Creato da lesaminatore il 18/03/2012

aropp to dico...

aropp

 

 

La vita.

Post n°488 pubblicato il 03 Maggio 2022 da lesaminatore

Cosa è la vita in una definizione? 

... Emozioni.. 

 
 
 

Fede

Post n°416 pubblicato il 05 Luglio 2019 da lesaminatore

La mia bibbia è Shakespeare, il mio vangelo e' hugo, il mio corano e' balzac, la mia fede e' nell'uomo che scopre nuovi farmaci, e che crea meravigliose macchine, che calpesta la luna e scrive delle stelle, credo in chi, in silenzio rialza chi e' a terra, in chi la mattina si alza e lavora onestamente per se e gli altri, chi ha sempre qualche dubbio e sa sorriderne e ti sorride, ecco la mia fede.

 
 
 

Un cane

Post n°414 pubblicato il 07 Marzo 2019 da lesaminatore

Sempre ritorni ad un fischio, oppure, in ultima battuta, se grido "me ne vado, trafelato corri da me, eppure sei solo un cane, eppure quando mi guardi sono io che me ne vado, da un me stesso greve e malinconico. 

 
 
 

il vento..

Post n°397 pubblicato il 12 Dicembre 2016 da lesaminatore

ed io amo il vento, odio il vento, amo la pioggia, la odio, io amo il suono di entrambi, la musica silvestre e antica che compongono, poi ne riconosco il monito, la nenia, gocce di pioggia, si poggiano sul mio corpo come tracce, ricordi, molecole di vita, ed il vento saggia reminiscenze care, eppure, aspetto, novella primavera, di magnolie in fiore...

 

 
 
 

messaggi..

Post n°396 pubblicato il 04 Novembre 2016 da lesaminatore

una delle cose piu belle ricevute..."se dovessi morire..non piangere..ma vieni ogni giorno sulla mia lapide..e leggimi pagine di quel libro...che possa ascoltare ancora la tua voce..e avere meno freddo..

 

 
 
 

Jesus

Post n°382 pubblicato il 21 Marzo 2016 da lesaminatore

a volte, esce fuori, il discorso del Cristo, da agnostico negativo invece, mi accorgo di amarlo da sempre, lui Uomo, è stato l'Uomo per eccellenza, "Ecce Homo", un rivoluzionario, il rivoluzionario, duemila anni orsono le sue parole erano proiettate nell'eterno, prese a calci i mercanti nel tempio, (come non pensare al mercimonio che la casta cattolica romana, IOR e affini tuttora compie, agghindata in vesti sfarzose), elevo' la Maddalena "prostituta" alla sua dignità di persona e donna, condanno' l'ipocrisia e la ricchezza, "chi non ha peccato.... ed è più facile che un cammello...", predicò l'amore ed il perdono, la carità e la misericordia, disse "lasciate che i bambini vengano a me, e guai a chi offenda loro" (la pedofilia nelle chiese e fuori), insomma Gesù, tu sei stato il primo tra i primi giusti, nessuno come te, nè Confucio, né Siddartha, né Maometto, nè Ghandi, né nessun altro uomo fu come te la massima espressione dell'"umanità", ed infatti ti crocifissero preferendo Barabba....se non Dio, sicuramente UOMO, fatto sangue e sofferenza.   

 
 
 

Inshallah...se Dio vuole..

Post n°356 pubblicato il 21 Novembre 2015 da lesaminatore

ho letto questo libro, ne ho letti tanti di libri, eh già, io ho tanto tempo da perdere, tempo perso leggere, e poi quando dico ho letto tanto, negli occhi di chi mi guarda, leggo una sorta di fastidio, quasi fosse una colpa o auto compiacimento vanesio, (sic), beh, che dire, i libri mi hanno regalato tanto, tantissimo, quasi quanto quello che mi ha dato la vita reale, quella fuori dalle pagine di un libro, ho cercato sempre di centellinare il tempo da dedicare alla lettura adottando un criterio selettivo, cercare quello che universalmente è consacrato capolavoro, ho impattato con mostri della letteratura, altri invece scelti per empatia con il personaggio scrittore (Luciano De Crescenzo, Bukowski), altri per caso perchè li avevo in casa, insomma, mi hanno fatto compagnia i libri, sono diventati miei assidui  amici, amici muti, fatti di pagine e pagine, alcune ormai sono mie, fanno parte di me, sono me, ed ho scoperto che ci sono pochi lettori, molte lettrici, che all'interno della razza, ci sono coloro che leggono solo gialli, solo horror, solo rosa, solo noir, solo saggi politici, e perdono di vista il tutto, perdono il loro tempo soddisfacendo un solo speculare piacere, accumulano pile di autori dello stesso colore, non si accorgono, che raccolgono sempre lo stesso fiore in un prato immenso, e inconsapevolmente divengono miopi, come coloro che non leggono affatto.

come al mio solito divago, ebbene ho scritto questo post, esclusivamente per rendere un mio omaggio alla cara Oriana, attaccata, offesa, non letta, non capita, osteggiata in tutti i modi, da tutti, Ciao Oriana, ovunque sei, anche se non sei, le tue idee, la tua poesia, la tua grandezza sono rimaste, vivono, ancora, ed ancora nei tuoi libri, nelle tue accorate pagine, 

Oriana, se ti avessero letto, se avessero capito, tutto il tuo amore, che avevi, per la bellezza, per il creato, per larte, per in nostro Paese, la tua rabbia per la stupidità umana, il tuo dolore che diviene  pietà  e poi la rabbia, la tua , la mia rabbia, per coloro che calpestano i deboli, qualsiasi debole, che sia una cavalla bianca, come nel tuo libro, od un uomo, o un'opera d'arte, ancor più debole di un uomo, un opera d'arte, essa non stilla sangue se la sfregi, è vero, ma distruggendola, hai disperso e annientato la storia, il sangue il sudore, la passione, la genialità di chi l'ha creata, di chi l'ha amata, di chi si pone il timore persino dello sfiorarla.....Ciao Oriana, questo tuo Inshallah, è il miglior libro mai letto, hai preso per mano Balzac,  Zola,  Hugo,  Baudelaire, ottocentocinquantauno pagine lette in 4 giorni, un bacio.....amica mio.. arrivederci

 
 
 

carlo

Post n°345 pubblicato il 20 Ottobre 2015 da lesaminatore

 
 
 

la bellezza

Post n°319 pubblicato il 14 Luglio 2015 da lesaminatore

cos'è la bellezza? la grande bellezza? ......Orazio, amico mio, anche tu dubiti su cosa sia, anche tu come tanti, preso dai mille rivoli di distrazioni del vivere, sei sordo e cieco alla grande bellezza, ed essa muore, si, muore, svilita, ignorata, bistrattata demolita dall'indifferenza.

la bellezza, Orazio, la grande bellezza, risiede nel genio, nel genio dell'uomo e nel genio del Creatore, risiede in un quadro, in una sinfonia, in una architettura, in una scultura, in tutto ciò che è sublime, dionisiaco, frutto di passione, di eros, partorito dalla mente di un uomo nei suoi scritti, nelle sue opere immortali, e la grande bellezza è nei paesaggi, e nelle mille forme della natura vivente e non vivente, creati dall'ignoto burattinaio.

e tu Orazio, come troppi, non vedi, non osservi, non ti fermi mai rallentando il battito, in silenzio, innanzi a questi prodigi, innanzi al tutto compreso nel piccolo, ......inginocchiamoci Orazio.....la grande bellezza sta morendo....Thanatos.....beve le nostre lacrime.

 
 
 

i martiri

Post n°305 pubblicato il 17 Giugno 2015 da lesaminatore

sai che ti dico? no dimmi...

ti dico che i veri martiri non sono chi si immola per una religione, per un dio, qualunque Dio, 

e allora chi sarebbero per te i martiri?

vedi, chi si sacrifica per un dio, si aspetta una ricompensa in un altra vita, ne è sicuro, e la fede lo sorregge.

e allora'? tu sei il solito cinico....esamini, esamini e non quagli mai nulla;

io credo che i veri martiri siano chi in nome di una etica di giustizia sociale, di una morale pura, di un senso del giusto, della solidarietà, insomma dell'ETICA", senza confidare in alcuno aiuto Divino, si alza la mattina e compie il proprio dovere, anche inutile, anche se rappresenta una goccia nel mare dell'indifferenza, della prevaricazione, della grande bruttezza, anche se sacrifica la vita (FALCONE, BORSELLINO), ecco questi sono i veri martiri, chi pur dubitando o negando l'esistenza di Paradisi o castighi trascendentali, combatte ogni giorno...l'Inferno della nostra società.

e se vuoi, e se puoi....replica......cara amica mia....

 
 
 

la gatta

Post n°281 pubblicato il 06 Maggio 2015 da lesaminatore

 c'è una gatta sul balcone di casa mia, lei è chiamata titti, una persiana grigia, mi guarda spesso ed io lei, occhi che guardano occhi, un uomo ed una gatta, eppure senza comprendere l'uno l'altra, scarse moine, quelle sono per i cani, alquanto altezzosa e snob, mi vuole bene, lo sento, e lei sente che gliene voglio.....ed è abbastanza per sorridere a questo soleggiato meriggio di maggio.....

 
 
 

cyranò

Post n°247 pubblicato il 13 Febbraio 2015 da lesaminatore

qui giace Ercole savignano, Cyrano de bergerac che fu tutto e lo fu invano.

 
 
 

duomo di Orvieto

Post n°245 pubblicato il 01 Febbraio 2015 da lesaminatore

si mise in macchina, serbatoio pieno, accese la radio con uno dei suoi cd, fatti da lui, con le più anomale selezioni, dal vecchio vasco alla colonna sonora di un film, a qualsiasi cosa gli avesse comunicato emozione musicale e partì.ìera fatto così, per tutte le sue cose, se qualcosa o qualcuno gli aveva dato emozioni, lui ci tornava sempre, per rinnovarne sia pure il ricordo, d'altronde la nostra anima è intrisa di ricordi, alcuni coscienti, altri no, ed in giro per l'Itallia, c'erano cinque o sei luoghi, che lo affascinavano e stordivano come nessuno.

l'immancabile sigaretta, l'immancabile caffé sull'autogrill, cosa che gli piaceva molto, come le stazioni, quella folla vociante, quella briosa animosità dei viaggiatori, i mille orotini che si incrociano per un attimo al bancone del bar, la festosità esosa degli stessi autogrill, ecco, era piacevole, diverso, era rompere il circolo vizioso delle nostre quotidianità.

in auto, nella sua audi a4 grigia, era a casa, a volte ci si sente più a casa in auto, la scelta  di un'auto per i maschi è cosa diversa che per le donne, si sceglie l'auto come si sceglie una donna, ci si innamora della forma della linea come dei fianchi femminili, chi non ha mai visto qualcuno intento a guardarsi la propria auto, quasi un rapporto sensuale.

beh, comunque fossa la cosa, era in viaggio, così, senza alcun programma, senza alcuna previsione, 400 km, in musica, e il mondo scorrere dal finestrino, i pensieri anche.

Non era da tutti, sobbarcarsi, da solo, un viaggio, e solo per rientrare in un edificio antico, ma Orvieto ed il suo duomo l'avevano preso, conquistato, commosso.

giunse che era quasi sera, il cielo contribuiva a rendere l'atmosfera surreale, denso, nero, gravido di piogge imminenti, poche persone, la piazza semivuota, non ero più nel 21 secolo, ero dieci secoli prima....mi avvicino alle poderose mura policrome, le accarezzo, seguo con le dita le lievi tracce del tempo sulla pietra greve, alzo gli occhi ai mille mosaici d'oro, le guglie come sfide di intarsi al cielo, ceselli irreali, e sparisco, non ci sono, assorbito dal bello, dal silenzio dei secoli, dalle mille vite che hanno calpestato quel sagrato, rimango immobile come stordito, per interminabili attimi.....qualche passante...osserva e scuotendo il capo mi da di matto.....

 
 
 

shindler's list

Post n°244 pubblicato il 31 Gennaio 2015 da lesaminatore

per l'ennesima volta ho rivisto questo capolavoro di Spielberg, io non riesco a credere...non riesco a credere a quanto l'uomo sia feroce e inumano con l'uomo...appena 70 anni orsono...non nel medioevo...non nel 2000 a.c., solo pochi decenni fa....ìo credo che non esista animale più spietato dell'uomo...non esiste creatura più aberrante dell'uomo....e  non basta Oskar né Leonardo da Vinci, nè Platone, né Voltaire, né Tolstoj, né le migliaia di anime nobili che in secoli abbiamo avuto, per riscattare miliardi di barbari, i tedeschi eravamo noi tutti.....

 
 
 

parole

Post n°237 pubblicato il 25 Gennaio 2015 da lesaminatore

historia di un blog

essere dannati non è una condanna, essere dannati è una condizione, è una ricerca che non ha fine, dove il fine è la ricerca di sé nell'altro....

è strano come solitamente, immancabilmente, si scrive quando si ha del dolore da distribuire, come nutella amara sul pane, e mi viene in mente quella battuta sentita in un recente film sulla vita di un rapper, ciò che non ci uccide...ci fortifica...a cui aggiungerei oppure si cicatrizza sull'anima...come testimonianza di un vissuto.

Pensò di scrivere o almeno tentare di scrivere una storia...lo spunto erano i blog e le persone che in essi riversano il loro vissuto, le emozioni che ci sono dietro, quando ci sono, era bello provarci...

chi sà perchè molti associano al fumo della sigaretta il pensiero...e al pensiero lo scrivere..sarà frutto di influenza letteraria o cinematografica, certo che personalmente fumo e penso e pensando mi viene da scrivere, e poi il fumo della sigaretta nobilita e sdrammatizza la concretizzazione del sentire....e passata da ere non troppo lontane il tempo dell'inchiostro e della penna, un giorno scoprii il blog...non ricordo quando...due, tre anno orsono, sembrano pochi, lo sono, in effetti il mio rapporto con le tecnologie è molto casto, anzi favolistico, le conosco per sentito dire, o perché incocciate nelle mie letture, o per passaparola, allora mi incuriosisco e le incontro...non le capisco, anzi le osservo come opera di genialità sconosciute, quasi sortiligi magici, ne intuisco i rudimenti e ne approfitto, ecco il nostro rapporto si limita a questo, una conoscenza interessata e riverente, superficiale e ignorante, ma utile.

tutto ciò che è meccanico, elettronico, automatico, lo uso ma non saprei trarmi d'impaccio se si ferma, auto, moto, computer, cellelare, impianti elettrici, idraulici, ecc ecc, sono meraviglie che non comprendo, è come se i miei neuroni fossero tarati solo per l'astrazione delle parole e dei pensieri, tutto ciò che è compiuto, efficace, matematico, mi è avulso, ne soffro, ma è così... 

non sono un uomo che abbia avuto un notevole vissuto, diciamo semplicemente che ho un vissuto, un pò sfigato, come può esserlo chi ha sempre investito sui sentimenti, conscio della puerilità di certe situazioni, troppo impregnato di musica, romanzi, film, romanticherie d'antan, abbastanza intuitivo da ridere di sè, e dei suoi se, insomma un quarantenne in bilico, perennemente in bilico, come un paperino coscienzioso e a tratti malizioso, caduto e rialzato decine di volte, i capitomboli li conosco bene...ebbene...la scoperta di un mondo virtuale...era quello che si dice...cacio sui maccheroni.... scoprire l'altro...attraverso la parola...non vedendo null'altro che l'espressione virtuale della proiezione di sè...cercare le similtudini più recondite, più celate, più intime, scoprire le fragilità più nascoste, protette da un'anonimato a tempo e ad arbitrio..ecco era molto nuovo ed inaspettato qualcosa del genere, almeno per me...usualmente nel nostro ordinario vivere, sono gli sguardi che parlano, il corpo, le infinite occasioni di socialità indotta o casuale a creare incontri...quì nel virtuale il gioco era diverso....ribaltato....e poi....quelle bustine che lampeggiano...ricordano altri tempi e altra prosa...mi commuovono...una volta si imbustava anche il cuore in buste profumate, magari scritte su inchiostro tacciato di lacrime...insomma mi piaceva vedere quelle bustine....scoprire cosa c'era dentro.....come una piccola lotteria postale della conoscenza.

In questi anni, ho incontrato diverse persone, che in realtà non ho mai incontrato fisicamente, almeno non nel senso di contatto fisico, ma spirituale si, di loro non ricordo neanche il nome o il cognome, nè il volto, nè la statura, nè lo sguardo, nè gli occhi, di loro ricordo il nick, questo strano nome che ognuno si sceglie, cosa in sè bellissima, il nostro vero nome non è stata una nostra scelta, ci è stato imposto, mentre il nick è frutto della nostra fantasia, vagliato tra mille congetture di noi stessi, quasi un parto di noi stessi....poi eccolo che compare dal nulla e ci accompagna nell'etere, ci identifica, anzi colora la nostra anima virtuale, che più virtuale di così non può essere, "belloesfigato, "Durone69", Porcamatta, Duepersempre, azzobene, ilmiglione, Fantasy45 ilsignorepero Monikapelucci, c'è di tutto e di più, da sorridere o piangere di disperazione per la cretinaggine che si sbatte in rete, ma tra migliaia di anime virtuali sfiorate, agganciate, ignorate, dipanate, è stato un viaggio, un viaggio molto particolare...dove il corpo era lungo disteso sul divano, ma complice una tastiera...l'anima fluttuava di qua e di la, da Milano a Messina, tra Cuneo e Forlì, tra i vicoli di Napoli, o i ristorantini di trastevere.....emozionante...

si, emozioni, spesso, si scrivono emozioni...e tra migliaia di esse...si cercano i riflessi delle proprie...perché ognuno ha una parte di se che è nascosta è così intima e fragile , fatta di ritagli di ricordi, di vecchi cartoon, telefilm, canzoni, briciole antiche, che non hanno mai avuto risposta, neanche con il nostro partner, neanche con il nostro migliore amico, è quel barlume di fiamma, quel lumicino, solo nostro, che ci ha seguito negli anni, nei nostri anni, senza mai aver trovato mani affettuose che l'abbiano riconosciuto e ammirato... 

sono pieno di anni, questo non sottintende che siano necessariamente sinonimo di saggezza, anzi spesso un cretino vecchio è solo un cretino con i capelli bianchi, ma per me gli anni sono stati nulla, sono sati solo certi momenti che hanno dato senso ad alcuni anni, si ricorda solo ciò che ci segna, il resto, la maggior parte del resto, si oblia.... 

Stò divagando, torniamo al blog, ecco.. il blog, termine astruso e assai controverso, fà venire subito in mente qualcosa di complesso e arruffato, guazzabuglio di tutto, e infatti lo è, nel blog c'è tutto, video, musica, politica,poesia, stupidità, genialità, follia, amenità luoghi comuni, copieincolla insipienti e dotti, insomma, anche io partorii il mio blog, scelsi il colore, lo sfondo, il testo, e già da questo mi resi conto delle scelte che vi si induceva a fare..ed è nelle scelte che si delinea la personalità, non a caso ciò che ci ha rovinato o migliorato la vita sono state le nostre scelte, quelle maledette scelte che la vita ci mette continuamente davanti.

Scelsi tutto quello che c'era da scegliere, foto inclusa, dettaglio importantissimo, naturalmente non foto di me stesso, ma la foto del personaggio di un poco noto fumetto, quanto ho amato quel fumetto, ne aspettavo l'uscita mensile quasi come si aspetta la morosa, avido di leggerne la trama, ammirarne i disegni, il processo di identificazione con esso era notevole, persino il naso a becco mi rassomigliava...o volevo che mi rassomigliasse, eppoi era l'antieroe per antonomasia, falliva spesso, anzi le prendeva spesso, era ironico e riflessivo, e intanto che rifletteva perdeva il treno...ma era sempre equilibrato, dalla parte giusta delle cose...se esiste poi la parte giusta delle cose..... la storia la scrivono i vincitori... 

i blog...tanti blog, alcuni sfiorati, sfogliati, pagine e pagine, di letture dell'altro, fermarsi a raccogliere sensazioni, e poi le foto, le raccolte di foto, che raccontano anch'esse, attraverso le immagini, che bella la fotografia, quante suggestioni trasmette un' immagine, e poi i video, la musica, era una continua immersione...alla ricerca di sè dell'altro sè...scoprire similtudini, inganni, e disinganni, e di quanto è difficile rivelarsi davvero...comporre infinite volte o tentare di farlo quel prezioso mosaico che ti racconti, fatto di mille cose, mille dettagli, infiniti dettagli, tutti quelli che la tua mente e il cuore hanno depositato dentro di te, che ami, che tocchi con dolcezza, con cautela.

e allora eccomi a vagliare centinaia di fotografie, sceglierne alcune, sacrificarne altre, postare link, video, musica, emozioni, per poi cancellarle, resuscitarle, e infine lasciare solo quello che ritieni sia veramente tuo, e aspettare, esplorare, messaggiare, leggere e ancora leggere, imbattersi in blog meravigliosi, originali, spiritosi, noiosi, ripetitivi, assenti, defunti, eh si, anche defunti, perchè anche i blog muoiono, possono morire, spegnersi, e può esserci stato anche chi ne ha scritto in rima i necrologi elegantemente ironici, e quì devo soffermarmi, perché una mente sensibile e profonda aveva avuto l'intuizione di compiangere in una sorta di cimitero dei blog, l'effimera vita degli stessi, riuscendo non sò come a individuarli e componendo per loro degli addii splendidi, intrisi di un'ironia e compassione sottile e poetica, aveva scelto come nick il nome di una strega bruciata sul rogo tre secoli orsono, e si divertiva a scrivere racconti brevi horror, poi anche lei decise di spegnersi, non potei non scriverle a mia volta due versi di addio. 

quante volte ne sono stato affascinato, non molte direi, sono stati pochi i blog che ho amato, che ho cercato, ricercato, che ho ammirato, ma ci sono stati, travolto dalle parole, innamorato delle parole, perchè ci si può innamorare delle parole, e di chi le sà scrivere,  ho questa debolezza, credo nelle parole, nel fascino delle parole, mi piace il sapersi raccontare, come un ragazzino che ascolta al fuoco di un bivacco favole e leggende, sono rapito dalla dialettica, da quella capacità che hanno in pochi di trasmettere il tanto con il poco, sono convinto che il sapere ha bisogno di poche parole, ma che parole, sono quelle dei poeti e degli scrittori, parole scelte, scelta di parole, come musica...

e come accade quasi sempre ai naviganti, un giorno si imbattè in un'isola sconosciuta ma familiare, era sabbiosa e con una strana roccia vagamente simbolica che incombeva sulle sue dune, da marinaio qual'era approdò disinvolto, afferrò le cime del vascello e frettoloso diede fondo all'ancora, era a casa... 

strana definizione "sentirsi a casa", cosa vuol veramente dire? occorre una premessa, da navigante dell'etere, col tempo ho imparato a distinguere gli ostacoli e le sirene, i millantatori e i narcisi, i collezionisti di nick e i parolai, insomma come in una vera navigazione, non viaggiavo con la bussola e gli strumenti, ma in gergo "viaggiavo a vista", ovvero avevo imparato a riconoscere d'impatto un nick o un blog veramente interessante, bastava a volte solo l'immagine scelta o il presunto significato del nick, poi vagliato questo passavo alla lettura, non senza prima aver dato una scorsa all'album fotografico. Quante cose raccontano le foto scelte nell'album, quasi un tracciato per immagini del profilo psicologico, forse addirittura più rivelatrici delle parole.

C'era chi postava esclusivamente immagini di se (rare), chi le postava in pose pseudo sexy, chi esplicitamente hard (e sono quelli/e che hanno grossi problemi), chi si appropriava di foto di avvenenti e misteriose (non tanto) donne, simulando beltà e curve non proprie, chi al contrario tanto per giocare chiaro (nel senso, sono bella dentro), postava foto indescrivibili e scoraggianti, insomma un calendoscopio umano enorme.

C'è chi e sono tanti (più donne), che usano il blog come un vomito dell'anima, come un romanzo finito male d'amore (e quant'amore!), chi lo usa per le ricette della Sora Lella, chi per far proseliti di ideologie astruse, politiche e sociali, chi si dichiara psicologo o psichiatra e dimostra di averne bisogno, chi avvocato del gossip de panza, e infine tra centinaia e migliaia di blog, c'è l'artista vero, c'è la genialità, la poesia, il vero dolore, lo spleen più autentico.....e allora non puoi far altro che fermarti e leggere, e ancora leggere....

i blog, i nick, i link, i post, i video, tutto parlano di noi, si può passare dal sublime al grottesco, dal ridicolo al penoso, un'amalgama di fattori, quanto più è complessa la persona dietro il monitor, tanto più è elaborata la sua veste virtuale (non sempre), si inizia dal solo scarno nick con magari un viso anonimissimo e beota, accompagnato da assenza di dettagli sul profilo, al nick denso, corredato da book fotografico, decine di video, centinaia di post, in una scala di varianti vastissima, e si cerca di tutto, da una vetrina per le proprie possenze fisiche amatorie (li riconosci dal nick, tipo: FALLOperprima o LECCHINAsempre), e allora vai con orgiastiche foto di peni mostruosi e poppe all'anguria.. 

po c'è l'infinita serie degli aneliti d'amor perduto, in prosa o in versi, alcuni ammantati di lussuria, (quasi tutti femminili), originali, presi in prestito dalla Merini o dal Vate, dai Fiori del Male o da centinaia d'altri autori più o meno conosciuti, amori lontani, vicini, quasi un riflesso dello stesso dolore spezzato in mille frammenti di specchio, solitudine, tanta solitudine, ma di un tipo particolare, qui sul blog, si manifesta la più intima solitudine, quella che neghiamo anche a noi stessi, la solitudine del "sentire", quella della condivisione mancata o cessata, quella che fà male davvero....

poi c'è la Corte dei miracoli delle lesbiche, dei gay, degli erotomani virtuali che simulano giganteschi e raffinati amplessi, irripriducibili nella realtà, poi ci sono le anime dolenti, che trasferiscono sul web, il loro maltrattatto diario di una vita....poi ci sono i curiosi, gli imbecilli, i santoni, i massoni, gli esoterici, i coglioni, insomma c'è davvero di tutto, accomunati tutti da una sola cosa.....essere qui dentro e digitare una tastiera....

certo anche io dovrei autonomamente collocarmi in una cellula di questo alveare irreale, chi sono io? che scrivo e sarcasticamente dileggio, che si accinge a scrivere "un elogia della bloggheria", son forse l'esaminatore da Potterdam? un meschino emulo del grande Erasmo da Rotterdam? beh, condensando il tanto nel poco, direi...solo un uomo che pensa, che sà ancora ridere, che osserva e sà ancora piangere... un uomo qualunque, col suo bagaglio di errori e tentativi di scalare quella perdurante parete che è la vita. un uomo che fortunatamente ha ereditato uno humor (mia nonna), in grado di addolcire le cadute, e saper ricominciare.  

dicevo....dopo innumerevoli peregrinazioni virtuali scoprii un blog, e fu come essere a casa...ciò che leggevo era permeabile, era familiare, mi sentivo avvolto da sensazioni ed emozioni anche mie, ma il modo in cui erano scritte mi avvinceva, riuscivo a leggere e leggere senza stancarmi, tutto scorreva come un meccanismo dell'anima perfettamente equilibrato, ogni parola era dosata come in un profumo, ogni immagine scelta era suggestiva ed evocatrice di sentimenti che conoscevo..anche lì come in tanti altri blog c'era la manifestazione di un dolore, ma era narrato con un'infinita dolcezza, profondità, non era la descrizione della fine di un rapporto d'amore, era l'anatomia poetica della fine di un amore, anzi della fine dell'amore....lessi tutti i suoi post...erano decine e decine, guardavo e riguardavo le foto postate (e ad ognuna c'era un commento), nulla c'era del suo aspetto, della sua età, provenienza, ma sapevo che era donna, nessun uomo poteva scrivere in quel modo, era semplicemente il modo d'essere di una donna....cominciai con dei messaggi di cauti complimenti, scegliendo con cura le parole, e piano piano...molto piano...cominciò una comunicazione tra due esseri virtuali.......

non è facile comunicare, non lo è fuori da qui, e non lo è in un mondo virtuale, forse lo è ancora di più in un contesto dove ci si deve limitare alle parole, privati della voce, della mimica facciale, del contatto, ci si adopera solo con le parole, veicolo immenso ma mutilato, eppure iniziò una comunicazione...anzi era un reciproco test, ci si confrontava con infiniti ricordi, collage di ricordi, cercando di incastrarli, verificarli, ed ogni cosa sembrava andare al suo posto, era incredibile, sembravamo due fratelli che fossero vissuti nello stesso tempo, stessa età, stesse sensazioni, ci divertivamo a commentare la locandina di un film, un vecchio musical, un telefilm dimenticato, e riaffioravano emozioni comuni, e non si finiva mai, era un rincorrersi con canzoni di de André, Dalla, De Gregori, Vasco, Liga, citazioni da film da romanzi, battute ironiche, e soprattutto era un fitto scambio di messaggi dove il meglio di noi stessi si nascondeva dietro una bustina lampeggiante, era poesia, davvero era poesia.

Tale innamoramento di due anime senza sesso e volto, durò alcuni mesi, scrivemmo tantissimo, e di tantissimo scrivemmo, concordavamo su quasi tutto, riuscendo persino ad essere sensuali, era un mix esatto di ingredienti amati da entrambi che godevano nel vederli riflessi nell'altro, era qualcosa che travolgeva entrambi, la collimazione perfetta di due dolori simili, avevamo entrambi una sofferenza antica, come una malattia, subdola pervadente inestinguibile, che Baudelaire definì spleen, ne eravamo consapevoli, conoscevamo il dettaglio del nostro comune dolore, ogni più remoto brandello, come una vela a pezzi, sì la nostra anima era come una vela a pezzi, ma dello stesso tessuto dello stesso colore e lacerata dallo stesso vento, il nostro male non derivava da fatti contingenti, non dalla nostra vita densa di errori incrostati come serrature bloccate dalla ruggine dei doveri e delle responsabilità, anzi la nostra vita era solo un conseguente riflesso del danno innato che portavamo addosso come stimmate non palesi.

non palesi, perchè eravamo persone "belle", attente, spiritose, colte, vive, piacevoli, ma questo solo ad uno sguardo superficiale, perchè negli occhi, nello sguardo c'è sempre o quasi sempre un qualcosa che tradisce l'inganno, l'arteficio.

perchè leggendo l'iride avresti scorto in lui la disperazione, non quella disperazione nichilista che ti annienta, non quella disperazione di chi non sà più a cosa aggrapparsi, era la disperazione buona, come colesterolo buono, era consapevolezza. 

consapevolezza del male di vivere, ma consapevolezza del giusto vivere, erano occhi che avevano guardato, osservato, compreso le leggi non scritte della strada, metabolizzato tante cose, non per questo essendo pervenuto ad un senso o ad una possibile verità, ma le accettava, accettava la lotta, pago a volte del solo semplice respiro del sole attraverso i fitti rami di un cipresso, povero meraviglioso vituperato albero, relegato a custode dei morti, lui invero testimone di vita, protettore di infinite forme di vita ospiti nel suo trionfale verde scuro. 

c'erano catene nella vita di entrambi, catene non di ferro, il ferro si può spezzare, sciogliere, polverizzare, erano catene di sangue e carne, sorrisi e manine strette, testimoni viventi di un passato non divenuto mai presente, almeno non quel presente che ti bagna di futuro, non quel presente in cui si è vivi, presenti, insieme.  

E la loro fu una brevissima storia, di pochissimi incontri sul piano fisico, erano stati fiamma che incontra fiamma, non potevano che divenire cenere, consumati dalla fame di vita che li divorava.

le loro anime troppo simili, le loro attese troppo idealizzate, rimasero entrambi con una sensazione di sgomento, seppero che non sarebbero riusciti ad essere così forti da rompere con il loro passato, incapaci di prendersi cura l'uno dell'altro, consapevoli che nell'altro c'era se stessi, la ricerca poteva dirsi conclusa, ma troppo fragili nella stessa identica maniera, un ponte, come un ponte in legno li avvicinò e nel contempo li vide lasciarsi, quel ponte lo chiamarono Madison County.

E sono ancora lì, è ancora lì che tornano..e ritorneranno sempre..perché è solo allora...solo allora che l'illusione potè dirsi realtà, in un futuro che non c'è stato.

Lui era un tipo strano, come sono sempre strani i tipi che leggono e posseggono un barlume di originalità, si barcamenava da anni tra l'insoluta questio e un senso della vita insensato, acconciava e rappezzava perennemente i cocci delle sue scelte sbagliate, cercava ogni giorno della sua vita di accordare la sua intima natura sensuale con la sua ancor più intima natura ideale, e tutto ciò non poteva che accrescere il danno. 

Credeva fermamente di avere dentro qualcosa da raccontare, ma forse era più serio dire che se le raccontava. 

Le sue scelte sbagliate, tante, troppe, o forse c'era una unica scelta sbagliata, la donna che aveva sposato, mai due persone così diverse avrebbero dovuto incontrarsi, era stato un gioco al massacro, senza vincitori, solo sconfitti, incatenati alla loro incapacità di lasciarsi, per i figli, per vigliaccheria, per i mille ricatti che stringono le gambe, proprio le gambe, perché entrambi avrebbero voluto fuggire, lontano l'uno dall'altro.......panta rei....

 
 
 

la vedova scalze -Miffoi

Post n°235 pubblicato il 19 Gennaio 2015 da lesaminatore

Allora Mintoniè, di questi libri fanne buon uso, trattali come creature,più ì libri si leggono meno male gira la ruota del mondo.

Sai chi sono i genitori di tutti i nostri mali?

Babbu egoismu e mama istupididade.

 
 
 

ostaggi della paura

Post n°230 pubblicato il 08 Gennaio 2015 da lesaminatore

vogliono farci aver paura, in nome di Dio, scannarci se scherziamo, ridiamo,sorridiamo, se poniamo dubbi, domande, se disegniamo, se esprimiamo le nostre idee, voglionoì sottometterci, ai dogmi, al terrore, alla morte della coscienza, non hanno "pietà", perché lap ietà è di Cristo, anzi è laica, vogliono che tutto ciò che è stato il Rimascimento, la rivoluzione francese, la democrazia, scompaia in una Moschea di sangue, vogliono che il loro credo sia il nostro, vogliono piegarci alla violenza barbara, ma noi non siamo come loro, tenetevi il vostro Dio, le nostre mani non si macchieranno del vostro sangue, cheuna risata vi seppellisca, io sono CHARLIE.....vi prego.. nei vostri blog..di rinnovare questo post...siamo tutti CHARLIE...dobbiamo esserlo...

" non condivido le tue idee, ma darei la vita perchè tu possa esprimerle"  VOLTAIRE

 
 
 

i ponti di Madison County

Post n°223 pubblicato il 18 Dicembre 2014 da lesaminatore

c'è un film, che rappresenta la vita di molti, che emoziona tanto, che scava nel profondo, senza stupefacenti coreografie, senza eccelse scene di seduzione e sesso, senza attori giovani e belli, senza eroi ed eroine, senza paesaggi mozzafiato o colonne sonore indimenticabili, senza violenza spettacolare, senza trame intricate e costruzioni narrative coinvolgenti, solo un uomo, una donna, non più giovani, ordinari, in cointesti desolantemente comuni, come lo può essere la campagna americana, ed un ponte, metafora delle scelte, che ognuno nella sua vita  percorre o meno, un  ponte è un passaggio attraverso due realtà, due esistenze, l'una certa, l'altrra probabile, e noi, senza accorgercene, o con sofferenza, spesso ci siamo fermati ad un ponte, che ci ha divisi, da qualcosa o qualcuno, ma poi siamo andati avanti in altre direzioni, o indietro, fino a quell'ultimo ponte....dove abbiamo lasciato noi stessi....

 
 
 

BENIGNI

Post n°221 pubblicato il 17 Dicembre 2014 da lesaminatore

ieri sera ho visto Benigni commentare i 10 comandamenti, credetemi, io lo vorrei presidente -della repubblica, del consiglio, senatore, onorevole, vicino di casa, fratello, amico, insomma, è fantastico, ha rinnovato le emozieni che mi diede commentando la costituzione, non dico altro, guardatelo ed ascoltatelo .

 
 
 

ho visto....

Post n°218 pubblicato il 06 Dicembre 2014 da lesaminatore

Ho visto...metropoli orientali, favelas brasiliane, campi rom, steppa russa, ondate nere sulle coste, macellazioni, conflitti, volti, migliaia di volti, fiamme, nel deserto, finestre accese nella notte di città, treni e navi pieni di bestiame umano, sangue scorrere a fiumi o in lenti stillicidi, periferie grigie, dove sono grigie persino le insegne al neon, ho visto tanto, troppo,

ho visto destra e sinistra, bianchi e neri, rossi o bianchi, donne con il velo o senza, uomini, che impugnando una parola, un segno, farsi a pezzi, calpestando nel fango l'etica, ed il caro buon senso,
ho visto uomini eletti da noi, rubare, rubare ed ancora rubare, ovunque e qualunque cosa, peggiori di chi del crimine non conosce altro, peggiori della mafia, uomini "onorovoli" eletti da noi, arricchirsi sul sangue del silenzio degli innocenti....
ho visto...cattedrali policrome, quadri, sculture, palazzi da mille ed una notte, fasti e magnificenza dell'ingegno umano, musica ergersi sulle mura di Gerico, ho visto di quali mirabilia è capace l'uomo, l'ho visto......ma non basta.......
se fossi credente maledirei...gli Dei....
se fossi ateo maledirei gli uomini...
se fossi agnostico.....non capirei il male...il senso del male....

 
 
 
Successivi »
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lesaminatorelotus.housesparusolamoon_ICieloGiusto20ilpolsomarinovincenzo1958alphabethaaABISSI_DEL_PIACEREcassetta2I.d.r.u.s.aILARY.85Apricoboezio62
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

I MIEI BLOG AMICI

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom