Juve.. che storia!

Un periodo difficile per la Juventus, una squadra dai grandi talenti. Questo team, che ha conquistato il cuore di milioni di tifosi, uscirà rapidamente dalla crisi come ha fatto negli anni passati?

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

I TROFEI DELLA JUVENTUS

In 104 stagioni sportive a partire dall'esordio nel campionato federale l'11 marzo 1900, la Juventus ha partecipato in 96 campionati di Serie A ed uno della Serie B.

La vecchia signora ha vinto il campionato per 27 volte; i bianconeri, in 20 casi si son classificati secondi e 14 volte terzi: in 103 stagioni sportive, la Juventus è arrivata dunque sul podio nel 60,2% dei casi.

A livello di coppe nazionali la Juventus ha disputato 13 finali di Coppa Italia (con 9 vittorie segnando così un record) e 7 finali di Supercoppa italiana (4 vittorie) per un totale di 20 finali.

Nelle coppe europee invece, il sodalizio torinese è il club italiano che ha partecipato al maggior numero di edizioni, con 46 campagne continentali sulle 54 complessive. Infine è stata la prima squadra italiana ad avere vinto la Coppa UEFA (edizione 1976-1977).

 

 

L'Inter di Mou vince il terzo titolo

Post n°21 pubblicato il 24 Maggio 2010 da stefano.canovas

Dopo mezzo secolo (45 anni fa) l'inter vince la sua terza coppa campioni grazie a una splendida doppietta di milito. Per i nerazzuri è stata una stagione fantastica, dato che hanno portato a casa serie a, coppa italia e coppa campioni.

 

1+1+1 tituli..............................................e ora aspetteranno il 2055!!!!!!!!

 
 
 

Juventus-Milan 0-3 FINE CAMPIONATO

Post n°20 pubblicato il 18 Maggio 2010 da stefano.canovas

  

Finisce il campionato di Milan e Juventus: benino i rossoneri, calati nel momento decisivo per la corsa allo scudetto, ma comunque in Champions League seppur dai preliminari; male, malissimo la Vecchia Signora che è sprofondata dal vertice all'Europa Legue con un cammino pessimo, intriso di incertezze tecniche, dirigenziali e mentali. Quanto al match, sblocca il risultato Antoninidopo appena un quarto d'ora. Ronaldinho con un gol per tempo chiude la pratica; bianconeri mai in partita, solo a sprazzi e con poca convinzione. Applausi Favalli (finirà di giocare) e per Leonardo, all'ultima sulla panchina del Milan. Passerella finale anche per Dida.


Milan-Juventus 3-0  

Milan (4-2-3-1): Dida (45'st Abbiati); Zambrotta, Thiago Silva, Favalli (17'st Nesta), Antonini; Gattuso, Pirlo, Seedorf; Pato, Ronaldinho (26'st Inzaghi); Borriello. A disposizione: Abate, Jankulovski, Mancini, Huntelaar, Inzaghi. Leonardo Squalificati: Flamini (1)
Indisponibili: Beckham, Kaladze, Oddo

Juventus (4-3-1-2): Buffon (1'st Manninger); Zebina (30'st Caceres), Cannavaro, Chiellini, Grosso; Poulsen, Salihamidzic, Marchisio, Candreva; Diego; Iaquinta, Del Piero. A disposizone: Legrottaglie, Camoranesi, Paolucci, Amauri, Trezeguet. All.: Zaccheroni Indisponibili: Chimenti, Giovinco, Sissoko, Zebina

Marcatori: 14'pt Antonini, 28'pt e 22'st Ronaldinho

Note: ammoniti Gattuso, Cannavaro, Grosso, Ronaldinho 

 
 
 

Juventus-inter 0-2

Post n°19 pubblicato il 19 Aprile 2010 da stefano.canovas
Foto di stefano.canovas

MILANO, 16 APRILE 2010

L'Inter batte 2-0 la Juve a San Siro e torna prima in classifica a +2 sulla Roma, in attesa che i giallorossi giochino il derby con la Lazio Decidono i gol di Maicon al 75' e di Eto'o nel recupero. Dopo aver esultato, il terzino brasiliano si e' battuto ripetutamente il petto toccando lo stemma dell'Inter, ha indicato il terreno del Meazza e ha detto al pubblico ''io resto qui''. La Juve ha giocato quasi un'ora in 10 per l'espulsione di Sissoko (doppio giallo). 

 

GOAL
75' Maicon1-0 
90' Eto'o2-0 
SQUADRE IN CAMPO
INTERTITOLAREJUVENTUSTITOLARE
Julio Cesar - 12SIBuffon Gianluigi - 1SI
Maicon - 13SIZebina Jonathan - 15SI
Lucio - 6SICannavaro Fabio - 5SI
Samuel Walter Adrian - 25SIChiellini Giorgio - 3SI
Zanetti Javier Adelmar - 4SIGrosso Fabio - 6SI
Thiago Motta - 8SIMarchisio Claudio - 8SI
Cambiasso - 19SIFelipe Melo - 4SI
Eto'o - 9SIDiego - 28SI
Sneijder Wesley - 10SISissoko - 22SI
Pandev Goran - 27SIIaquinta Vincenzo - 9SI
Milito Diego Alberto - 22SIDel Piero Alessandro - 10SI
Muntari Sulley Ali - 11NOPoulsen Christian Bager - 18NO
Stankovic Dejan - 5NOSalihamidzic Hasan - 7NO
Balotelli - 45NOAmauri - 11NO
SOSTITUZIONI
GIOCATOREMINUTOGIOCATOREMINUTO
  EsceDel Piero Alessandro 
EntraPoulsen Christian Bager
42'
EsceThiago Motta 
EntraStankovic Dejan
46'  
EscePandev Goran 
EntraBalotelli
55'  
  EsceIaquinta Vincenzo 
EntraAmauri
72'
  EsceMarchisio Claudio 
EntraSalihamidzic Hasan
78'
EsceSneijder Wesley 
EntraMuntari Sulley Ali
89'  
AMMONIZIONI
GIOCATOREMINUTOGIOCATOREMINUTO
Samuel Walter Adrian18'  
  Iaquinta Vincenzo18'
  Felipe Melo20'
Lucio21'  
  Sissoko21'
  Chiellini Giorgio74'
Eto'o90'  
Balotelli90'  
ESPULSIONI
GIOCATOREMINUTOGIOCATOREMINUTO
  Sissoko37'
STATISTICHE
INTERAZIONIJUVENTUS
2Goal0
1Assist0
25Tiri11
6Tiri nello specchio8
8Parate4
0Rigori segnati0
0Rigori tirati0
36Cross14
4Corner3
2Fuorigioco7
25Falli16
4Ammonizioni4
0Espulsioni           

 
 
 

Juventus-cagliari 1-0

Post n°18 pubblicato il 13 Aprile 2010 da stefano.canovas

 

TORINO, 11 aprile 2010

 

Dopo aver perso 3-0 con l'Udinese la Juventus batte 1-0 il Cagliari e respira una boccata d'ossigeno. Merito della capocciata d'orgoglio, tutto cuore, come fa capire Chiellini battendosi il petto dopo la marcatura, del difensore della Nazionale. Così i bianconeri di Zaccheroni restano in corsa per il quarto posto che significherebbe Champions, e nel frattempo scavalcano il Napoli in classifica e rientrano provvisoriamente in Europa, seppure in zona Europa League.

C'è poco altro da salvare nel pomeriggio della Juventus: almeno la difesa non ha preso gol (non succedeva da 19 partite in campionato), e non ci sono stati altri infortuni, e non è poco, visto l'andazzo. Di gioco però se n'è visto pochino, Buffon, al rientro, è stato salvato solo dalla traversa, e il Cagliari ha sprecato tanto, in parità e in svantaggio, infine in avanti l'attaccante più pericoloso è stato un Chiellini gigantesco, che ha pure sfiorato il raddoppio. La gara è stata condizionata dalla contestazione del tifo bianconconero, con cori e striscioni contro la società, accusata di non aver difeso abbastanza la Juve durante Calciopoli e messa all'indice anche per i risultati post processo. Gli ultrà hanno anche inneggiato a Moggi, e quelli della Curva Nord si sono portati vicini alla barriera che separa quel settore dal terreno di gioco alla mezzora del primo tempo.

SCHIERAMENTI - Si parte con la Juve inquadrata in un 4-4-2 rigido. Ma il tempo delle divagazioni tattiche è finito, adesso c'è solo da badare al sodo, ai punti, per salvare il salvabile in una stagione da dimenticare. Davanti Iaquinta e Amauri sono preferiti da Zaccheroni a Del Piero e Trezeguet. Il Cagliari è più flessibile e articolato: Cossu giostra da trequartista in quel 4-3-1-2, che era stato cucito addosso a Diego, in casa Juve.

COSSU METTE PAURA A BUFFON - Il Cagliari parte meglio. Sarà il clima ostile a borodocampo, che condiziona la Juve, sarà che i bianconeri sono in crisi nera, e non da oggi. Fatto sta, che i sardi sfiorano il vantaggio con un traversa di un vivacissimo Cossu, a Buffon battuto, con una puntata a centroarea. Il fantasista di Allegri è motivatissimo dal confronto indiretto con Camoranesi, di cui si propone come alternativa in chiave Nazionale. La Juve replica proprio con Camoranesi, Marchetti è bravo a neutralizzare il sinistro dell'esterno estro di Tandil. Il ritmo è basso, le idee latitano, ma il Cagliari si ritrova sui piedi di Matri un'altra grande occasione. Melo pasticcia, l'attaccante si invola davanti Buffon, ma colpisce male, dando il tempo a Cannavaro di recuperare e salvare la porta sguarni

CHIELLINI GOL - Il Cagliari spreca, la Juve stavolta no. E segna di testa con Chiellini, che capitalizza un inserimento offensivo, sottoporta. È il quarto gol in campionato del Chiello, cui si aggiunge in stagione quello in Champions al Maccabi. A tempo scaduto, poi, la Juve potrebbe addirittura raddoppiare: Iaquinta di testa mette a lato sul bel cross di Marchisio dalla destra. All'intervallo è 1-0. Alla Juve è andata di lusso.

CAGLIARI GENEROSON - Nella ripresa Cagliari più offensivo e geometrico, con l'ingresso di Lazzari per Dessena. La Juve (con Camoranesi che nervoso rifila una gomitata a Conti) fatica, soprattutto nel finale, non riparte quasi mai, ma si rende pericolosa con le acrobazie su calcio piazzato di Chiellini. Che segnerebe anche, di piede in mischia, dopo un'uscita alta difettosa di Marchetti, ma Iaquinta ha la malagurata idea di toccare sulla linea di porta. L'attaccante ex Udinese era in fuorigioco: tutto da rifare per la Juve, costretta all'apnea fino all 90'. Ma tiene, e porta a casa tre punti fondamentali.

 

 

 
 
 

Con l'Udinese bisogna fare bene, niente scuse...

Post n°17 pubblicato il 02 Aprile 2010 da stefano.canovas
Foto di stefano.canovas

Il tecnico bianconero sprona i suoi in vista della sfida con la sua ex squadra: l'Udinese. "Per me sarà una gara speciale, ma vogliamo fare risultato. Dobbiamo accelerare per recuperare sulla tabella di marcia"

 

 Sono 22 i giocatori convocati da Alberto Zaccheroni, allenatore della Juventus, per la sfida in programma domani sera a Udine. L'elenco: Felipe Melo, Cannavaro, Grosso, Salihamidzic, Marchisio, Iaquinta, Del Piero, Amauri, Manninger, Zebina, Camoranesi, Trezeguet, Giovinco, Grygera, Sissoko, Candreva, Paolucci, De Ceglie, Legrottaglie, Marrone, Pinsoglio e Piccolo.

 

La Juve è (ancora) a pezzi. Nel cantiere di Vinovo Zaccheroni sta cercando in tutti i modi di ricostruire qualche giocatore in vista della trasferta di sabato (ore 21) in casa dell'Udinese. Mica facile. C'è quasi una squadra intera nel limbo, a metà strada tra il paradiso della convocazione e l'inferno dell?infermeria. Sette giocatori stamani hanno svolto una seduta differenziata: Chiellini, De Ceglie, Caceres, Poulsen, Sissoko, Salihamidzic e Iaquinta. Non solo: Del Piero e Trezeguet sono rimasti in palestra, mentre non è dato conoscere il menu odierno di Felipe Melo, assente sia in campo sia nello striminzito comunicato diffuso dal sito ufficiale del club. 


MISTERO BUFFON - La settimana scorsa il numero uno bianconero forzava i ritmi, con l'Udinese nel mirino. Oggi, dieci giorni dopo la scadenza del periodo stimato dai medici juventini per il totale recupero del portiere, Buffon non si è visto, alimentando qualche sospetto sulle sue condizioni fisiche. Si teme sia stato vittima di un intoppo sulla strada della guarigione o, addirittura, di una ricaduta. In attesa di avere qualche riscontro medico ? i bollettini alla Juve sono rari come la neve a ferragosto -, al Friuli le chiavi della porta juventina saranno nuovamente affidate a Manninger. Sicura anche l'assenza di Diego che rischia di saltare anche la successiva partita, domenica 11 aprile all'Olimpico contro l?Udinese.

ANCORA SENZA CHIELLINI - L'assenza più pesante per la sempre più bucherellata retroguardia bianconera è quella di Chiellini. Oggi il difensore ha corso per una ventina di minuti prima di intrattenersi per un identico periodo di tempo a colloquio con Zaccheroni. "Niente da fare", gli avrà detto il toscano. Chiellini infatti si è toccato il flessore della gamba sinistra, ha scosso la testa e allargato le braccia. La mimica è quella di chi, suo malgrado, sabato non potrà essere utile alla causa. 

RIECCO BRAZZO - L'unico paziente dimesso dal policlinico bianconero per ora è Salihamidzic che, dopo aver lavorato per conto suo, ha timbrato il cartellino in partitella, segnando pure un gol. Rispetto a Juve-Atalanta, poi, i bianconeri ritroveranno anche Camoranesi reduce da un turno di squalifica. Qualche speranza anche per De Ceglie, che oggi ha provato a forzare i ritmi, mentre appare assai difficile il recupero dell'ex Udinese Iaquinta. 

DIFESA A TRE, ANZI NO -
 A fine seduta, sotto un sole primaverile, Zaccheroni ha diretto una partitella a ranghi ridotti, sette contro sette, vista la lunga lista degli acciaccati. Sotto torchio tre difensori schierati in linea: Cannavaro, Legrottaglie e Zebina. Attenzione, però: appare molto improbabile che Zac si presenti al Friuli con un modulo, il 3-4-3, battezzato proprio ai tempi della "sua" Udinese. Lo schieramento di oggi è da attribuire unicamente alle tante defezioni tra i bianconeri. Per riproporre la difesa a tre, infatti, il tecnico romagnolo aspetta il rientro di Caceres, il migliore dei suoi quando si tratta di scalare da centrocampo per puntellare la retroguardia.

AMAURI SHOW - In mezzo a tanti volti scuri, alle prese con guai assortiti, spicca l'esuberanza di Giovinco e Marchisio (autori di una doppietta) ma soprattutto di Amauri che scalpita per un posto da titolare. Il brasiliano, a segno ben tre volte, è stato il vero mattatore della sfida in famiglia. Una rete di testa, una di destro e una di sinistro per la par condicio del gol. Nelle prossime sette partite Amauri si giocherà le sue residue chances mondiali. Intanto il passaporto è sempre più vicino: nonostante i ritmi da tartaruga della burocrazia italiana, subito dopo Pasqua l'attaccante dovrebbe ricevere l'attesissimo documento.

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: stefano.canovas
Data di creazione: 26/01/2010
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lacky.procinostefano.canovasMARIKA_81procino995resistenzabianconeradna64natasha.sleaura_72Hasta.la.VictoriaEug3niothefantasy.95ginevra.gts.t.e.f.y5nerevifronteverde
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

I PRIMI CENTO ANNI DI STORIA DELLA JUVENTUS

La storia comincia nel lontano 1897, grazie ad un gruppo di studenti del Liceo Massimo D'Azeglio di Torino che decide di fondare una società sportiva. La scelta finale del nome della squadra, svincolata da qualsiasi riferimento alla città, cadde su Sport Club Juventus, dopo aver vagliato diverse alternative tra cui Polisportiva Augusta Taurinorum. Pochi anni dopo la società assunse l'attuale nome di Juventus Football Club. La sua prima divisa sociale, nel 1897, prevedeva una camicia bianca, sostituita due anni dopo da una curiosa camicia rosa con papillon, colletto bianco, cravattino e berretto nero. Nel 1900, la Juve si iscrive al primo campionato, ma viene subito eliminata. Dopo soli 5 anni arriva il primo scudetto, dopo un'avvincente finale a tre con Genoa e Milanese. Nel Luglio del 1923, la famiglia Agnelli entra a far parte della Juve. Dopo l'incidente aereo in cui perde la vita proprio il presidente Edoardo, la famiglia decide di lasciare la guida della Juve per ben 12 anni. Nel 1956, si apre un nuovo trionfale ciclo di vittorie, grazie anche a nuovi campioni come Charles e Sivori (primo juventino a conquistare il pallone d'oro, nel 1961). Nel 1958, arriva anche la prima stella, grazie alla conquista del decimo scudetto. Sotto la presidenza di Giampiero Boniperti, arrivano allenatori del calibro di Vycpalek, poi Parola ed infine Giovanni Trapattoni, quasi al debutto come allenatore, mentre la rosa della squadra si arricchisce di grandi campioni: Zoff, Bettega, Causio, Gentile, Capello, Anastasi, Altafini, Cuccureddo, Benetti, Bonisegna, Furino, e infine Le Roi Michel Platini, pallone d'oro per tre anni consecutivi, 1983-1984-1985, ed ancora Tardelli, Cabrini, Brady, Boniek, Paolo Rossi, pallone d'oro nel 1982, ed il capitano Gaetano Scirea, scomparso tragicamente in un incidente d'auto a Varsavia il 3 Settembre 1989. Il 17 Maggio 1987 Michel Platini si ritira dal calcio giocato lasciando un vuoto in tutti i tifosi bianconeri e nella stanza dei trofei. Nell'estate del 1994 si volta pagina: arriva il trio Bettega-Giraudo-Moggi, Marcello Lippi diventa allenatore e porta grandi campioni come Vialli, Del Piero, Ravanelli, Peruzzi, Deschamps, Conte, Ferrara, Sousa. Inizia il ciclo aureo della Juve: ventitreesimo scudetto, nona Coppa Italia, vittoria Champions League, Coppa Intercontinentale e Supercoppa Europea del 1997 contro il P. S. Germain. Nonostante le vittorie, la juve cambia molto volto: ceduti Vialli, Ravanelli, Paulo Sousa arrivano Vieri, Amoruso e i campioni Montero, Zidane, Boksic.