Creato da CabiriaTheBride il 10/12/2010

CabiriaTheBride

Qui Non Arrivano Gli Ordini...

 

La parola è per metà di colui che parla,
per metà di colui che ascolta
(Montaigne)

 

 

te lo dico
sottovoce...

 

 

  ...se d'improvviso mi dimentichi
               non cercarmi
      che già ti avrò dimenticato...

 

 

 

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 2
 

 

Post N° 38

Post n°38 pubblicato il 04 Dicembre 2012 da CabiriaTheBride
 
Foto di CabiriaTheBride

[...] Dapprima, quantunque gli paresse strano, pensò che fossero gli estremi barlumi del giorno. Ma la chiaria cresceva, cresceva sempre più, come se il sole, che egli aveva pur visto tramontare, fosse rispuntato.
Possibile?
Restò - appena sbucato all'aperto - sbalordito. Il carico gli cadde dalle spalle. Sollevò un poco le braccia, aprì le mani nere in quella chiarità d'argento.
   Grande, placida, come in un fresco, luminoso oceano di silenzio, gli stava di faccia la Luna.
Sì, egli sapeva, sapeva che cos'era; ma come tante cose si sanno, a cui non si è dato mai importanza. E Che poteva importare a Ciàula, che in cielo ci fosse la Luna?
   Ora, ora soltanto, così sbucato, di notte, dal ventre della terra, egli la scopriva.
Estatico, cadde a sedere sul suo carico, davanti alla buca. Eccola, accola là, la Luna...
C'era la Luna! la Luna!
E Ciàula si mise a piangere, senza saperlo, senza volerlo, dal gran conforto, dalla grande dolcezza che sentiva, nell'averla scoperta, là, mentr'ella saliva pel cielo, la Luna, col suo ampio velo di luce, ignara dei monti, dei piani, delle valli che rischiarava, ignara di lui, che pure per lei non aveva più paura, né si sentiva più stanco, nella notte ora piena del suo stupore.

Ciàula scopre la Luna - Luigi Pirandello

 
 
 

A tavola, è pronto!

Post n°35 pubblicato il 18 Settembre 2011 da CabiriaTheBride
 






INFERNO E PARADISO

Dopo una lunga ed eroica vita, un valoroso Samurai giunse nell'Aldilà e fu destinato al Paradiso.
Era un tipo pieno di curiosità e chiese di poter dare prima un'occhiata anche all'inferno. Un Angelo lo accontentò e lo condusse all'inferno.
Si trovò in un vastissimo salone che aveva al centro una tavola imbandita con piatti colmi e pietanze succulente e di golosità inimmaginabili. Ma i commensali, che sedevano tutt'intorno, erano smunti, pallidi e scheletriti da far pietà.

Com'è possibile?”, chiese il Samurai alla sua guida. “Con tutto quel ben di Dio davanti!
Vedi: quando arrivano qua, ricevono tutti due bastoncini, quelli che si usano come posate per mangiare, solo che sono lunghi più di un metro e devono essere rigorosamente impugnati all'estremità. Solo così possono portarsi il cibo alla bocca.”

Il Samurai rabbrividì. Era terribile la punizione di quei poveretti che, per quanti sforzi facessero, non riuscivano a mettersi neppur una briciola sotto i denti. Non volle vedere altro e chiese di andare subito in Paradiso.
Qui lo attendeva una sorpresa. Il Paradiso era un salone assolutamente identico all'inferno! Dentro l'immenso salone c'era l'infinita tavolata di gente; un'identica sfilata di piatti deliziosi. Non solo: tutti i commensali erano muniti degli stessi bastoncini lunghi più di un metro, da impugnare all'estremità per portarsi il cibo alla bocca. C'era una sola differenza: qui la gente intorno al tavolo era allegra, ben pasciuta, sprizzante di gioia.

Ma com'è possibile?”, chiese il Samurai.
L'Angelo sorrise. “All'inferno ognuno si affanna ad afferrare il cibo e portarlo alla propria bocca, perché si sono sempre comportati così nella vita. Qui al contrario, ciascuno prende il cibo con i bastoncini e poi si preoccupa di imboccare il proprio vicino."


Paradiso ed inferno sono nelle tue mani. Oggi.

 

 
 
 

Per Sempre Scomoda

Post n°34 pubblicato il 10 Settembre 2011 da CabiriaTheBride
 
Tag: scomoda

 

VEDO! SENTO! PARLO!

 

 
 
 

Insonnia D'Amore

Post n°32 pubblicato il 25 Agosto 2011 da CabiriaTheBride
 

 

.

 

"Nessun uomo muore d'amore, se non sul palcoscenico"

*Mansfield Park*

.

.

"Amore significa non dover mai dire mi dispiace"

*Love Story*

.

.

"Perché nella vita non riusciamo mai a identificare il momento preciso in cui un amore comincia, ma ci accorgiamo così bene del momento in cui finisce?"

*Los Angeles Story*

.

.

h. 02:51

 
 
 

...è un ricordo senza tempo...

Post n°30 pubblicato il 26 Giugno 2011 da CabiriaTheBride

 

 




Ciao Nonno


 
 
 
Successivi »
 

 

 *Hana Wa Sakura
Gi Hito Wa Bushi*

 

LA FOLLIA E IL SUO GIOCO

 

 

 

IL MIO TEMPO SOGNATO...

 

 Coloro che danzavano erano considerati folli
da quelli che non riuscivano a sentire la musica.
(Monet)

 

 

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

ULTIMI COMMENTI

eh eh "Lei mi sta dicendo che... posso già cantare...
Inviato da: CabiriaTheBride
il 30/09/2011 alle 20:29
 
Ti piace vincere facile....eh?????? Buona serata e in...
Inviato da: monellaccio19
il 30/09/2011 alle 18:53
 
Qui però non si parla di “bene” e “male”, almeno non nel...
Inviato da: CabiriaTheBride
il 25/09/2011 alle 12:20
 
è strano parlare di "bene" e "male"...
Inviato da: Sabner
il 25/09/2011 alle 00:27
 
storia carina
Inviato da: Sabner
il 25/09/2011 alle 00:26