VOLPI e GALLINE

Meglio soffrire le pene della gabbia che credere di essere liberi perchè la gabbia non la vedi

 

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: marcosoppi
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 49
Prov: VA
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

marcosoppilisa_rocchileomarino1962c4mbEndi6marioski75Viskio85agavoshdaniela_tremendellipepperina70alomone3simoveganblusderbelzk.eritrick46
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

ULTIMI COMMENTI

no......senza luce e senza acqua per gran parte del...
Inviato da: marcosoppi
il 07/03/2010 alle 22:16
 
ma la luce è tornata o no? :)
Inviato da: Meg
il 07/03/2010 alle 20:55
 
meno male che ci aggiorni sulla situazione di zanzibar,...
Inviato da: Meg
il 02/03/2010 alle 17:03
 
Meravigliosa Zanzibar... ci sono stata 9 anni fa e mi è...
Inviato da: saphira.v
il 17/02/2010 alle 11:37
 
Bentornato tra noi!!! Voglio le lezioni du swahili!!!
Inviato da: Meg
il 13/02/2010 alle 11:57
 
 

TAG

 

I MIEI 4 LETTORI

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« zanzibirra n° 1 - M'ILL...ZANZIBIRRA 4 »

ZANZIBIRRA N°3

Post n°45 pubblicato il 03 Marzo 2010 da marcosoppi
 

Il villaggio Chwaka Resort è situato nella baia di Chwaka,a sud est dell'isola di Zanzibar.Se prendete in mano una vecchia mappa dei pirati Olandesi a caccia di spezie noterete un grosso uncino a sud.Quella è la baia di Chwaka...da cui prende il nome il villaggio locale e anche il resort dove lavoro.
Chwaka in kiswahili significa riposo e mai nome è stato più azzeccato.
Per tutti.
Gli abitanti dell'isola, non appena ci metti piede,esprimono subito subito due concetti ben chiari: hakuna matata e pole pole. E cioè,,,nessun problema e piano piano.
E queste,puoi starne certo,saranno le parole più dette e sentite per tutta la settimana.
Un po' perchè sono le cose che da sempre si dice...(ci hanno fatto pure una canzone del Re leone con hakuna matata)...ma anche perchè esprimono veramente lo stile di vita...un po' all'insegna del no problem ma anche del chi se ne fotte!
E' come una filosofia e dovunque vi c'è qualcuno che  ti saluterà con un "Jambo" ma anche con un "Hakuna matata",proprio per ricordarti che qualsiasi cosa ti succeda,qualsiasi problema tu abbia,nessuno accelererà il passo più di tanto e che devi rassegnarti ad aspettare un po' di più per qualsiasi cosa tu abbia bisogno....
nessuno morirà mai di stress sull'isola di Zanzibar!

Quindi potete immaginare la gente che lavora nei resort,che sono tantissimi,che tipo di marcia utilizzi per farlo.

ma di questo parleremo un'altra volta.

E' anche un posto molto tranquillo...immerso nel verde e affacciato sul mare,anch'esso immerso nel verde.
Delle alghe però.
Purtroppo il punto mare non è molto da cartolina e proprio qui davanti c'è "il paradiso dell'alga da crema ,supposta, antirughe".

Per questo motivo tutte le mattine dal vicino porticciolo partono da una a tre barche che portano gli ospiti dall'altra parte della baia per raggiungere una spiaggia molto più carina e pulita.
Si passa  la giornata e poi alle 17 si ritorna di qua della baia.
totale...dovevo fare solo il pianobar e mi ritrovo tutto il giorno gli ospiti attaccati al sedere.
però non è poi così male,fondamentalmente li  accompagno e basta...poi è tutto una sdraio,la musica rigorosamente da cuffietta isolante stagna,qualche chiacchiera col personale e i masai,mare,sole e da qualche tempo....perline.

Sto diventando un master in perline masai,che sono uguali a quelle italiane ma maneggiate dai masai si trasformano in bellissime collanine,braccialetti,orecchini e monili vari.
C'è che una volta sull'isola non devo molto darmi da fare...è un po' come fare il cane pastore: ti metti lì,prendi il sole,bevi una sprite ogni tanto e se ti va male ti tocca rispondere a qualche domanda che un italiano in vacanza a zanzibar crede intelligente.
Delle volte mi viene da pensare che sian venuti fin qui perchè hanno sbagliato ad aprire il catalogo e hanno cominciato dal fondo...e purtroppo in zimbabwe il turismo ancora non è esploso.

Molti vengono qui e si stupiscono del mare che va e che viene,quando è risaputo che questa zona è tipica per le grosse differenze di livello dell'acqua tra la bassa e l'alta marea.
Cè chi parla ai ragazzi zanzibarini in italiano dando per scontato che lo sappiano,e quando non si fanno capire alzano il tono della voce e ripetono più forte.
C'è chi mi ha chiesto quanto si compra qui con un euro,chi ha chiesto perchè non c'è il formaggio grattugiato,perchè i masai sono tutti alti,se son veri o recitano,perchè non si vede canale 5 che sto seguendo il grande fratello e infine c'è chi mi ha chiesto se la medusa si mangia..... ooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooh!

Allora quest'anno,essendo molto dall'altra parte della baia, non riesco a girare l'isola per conto mio;non faccio vita mondana di sera e non ho una palestra a disposizione o una piscina dove sguazzare e fare foto da mandarvi per fare invidia.
In compenso mi sto divertendo un po' di più con le  lezioni di kiswahili di capitan juma,di mwatima,tunga e i masai tutti ....amen!

Ho dovuto trovarmi delle attività alternative durante la forzatissima convivenza a "paradise beach"(il nome del posto dove stiamo tutto il santo giorno!...a proposito,se volete vederlo potete cercare su youtube....io ho trovato filmati di ospiti....) e quindi...prima avevo la mia nintendo ds completa di scheda r4 e via di brain training,poi sono passato all'i-pod...dopodichè mi sono comprato due quaderni e sto seriamente studiando swahili,e quando dico "seriamente" intendo...quaderno grammatica e quaderno dei verbi....non so se mi spiego!

Poi c'è capitan Juma....con la sua maglietta della roma,che guida la barca avanti e indietro e quando arriva dove deve vuole l'applauso e un "bravo capitano" urlato tipo aereo.
capitan Juma parla l'inglese molto meglio di tanti laureati qui in vacanza e quindi mi aiuta moltissimo con le traduzioni.

C'è Maria...alias mwatima(in realtà il contrario)maestra dei miei inizi di swahili perchè parla poco italian: cicciona simpaticissima massaggiatrice,treccinista,hennè maker e venditrice di parei,sciarpe,tovaglie(tutti rigorosamente con disegni e scritte swahili),cd jambo jambo compilation,creme aloe "idratante e refreshante",crema di papaia protezione zero"non bene per zanzibar ma per italia sì".

Anche Tunga fa tutte queste cose: con due differenze....treccine anche fino a culo e poi massaggi"riposante,idratante,rinfrescante....estirpante,,ante,ante,ante che non mi ricordo e poi swedish massage!".
E' un genio dell'affare e spenna tutti le donne che le capitano a tiro.
la roba è molto bella però ci carica ,secondo me, di brutto: vende parei a "5 euro,meno non posso perchè stone town costa meno ma io vado dalla dalla e spendo di più!" e poi..."comprato negozio grande di indiani che come anche compri tanti parei niente sconto per tunga"...e se cerchi di mettere paura dicendo che a stone town si trovano a meno e vai a comprarli là, allora..."come trovi questo pareo 4 euro stone town allora perchè rubano e faccio buoni prezi....ma anche mio buoni prezi!".

A paradise beach ci sono anche i masai resident.
Spiego:in tutto i masai che lavorano nel resort sono una quindicina,ma tre di loro sono perennemente dall'altra parte della baia...giorno e notte,e dormono lì..sui lettini.
Devono tenere d'occhio il generatore di corrente,il frigo,i lettini e le bibite...altrimenti sarebbe un "fotti fotti" generale da parte degli abtanti di Michanvi,villaggio appena dietro la laguna interna.
Quindi Paolo(o Pari paolo),Thomas e Iona(Paolino Morellato) sono resident a beach paradise.
credo che una di queste notti mi fermo a dormire con loro....agli ospiti è vietato(anche se in molti continuano a chiedere se è possibile) ma io prima di partire ,una notte da masai me la faccio!

I tre masai sono completamente diversi l'uno dall'altro:Thomas ha 52 anni e ne dimostra 40,è il più timido e ciccio del gruppo...un po' fuori peso forma,sempre con i suoi rayban taroccati e dei fori nelle orecchi enormi.
Iona(che si fa chiamare paolino) ha invece sedici anni,oddio...dipende...dei giorni dice che ne ha diciassette...!
Ha adottato il soprannome Morellato perchè vende bigiotteria di perline un po' più sofisticata...cioè...venderebbe se qualcuno gliela comprasse.
Infatti il soprannome Morellato è durato lo spazio di capire che quel tipo di collana non la compra nessuno...
E' due mesi che sostiene di aver ucciso ben due leoni con lancia...e ogni volta basta guardarlo mentre lo racconta per capire che è impossibile...anche se lui mentre lo dice ci crede di brutto.
Il fatto è che peserà sui 50 chili e ha la faccia di un bambino...!!! Ma.."io ucciso sinba kwanini sinba è mbaya e chakula mia mucca"...insomma tutto chiaro no?
Il leone è cattivo perchè ha mangiato le mie mucche e io lo uccido...due volte!

Poi c'è pari paolo...praticamente un Marcosoppi masai....io mi ci ritrovo proprio...lui è lo smanettone del gruppo!
Quello che mi sta insegnando a fare le perline e quello che sta imparando da me le strategie di marketing per venderle.
Praticamente i suoi denti sono la sconfitta di qualsiasi apparecchio dentale e il suo coltello ,insieme al punteruolo, sono la cosa più necessaria a paradise beach.
Senza questi due attrezzi niente perline...niente shanga!

Poi ci sono i capitani delle barche e il personale: di solito dalle 3 alle 6 persone per il personale e tre capitani di barca.
Le barche vanno in base al numero di persone che vengono a paradise beach...più di 30 persone 3 barche e 3 capitani,tra le 20 e le 30 persone 2 barche e tre capitani..(due guidano e uno viene a far la muffa) e meno di 20 persone una barca e tre capitani(due fanno la muffa e uno guida...).

Insomma,gli imboscati sono all'ordine del giorno...anche perchè si mangia gratis!
I capitani si chiamano Juma e suo figlio Amee e poi c'è Awali!
Capitan Juma oltre ad aiutarmi con lo swahili...ogni tanto se ne va a pescare o porta il pesce per gli ospiti,ananas e manghi...ovviamente tutto in nero!
Ieri addirittura si è inventato una gta in barca tra le mangrovie...tutto a spese degli egiziani che gestiscono la struttura...perchè la benzina non la compra lui...stipendio,cib gratis e arrotondamenti vari fanno di Juma una delle persone più "ricche" a Chwaka.
Uno dei pochi a possedere la vespa e la tv via cavo in casa...anni e anni di mance degli ospiti e risparmi sul carburante durante le sue battute di pesca...e non so nemmeno se ha una barca sua.
Va a lavorare e fa il secondo lavoro di pescatore cn la barca e la benzina di un'altro e in più ci mette pure frutta e pesce da vendere aiclienti...un genio del male.
E poi mi ripete quasi tutte e mattine...."marco dont tell anything to the arabic ...they dont wanti"....così con la i finale!

Altri personaggi a paradise...beh...il personale cambia tutti i giorni ma ci vorrebbe un'altra zanzibirra per raccontare di tutti!
Mkadam è il gemello di samuel eto'o,Zai è la gnokka di cartone,Eufemia è la donna più bassa dell'isola di zanzibar...e di contro Anita è la piu alta....tipo una 140 cm scarsi e l'altra quasi due metri...poi ci sono i cuochi...Yakia ha un dscreto inglese e ogni tanto ascolta i risultati degli esami scolastici(università) alla radio...sì perchè qui a Zanzibar tutti gli esami delle scuole...dalle elementari in su..li danno per radio....altro che deejay parade!
Questa si che si chiama informazione
Domani è ijuma...venerdì, e sono di "riposo" quindi niente isola...sono due giorni che compro le collanine a Iona e poi le smonto per vedere come sono fatte ma non ci ho ancora capito una mazza...questo tipo di collana ha una medaglia che ricorda un dream catcher degli indiani e la mia sfida è imparare a farne una da solo prima di partire per l'italia ma più passano i giorni e più la vedo dura anche perchè non conosco nessuno che la sa fare...!
Pari paolo ha provato a rimontare quella che ho comprato io a Iona per tremila scellini, ma non siamo soddisfatti...è incredibile...mi sa che ci riproviamo ma devo comprarne altre a stone town perchè una volta smontata non si riesce più a capire cme era fatta.

Ok...la zanzibirra è finita...domani stone town..a caccia di nuove perline sempre meno per i bimbi del campeggio e sempre più per me.

Ciao mzungu....ci vediamo alla prossima!

Sapo Masai Marco(il masai ciccione marco).

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: marcosoppi
Data di creazione: 01/12/2007
 

RIME DA DIARIO (LE POESIE DEL SOPPI)

Una volta il semaforo che sta a Milano in piazza del Duomo fece una stranezza. Tutte le sue luci, ad un tratto, si tinsero di blu, e la gente non sapeva più come regolarsi. Attraversiamo o non attraversiamo? Stiamo o non stiamo? Da tutti i suoi occhi, in tutte le direzioni, il semaforo diffondeva l'insolito segnale blu, di un blu così blu il cielo di Milano non era stato mai. In attesa di capirci qualcosa gli automobilisti strepitavano e strombettavano, i motociclisti facevano ruggire lo scappamento e i pedoni più grassi gridavano: "Lei non sa chi sono io!"... Finalmente arrivò un vigile e si mise lui in mezzo all'incrocio a districare il traffico. Un altro vigile cercò la cassetta dei comandi per riparare il guasto, e tolse la corrente. Prima di spegnersi il semaforo blu fece in tempo a pensare: "Poveretti! io avevo dato il segnale di "via libera" per il cielo. Se mi avessero capito, ora tutti saprebbero volare. Ma forse gli è mancato il coraggio".

GIANNI RODARI

 

STO LEGGENDO....

Se li conosci li eviti

(Travaglio-Gomez)

 
 

FILM DEL MOMENTO

ACROSS THE UNIVERSE (2007)

 

PAROLE SPECIALI

La medicina ha fatto passi da gigante,guardate quante nuove malattie ha saputo inventare.

(Enzo Jannacci)