Creato da abele.2005 il 05/04/2008

Il mio blog

Il blog hà lo scopo di far conoscere il dramma della violenza

IL MIO ANGELO

 

L'immagine “http://digilander.libero.it/ladyhawk6/ANGELI12C.GIF” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

NUMERO DEI VISITATORI

VEDIAMO QUANTI CUORI BATTONO IN QUESTO SPAZIO?
 

CAMPAGNA CONTRO LA PEDOFILIA

 

ORARIO

Puoi controllare se hai posta nella Tua messaggeria

 

ULTIME VISITE AL BLOG

nonna.fraombretta.zoliv.ereditatoprolocoserdianaTerzo_Blog.Giusmaximum448egidiomanganellikarma580desantissimoneeli.rigonibeta164fin_che_ci_sonoamicaelfettaAlonso_Chiscianot.signorile
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 20
 
 

 

« Il nido di EleonoraRapite stuprate e uccise... »

ASSASSINO LIBERO

Post n°1149 pubblicato il 13 Febbraio 2013 da abele.2005

Uccise la ragazza con 22 coltellate. Prese 30 anni, Jucker torna libero
Mercoledì, 13 febbraio 2013 - 08:17:00

 

Ruggero JuckerFoto Milestone Media

Lei sta aprendo gli occhi, risvegliandosi. Lui prende un coltello, la insegue per le stanze della loro casa e la raggiunge in bagno. Lì la massacra senza pietà, con 22 colpi infierisce il suo corpo. Era il 20 luglio del 2002. L'imprenditore del catering Ruggero Jucker ammazza la sua fidanzata, la 26enne Alenya Bortolotto, studentessa universitaria

Alla fine del processo di primo grado l'uomo viene condannato a 30 anni di carcere. Lo scorso aprile esce per la prima volta dalla prigione di Bollate per un permesso premio. Ora la sua pena è espiata. Indulto e sconti di pena, Jucker è già libero.

Jucker fece a pezzi la fidanzata con un coltello affilatissimo da sushi urlando: "Sono Bin Laden".  Dal corpo della ragazza  l'uomo asportò anche un pezzo di fegato, ritrovato poi in giardino.  

Il processo di primo grado, ricorda il Corriere della Sera, si conclude il 24 ottobre 2003. Grazie al rito abbreviato, Jucker evita l'ergastolo, ma il gup Guido Salvini, ritenendo l'aggravante della crudeltà prevalente sulle due attenuanti del parziale vizio di mente e del risarcimento del danno alla famiglia della giovane donna (1 milione e 300.000 euro) gli infligge 30 anni per "omicidio aggravato". In secondo grado, continua il Corriere, la condanna scende da 30 a 16 anni dopo che il reato viene derubricato in omicidio non aggravato.

Dopo l'indulto la sua pena passa da 16 a 13 anni. Visto il buon comportamento in carcere arriva anche uno sconto di tre mesi di pena ogni anno trascorso in galera. In cella è stato sottoposto a cure perché affetto da un disturbo bipolare dell'umore e grazie alle quali, ha deciso il Tribunale di sorveglianza di Milano, dopo la scarcerazione non dovrà essere sottoposto alla misura di sicurezza del ricovero in una casa di cura e di custodia per tre anni. Come unico obbligo, conclude il Corriere, avrà quello di andare periodicamente a firmare un registro.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/cocciuta/trackback.php?msg=11915881

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 

HTTP://WWW.YOUTUBE.COM/WATCH?V=QHNSE954LQC

http://www.youtube.com/watch?v=QhnSE954lQc