Creato da dunja76 il 09/10/2005

CHAOS

mescolanza e disordine

 

 

« Messaggio #77Il poeta è un fingitore.... »

Quale amore? Quale felicità?di Domenico Pimpinella, da Riflessioni.it

Post n°78 pubblicato il 01 Agosto 2007 da dunja76

Se un’enorme quantità di individui, con le loro azioni concrete, scelgono di fatto incondizionatamente sé stessi; a parole, nei loro proclami, un’altra parte sostiene di potersi dedicare agli altri al punto da dimenticarsi di se stessi.
Una tale credenza è stata formalizzata in vari modi. Non parliamo delle Religioni che, come si sa, poggiano tutte sull’assunto indimostrabile che esisterebbe un’anima immortale associata al nostro corpo, una parte eterna che può continuare a vivere anche dopo la morte,  ma della filosofia e della psicologia.
Alberoni e Veca, per esempio, definiscono la morale come scelta (libera) dell’altruismo al posto dell’egoismo. La morale sarebbe una dedizione agli altri fatta in modo libero, in modo non condizionato. Ritorna così, come loro stessi suggeriscono,  una vecchia tesi che era stata di J.J. Rousseau e poi di Durkheim.
Non dico che questo nella pratica sia impossibile. Si può effettivamente riuscire a scegliere gli altri, i loro bisogni, i loro interessi, ma poi bisognerebbe capire quanto davvero una tale scelta può essere libera. Bisognerebbe, ad esempio,  mettere sul piatto della bilancia motivazioni come quella, per un credente, di guadagnarsi un posto privilegiato nell’aldilà: una situazione  priva di dolore e ricca di gioie e di piaceri.
Alberoni e Veca, nel saggio L’altruismo e la Morale  sostengono, a mio avviso in maniera contraddittoria, che Kant avrebbe sbagliato a considerare meritevole solo  l’azione fatta contro i propri impulsi, contro i propri desideri. Anzi, sottolineano, dobbiamo sperare che i nostri impulsi  e i nostri desideri ci portino spontaneamente ad amare gli altri. Giustissimo! Se però la scelta consiste nel seguire gli impulsi naturali, quelli dettati da un inconscio che non si è rivelato apertamente, ci si può chiedere che scelta mai sarebbe.
Il difetto di questa visione, come d’altra parte quella di Ciaravolo e Darkins, è che comunque essa resta all’interno di un concetto individualista che non infrange le barriere tra Io e non-Io.
La moralità, invece, sembrerebbe proprio il superamento di tali barriere, la creazione di legami che rendano la separazione tra Io e non-Io sempre meno evidente.
L’altruismo, oramai, non può essere valutato un’istanza pura della conoscenza emotiva e basta. Deve poter essere razionalizzato perché noi siamo diventati esseri razionali che non possiamo più ritornare indietro ad istanze conoscitive pure come nel passato.
Occorre impegnarsi per chiarire verso quali obiettivi i desideri ci vogliono indirizzare. E per obiettivo non si può intendere questo o quel piacere, perché il piacere è il premio per la capacità proprio di raggiungere un determinato obiettivo. Occorre, quindi, etichettare i desideri nel modo più chiaro e convincente possibile in quanto spinte verso una determinata condizione.  Non possono rimanere qualcosa di mistico, nebuloso, indefinito.
Certo la ragione può anche accogliere l’altruismo, accettarlo, e suggerirci un comportamento dettato dal come se, senza arrivare ad una spiegazione logica. Se però non si è capaci di aprire un sipario sull’obiettivo che con la moralità si vuole perseguire si rischia di cincischiare perennemente nelle vicinanze della propria condizione, impediti da una visione ad ampio raggio. Si resta delle talpe.
Se ci si convince di dover scegliere tra il proprio Io e quello degli altri, occorrerebbe innanzi tutto essere in grado di rispondere altrettanto coerentemente all’obiezione di Stirner che giustamente sostiene che se si è “unici” perché mai ci si dovrebbe preoccupare degli altri e non solo di se stessi? Anche gli altri in definitiva sono degli “unici”. Quindi unico per unico non si comprende la differenza tra essere egoista o altruista. Al più, sottolinea logicamente Stirner, potremmo mettere in piedi una libera cooperativa di “unici”.  Il discorso credo non faccia una grinza.
L’inferenza è scontata se si sceglie un Io comprensivo del proprio recinto. Allora diventa impossibile comprendere una proposta come quella di
Edgar Morin di considerare l’individuo come un’entità che debba necessariamente essere ad un tempo ego-centrica, ego-istica ed etero-centrica o altru-istica.
E’ su questa proposta che bisognerebbe ragionare a fondo!
E’ su come effettivamente sia possibile pervenire ad un’ambivalenza che può tirarci fuori dalle innumerevoli contraddizioni in cui si è impantanato da sempre  il ragionamento.
Per uscire fuori dal pantano delle contraddizioni ci vuole quasi sempre un’idea che risolva le diatribe, che magari le sintetizzi in un’unica idea capace di abbracciare l’una e l’altra visione. Già che si sostiene di dover operare una scelta tra due modi alternativi di essere, significa che questi sono delle realtà che si evidenziano in modo netto in certe situazioni. E allora perché dover negare l’uno e accettare l’altro?
Una situazione simile si è verificata nella scienza, ed esattamente in Fisica, quando sorsero due contrapposti schieramenti che si sfidarono a suon di prove sulla natura della luce. Uno schieramento sosteneva che la luce avesse natura corpuscolare, un’altra, ondulatoria ed entrambi portavano prove a sostegno della loro tesi.  Non si capì subito, ma solo dopo qualche secolo, che invece, avevano ragione e torto entrambi. La natura della luce è tale, possiamo ora sostenere, che essa è sia corpuscolare che ondulatoria. E che un aspetto o l’altro ci si manifesta a secondo delle condizioni in cui si compie l’esperimento.
Ad una mente non allenata, ancora oggi, risulta incomprensibile come la luce possa avere una doppia natura. Ed in Filosofia, purtroppo, le menti poco allenate sono ancora tante, troppe.
In effetti anche qui, ci troviamo apparentemente di fronte a due situazioni che sembrano escludersi a vicenda: l’egoismo e l’altruismo. In realtà questo avviene solo perché fin dall’inizio la razionalità non ha potuto rendersi conto che l’individualità ha una natura ambivalente. E’ composta cioè da due spetti interni complementari. E così quando uno di questi aspetti si assolutizzano esso esclude l’altro. Esattamente come avviene nel caso della natura della luce. Essendo la luce composta da due aspetti complementari, come hanno correttamente compreso Einstein e Bohr, se si assolutezza l’aspetto corpuscolare quello ondulatorio viene escluso e viceversa.
Se si vuole ragionare correttamente sull’individualità e pervenire ad una visione non ambigua delle sue relazioni, occorre partire inizialmente dalla sua doppia natura. Non si può inizialmente sostenere che essa sia già un’umanità, una socialità perfetta, come neppure si dovrebbe sostenere che  sia sostanzialmente una monade.
Semmai si potrebbe sostenere, volendo farne una proiezione storica, che essa sia partita da una condizione di monade, poiché l’unità biologica e la chiusura operativa sono state sicuramente l’obiettivo passato di milioni e milioni di cellule che dovevano trovare il modo di concatenarsi tra loro in una nuova struttura, ma che poi, a sua volta l’individuo diventando una sorta di cellula abbia sentito la necessità di superarsi in una nuova e più ampia socialità perfetta.  Due obiettivi, dunque, uno vecchio ed uno nuovo che devono combinarsi e svilupparsi armonicamente affinché entrambi possono essere centrati. E’ accaduto invece che si è tentato di perseguire questi due obiettivi in modo indipendente l’uno dall’altro, come se la socialità potesse essere una prerogativa dei singoli acquisita senza  una sperimentazione e senza, quindi, il necessario dialogo con gli altri.
In un mio precedente lavoro letterario dall’emblematico titolo “Gusci di cristallo” ho lanciato in modo romanzato una provocazione tesa a mettere in guardia l’uomo sull’assurdità di voler, da una parte, continuare a chiudersi in se stesso per continuare nel vecchio obiettivo di perseguire la sopravvivenza dell’entità pluricellulare e dall’altra di voler seguire il bisogno di aprirsi alla possibilità di fondare una nuova comunità, senza ritornare a modificare, a variare,  gli assetti precedenti. E’ indubbio che una nuova idea può realizzarsi solo se, contemporaneamente, si trova la maniera di ricostruire l’identità dell’individuo in funzione di un diverso obiettivo. Ma di questo non sembra esserne consapevole nessuno.
Così l’assurda situazione che si è creata assomiglia molto ad un  miscuglio che si ottiene mettendo insieme singoli pezzi di materia inerte. La società, l’umanità è piuttosto un miscuglio di individui che si chiudono in un guscio ermeticamente impermeabile, ma che poi cercano di rendere trasparente per dare vita ad una comunicazione che non porta a niente se non ad illuderli che il guscio non  ci sia. Il guscio invece c’è e diventa ogni giorno più duro e impermeabile. E l’evidenza che al posto dell’ambivalenza si è pervenuti ad una ambiguità, ad una delle due possibili condizioni che risuona falsa seppure in maniera non chiara, non evidente.
E’ questo il nostro destino a cui stiamo andando incontro a ritmi sempre più elevati. Stiamo diventando una sorta di fossili che cercano di trovare il modo di stare insieme, che si chiudono sempre più in un bozzolo che li inganna sulle loro effettive condizioni.
Così quando, attraverso un luogo comune sicuramente abusato,  si sostiene che la libertà di ognuno finisce dove inizia la libertà di un altro, si finisce per specificare, quasi sempre inconsapevolmente, che l’umanità è un insieme sparpagliato di individui che dovrebbero trovare il modo di vivere perennemente confinati nei propri recinti, nelle proprie emozioni, nei propri interessi. Se questo alla nostra ragionevolezza riesce ad apparire come qualcosa di scontato, di primigenio;  per la nostra emotività si traduce in uno squallore indicibile, in un’insensatezza insostenibile. La nostra emotività che è una conoscenza basilare che cerca di proteggerci dagli errori della razionalità, non può rassegnarsi a quello che sta avvenendo e preme in tutti i modi in cui le è consentito per far sentire i propri ammonimenti, per farci desistere da un progetto che ci sta sì portando a consolidarci come singole soggettività ma che sta anche condannandoci definitivamente alla solitudine, eliminando ogni possibilità di stabilire tra di noi legami forti e desiderabili.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/aletheia/trackback.php?msg=3068106

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
istance
istance il 01/08/07 alle 09:55 via WEB
Argomento complesso per essere il 1 di agosto...! Ma il quadro è inquietante, triste pensare che viaggiamo con del filo spinato per recintare la nostra libertà emotiva e di pensiero! Buona giornata e grazie del passaggio
 
 
dunja76
dunja76 il 01/08/07 alle 12:25 via WEB
infatti è inquietantissimo. in alcuni casi, o per necessità, o sopravvivenza, è drammaticamente vero.
 
   
istance
istance il 01/08/07 alle 12:35 via WEB
Drammaticamente vero.. credo che siano le parole più appropriate! Devo fare un salto in ferramenta!
 
dunja76
dunja76 il 01/08/07 alle 12:37 via WEB
bhe devo difendermi in questo periodo...ti seguirò a ruota!un paio di metri basteranno?
 
 
istance
istance il 01/08/07 alle 15:13 via WEB
Come mai? Cosa ti succede? metri sono più che sufficienti, dovrebbero bastarci
 
dunja76
dunja76 il 01/08/07 alle 15:21 via WEB
sono in lotta con il mio altruismo. vorrei essere egoista. sono le 2 facce della tessa medaglia...le generosità non è un errore, è una passione che ci tiene in vita. Costa, ma molto meno di quel che credono gli avari. Ecco perchè devo difendermi. Da loro...
 
 
istance
istance il 01/08/07 alle 15:23 via WEB
Si ti capisco molto bene, quindi oltre ad essere altruista immagino che ti fiderai molto delle persone (secondo errore!)
 
   
dunja76
dunja76 il 01/08/07 alle 15:27 via WEB
mi fidavo. ora ci rido su.
 
     
istance
istance il 01/08/07 alle 15:28 via WEB
Immaginavo che fosse così, gli altruisti sono anche dei "creduloni", ma in maniera positiva del termine. Ti crea dei problemi se ti inserisco fra i miei blog amici?
 
     
dunja76
dunja76 il 01/08/07 alle 21:52 via WEB
assolutamente no. p.s. sognatori, creduloni positivi si. fessi e stupidi no.
 
     
istance
istance il 02/08/07 alle 09:08 via WEB
Ciao, come va la mattinata?
 
     
dunja76
dunja76 il 02/08/07 alle 09:34 via WEB
bene bene si ricomincia pian piano...
 
     
istance
istance il 02/08/07 alle 10:25 via WEB
Soprattutto oggi che è giovedì!
 
rigitans
rigitans il 02/08/07 alle 10:05 via WEB
ai link dice che la pagina non esiste...rousseau diceva che l'uomo era buono per natura, e che alcuni accadimenti al'interno della società(in questo caso la nostra, quella occidentale) lo corrompevano, e lo facevano diventare"maligno". è un ottima osservazione, perchè è sempre piu' diffusa l'idea che l'uomo nasca cattivo(pecato originale) e debba reprimere la sua cattiveria attraverso il controllo. tanto che quando si fanno cosa violente si dice"ho perso il controllo". questa cultura ci è stata inculcata grazie alla dottrina cattolica e rafforzata dalla pseudopsicologia di un certo signor freud. l'uomo nasce malato, e deve usare la ragione per frenare questa sua perversione "naturale". ma in realtà se vivessimo in una società libera, felice, aperta, pronta ad ascoltare, piano piano gli uomini migliorerebbero la propria psiche e si annullerebbero tutte queste perversioni che imperversano attualmente nella nostra società(violenze, stupri, omicidi, suicidi, violenze psicologiche e cose minori all'apparenza). credo di aver parlato troppo ;) un saluto, Rigitan's(grazie di essere passata)
 
 
dunja76
dunja76 il 02/08/07 alle 12:21 via WEB
diciamo che così sarebbe perfetto. ma la perfezione non esiste. uno ci prova ad ascoltare, ma le persone ti mettono davanti muri insormontabili. e si rinuncia spesso, pensando che non ne vale la pena. purtroppo conosciamo i danni che ha fatto la dottrina cattolica. e non solo in questo...a presto ;)
 
modcri
modcri il 02/08/07 alle 12:32 via WEB
ciao, bel post
 
st_x
st_x il 17/08/07 alle 13:07 via WEB
quale amore.. quale felicità.. partendo dal presupposto che la libertà in questo mondo di fatto non esiste, è comprensibile che non sia difficile se non impossibile amare liberamente e vivere felici..
 
 
dunja76
dunja76 il 19/08/07 alle 19:19 via WEB
non è impossibile infatti...ci dovrebbero essere meno condizionamenti sociali. ci sono persone che si fanno molti problemi in base a qsto, e purtroppo non rendendosene conto ne creano degli altri...tutto potrebbe essere vissuto molto più semplicemente e invece...
 
   
st_x
st_x il 20/08/07 alle 23:07 via WEB
...e invece siamo qui a cliccare parole ad innafferrabili fantasmi...
 
wonderwow
wonderwow il 19/08/11 alle 17:23 via WEB
Un uomo che viva in un oasi al centro di un deserto...oppure su una remota isola sperduta ..fa del suo ambiente ..occasione di crescita ed apprendimento con tutti quanti i limiti imposti dalle poprie capacità cognitive ed emotive in relazione con l'ambiente in cui vive. Tale "cultura" così conseguita è alla base del più rivoluzionario episodio evolutivo noto definito come "pensiero greco".Senza alcuna grande struttura statale alle spalle, senza pace duratura, con tutti gli assilli connessi all'esistenza tali pensatori hanno difatto surclassato tutte le grandi civiltà alla loro contemporanee .Hanno generato geni del calibro di Aristotele, Platone, Pitagora ed Archimede. Personalità come Demostene Ippocrate Socrate che tuttora sebbene vetuste al solo nominarle suggeriscono anche a chi incolto un'idea della loro grandezza.Mi piacerebbe ,in relazione a quanto esposto richiamare il " o tempora o more" di Catoniana memoria..allacciando cioè le evidenti carenze della società attuale con quelle della Roma antica e ponendole in relazione ad alcuni particolari aspetti in comune: degrado della famiglia, corruzione dei costumi pubblici e privati, dissennatezza dei governanti in poche parole agi ozi lazzi e corruzione.Senza valori Superni ci si pone come limite ,solo la propria coscenza, ed anch'essa se relativizzata ai costumi diffusi ,subisce le corrispondenti flessioni di tenuta.Per mio conto non si tratta di nuova fenomenologia sociologica ..ma dei più noti corsi e ricorsi storici! Un saluto ...a risentirci su FBK
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CORRISPONDENZE

Citazioni nei Blog Amici: 3
 

ULTIME VISITE AL BLOG

arjentovyvodunja76porno_zombiebiancoelefantestrong_passionnon.sono.iofrankblack1976wonderwowjoerivetto6john_appleAnc0ra_e_sono_7fabpat72cmwlupusantonioge2010piratadelleros
 

ULTIMI COMMENTI

Un uomo che viva in un oasi al centro di un...
Inviato da: wonderwow
il 19/08/2011 alle 17:23
 
infiniti auguri di buon compleanno!
Inviato da: antonioge2010
il 19/02/2011 alle 08:11
 
Mi hanno tagliato la luce. Sto avanti, io...
Inviato da: non.sono.io
il 25/09/2008 alle 17:04
 
I will do...hola hermana
Inviato da: cheguevaraeramorto
il 17/09/2008 alle 20:23
 
beh io lo farò..
Inviato da: frankblack1976
il 16/09/2008 alle 16:53
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom