Creato da Z.Ven il 30/10/2006

Una canzone per te

Viaggio tra ricordi musicali

 

Post N° 2222

Post n°2222 pubblicato il 25 Gennaio 2017 da silvi.rock12

sono una fans di upas.  mi piace molto questa soap in quanto ha un qualcosa di speciale, le storie sono sempre molto belle.

 
 
 

Post N° 2221

Post n°2221 pubblicato il 25 Gennaio 2017 da handover0
 

Glio occhioni blu di Viola no sono bastati a distogliere il professore dall' avvenente Marika... avra' un seguito in upas? Io spero proprio di si... la vedo intrigante la cosa

 
 
 

SanRemo 2016: terza serata

Post n°2220 pubblicato il 12 Febbraio 2016 da Z.Ven
 

Noemi – Dedicato (Loredana Bertè)
Ha reso sua questa canzone e ha reso anche giustizia all'originale. Stuprenda. 8
Clementino – Don Raffaè (Fabrizio de Andrè)
Bellissima versione. Si vede che è vissuta. 7 1/2
Patty Pravo con Fred De Palma - Tutt'al più (Patty Pravo)
Fred De Palma ha recentemente rifatto questa cover e adesso Patty Pravo anche per festeggiare i cinquant'anni di carriera la canta al festival asieme a lui. 7
Arisa – Cuore (Rita Pavone)
Versione grandoissima. Grado che la Pavona sarà contenta. 7
Dolcenera – Amore disperato (Nada)
Versione dance del pezzo. Non perde grinta. Anzi, potrebbe essere una hit anche oggi. 7
Rocco Hunt – Tu vuo' fa l'amerticano (Renato Carosone)
Ha il talento di rendere rap tutto. E anche in questa canzone fa centro. 7
Valerio Scanu – Io vivrò (senza te) (Lucio Battisti)
Bellissima interpretazione, complimenti. Bella anche la scelta del pezzo. 7
Annalisa – America (Gianna Nannini)
Veramente una bellissima versione. E scopri una Annalisa con una grinta che di solito non sfoggia nelle sue canzoni. 7
Stadio con Ricky Portera e Fabio Liberatori – La sera dei miracoli (Lucio Dalla)
Gli Stadio erano il gruppo di supporto di Dalla e si sono formati grazie a lui. A sanremo quest'anno c'e la formazione originale con il mritorno di chi era andato via nel corso degli anni per tributargli un ricordo. 7
Dear Jack – Un bacio a mezzanotte (Quartetto Cetra)
Hanno riarrangiato e parecchio ritmato questa canzone storica e quindi molto ritmata. 6 1/2
Giovanni Caccamo & Deborah Iurato – Amore senza fine (Pino Daniele)
Bell'omaggio a Pino Daniele. Loro cantano meglio che nel pezzo inedito. 6 1/2
Francesca Michielin – Il mio canto libero (Lucio Battisti)
E' stata brava e ha fatto emozionare molto il pubblico. 6 1/2
Irene Fornaciari – Se perdo anche te (Gianni Morandi)
Il titolo prima di sentire la canzone non mi diceva niente, ma la Fornaciari ha saputo ricordarmela. E ha cantato bene. 6 1/2
Lorenzo Fragola – La donna cannone (Francesco De Gregori)
E' una canzone tra interpretata. Ma anche questa cover merita. 6
Enrico Ruggeri – 'A canzuncella (Gli Alunni del Sole)
Ruggeri che canta in napoletano, ma in una versione un pò più tirmata. 5 1/2
Alessio Bernabei con Benji & Fede – A mano a mano (Riccardo Cocciante)
E' una canzone che se canti bene ti fa tremare tutto dall'emozione. Non è il caso. 4
Neffa – O' Sarracino (Renato Carosone)
Credo che non abbia scelto una canzone che fa per lui e quindi non rende al meglio. 4
Bluvertigo – La lontananza (Domenico Modugno)
Hanno stravolto questa canzone e lo hanno fatto male. 4
Zero Assuluto – Goldrake (Actarus)
Operazione contraria a quella dei Dear Jack. Hanno preso una canzone altrettanto storica, ma dal ritmo iper veloce e l'ha resa lentissima. Ma con risultato opposto. Così non si può sentire. 3 1/2
Elio e le Store Tese – Quinto ripensamento (La febbre del sabato sera)
Sono alibito. Non ho parole. Hanno rifatto un aria di Beethoven traducendola in italiano. Già ai tempi della febbre del sabato sera non era questa ideona. 2

Miele – Mentre ti parlo (passa in semifinale, eliminata successivamente)
Un melodramma su un amore che non va proprio. Potrebbe anche farsene una ragione. 4
Francesco Gabbani – Amen (eliminato, passa in semifinale successivamente)
Si fanno le peggiori nefantezze e poi si pretende con una assoluzione religiosa di veder dimenticato tutto. Ipocrisia. La canzone è ritmata, ironica quanto basta e bella nei contenuti. 7 1/2
Micheal Leonardi – Rinascerai (eliminato)
Canzone un pò pesante e semi lirica. Il genere non mi è mai piaciuto. 5
Mahmood – Dimentica (passa in semifinale)
Black out della trasmissione da Sanremo che invalida la gara, peccato che non se ne siano accorti. Nonostante tutto passa. La canzone però era brutta. 5

Virginia Raffaele
Questa sera ha interpretato Donatella Versace e anche qui è stata bravissima puntando il dito su varie trasformazioni estetiche. 9
Carlo Conti
Il successo di questo festival è figlio di una lunga preparazione. E' sua. 6 1/2
Madalina Ghenea
Cerca di essere simpatica. Non lo è. 5
Gabriel Garko
Cerca di essere simpatico. Non lo è. 5

 

Pooh
Medley e in6tervista in occasione dei festeggiamenti per il loro cinquantennale che andrà avanti per tutto il 2016, alla fine del quale si sciogieranno. 7
Nicole Orlando
Atleta down che ha vinto 4 medaglie d'oro e una d'argento ai mondiali di atletica in Sud Africa ed è stata citata nell'ultimo messaggio agli italiani del presidente Mattarella. 6 1/2
Hozier
Canta il suo singolo "Take me to church". 6
Michele e Stefano Manca
Comici che hanno fatta battute a sfondo culinario. 5 1/2
Marciel
Mimo francese premiato in tutto il mondo. Si, ma perchè invitarlo al festival? 4 1/2

Bella puntata sulle cover e dichiamo che ci sono state quasi tutte buone scelte e buone interpretazioni. Il punto nero della serata è stato quando c'è stata la gara delle nuove proposte tra Miele e Francesco Gabbani. La vittoria in un primo tempo era stata data a aMiele, ma poi c'è stato l'annuncio di un problema di votazioni nella giurizia di qualità ed è stata fatta ripetere quella votazione; mentre dal televoto non ci sarebbe stato nessun tipo di problema. Dal nuovo risultato avrebbe vinto Gabbani che quindi sarà presente domani in semifinale. Si annunciano polemiche e non mi meraviglierei di una semifinale a cinque.

Gara Cover. 1° Stadio, 2° Valerio Scanu, 3° Clementino, 4° Noemi, 5° Rocco Hunt.

Buon andamento della prima serata. Gli spettatori sono stati 10.462.000 con il 47,88% di share.

 
 
 

Per te non vivo: mi uccido!

Post n°2219 pubblicato il 21 Agosto 2011 da Z.Ven
 

Gianluca Grignani - Baby Revolution (1998)

 

Esordisce a Danremo giovani del 1994 con "La mia storia tra le dita" e poi nel 1995 al Festival di Sanremo tra le Nuove Proposte con "Destinazione paradiso". Con solo due canzoni e praticamente al primo colpo arriva all'apice del successo. Col passare degli anni fa scelte coraggiosi e non sempre capite; staccandosi dallo stereotipo di cantante sciupafemmine e perfettino voluto dalle major. Nonostante tutto mantiene un suo pubblico fedele e se ai suoi esordi forse era un pò sopravalutato; adesso  è senz'altro molto più sottovalutato di quello che potrebbe dare alla musica italiana.

"Baby revolution" fa parte del terzo album di Grignani, uscito nel 1998: "Campi di popcorn" ed è il primo di ben cinque singoli. Campi di pocorn è un ritorno alle sonorità più pop del primo album; dopo lo sfortunato album rockeggiante "La fabbrica di plastica". L'album ebbe un discreto successo e permise a Grignani di recuperare credito dopo il deludente (non per me) album precedente; ma non riuscì a riportarlo agli splendori dell'esordio.

Lui cerca di venire a capo di una storia tribolata. Lui ammette di non essere perfetto e cerca di rimettere assieme i pezzi dello loro relazione; lei invece dice di amarlo, ma poi non fa niente per dimostrarlo. Sparisce spesso e a volte è come se dimostrasse di sentirlo come un estraneo. Ma il peggiore è forse lui che pur di non perderla farebbe tutto e questa situazione di subalternità non fa certo prendere una saggia scelta a lei, che finchè può cerca di sfruttare il "potere" che ha su una persona che dimostra di non amare. Ma questa storia non è destinata a continuare all'infinito, bensì a finire nel tragico visto che lui dichiara che sarebbe disposto anche a uccidersi per lei.

 
 
 

Io sto cambiando per te

Post n°2218 pubblicato il 20 Agosto 2011 da Z.Ven
 

Silvia Salemi - Stai con me stanotte (1997)

 

Silvia Salemi deve la sua fortuna agli anni novanta, alla vittoria a Castrocaro nel 1995 e sopratutto alla partecipazione a Sanremo nel 1997 con "A casa di Luca" dove non vince ma diventa uno dei tormentoni dell'estate. Negli album successivi la Salemi arranca e anche se canta molti bei pezzi, non ha più la stessa fortuna e visibilità.

"Stai con me stanotte" è contenuto nel secondo album della Salemi: Caotica. Quest'ultimo album è infatti lo stesso di "A casa di Luca"; cioè l'album che l'ha consacrata e fatta conoscere al grande pubblico. "Stai con me stanotte" è il secondo e ultimo singolo dell'album. Di discreto successo radiofonico.

E' finito il tempo delle avventure. Lei ha capito che lui è il suo amore vero e non intende più scherzare e vuole inalzare il livello della loro relazione. Vuole però che anche lui provi le stesse cose e perciò decide di comprare una casa (in riva al mare) che simboleggia il loro mettere tutto in comune e formare una famiglia. Si è trasferita con tutto quello che le serve a simboleggiare che va considerata come una prima casa e che lei fa sul serio. Poi ecco l'accorato appello: "Non è per andarci a far l'amore, io da domani ti vado ad aspettare!". Qui c'è un duplice messaggio: inanzitutto ci sono le bracce tese di colei che lo aspetta e poi rimarca la sua decisione e che questa esperienza la intraprende anche senza di lui perchè l'epoca del fidanzamento la considera definitivamente conclusa. Infine un'auto-rassicurazione: "Io sto cambiando per te. Magari mi sto sbagliando? Macchè!". 

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

INDICE PER CANZONI

 

INDICE PER CANTANTI

 

INDICE PER ANNI


 

TAG

 

OSTINATAMENTE ZVEN

Caricamento...
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

FACEBOOK

 
 

Free blog counters

 
 

ULTIMI COMMENTI

 

LICENZA DI QUESTO BLOG



Questo/a opera č pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom