Creato da un_guru il 21/02/2005

Il blog di Un-Guru

Consulenza Strategica di Impresa per la Qualità del Vivere

 

 

« Certificazioni etiche Ai.Bi sconta il calo del... »

Sfida sul sostegno ai bambini

Post n°158 pubblicato il 24 Novembre 2008 da un_guru
 

 

Articolo pubblicato su Il Sole 24 Ore del 3 novembre 2008

 

“Il Trentino in Mozambico” e il parallelo “Il Mozambico in Trentino” danno vita a un progetto che, dal 2001, prevede interventi in campo educativo, sanitario, sociale e di sostegno economico. Vi partecipano la Provincia di Trento e alcune associazioni, tra le quali Apibimi (Associazione promozione infanzia bisognosa del mondo impoverito): il sodalizio gestisce un orfanotrofio che svolge anche funzione di centro nutrizionale.

L’associazione, che nel 2008 festeggia i 20 anni, ha sede a Volano, in provincia di Trento, e opera in Africa, Asia e Sud America.

Anche Il Sole si occupa di sostegno all’infanzia e, come Apibimi, utilizza lo strumento delle adozioni a distanza, cui si affianca il finanziamento a specifici progetti di cooperazione.

Il Sole, che ha ottenuto il riconoscimento come organizzazione non governativa, ha sede a Como ed è presente in Etiopia, Burkina Faso e India. Nel corso del 2007 l’associazione ha interrotto il finanziamento di progetti in Sri Lanka, a parte 70 adozioni a distanza, motivando la decisione con “problemi politici” e con “l’impossibilità di valutare su basi oggettive le reali necessità dell’infanzia locale”.

Dall’esame di bilancio, relativo al 2007, emerge che Apibimi raccoglie poco meno di 900mila euro, in crescita di oltre l’8% rispetto all’anno precedente. Le entrate di Il Sole sono invece di poco inferiori a 1,2 milioni di euro; in questo caso non è disponibile il confronto con il 2006 perché i dati del rendiconto gestionale, a differenza dello Stato Patrimoniale, non sono comparati al precedente esercizio essendo mutati “i criteri di rappresentanza del documento”.

Per entrambe le organizzazioni le adozioni a distanza rappresentano la principale fonte di finanziamento: oltre 522mila euro Apibimi (58%), e 506mila euro Il Sole (42%).

Apibimi dedica all’attività di missione 864mila euro, il 93,4% del totale (quota superiore a quella del 2006), mentre i costi di promozione incidono per il 1,1% (circa 10mila euro). I costi di gestione, 2,7% (24mila euro), sono in lieve crescita rispetto all’anno precedente ma comunque risultano ampiamente entro la soglia del 4% che l’associazione si è posta come obiettivo.

Il Sole registra uscite per circa 1,3 milioni di euro, con un disavanzo di oltre 100mila euro: il 66,8%, 868 mila euro, è dedicato all’attività di missione, il 14,8%, 192mila euro, alla promozione e il 13,7%, 178mila euro, alla gestione. L’associazione pubblica un bilancio preventivo per il 2008 in base al quale prevede entrate per oltre 1,3 milioni di euro, con un aumento dei fondi per l’attività di missione che dovrebbero superare il milione di euro, pari al 75% del totale. Nella relazione, inoltre, fa riferimento a un rinnovamento della struttura operativa e organizzativa, in corso dal 2006, che prevede l’adozione di nuovi strumenti di monitoraggio dei costi e dell’efficienza sia dei progetti che delle attività amministrative e di raccolta fondi. La relazione che accompagna il bilancio contiene dati relativi al personale e ai soci (250 nel 2007), ai quali si affiancano circa 30 volontari attivi.

A questo proposito entrambe le associazioni sono alla ricerca di nuovi volontari e Apibimi lamenta la mancanza di traduttori che si prestino per la corrispondenza con i centri sparsi per il mondo.

Sia Apibimi che Il Sole pubblicano il bilancio on-line e sui rispettivi siti sono disponibili informazioni sui progetti sostenuti. In particolare Apibimi è impegnata, tra le altre, nell’assistenza ai ragazzi di strada di Kinsagani in Congo. L’emergenza dei minori abbandonati è una priorità anche per Il Sole: in Etiopia l’associazione ha costruito un consultorio e centro di accoglienza per minori, vittime di stupro, che ospita oltre 200 ragazzi. Il prossimo obiettivo è quello di aprire case di accoglienza per ragazze madri e formare operatori di strada che lavorino sulla prevenzione.

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

UN-GURU MANAGEMENT

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

AREA PERSONALE