il mare in bottiglia

mare..sirene e..

 

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sarai il mio mare
il mio approdo e il mio partire,
mi spoglierò e mi immergerò nel tuo respiro...
Non avrò più paure,
m'abbandonerò a Te.
Ti amerò...
Tra le tue spigolose onde,
tra i versi e gli echi del mare,
che scriverai
col tuo vento che mi bacerà le labbra,
e l'odore della salsedine,
mi profumerà di Te.
Andrò a  largo
e  m'inabbisserò fino a toccare il fondale,
e il tuo cuore salirà dal mare,
rinascerà con me.
Lo bacerò, lo accarezzerò,
lo respirerò.
Saremo acqua nell'acqua.
Tu sarai il mio Mare,
 il mio Dio...
...ed io sarò la Tua Sirena.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un oceano siamo noi ma vorresti guardare dentro di me, capire tutto...Per sentirti un uomo hai bisogno  della certezza che tutto sia sotto il tuo controllo...Non sai che le sensazioni, le emozioni, i sentimenti sono liberi...liberi come i pesci dell'oceano?Quale rete riesce ad andare in profondità e a catturare una sirena...non hai pensato che morirebbe ad essere tua prigioniera , strappata al suo mondo...Le parole di uno sguardo, una carezza, un bacio... non riesci a sentirle?La notte passata con i nostri corpi uniti, mai stanchi di chiedere e dare...Non c'era niente di noi, dei nostri corpi sudati che lasciasse spazio a quell'aria,quell'aria leggera che ti rinfresca,quell'aria che ci fa tornare solo un uomo e una donna,quell'aria che piano piano diventa distanza e ci fa scrutare come animali pericolosi...Un oceano siamo noi, calmi e rilassati o travolgenti ed immensi onda dopo onda....Rimaniamo immersi senza cercare il fondo...Non trascinarmi fuori...esposta all'aria e al vento che tutto rivelano e niente dicono...Uomo lo sei sempre e io donna o sirena, quando sono con te sono tua...Tutto ti è donato perchè anche tu fai così...Rimani uomo e io donna... non trasformarti in pescatore...

 

MIAO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

« sirenesirene »

sirene

Post n°19 pubblicato il 15 Settembre 2009 da xirenette
 

 Una particolarità della SIRENA, è quella di avere una voce suadente e melodiosa capace di attirare irresistibilmente i marinai che cadono nelle grazie dei loro canti.

.La SIRENA canta in maniera irresistibile e a volte suona anche qualche strumento. Ha lunghi capelli,che pettina accuratamente; spesso ha in mano uno specchio in cui si rimira compiaciuta.  Il canto delle SIRENE è udible sino a 200 metri; tutti gli uomini entro questo raggio ne restano incantati... abbandonano qualunque azione e si gettano a nuoto per raggiungerle. Se non annegano prima, si lasciano poi uccidere senza opporre resistenza. Le SIRENE continuano a cantare finché la nave si trova a portata d'orecchie ma, appena smettono di cantare, tutti coloro che ne erano stati stregati tornano normali.Coloro che si tappano in tempo le orecchie con della cera, o che vengono protetti con qualche incantesimo, restano totalmente insensibili alla magia del canto. Le donne, naturalmente, sono immuni dall'incantamento delle SIRENE.

  Il mito della SIRENA si ripete in tutto il mondo, nessun luogo escluso, e dimostra delle caratteristiche più costanti ed omogenee perfino di quelle del mito dei Draghi.

 

Nel nostro secolo il credere nella possibilità che le SIRENE esistano o il non crederci affatto sembra non avere più tanta importanza. Ma la SIRENA attira sempre un certo interesse perché rimane comunque una creatura misteriosa.Il rapporto e la considerazione che hanno avuto gli uomini durante i secoli nei sui confronti rispecchia il modo in cui gli stessi uomini hanno guardato al mare.Il mare come fonte di vita e di morte ma sempre un mare che continua ad affascinare per la sua bellezza,la sua dolcezza,la sua forza e il mistero che non sembra mai del tutto svelato.

 

L’origine delle SIRENE è antichissima. Già nella mitologia ellenica le SIRENE erano creature incantatrici che attiravano con i loro irresistibili canti i malcapitati marinai verso le sponde, facendoli naufragare (vedi la leggenda dell’Ulisse di Omero), oppure erano identificate come mostri con un corpo di uccello e una testa di donna (nelle storie degli Argonauti). Famose erano le SIRENE che abitavano le coste della Magna Grecia: Partenope (che diede il nome all’antica città di Napoli), Ligea e Leucosia.Narra la leggenda che Ercole staccò il corno ad Acheloo, il dio con corna e con la coda di serpente. Dalla ferita caddero dodici gocce (un'altra versione parla di sei) e da quelle gocce vennero fuori le prime SIRENE

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Xirenette/trackback.php?msg=7669675

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
syriodragone0
syriodragone0 il 01/01/11 alle 14:33 via WEB
bellissimo e il gattino adorabile
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: xirenette
Data di creazione: 16/06/2009
 

IL MARE IN BOTTIGLIA

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

pacicciolaLudovicaMontaltoartika82llab.modelbadbarazul2008brugo6xirenetteunicornorossoelisabettab72cyborg3dglgreta_panellaiivewgolddgl5
 
 

 Galleggiando a lungo in oceani deserti ho fatto del mio meglio per sorridere finché i tuoi occhi melodiosi e le tue dita mi attirarono affettuosamente alla tua isola e tu cantasti naviga da me naviga da me lascia che ti avvolga Sono qui Sono qui aspettando di possederti... SIRENA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il vento era caduto, le vele si erano afflosciate sull'albero; nella notte appena rischiarata dalla nuova luna la nave dondolava leggermente sullo specchio nero dell'acqua, quando la SIRENA cantò.Parve ai marinai di sentire un fruscio come di una brezza leggera; poi come una musica che salisse dal mare profondo; poi come una voce dolcissima, mai udita prima; e finalmente il canto li avvinse ad uno ad uno in un sonno senza risveglio.

 

 

 

 

Le periferie ne sono piene.Nella penombra o piuttosto nello sfumato anche nel chiaroscuro fin troppo visibili sulla scena della vita ad ogni passo ne calpesti qualcuna.Hanno nomi di donna. Si nascondono perchè sono prevenute  per loro si tratta di fuggire chi creda nella loro esistenza pena il loro  rattrappirsi in vere figure femminili se scoperte. I cercatori di SIRENE escono dall'ombra per porre loro domande e per guardarle in viso.Esse girano il dorso e si mordono le labbra per non rispondere mentre i cercatori sentono aumentare il ritmo dei loro battiti cardiaci a quell'incontro tragico a ben guardare supplicante passerella di desideri senza conforto.Si sa quanto sia difficile scorgere le cose ai bordi delle quali viviamo forse qualcuno che viene da lontano può svelarci meglio ciò che ci circonda.Ma vallo a dire ai cercatori di SIRENE.

 

 

 

 

 

 Divina sirena
il tuo canto
m'incanta
mi spacca in mille pezzettini
e mi ricompone come un puzzle.
Signorina Sirena
pendo dalle tue
rosse labbra
il loro movimento soave
mi distrugge poco a poco.
Ah! Che note solari
che dolce melodia
che ritmo tremante
sono le note che mancavano
per la mia ultima canzone.
Legato al sentimento-principio
che ancora mi salva, urlo:
"liberatemi, vi prego,
liberatemi, ora, liberatemi,
vi scongiuro".
(FolliaSolitaria)