Via, Verità e Vita

Religione

 

TAG

 

PREGHIERA AL SACRO CAPO DI GESÙ

Sacro Capo di Gesù

O Sacro Capo di Gesù, Tempio della Divina Sapienza, che guidate tutti i moti del Sacro Cuore, ispirate e dirigete tutti i miei pensieri, le mie parole, le mie azioni. Come voi avete promesso, siate il Rimedio contro i grandi flagelli del nostro tempo: l'orgoglio intellettuale e l'infedeltà. Per le Vostre Sofferenze, o Gesù, per la vostra Passione dal Getsemani al Calvario, per la Corona di spine che straziò la Vostra Fronte, per il Vostro Sangue Prezioso, per la Vostra Croce, per l'amore e il dolore della Vostra Madre, fate trionfare il Vostro Desiderio per la Gloria di Dio, la salvezza delle anime e la gioia del vostro Sacro Cuore. Amen.

Gesù ha riservato varie promesse per chi proclama e diffonde la devozione al Sacro Capo di Gesù, con grazie e benedizioni abbondanti... Vedere

http://www.preghiereagesuemaria.it/devozioni/devozionealsacrocapodigesù.htm

 

img 1

VANGELO DEL GIORNO, CON COMMENTO, IN LINGUA INGLESE. 

"CLICCA QUI"

 

 

Eucarestia

O Gesù, che ti fai alimento spirituale per noi nel Sacramento dell'Eucarestia, nutri le nostre anime e fa' che possiamo essere sempre migliori, giorno dopo giorno, nelle vie di Dio. Amen.

 

 

 

PREGHIERA A SAN GIUSEPPE

San Giuseppe

San Giuseppe, mi consacro a te per essere per sempre tuo imitatore, tuo amabile figlio. Prendi possesso di me, fa’ del mio corpo e della mia anima ciò che faresti del tuo corpo e della tua anima, per la gloria di Gesù. Pure lui si è affidato a te così pienamente da lasciarsi portare là dove tu credevi opportuno, da stabilire te per suo padre e obbedirti come il più docile figlio. Sacro Cuore di Gesù, grazie di averci dato Giuseppe per padre e di averci donato tutto ciò che hai e tutto ciò che sei. Fa che ti restituisca amore per amore; te lo chiedo per intercessione e in nome di san Giuseppe. Amen.

 

BENEDIZIONE DI PADRE PIO

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 20
 

 

« Le parabole del regno dei cieliGesù e la Samaritana (video) »

Commento al Vangelo di oggi, Domenica 15 Marzo 2015

Post n°1432 pubblicato il 15 Marzo 2015 da francesconapoli_fn

Dal Vangelo secondo Giovanni 3,14-21: (In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna. Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio. E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno amato più le tenebre che la luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male, odia la luce, e non viene alla luce perché le sue opere non vengano riprovate. Invece chi fa la verità viene verso la luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio»). PAROLA DEL SIGNORE. 

Commento a cura di Don Lello Ponticelli, sacerdote. 

 
Rispondi al commento:
giuscip1946
giuscip1946 il 16/08/15 alle 19:38 via WEB
Lc. 1- 39/56 Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto». /////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////// Prima di parlare del Santo Vangelo di oggi, meditiamo brevemente il Santo Vangelo di ieri per chiarire cosa avviene spiritualmente in una donna incinta. Quando Maria entra nella casa di Elisabetta il bambino che è nel suo grembo, il Battista, fa salti di gioia. Sarebbe, il bambino in Lei ha sentito la presenza del Signore che era in Maria, ma non dimentichiamo che la scrittura sta anche dicendo che Elisabetta fu colmata di Spirito Santo. Lo Spirito Santo è Spirito di vita , dove c’è LUI c’è la vita. La persona è viva e non solo vegeta. E’ per questo che la vita sa riconoscere la fonte della vita. E’ per questo che S. Paolo scrive: Tutti quelli che sono guidati dallo Spirito Santo si conoscono e si amano anche se non si sono mai visti. E’ per questo che Elisabetta riconosce il Signore e, nello spirituale, la donna che ne è degna di portarLo nel suo grembo. Noi, pur avendo ricevuto il Santo Spirito con i sacramenti, l’avremmo riconosciuta? Se sì siamo vivi, se no siamo morti anche se vegatalmente siamo vivi. Se siamo morti spiritualmente sappiamo cosa vuol dire, o meglio conosciamo la gravità della nostra condizione spirituale? In questi pochi versetti c’è anche la risposta a coloro che sono favorevoli all’aborto e credono che, quando si abortisce, il feto sia solo un grumo di sangue! Se veramente il feto fosse solo un grumo di sangue il “grumo di sangue” che era in Elisabetta non avrebbe potuto sussultare. In verità l’anima entra nel feto nel momento stesso del concepimento, per cui l’aborto è un omicidio aggravato dal fatto che chi lo ordina è la mamma che porta il bimbo nel suo grembo. Nessun animale fa questo, provate ad avvicinarvi ai pulcini di una chioccia o ai cuccioli di una cagna per vedere come queste li difende fino alla morte. Questo gravissimo peccato nella nostra Europa, che ci piace definirla “dalle radici cristiane”, è purtroppo lecito, ma non dobbiamo scoraggiarci perché saremo giudicati dalle nostre opere e non da quelle altrui! Ef 5- 15/20 Fratelli, fate molta attenzione al vostro modo di vivere, comportandovi non da stolti ma da saggi, facendo buon uso del tempo, perché i giorni sono cattivi. Non siate perciò sconsiderati, ma sappiate comprendere qual è la volontà del Signore. E non ubriacatevi di vino, che fa perdere il controllo di sé; siate invece ricolmi dello Spirito, intrattenendovi fra voi con salmi, inni, canti ispirati, cantando e inneggiando al Signore con il vostro cuore, rendendo continuamente grazie per ogni cosa a Dio Padre, nel nome del Signore nostro Gesù Cristo. ///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////// San Paolo, che vede il pericolo, sta dicendo di fare molta attenzione al nostro modo di vivere, cioè di non lasciar spazio al permessivismo, di vivere da saggi e non da stolti evitando l’ubriachezza ed altri piaceri carnali, di cantare salmi, inni e quant’altro inneggia al Signore DIO. Noi nelle nostre ci intratteniamo così oppure ci intratteniamo con del buon vino, con dolcini e dolcetti ed altre golosità dimenticando di inneggiare al Signore? Non parliamo poi di certe adunanze dei giovani e meno giovani che vanno dalle feste private alle discoteque ed ai rave meeting , dove sesso, alcool e droga sono la “normalità”. Eppure ci definiamo europei dalle radici cristiane! San Paolo sta anche dicendo che saremo ricolmi di Spirito Santo se nel nostro stare insieme inneggiamo al Signore, ma quando ci si intrattiene per accontentare i desideri carnali che il maligno suscita e giustifica, ricolmi di cosa si diventa se non del maligno? Gv 6- 51/58 In quel tempo, Gesù disse alla folla: «Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo». Allora i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?». Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me. Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno». ///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////// Il Signore Gesù continua a ripetere che per avere la vita l’unica via è mangiare la Sua carne e bere il Suo sangue, anche se il mondo continua a credere che per vivere basti nutrire il corpo e chiama vita il vegetare. Se vedesse che spiritualmente ci nutriamo ogni giorno non insisterebbe nell’ offrire se stesso come sacrificio vivo che si ripete in ogni Santa Messa. LUI sta vedendo la nostra anoressia spirituale ed è per questo che offre se stesso per nutrici spiritualmente. Conosciamo tante persone che vogliono avere più fede ma non ci riescono, conosciamo tanti bestemmiatori che voglio smettere ma non ci riescono, conosciamo tanti fumatori che vorrebbero smettere di fumare ma non ci riescono, conosciamo tanti alcolizzati che vorrebbero smettere di bere ma non ci riescono, conosciamo tanti tossicodipendenti che vorrebbero smettere di drogarsi ma non ci riescono ecc.. In pratica conosciamo tante persone, noi compresi, che sono schiave dei piaceri della carne ( alcool – droga – sesso senza concepimento – fumo – cibo per il gusto mangiare – riposo non per recuperare ma per pigrire) e che vorrebbero cambiare ma non ci riescono perché il peccato domina la volontà. L’anima fino a quando è in comunione con il Signore Dio è forte e potente e la volontà dell’uomo è la potenza nell’uomo stesso. Quando si adora qualsiasi cosa che non sia il Signore Dio, si perde la comunione con il Signore DIO, quindi si perde la potenza della volontà e si diventa più deboli del peccato, così anche se l’uomo non vuole più peccare pecca ugualmente perché non è più lui a decidere ma il peccato un lui. In questo caso l’uomo ha perso il potere sul suo volere e da solo non può più fare nulla. Il Signore Gesù vede la nostra condizione e offre se stesso - il Suo corpo e il Suo sangue come nostro nutrimento – per restituirci la potenza che ci permette di vincere il peccato tornando a vivere forti e potenti, così come fummo creati. Assieme alla potenza ci da anche la luce per scoprire la nostra verità, nessun peccatore può combattere per vincere il peccato se prima non scopre di essere peccatore, come nessun malato combatterà per vincere la malattia se prima non scopre di essere malato. Il Signore Gesù è la nostra speranza perché offrendosi come cibo per nutrire le nostre anime debilitate ci restituisce l’immagine e somiglianza del Signore Dio che abbiamo perso con il peccato. Questo è l’amore, ma chi crede sarà salvato e chi non crede sarà condannato. Grazie Signore Gesù.
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 
 

INFO


Un blog di: francesconapoli_fn
Data di creazione: 01/06/2010
 

Sacro Cuore di Gesù

Sacro Cuore di Gesù purificaci da ogni macchia di peccato e donaci salute e salvezza.

Amen.

 

San Michele

San Michele Arcangelo, donaci la forza per tenere lontano le insidie del maligno. Ricaccia negli inferi gli spiriti malvagi e custodisci con la tua potenza i figli di Dio. Amen.

 

 

Sant'Antonio di Padova

O Sant'Antonio, che hai preferito abbandonare la dottrina per vivere nella semplicità, sul tuo esempio, aiutaci a vivere come umili cristiani pieni di sante virtù, la cui grande ricchezza sta nell'essere con Cristo, Salvatore del mondo. Amen.

 

San Pio

O San Pio da Pietrelcina, intercedi per noi presso Gesù affinché ci siano concesse le grazie materiali e spirituali necessarie per ottenere la salvezza eterna di ognuno di noi, cosicché possiamo rendere gloria a Dio come Lui vuole, con cuore, anima e mente. Amen.

 

 

 

noicattolici

 

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

ULTIME VISITE AL BLOG

francesconapoli_fntempestadamore_1967elisabetta.meggettoezio_48segretario61adrianofischerbellomocubaSingleoggiLT97QZZbiagio.carilliclara8marzodaniela.boni67anbo54robertofarris.rfStratocovers
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom