Creato da blimunda.settelune il 04/09/2008

insufficienza

d'amare

 

« ...... »

...

Post n°22 pubblicato il 27 Settembre 2008 da blimunda.settelune





Stringere le dita
intorno al tuo nome
fino a che si frantuma
Consentire ai frammenti
di penetrare nella carne
fino a quando il tessuto si lacera
Sentire un dolore intenso
paragonabile solo
alla tua assenza




foto di Carla Salgueiro


La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/blimunda/trackback.php?msg=5522133

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
archetypon
archetypon il 29/09/08 alle 08:23 via WEB
. . .
 
trovami_dentro
trovami_dentro il 30/09/08 alle 18:40 via WEB
Molto bella e sofferta...
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

 























.








 

_

 Donarsi.

Oltre.

 

e rimanere  qui
con il dono di me
nelle mani

 

.



(elaborazione grafica di Mathjs)


Molti cuori
hanno battuto
su questa Terra
raccontando
la loro storia
a coloro
che
non hanno avuto
amore
su questa Terra

mathjs



 

.

nero il silenzio
che si fa strada dentro
morsi e rimorsi
e mi divora il cuore
è sempre la stessa storia
un' altra cosa che ho perso

fuori la sera
leggera
si scava un posto
nel bel mezzo del giorno
e avanza a grandi passi
inghiottendo la città

io
che l' ho cercata in strada
una nuova intensità
e per rifarmi gli occhi
ho ballato tutta notte
abbracciato stretto
all' inquietudine che ho
di vivere in dissolvenza
come un sogno che si disfa
alle prime luci dell' alba

e intanto il suono
che guida le mie dita
intorno questa canzone
ha cullato le mie ansie
verso più verdi malinconie
sulla deriva delle emozioni
dove mi trovo naufragando
sconfitto e grigio
come il cielo di milano

ed un sapore di vuoto
poggiato come un bacio
impalpabile sulle labbra





la danza triste
dei 100 e uno adii

roman dransky

 

.

Piango nel mare
Così che le mie lacrime si confondano con le lacrime del mondo.

Urlo sul fondo
così che il mio dolore si versi nell'immensità. O nel nulla.




 

 

 

 

.

trovò un mondo
sotto le palpebre
di stelle incollate alla terra
e margherite cadenti
dall'alto di un cielo
verde
rise di lei
aprì gli occhi
e capì
che avrebbe
sempre
valso
la pena
guardarsi.

ballolentodelcuore

 

fotografia

Visitor Map