Creato da mary91dgl0 il 09/12/2014
Aveva rivolto il suo sguardo fuori dalla finestra Alice quel giorno di mezza estate. All'altezza dei suoi occhi soltanto un foglio bianco pronto a sostenerla durante le sue cadute...cadute che facevano male...
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29      
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

siculosiculo03datore.dilavoroil.cessistaTopoCangurocanescioltodgl10belladinotte16principinoazzurro007mary91dgl0luis_alfabambolinasupersexiedanemorpluigigr80cecile69velodicristallocorvo780
 

Ultimi commenti

hanno fatto tutto...troppo in fretta...per conoscere un bel...
Inviato da: luigigr80
il 03/04/2015 alle 06:42
 
Qui c'č un certo senso poetico....
Inviato da: bepaapranz
il 09/02/2015 alle 20:00
 
Idem
Inviato da: bepaapranz
il 09/02/2015 alle 19:58
 
Per me č solo sesso...
Inviato da: bepaapranz
il 09/02/2015 alle 19:56
 
Quando ricevi tante delusioni incominci a chiuderle le...
Inviato da: mary91dgl0
il 26/01/2015 alle 12:44
 
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Per non dimenticare...Il sogno proibito »

Il sogno proibito

Post n°35 pubblicato il 28 Gennaio 2015 da mary91dgl0

Un nuovo racconto per voi...

 

                                             IL SOGNO PROIBITO

 

Di giorno scriveva le più belle poesie d'amore. Di notte si trasformava in un abile pantera dagli occhi di lince. La sua arma segreta: la seduzione dello sguardo, il lento respiro che lentamente accalda il collo, il tocco felino di chi sa prenderti l'anima e succhiarne ogni liquido da cui è composta. Susanna era una venticinquenne dai lunghi capelli color castano chiaro, occhi verdi e fisico formoso. Frequentava l'ultimo anno di università con indirizzo: Psicologia. Quella mattina decise di indossare i suoi jeans aderenti che evidenziavano quel sedere cosi sodo e perfetto e quelle gambe longilinee che ad ogni passo lasciava a chi guardava il più intimo dei desideri. A ricoprire i suoi seni era una maglietta aderente che lasciava intravedere quanto fossero appetitosi mordere quei capezzoli induriti dal freddo del inverno. Mise la sua mantellina, il cappellino e si diresse all'università.  Guardava dalla finestra della sua aula il movimento della neve che leggiadra ricopriva i tetti delle case, delle auto, il morbido manto degli animali che passeggiavano in cercano di cibo. Poi una voce interruppe lo spettacolo che la natura gli stava offrendo.

-Signorina Keiser cosa c'è la fuori che attira così tanto i suoi pensieri?

-Scusi,prof. Ma la natura con tutta la sua bellezza riesce ad avvolgerti a sé con così tanta spontaneità.

-Vuol dire che uscirai più tardi rispetto agli altri oggi.

-Va bene, prof.

Il professore di psicologia aveva trentacinque anni. Alto, capelli brizzolati e corpo atletico da farti rimanere senza fiato. Occhi grigi e magnetici da farci l'amore al primo battito di ciglia. Labbra carnose da affondarci la propria lingua per ore. Erano mesi che Paolo (così si chiamava) corteggiava la bella e intelligente Susanna. Fu quel giorno che decise che "occhi da lince" sarebbe rinata tramite i suoi baci.

La lezione era terminata con una famosa frase di Sigmund Freud: "L'essere amata è per la donna un bisogno superiore a quello di amare". Bene ragazzi voglio che questa settimana vi concentriate su questa frase ed iniziate a leggere l'interpretazione dei sogni. Ricordate ciò vive nei vostri sogni più nascosti rivela chi siete veramente.

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963