Creato da mary91dgl0 il 09/12/2014
Aveva rivolto il suo sguardo fuori dalla finestra Alice quel giorno di mezza estate. All'altezza dei suoi occhi soltanto un foglio bianco pronto a sostenerla durante le sue cadute...cadute che facevano male...
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29      
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

siculosiculo03datore.dilavoroil.cessistaTopoCangurocanescioltodgl10belladinotte16principinoazzurro007mary91dgl0luis_alfabambolinasupersexiedanemorpluigigr80cecile69velodicristallocorvo780
 

Ultimi commenti

hanno fatto tutto...troppo in fretta...per conoscere un bel...
Inviato da: luigigr80
il 03/04/2015 alle 06:42
 
Qui c'č un certo senso poetico....
Inviato da: bepaapranz
il 09/02/2015 alle 20:00
 
Idem
Inviato da: bepaapranz
il 09/02/2015 alle 19:58
 
Per me č solo sesso...
Inviato da: bepaapranz
il 09/02/2015 alle 19:56
 
Quando ricevi tante delusioni incominci a chiuderle le...
Inviato da: mary91dgl0
il 26/01/2015 alle 12:44
 
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Il sogno proibitoIl sogno proibito »

Il sogno proibito

Post n°36 pubblicato il 28 Gennaio 2015 da mary91dgl0

 

-Lei Susanna resti qui che devo parlarne sul comportamento di prima.

-Mi dispiace veramente non succederà più.

-Sei bellissima, quando il tuo viso è assorto tra i pensieri. I tuoi occhi brillano. Hanno quella luce che poche donne hanno in dono.

-Così mi imbarazzo.

Erano l'uno di fronte all'altro. Le mani di lui accarezzavano il suo viso imbarazzato. Una carezza che provocò dentro lei una scossa che la lasciò lì immobile. I suoi occhi la guardavano cosi in profondità da farla sentire nuda dinanzi a lui. I respiri si assottigliavano sempre di più. Le labbra lentamente si accavallarono l'una sull'altro. Fu uno di quei baci intensi dove le lingue si attorcigliano, si assaporano per poi rinascere in un altro bacio.

Un caldo e dolce sussurro rapì i sensi di Susanna: Ti voglio. Voglio assaporarti come il sole riscalda il giorno e la luna fa compagnia alla notte. E tu mi vuoi? Vuoi che la mia pelle ti assapori?

All'improvviso Susanna si trasformò e gli disse con voce calda: Stasera assaggerai ciò che fino adesso non hai ancora provato. Sarò il frutto più gustoso e proibito che tu abbia mai mangiato.

-Finalmente sono mesi che ti desidero. Mesi che non riesco a non smettere di pensarti.

-Sai iniziavo a sospettare qualcosa. Adesso vado, stasera devo prepararmi per farti vivere un sogno.

-Ci vediamo a casa mia alle nove.

-Va bene, dolce pantera.

Era felice Susanna. Tra sé e sé pensava all'ultima frase di Paolo "dolce pantera". Quello che lui non sapeva e che lei era tutt'altro che dolce. Lei era l'eros con l'abito cucito addosso. 

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963