da Gesù da mali fisici e mentali, fosse una donna impura e non virtuosa, non è scritto in nessuna scrittura dove si parla di Lei.
 
animasug
animasug il 13/02/16 alle 16:25 via WEB
...tenacemente tenuto il posto nella mente popolare attraverso i secoli, che il nome Maddalena è giunto ad essere una denominazione generica per le donne che decadono in virtù e dopo si pentono.
 
 
giona2068
giona2068 il 13/02/16 alle 17:16 via WEB
Storia a parte, ciò che conta è avere un esempio di cose da fare, che nel nostro caso consiste nel riconoscere le nostre colpe. Questo non sarà sufficiente, occorrerà poi comprenderne la gravità, ma è il primo passo. Pietro ha riconosciuto di essere un peccatore, ma non per questo è subito diventato santo, anzi a lui fu detto: Stai lontano da me satana! Il primo passo è riconoscere la ns verità ed, anche se non è sufficiente, è nello stesso tempo necessario. Altre vie non ci sono.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

giuscip1946andrea.982giona2068corvonato.mariogioiaamorefrancesca632several1sols.kjaerStolen_wordsil_pabloandrew_mehrtensgiannizzerPerturbabiIepsicologiaforense
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom