Creato da alex.canu il 28/01/2012

alessandro canu

arte, racconti, idee

 

 

« LA VERA STORIA DI CENERE...I-Denti-ci (dramma se... »

I-Denti-ci (dramma semiserio in due atti) Atto 2

Post n°102 pubblicato il 01 Ottobre 2012 da alex.canu

(Dopo appena due minuti)...

 

ATTO SECONDO

(soggiorno del signor Mentadent P. e della signora Colga. Mentadent é seduto in poltrona e legge il giornale. Colga  di fronte a lui é seduta in poltrona e legge lo stesso giornale, alla stessa pagina. Appaiono invecchiati. Leggono a voce non tanto alta, ma sufficiente a farsi sentire da tutti. L’effetto può durare finché in sala non si crei il silenzio. Per suggerire un‘immagine é come quando i musicisti accordano gli strumenti poco prima di un’opera. Leggono finti programmi televisivi e, ad un colpo di tosse di Mentadent,entrambe leggono lo stesso programma. Da questo momento in poi ripeteranno le stesse battute, variandone però espressione e senso, ognuno a proprio talento e a seconda dell’umore della giornata)

 

Mentadent  Se c’é una cosa che ho odiato tanto da piccolo é Pippi.

                  Mi annoiava da morire e non sopportavo quelle

                  insulse trecce rosse tenute su alla bell’e meglio col

                  fil di ferro.

 

Colga      Se c’é una cosa che ho odiato tanto da piccola é

              Pippi. Mi annoiava da morire e non sopportavo quelle

              insulse trecce rosse tenute su alla bell’e meglio col

              fil di ferro.

 

Mentadent  La sua voce, i suoi scherzi, i denti, quei denti larghi e grossi!!! da far paura.

                  LI ho sognati a lungo nelle sere in cui preparavo la mia tesi. 

 

          (canta)

 

          “...cercate una bambina ma non prendete me ce ne son

          tante altre in giro...” 

 

Colga      La sua voce, i suoi scherzi, i denti, quei denti larghi e grossi!!! da far paura.

              LI ho sognati a lungo nelle sere in cui preparavi la mia tesi.

 

          (canta) 

 

          “...cercate una bambina ma non prendete me ce ne son

          tante altre in giro...” Però...

 

Mentadent  Però?

 

Colga      Però...che vuoi si cresce dopo un pò, e non ci si

              ricorda più di essere stati dei bambini. 

 

          (mentadent intanto schiaccia il pulsante di un giocat-

          tolino per bambini, per es. il trenino che fa ciuf-ciuf”). 

 

          Ricordare poi diventa molto difficile. le date, i com-

          pleanni, i compleanni delle date. Ricordi? 

 

mentadent  Ricordo...che vuoi si cresce dopo un pò, e non ci si

                   ricorda più di essere stati dei bambini. 

 

          (Colga intanto schiaccia il pulsante di un altro gio-

          cattolino, p.es. l’allegra fattoria).

 

          Ricordare poi diventa molto difficile. le date, i

          copleanni; i compleanni delle date. Ricordi? Tu avevi

          un paio di pantaloni stretti che ti fasciavano dolce-

          mente le gambe , mentre io discutevo con tuo padre

          senza capire quel che dicesse, guardavo te, e i tuoi

          pantaloni erano incredibilmente i-denti-ci ai miei, 

          o forse erano proprio i miei.

 

Colga      Forse...Tu avevi un paio di pantaloni stretti che ti

              fasciavano dolcemente le gambe , mentre io discutevo

              con tuo padre senza capire quel che dicesse, guardavo te 

 

          (con malizia), 

 

          e i tuoi pantaloni erano incredibilmente

          i-denti-ci ai miei, o forse erano proprio i miei. Tuo padre...

 

Mentadent  (interrompendola) 

 

          Tuo padre, tuo padre, MIO PADRE! 

          Se gli avessi dato ascolto allora, non mi troverei

          oggi in questa situazione. 

 

          (Colga fa qualche tentativo per calmarlo)

 

Colga      Se gli avessi dato ascolto allora, non mi troverei

              oggi in questa situazione. 

 

          (trattenendo a fatica le lacrime) 

 

          Avevo appena sedicianni, che credi, e lui vegliava con

          accanimento su di me, sempre. Non potevo neppure anda-

          re al bagno, era sempre lì che mi guardava, muto, sem-

          brava assente, ma i suoi occhi non mi lasciavano

          mai...e tu eri lì... 

 

          (indica la poltrona nella quale mentadent é seduto)

 

          seduto a fumare quelle tue sigarette schifose. 

          Non si fuma in quel modo...a sedicianni!!!!

 

Mentadent  ...a sedicianni, già, avevo solo sedicianni e lui

                  vegliava sempre su di me, sempre. Non potevo andare al

                  bagno che lui era li e mi guardava, muto. 

                  Sembrava assente ma i suoi occhi non ti lasciavano

                  mai...e tu eri li... 

 

          (indica la poltrona dove é seduta Colga), 

 

          seduta a fumare quelle tue sigarette schifose. 

          Non si fuma in quel modo a sedicianni suonati...

 

Colga     ...il campanello, drinn, drinn. Venivano in tanti a

          prendermi per andare a qualche festicciola “privata” 

          o al cinema. Mi piacevano tanto le storie d’amore, 

          le sognavo, ero tanto una bambina scioccherella! 

          Ma al cinema non mi ci hai mai portata. Mi tenevate

          rinchiusa in questa casa, col puzzo che saliva sù e

          niente , mai niente di dolce da mangiare o da sognare. 

          “I dolci, i dolci” diceva il babbo, 

          “fanno malissimo ai denti bambina mia, una bocca mala-

          ta è la fine. non ci badare, lascia che il campanello

          suoni, non abbiamo bisogno di nessuno quì...

          quì... col babbo... sù!”    

 

Mentadent  ...il campanello, drinn, drinn. Venivano in tanti a

          prendermi per andare a qualche festicciola “privata” 

          o al cinema. Mi piacevano tanto i film di guerra, 

          li sognavo la notte. 

          Ma al cinema non mi ci hanno mai portato. 

          Mi tenevate rinchiuso quì,in questa casa, col puzzo

          che saliva sù e niente , mai niente di dolce da man-

          giare o da sognare. 

          “I dolci, i dolci” diceva il babbo, “fanno malissimo

          ai denti bambino mio, una bocca malata è la fine. 

          non ci badare, lascia che il campanello suoni, 

          non abbiamo bisogno di nessuno. Quì..quì...col babbo...

          sù! apri la bocca, grande,così,

          ...aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa...” 

 

          (buio) 

 

trapano   zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz,zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz,

          zzzzzzzzzzzzzzzz,  zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz,

 

          (stessa scena del primo atto, lettino e  illuminazio-

          ne.stavolta sdraiato e legato sul lettino é Mentadent.

          Colga lo sta finendo di legare e l’operazione richiede

          qualche secondo. Mentadent appare rassegnato, i segni

          della vecchiaia - ma una vecchiaia da burla (una par

          ruca bianca o una vistosa testa pelata p. es.) -

          appaiono più netti ed evidenti)

 

 

Mentadent  Colga no, ti prego, non sopporto quello che fai

Colga     (con voce stridula e canzonatoria)

            ...no ti prego non sopporto quello che fai...

          (gli ficca la pompetta in bocca)

          ...chchchchchchch...

 

Mentadent  mmmmmmmmmmmmmhh,  mmmmmmmmmmmmmmmh,

          mmmmmmmmmh,mmmmmmmmmmmmmmmmmhh,

        mmmmmmmh,mmmmmmmmmmmmmmh l’anestetico,ti prego!

Colga     Con quello che costa oggi comprare una siringa chi se

             lo può permettere. Soldi, soldi, soldi. 

 

          (tira fuori dalle tasche una manciata di

          soldi finti - pezzetti di carta con numeri scritti a

          pennarello-). 

 

          L’anestesia é un lusso mio caro. Posso accendere il

          televisore, se vuoi, genere omeopatico: 

          ballerine, quiz, domande con risposte già pronte, 

          casi umani, tiggì che non interessano a nessuno. 

 

          (lo lega ancora più saldamente).

 

Mentadent  (con in bocca la pompetta) 

           Il televisore non c’é più e i mobili li hanno portati

          via tutti...il mio cavallo, il mio trenino, la mia

          piccola bambola...   (piange)

 

Colga      Pezzo di merda,Pezzo di merda,Pezzo di merda,non avevi

          capito niente allora, non eri tu ad interessarmi!

          Volevo altro, molto di più da te!!

 

Trapano    zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz,zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz,

          zzzzzzzzzzzzzzzz,  zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz,

 

Mentadent  mmmmmmmmmmmmmhh,  mmmmmmmmmmmmmmmh,

          mmmmmmmmmh,mmmmmmmmmmmmmmmmmhh,mmmmmmmh,

        mmmmmmmmmmmh, l’anestesia !!

 

Colga     (calma guarda a lungo il pubblico in sala e gli muove

          contro fino in proscenio. Ha ancora il trapano in una

          mano, ma lo spegne. Individua uno spettatore/trice 

          in particolare e su di esso appunta il suo sguardo,

          rivolgendoglisi in tono disperato e patetico)

 

          Lei!!

          (lo/la descrive genericamente: giacca, cravatta o altro

          di femminile, capelli, occhiali ecc.)

          Lei, si  capisce subito che é una persona perbene di cui

          ci si può fidare. Mi dica, che cosa avrebbe fatto lei

          al posto mio? Mai uscita di casa, mai incontrato nes

          suno,mai a teatro o ad una mostra d’arte. Oh, lo so

          cosa sono! Non mi creda così ignorante...

 

Mentadent  Colga, ti prego, lascia andare il signore...

Colga     ( ignorandolo)

          ...ma, mettiamola così, suo padre, suo fratello i-denti-co a lei, 

          a casa, soli. Non mi dica che ancora non ha capito? 

          (girando un dito intorno alla sala)

          quì l’hanno capito tutti.

          (fissa lo/la spettatore intensamente, in modo equivoco

          e spaventoso,facendo sentire forte il suo respiro)

          ...ma Lei, così elegante, così sano/a...mi pare

          che...anche lei...

          (lascia un silenzio imbarazzante continuando a fissar-

          lo/a negli occhi, nei quali ha già trovato la 

          risposta. Fà partire il trapano e mostra di voler

          scendere in platea)

 

Trapano    zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz,zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz,

          zzzzzzzzzzzzzzzz,  zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz,

Mentadent  Colga! No, no, no, no, no, noooo!!

Colga     (allenta piano la tensione. Spegne il trapano posandolo

          delicatamente. Va verso Mentadent, stringendogli più

          fortemente le cinghie. Poi cambiando repentinamente

          tono e assumendo un’aria professionale)

          ...Come va la tua bocca oggi caro? La cioccolata? 

          no-no-no. Bisogna sapersi moderare, mio dio! 

          (come ad un bambino),

          spazzolarli per bene e con energia. Il dentifricio non

          serve assolutamente a nulla!...Quel pizzicorino si, 

          il sapore di menta si, la sensazione di una bocca

          pulita si... 

          (ora in tono marziale)

          I-denti-di-sopra-si-spazzolano-in giù

          i-denti-di-sotto-si-spazzolano-in sù

          procedere-all’incontrario-vuol-dire:

          carie, piorree, denti che saltano come scoppietti per

          bambini, ponti, dentiere...

          (in un crescendo di delirio), 

          La Fine!! “Una bocca malata é la fine!”

 

Mentadent  (si scioglie con naturalezza dalle corde che lo lega-

          vano e si avvicina amorevolmente a Colga che affonda

          il suo viso nel petto di lui. Mentadent la abbraccia

          teneramente, le passa una mano sui fianchi e sulla

          pancia, sente il profumo dei suoi capelli, é una scena

          quasi erotica)

          Colga, amore di fanciulla, ora é troppo tardi.

          (la guida in una passeggiata al suono di un tango che

          lentamente sale, si trasforma in una danza che, bel-

          lissima, assume toni imprevisti o quello che gli atto-

          ri vorranno. Quando il tango é finito -e lo danzano

          tutto- i due protagonisti si fermano uno di fronte

          all’altro e guardandosi  si allontanano sempre più

          verso le due quinte laterali. Sfalsati di una frase,

          alla “Ronconi” diranno quanto segue:)

 

Mentadent  ...E’ troppo tardi. 

e Colga   “Una bocca malata é la fine”, 

          pensavamo.  

          Eravamo giovani e ingenui, che farci? 

          “Una bocca malata” però, “è la fine.”

          Dapprima è un puntolino nero e curioso,

          poi diventa un buchino, non ci si accorge nemme-

          no...PADRE, I DOLCI!!

          (mimano tutti i vari passaggi, compreso un invisibile

          padre che mangia dei dolci)

          ...la carie arriva e uuuh, che dolore!

          (indossano due camici bianchi, puliti)

         ...e passa da un dente all’altro...poi viene il trapano

          (mimano il trapano)

         bzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz,zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz

          zzzzzzzzzzzzzzzz,  zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz,

 

Mentadent  Anestesia, anestesiaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!

Colga     No,no,no 

            (come in Terminator. Lunga pausa)

          Un lavoro ben fatto, proprio ben fatto. 

          Un alibi perfetto.

          (dalle quinte opposte si scambiano un bacio)

          ...Noi due!

          per sempre...

 

Trapano    zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz,zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz,

          zzzzzzzzzzzzzzzz,  zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz,

 

          (per una trentina di secondi)

 

 

 

          Buio...sipario.

 

NOTE

Il dramma che si consuma all'interno delle anguste pareti di questo improbabilissimo studio dentistico è di marcata impronta incestuosa. E questo è un dato di fatto innegabile. Ma chi sono gli "incestuosi" e quali sono le motivazioni che li hanno portati ad un così orrendo delitto? Mentadent P è realmente un Dentista? E Colga è realmente sua moglie? I ricordi dei due protagonisti coincidono inesorabilmente, hanno le medesime reazioni alle medesime sollecitazioni, ricordi "identici" di persone probabilmente "identiche", ma capovolti:-tuo padre? No, mio padre!! Il dubbio che potrebbe sorgere è che Mentadent e Colga siano fratelli, fratelli alleati contro un nemico comune. Chi potrebbe essere mai il loro nemico comune? E che razza di crimine avrebbe mai commesso questa misteriosa persona?  Il vero dentista è, (era), il loro padre, uomo oscuro e spaventoso che potrebbe aver abusato sia di Mentadent che di Colga in una casa dove non esiste Madre, dove non entra la luce, dove non esistono amici e non c'è aria respirabile e il campanello alla porta suona sempre invano. C'è un'altra presenza oscura e minacciosa, un vero Trapano elettrico, che sia Colga che Mentadent usano  in forme molto ambigue e minacciose (un fallo antico e devastante, come quello di Arancia meccanica?)...e poi  un'anestesia che non vuole essere praticata, che è usata come arma di ricatto. Solo alla fine del primo  atto l'ago "penetra" in Colga che lo accoglie con un  urlo liberatorio e selvaggio. Forse Mentadent e Colga sono diventati dentisti per "neccessità", per liberarsi di qualcuno, il Padre che li violentava entrambi? Forse lo hanno ingozzato di dolci fino a fargli venire delle carie pazzesche...il delitto perfetto. Curarlo senza anestesia, fino a farlo impazzire, morire letteralmente, dal dolore. Senza nessun desiderio di liberazione, di uscire alla luce, solo per rimanere, ancora e più, finalmente soli, rintanati nel medesimo incubo a ripetere come due attori folli lo stesso meccanismo violento,  ...Mentadent  e Colga prenderanno il posto del padre  scambiandosi reciprocamente i ruoli come spesso succede ai gemelli, torturandosi e godendo della tortura...  "noi due, per sempre".

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/alexcanu/trackback.php?msg=11615793

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

yosto0esistsoweitluigi.pistininzispinelli51grillomarilenacarlacristiniNicolaFinocchiaro27diletta.castellitcicartodiscountchilliwillivertigostyle2009debora.pietropaoloesternolucefrank19670caterina.dirienzo
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom