Un blog creato da alleria76 il 11/05/2005

We're not alone

Il più bello dei sogni è ancora da scrivere

 
 
 
 
 
 
immagine
 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 

HIKMET

Il vento cala e se ne va
lo stesso vento non agita
due volte lo stesso ramo
di ciliegio
gli uccelli cantano nell'albero
ali che voglion volare
la porta è chiusa
bisogna forzarla
bisogna vederti, amor mio,
sia bella come te, la vita
sia amica e amata come te

so che ancora non è finito
il banchetto della miseria
ma finirà...

                                     

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

black_n_whiteemilytorn82a.taggiomikmaclastellinadimarecephmariaantoniettatestaizzo.katianavigator77losingSmetalvetro.sasallegra.gioiacchianteseCindy77bruno49.bt
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

C'era una volta....La Donna....

Post n°229 pubblicato il 08 Marzo 2010 da alleria76

Le lotte femministe ci avrebbero dovuto insegnare molto...

ma ci hanno insegnato molto poco.

Le donne hanno lottato x la libertà, sociale e politica, tenendosi strette,

oggi le donne lottano fra di loro,contro gli uomini,contro il sistema

che ha fatto SOLO FINTA di cambiare...

e contro loro stesse che hanno SBAGLIATO MODO di cambiare...

...Siamo il futuro,

ma dobbiamo provare a costruirlo con le doti speciali di una donna,

non con l'imitazione del maschio...

un augurio a voi tutte,

alle donne che per fortuna non conosco

e a quelle che purtroppo non conoscerò mai.

Alle donne che possono guardarsi negli okki...

Auguri a tutte quelle donne che guardandosi allo specchio

vedono solo il riflesso di un velo

che è servito a nascondere l'universo che c'è dietro!

Claudia

 
 
 

Pavimento liquido

Post n°228 pubblicato il 26 Giugno 2009 da alleria76
 

Non so cosa sia successo.
Vagavo in tondo ed ero persa nel passato e nel ricordo del dolore.
Nell'odio per quello che avevo passato e per quello che sentivo di voler diventare.
Consapevole di voler camminare sola e di non potermi affiancare a nessuno.

Poi la tenacia, il sorriso, la forza e l'amore mi hanno teso un dolce agguato.
Ed è diventato sempre più difficile camminare sulle mie certezza, come su di un pavimento liquido...solo che questa volta affondando carezzavo solo il bene.

Sono stata voluta e aspettata. E per la prima volta un uomo mi ha guardata veramente. Non per quello che io potessi dare a lui, ma per quello che lui voleva e poteva dare a me. Mi ha seguita, raccolta, accarezzata. Mai un segno di cedimento anche dietro le sue manifeste paure. Un uomo coraggioso. Sono stata egoista, ho preso a piene mani quello che aveva da darmi. Mi sono fatta guardare affondare e ho accettato che lui tendesse la mano. Ho accettato che me lo dicesse, che mi aspettasse, che mi venisse a cercare.

Ha aperto i miei occhi e il mio cuore piano, senza scossoni, senza pretese, senza furia.
Mi sono lasciata andare perchè riuscivo a vedere l'alba di domani...dimenticando i tramonti di ieri.
Avevo paura perchè non sentivo il cuore in gola...non sentivo il fremito pazzo...
Poi mi sono accorta però che il cuore lo sentivo VIVO...e il fremito era calmo e costante.

Mi ha guardata in un modo così semplice, così abbandonato, così totale che ho finito per crederci.

Ho dimenticato.
Ho dimenticato i miei tramonti, ne parlo come di ricordi a volte per spiegargli le mie difese, a volte i miei timori. Ma nei miei giorni non c'è più traccia di chi mi ha ferito e tradito.

Volevo segni, gesti, piccoli e importanti. Lui li fa, lui mi dà quello di cui ho bisogno un attimo prima che io lo chieda, e anche, se è possibile, un attimo prima che io senta di averne bisogno.

Dice che non devo preoccuparmi, che andrà bene, che lui vuole darmi quello che ha... io gli credo, lo accetto e cerco di migliorare la forma e di tornare ad essere quella che sono sempre stata, una donna capace di grande amore e grande cuore. Questa volta è lui che ha aiutato me e io lo ripagherò dei sorrisi e della pazienza, dell'amore e del futuro gioioso che i suoi occhi mi regalano.

E' poco il tempo passato a viverci...poco e bellissimo. La gratitudine è nata dopo l'amore...e vivrà per sempre...perchè chi spazza via i fantasmi senza metterti con le spalle al muro deve essere ringraziato e amato così, per sempre. Non so nulla di domani, e non me ne interesso. Ho una strisciante positività, un ottimismo che non viene fuori con grandi manifestazioni di consapevolezza, ma lo sento annidato nel sangue, lento, silenzioso...è come se facesse parte di me e piano piano si insinuasse nel modo di essere.

Passiamo sere con gli amici e notti da soli...lo vedo ridere con loro, poi ridere con me e sono felice, cerchiamo i nostri sguardi anche fra gli altri e questo mi piace, ci rende complici...le scale sono fatte...sono riuscita ad arrivare al primo piano...ma è solo grazie a lui e all'uomo che è, da sola non avrei potuto, e con un altro uomo forse non avrei voluto.

Ha un nome importante...Massimiliano...Massimo...o semplicemente il mio Massi.

Quest'anno niente vacanza, non parto, c'è un pò di crisi e voglio aspettare...ma la mia vacanza è cominciata il 10 maggio 2009...e ora voglio vivere in vacanza per tutta la vita!

Claudia.

 

 
 
 

E' primavera....ma....

Post n°227 pubblicato il 27 Marzo 2009 da alleria76
 

E' primavera da un pò...niente in anticipo,
come canta la Pausini...anzi!

La sera dell'arrivo della primavera pioveva, quasi nevicava.

Sono giorni vaghi,
mi avvicino alle scale che riportano un pò più su...
ma non riesco a salirle del tutto...
un passo avanti e subito uno un pò più indietro.
I miei sogni sono agitati, perplessi, tristi, impauriti...
i miei sogni sono come me.
E oggi avrei voglia di ascoltare il mare,
di perdermi in un tramonto,
di lasciare andare gli okki dove è loro desiderio andare
...avrei voglia di tante cose...
forse solo voglia di avere voglia...

 
 
 

Post N° 226

Post n°226 pubblicato il 21 Ottobre 2008 da alleria76
 

L'amore è sempre nuovo.
Non importa che amiamo una, due, dieci volte nella vita:
ci troviamo sempre davanti a una situazione che non conosciamo.
L'amore può condurci all'inferno o in paradiso,
comunque ci porta sempre in qualche luogo.
E' necessario accettarlo,
perché esso è ciò che alimenta la nostra esistenza.
Se non lo accettiamo, moriremo di fame
pur vedendo i rami dell'albero della vita carichi di frutti:
non avremo il coraggio di tendere la mano e di coglierli.
E' necessario ricercare l'amore là dove si trova,
anche se ciò potrebbe significare
ore, giorni, settimane di delusione e di tristezza.
Perché, nel momento in cui partiamo in cerca dell'amore,
anche l'amore muove per venirci incontro, e ci salva...

Paulho Coelho, Sulla Sponda del Fiume Piedra mi sono seduta e ho pianto


 
 
 

Post N° 225

Post n°225 pubblicato il 30 Settembre 2008 da alleria76
 

Mi innamoro di un sogno, di un uomo ideale che non esiste nemmeno, ho bisogno di credere che ci sia...lontano...un giorno...che mi porti via...che mi faccia ricominciare.
Mi innamoro e piango perchè sono sola, perchè quel giorno
non c'è, è lontano, è solo nella mia mente.
Mi innamoro di due occhi che mi cercano, bruni e profondi,
di un sorriso forte e dolce, di parole di comprensione e di
amore...mi innamoro della forza, della soddisfazione...
mi innamoro del nulla...e dopo un pò, di notte,
non reggo alla diversità fra il sogno e la realtà.
I miei lamenti non si alzano mai, sono qui chiusi e ingabbiati
...ho paura.
Ho paura che la consapevolezza mi prosciughi...che passi un treno...ho paura di perderlo...ed ho paura di prenderlo...
mi innamoro di un uomo fantasma che non dimentiki le mie parole...e che nei momenti bui ne faccia tesoro...
mi innamoro di un uomo con cui i momenti bui sono solo grigi
...mai neri...mi innamoro dell'ideale di un uomo che forse non c'è...mi innamoro per questo. E diventa una droga,
un pensiero in cui mi rifugio quando la realtà è troppo piccola
...ti aspetto...
o aspetto solo di abbandonare questa onirica ossessione...

 
 
 

Stabiesi a go go

Post n°224 pubblicato il 21 Settembre 2008 da alleria76
 

Sto vedendo la partita....

in campo Udinese-Napoli....

in campo 3 stabiesi....Quagliarella(udinese)....

Iezzo (Napoli).....Vitale (Napoli)......

in campo tutto l'orgoglio di una città difficile e bellissima...

in campo l'orgoglio Stabiese...

Questi sono i colori della città sportiva che tifa per voi!

 
 
 

Versilia by night

Post n°223 pubblicato il 01 Settembre 2008 da alleria76
 

Finite le vacanze, finite le attese,

consumate le notti e i giorni a disposizione!

E' stata una buona estate....tutto sommato

Partenza e ritorno sono state interrotte da un flusso di risate, inamissibilità,

cocktail, sole, piadine alla nutella, musica...

e qualcosa in più...un vecchio amico

venuto a trovarmi...Grazie Uomo...

cazzate sparate con gente nuova...

le pizzette da Michele, la sera con le bici su è giù tra Lido e Viareggio,

i mercatini, la Capannina...L'Ostras...

Jaco,Fabio,Ste...tutti...

i miei 32 anni...il brindisi, il cielo mentre si canta...la voglia di esserci...

e poi qui, a casa mia tutto il resto...

Sabato una grande festa, c'erano tutti, ho voluto tutti per ricordarmi

che se un anno fa non ho voluto festeggiare...

ora invece ne avevo fame e sete

...e gli amici nn mi hanno deluso...nn lo fanno mai...

ora mi si apre un momento d'attesa e di speranza

...e lo voglio vivere bene, senza paura, senza timori,

la vita cambia in un attimo e non lo sai...

grazie alle compagne di viaggio L.A.R. ...

un bacio a tutti quelli che stanno riprendendo...piano piano...

un pò di solidarietà a chi ha ripreso da un pò...

 
 
 

Post N° 222

Post n°222 pubblicato il 07 Agosto 2008 da alleria76
 

E' passato un anno da quel pomeriggio... dall'ultimo coltello piantato nella schiena...
piano piano le tossine del dolore, della malinconia, del rancore, scivolano via.Le lacrime bagnano di meno...bruciano di meno...le mani non tremano, il cuore non scende nello stomaco all'improvviso. Ci sono attimi in cui mi sembra di tornare indietro...ma punto lo sguardo avanti a me...e impedisco tutto! Sola riesco a farlo meglio...qualke compagnia a volte mi aiuta a restare sola più a lungo...sarà così... per tutto il tempo che dovrà essere, per tutti gli attimi che ancora passano tra me e il prossimo amore...tra me e la piena felicità...

Andrà così, questo lo so ma è nel gioco
un uomo sa, che prima o poi si fermerà
sarà così, anche per me, forse domani
non si può dire no
Andrà così, questo si sa, tra nuovi amori
un uomo va, ma prima o poi si fermerà
sarà così, anche per me se è nel destino
che tutto se ne va
Ma sono qui, ho sempre voglia di capire
cercare dentro me, e in fondo agli occhi della gente
io toccherò, io prenderò quello che vale
che basterà per me, e va da sé
che sono qui anche per dare, e sono qui
io sono qui, non sembra vero
se trovo te, posso provare a immaginare
ma questa poi, è un’ altra storia
Io sono qui, ho sempre voglia di capire
guardare intorno a me, ho ancora sogni tra le mani
io toccherò, io prenderò quello che vale
che smania dentro me, e poi darò
tutto l’amore che so dare,io sono qui
io sono qui, non sembra vero
se trovo te, posso provare a immaginare
ma questa poi, è un’ altra storia
Andrà così, questo lo so ma è nel gioco
un uomo sa, che prima o poi si fermerà
sarà così, anche per me, forse domani
ma oggi sono qui.

Eduardo de Crescenzo
Sarà così


 
 
 

Vancello a dì'

Post n°221 pubblicato il 04 Agosto 2008 da alleria76
 

Chi....
chi te vo' 'bbene dopp' 'e me
chissà...
si po' se 'mpara a te piglià
o pure a iss' 'o faje murì
guardate int'o specchio
si' cuntent' 'e comm' si'
e mo' vancello a di'

Chi...
chi te vo' 'bbene dopp' 'e me
chissà...
sarrà capace 'e te tuccà
'e te tuccà comme vuo' tu
comme e 'ccient' vote ca tu me diciste si
chest' vancell' a di'....

Eduardo de Crescenzo
Vancello a dì'

 
 
 

Post N° 220

Post n°220 pubblicato il 30 Luglio 2008 da alleria76
 

Arena Flegrea, 29 luglio 2008. A due anni di distanza Eduardo torna a cantare per noi
e io c'ero. Gli alberi tutt'intorno, il fresco di una sera d'estate lontano dai rumori della città, una cornice perfetta...ed entra lui...il suo cappello inconfondibile, quella figura esile capace di far nascere una voce unica, profonda, che arriva all'anima e al cuore. I brividi non si sono fermati un momento.
L'arena ospita 6.000 persone, ho i miei dubbi che ci fosse qualke spazio vuoto.
Canta, canta, canta.
Imbraccia la fisarmonica di cui la sua voce è una potente eco...
Due ore fatte per lasciarti il piacere sulla pelle e la consapevolezza che se avesse cantato altre 3 ore...non ti saresti stancato un momento solo!
Grande Eduardo!
I concerti mi lasciano sempre dei momenti di malinconia, perchè c'è sempre qualke canzone che riporta la memoria troppo indietro...eppure non cambierei nemmeno un attimo di quella malinconia...
Era il 2005. Lui era partito da poco. Concerto di Eduardo. Parte la canzone
"Io vorrei che tu invecchiassi con me anima mia umida di calce e sakè fino alla fine del mondo, fuori dal mondo, se c'è la fine del mondo...."
mando un messaggio....ci credevo....ieri è partita la canzone...ho ricordato che ci credevo veramente...un brivido, una lacrima...ma...
"L'odore del mare mi calmerà, la mia rabbia diventerà amore amore e mi sorriderà, un giorno normale mi illuminerà..."
Il cantante di Napoli, del mare, dei quartieri, della speranza, della disillusione che non è mai fino in fondo...il mio cantante...il nostro grido, la nostra voce...

Non fermarti....

Quattro soli, cinque lune
nel paese qui vicino
le voci sanno di melodia
non si incatena la fantasia
mille mestieri, mille perché
e ci si tocca per curiosità.
Sanno amare, sanno odiare
sanno mentire con ingenuità
sanno scordare chi non torna più
Cerca quella chiave
se ti senti male
Cerca quella chiave
cerca in fondo al mare
Nel paese dei bambini
ogni rancore non dura mai
ogni dolore un istante e via
la vita un giorno che non finirà
e sono pronti per l’eternità. 
Cerca quella chiave
se ti senti male
Cerca quella chiave
cerca in fondo al mare
Ventiquattr’ore è un anno lì
si parla ai cani, si va così
la vita un giorno che non finirà
e sono pronti per l’eternità.
Cerca quella chiave
se ti senti male
Cerca quella chiave
cerca in fondo al mare

 
 
 
Successivi »
 
 
 
 
 
 
 

TOSSA MIO AMORE...

immagine

 
 
 
 
 
 
 

GOETHE

Quando manchiamo

a noi stessi

ci manca tutto il resto

 
 
 
 
 
 
 

TAG

 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 6
 
 
 
 
 
 
 

NAZIM HIKMET

Il più bello dei mari
È quello che non navigammo.
Il più bello dei nostri figli
Non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni
Non li abbiamo ancora vissuti.
E quello Che vorrei dirti di più bello
Non te l’ho ancora detto