Creato da sasso32 il 19/03/2007

scritture

Parlo di quello che mi pare.....

 

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

I MIEI BLOG AMICI

 

« ........... »

....

Post n°364 pubblicato il 09 Gennaio 2012 da sasso32

Il Grande Contrasto

Questo 2012 inizia all'insegna dei dubbi e dell'inquietudine. Siamo tutti preoccupati per ciò che ci attende nei prossimi mesi e sinceramente non si vede l'ora di poter mettere alle spalle questa crisi così brutta e difficile. Nel frattempo, però, non ci facciamo mancare niente e si continua con lo stillicidio di cazzate che quotidianamente passano sotto i nostri occhi. Nonostante le difficoltà economiche, nessuno sembra voler rinunciare al suo status e a ciò che ha raggiunto così faticosamente, ovvero quel pochino di benessere che riusciva ad allietare la giornata e il mantenimento di questo tenore di vita sembra essere un imperativo imprescindibile. Ecco così ricomparire sacrifici su sacrifici, genitori che si spezzano la schiena in due o tre lavori e figli che, storditi dalle luci di un'era falsa e mistificatrice, non fanno un cazzo dalla mattina alla sera, diventano vittime  e pretendono continuamente ogni sorta di benefit, ignari dei sacrifici e delle levatacce fatte da chi li ha preceduti, in ben altri tempi. La salvaguardia del buon nome e dell'agiatezza per i figli sembra essere allora l'unico pensiero di cinquantenni e sessantennni che, bruciati nelle loro aspettative pensionistiche, sanno di dover fare i conti ancora per molto tempo con la sveglia, con il principale o con il capoufficio petulante. E tutto il sistema si concentra invece proprio sulle tutele ai giovani come se i loro genitori, che rappresentano una sfortunata  classe di lavoratori, di media età, sferzati da anni di illusioni e lavoro, non conti una cippa. Il Grande Contrasto, come un solco, separa diverse generazioni e su questo solco profondo e grigio viene eretto un muro che divide due intere classe sociali, che si preparano ad uno scontro epocale per risucire a spartirsi quelle poche briciole che questi tempi infami lasciano sparse qua e là. Ecco quindi il risultato di questa grande manovra politica e sociale e di questo modo di pensare il Lavoro. Già..quel lavoro così ballerino, elastico e flessibile prima voluto dai grandi geni e pensatori della nostra era e adesso ripudiato dopo che ha polverizzato le ambizioni e i sogni di milioni di italiani. Quegli stessi italiani che prima fanno le leggi e poi pensano a come applicarle, se e dove è possibile farlo. Vabbè..tiriamoci sù e pensiamo in bene. Alla fine per quanto male sembrano andare le cose c'è sempre il rischio di pensare che in questa Italia, domani, potrebbe sempre essere peggio!  

 
 
 
Vai alla Home Page del blog