Creato da CabiriaTheBride il 10/12/2010

CabiriaTheBride

Qui Non Arrivano Gli Ordini...

 

La parola è per metà di colui che parla,
per metà di colui che ascolta
(Montaigne)

 

 

te lo dico
sottovoce...

 

 

  ...se d'improvviso mi dimentichi
               non cercarmi
      che già ti avrò dimenticato...

 

 

 

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 2
 

 

« Per Sempre ScomodaMessaggio #38 »

A tavola, è pronto!

Post n°35 pubblicato il 18 Settembre 2011 da CabiriaTheBride
 






INFERNO E PARADISO

Dopo una lunga ed eroica vita, un valoroso Samurai giunse nell'Aldilà e fu destinato al Paradiso.
Era un tipo pieno di curiosità e chiese di poter dare prima un'occhiata anche all'inferno. Un Angelo lo accontentò e lo condusse all'inferno.
Si trovò in un vastissimo salone che aveva al centro una tavola imbandita con piatti colmi e pietanze succulente e di golosità inimmaginabili. Ma i commensali, che sedevano tutt'intorno, erano smunti, pallidi e scheletriti da far pietà.

Com'è possibile?”, chiese il Samurai alla sua guida. “Con tutto quel ben di Dio davanti!
Vedi: quando arrivano qua, ricevono tutti due bastoncini, quelli che si usano come posate per mangiare, solo che sono lunghi più di un metro e devono essere rigorosamente impugnati all'estremità. Solo così possono portarsi il cibo alla bocca.”

Il Samurai rabbrividì. Era terribile la punizione di quei poveretti che, per quanti sforzi facessero, non riuscivano a mettersi neppur una briciola sotto i denti. Non volle vedere altro e chiese di andare subito in Paradiso.
Qui lo attendeva una sorpresa. Il Paradiso era un salone assolutamente identico all'inferno! Dentro l'immenso salone c'era l'infinita tavolata di gente; un'identica sfilata di piatti deliziosi. Non solo: tutti i commensali erano muniti degli stessi bastoncini lunghi più di un metro, da impugnare all'estremità per portarsi il cibo alla bocca. C'era una sola differenza: qui la gente intorno al tavolo era allegra, ben pasciuta, sprizzante di gioia.

Ma com'è possibile?”, chiese il Samurai.
L'Angelo sorrise. “All'inferno ognuno si affanna ad afferrare il cibo e portarlo alla propria bocca, perché si sono sempre comportati così nella vita. Qui al contrario, ciascuno prende il cibo con i bastoncini e poi si preoccupa di imboccare il proprio vicino."


Paradiso ed inferno sono nelle tue mani. Oggi.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

 

 *Hana Wa Sakura
Gi Hito Wa Bushi*

 

LA FOLLIA E IL SUO GIOCO

 

 

 

IL MIO TEMPO SOGNATO...

 

 Coloro che danzavano erano considerati folli
da quelli che non riuscivano a sentire la musica.
(Monet)

 

 

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

ULTIMI COMMENTI

eh eh "Lei mi sta dicendo che... posso già cantare...
Inviato da: CabiriaTheBride
il 30/09/2011 alle 20:29
 
Ti piace vincere facile....eh?????? Buona serata e in...
Inviato da: monellaccio19
il 30/09/2011 alle 18:53
 
Qui però non si parla di “bene” e “male”, almeno non nel...
Inviato da: CabiriaTheBride
il 25/09/2011 alle 12:20
 
è strano parlare di "bene" e "male"...
Inviato da: Sabner
il 25/09/2011 alle 00:27
 
storia carina
Inviato da: Sabner
il 25/09/2011 alle 00:26