Creato da simona_77rm il 08/10/2008

IL MIO MONDO BLOG

Fatti, curiosità e varia umanita'

 

Anche il premier Conte addobba l'albero di Natale in ufficio a Palazzo Chigi

Post n°1460 pubblicato il 09 Dicembre 2019 da simona_77rm
 

premier-giuseppe-conte-alber-di-natale-palazzo-chigi

"Anche noi ci dedichiamo agli addobbi natalizi. Buona domenica a tutti". Lo ha scritto il premier Giuseppe Conte sulla sua pagina Instagram, postando una foto che lo ritrae impegnato, insieme al figlio, ad addobbare l'albero di Natale nel suo ufficio a palazzo Chigi.


Questa bella immagine ricorda molto una foto di un Natale
di tanti anni fa. L'allora Presidente Usa John F. Kennedy era ritratto sorridente accanto al figlio, nello studio della Casa Bianca. Altri tempi...

presidente-kennedy-studio-casa-bianca

 
 
 

Milano, dopo il caffe' sospeso di Napoli ecco il panettone sospeso per Natale

Post n°1459 pubblicato il 06 Dicembre 2019 da simona_77rm

panettone-natale

Questo Natale si apre con una lodevole iniziativa di solidarieta'. Milano si rifa' alla tradizione napoletana del caffe' sospeso con una proposta che coinvolge il suo dolce simbolo: il panettone. Arriva così in citta', in occasione delle festivita' natalizie dal 7 al 22 dicembre, il Panettone Sospeso a cui hanno aderito molte pasticcerie milanesi, dove ci sara' la possibilita', per chi lo desidera, di lasciar pagato un panettone in piu' per chi non puo' permetterselo.


Anche il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha sponsorizzato l'iniziativa benefica sulle sue pagine social, facendosi ritrarre in uno scatto mentre lancia in aria un panettone. "Partecipa anche tu a Panettone Sospeso. Un panettone anche per chi non puo' comprarselo", ha scritto Sala.

sindaco-milano-beppe-sala-lancia-panettone-sospeso-solidale

 

La solidarietà a Napoli ha radici antiche. Questa tradizione nasce nella citta' partenopea durante la guerra,  quando il caffe' veniva considerato come oro. Oggi, lasciare alla cassa l'ordinazione per un caffe' pagato, e' diventato un meraviglioso gesto di solidarieta' ormai diffuso in tutto il mondo.

Inutile dirlo: l'investimento che non fallisce mai e' la bonta.

 
 
 

Ma perche' "Black Friday"? Le ipotesi sulle origini del nome.

Post n°1458 pubblicato il 29 Novembre 2019 da simona_77rm
 

blackfriday2019

IL QUARTO VENERDI' del mese scatta l'ora X per lo shopping. Come ogni anno, torna l'appuntamento tradizionale con il Black Friday, ricorrenza americana risalente al 1924 anno in cui i consumatori furono invitati a spendere di piu' per 24 ore, in virtu' di promozioni e offerte irresistibili! Tutto inizio' quando l'avvio del periodo natalizio venne celebrato da Macy's, grande catena di negozi, con una parata organizzata nel giorno successivo al Ringraziamento. Bene: fu allora che gli acquisti prenatalizi decollarono, complice il sogno americano dell'epoca.


VENERDI' NERO, dunque, ma non per lo shopping. Diverse sono le ipotesi sulle origini del nome. Prima fra tutte quella che ricollega il black al venerdì piu' nero dell'anno perche' congestionato proprio a causa delle folle richiamate a fare acquisti con prezzi piu' che dimezzati. 


UNA IPOTESI molto attendibile e' quella che ricollega il black al colore nero dell'inchiostro adottato negli antichi registri dei commercianti d'oltre oceano per segnare i profitti in attivo, al posto del rosso usato per i conti in negativo.


ALTRA IPOTESI C'e' chi ricollega il termine alla cronaca degli anni '60, quando la citta' di Filadelfia (Pennsylvania, Usa) si trovo' a gestire il caos scatenato dalla storica partita di football Army vs Navy (Esercito contro Marina) nella domenica che seguiva il Ringraziamento. 


C'e' da riconoscere a questo punto che il Black Friday resta il venerdì con i conti piu' in attivo dell'anno! Ottima data dunque per gli sconti "stracciati", anche in Italia, visto che il black friday coincide per noi con l'avvio degli acquisti dei regali per il Natale, la nostra tradizionalissima "Strenna natalizia".

(repubblica.it)

blackfriday

Un consiglio?
Amici, non esagerate al Black Friday!
Mantenete la calma! 
😂 😂 😂

 
 
 

Come nel film con DiCaprio: finge di essere un pilota (e ci riesce)

Post n°1457 pubblicato il 22 Novembre 2019 da simona_77rm
 

Leonardo-diCaprio

Il famoso film con Leonardo DiCaprio "Prova a prendermi" racconta la storia vera del truffatore Frank William Abagnale Junior che, tra le altre cose, fingeva di essere anche un pilota del Pan American World Airways.

rajan-mahbubani

Probabilmente l'indiano Rajan Mahbubani si e' ispirato al film ed ha comprato una falsa carta d'identita' in Thailandia. E' così riuscito a volare in prima classe e ad evitare i controlli di sicurezza. Tesserino, divisa, manuali di volo, ma era tutto falso. Incredibilmente e' riuscito anche ad entrare in una cabina di pilotaggio di un aereo, lasciando traccia della sua prodezza su Facebook, dove aveva oltre 400 amici, compresa una finta hostess con cui parlava dei voli e delle future destinazioni. E deve essere ancora appurato con esattezza l'effettivo numero dei tanti voli in cui, come il Di Caprio di "Prova a prendermi" aveva chiesto un "passaggio ponte" ai piloti di altri voli.


Bloccato e smascherato ha così concluso bruscamente il suo fantasioso e fin troppo lungo "film": e' stato denunciato e fermato dai carabinieri all'aeroporto Caselle di Torino.

(fonte: repubblica.it)


 
 
 

Attenzione: chi ricarica il cellulare in giro rischia il furto dei dati!

Post n°1456 pubblicato il 20 Novembre 2019 da simona_77rm
 

donna-al-telefonino

Viviamo in un mondo complicato. Persino caricare il telefonino lo e', ma non nel senso che pensate voi. Mi spiego meglio. Visto che non hanno ancora inventato una batteria che duri davvero un giorno intero e visto che non c'e' quasi nulla di peggio che restare con lo smartphone spento, viviamo cercando prese elettriche dove attaccarci, come un tempo i nostri antenati cercavano l'acqua o l'oro sottoterra.


La buona notizia e' che ormai le prese ci sono: negli aeroporti, nelle stazioni, negli hotel e' diventato normale trovare una presa, di solito una presa USB. La brutta notizia e' che farlo e' pericoloso. Il rischio e' che quella presa contenga un software, anzi un malware, in grado di infettare il nostro telefonino e trasferire tutti i nostri dati a un hacker.


Cosa fare per impedirlo? La cosa piu' semplice e' collegarsi alla prese con una spina elettrica e non con una USB; la seconda e' dotarsi di una batteria di riserva; la terza, e' comprare quello che in gergo viene chiamato l'USB condom, il preservativo dell'USB, ovvero una chiavetta dentro cui infilare la nostra USB in modo che la corrente passi ma i dati no.


Ora non so se questa storia ha ripreso a girare perche' si avvicina il Black Friday e puo' essere un'idea per lo shopping, ma per una decina di euro io questo «condom» me lo comprerei.

(fonte: nytimes.com)

telefonino-in ricarica

 
 
 
Successivi »
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: simona_77rm
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 40
Prov: RM
 

FB E TWITTER

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

LINK PREFERITI

- QUOTIDIANI.net
- SKY streaming 
- Radio italiane streaming

 

CITAZIONI FAMOSE

http://d2nfj4ph0k85j8.cloudfront.net/wp-content/uploads/2012/05/lasoluzionellacrisinonsonoletasse.jpg?1b06f1

http://www.tuttowebmaster.it/imgs/0.380281807928444-original.jpg

«Finalmente ora la Libia e' uno Stato libero
Giorgio Napolitano, 2011



https://m2.paperblog.com/i/59/596925/i-vostri-post-the-nursery-L-gxpa1x.jpeg
(Clicca QUI)

 

http://t0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcSrDhUA6JMM0-nv6LoqGrGczP8KZrOcLkx2U0-8Kta8MqG3q9KH

 
Citazioni nei Blog Amici: 198
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

LIVE TRAFFIC FEED

motori di ricerca

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom