Creato da tepiaceamazzaeh il 14/12/2012
fai centro

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« ah ah ah ah ah ahfelice anno nuovo a tutti »

Capodanno... er giorno pi¨ brutto dell'anno Pubblicato da Ludus.

Post n°18 pubblicato il 27 Dicembre 2012 da tepiaceamazzaeh


Ecco, ce risemo ‘n'antra vorta... sta pe' ariva' Capodanno, er giorno più brutto dell'anno.
Ma come? Ma che sei matto? Capodanno ¨ un giorno de festa, er più fico de tutti!Ł m'arisponnono l'artri in coro.
Contenti voi...je faccio io.
Mo ve spiego in du' parole che è¨ er Capodanno.
‘A gente comincia a rompete le palle co' la storia de Capodanno già dar giorno de li morti.
Aho! Che fai a Capodanno?
‘A zi', sto ar cimitero a trova' mi nonno e me vieni a parla' der Capodanno? E un minimo de rispetto, li mortacci tua!
Quarcuno te l'accenna addirittura a Feragosto... quanno magari te ne stai a coce' ar sole come ‘na lucertola...
Er sole j'ha dato in testa.eŁ pensi mentre te rigiri dall'artra parte pe' fini' de rosolatte.
Ma a te, de pensa' ar Capodanno prima der 31 dicembre, proprio nun te tira, nun te entra nella capoccia, nun lo copri proprio er Capodanno prima der 31!
Ma nun pensa' che te la cavi co' così poco... perchè lo strazio der Capodanno nun te abbandona... fino a Capodanno!
Dovunque te giri, dovunque vai nell'aria se respira solo ‘a frenesia der Capodanno, oltre allo smog e alle scuregge der solito amico che ha voluto fa' er simpatico a tutti i costi.
E' un cori cori continuo, chi a destra, chi a manca, chi vole anna' sia a destra che a manca, chi sè¨ comprato er cotechino già a settembre, così, er 31 ce l'ha pure ripieno... de vermi, chi da ottobre comincia a gira' pe' tutta Roma pe' comprasse er vestito bello, perchè a Natale semo tutti più boni, ma a Capodanno ce tocca de fa' rosica' questo o quello cor vestito più costoso e più griffato, ve possino ammazzavve a tutti quanti!
Feste de tutti i tipi nascono come funghi, locali pe' tutta Roma te offrono pe' la modica cifra de 150 euro er cenone fatto co' l'avanzi de tutto l'anno, oppure te ne vai in discoteca e pe' 80 euro de bijetto te regalanoŁ ‘na fetta striminzita de pandoro e un sorso de spumante annacquato... ammazzave quanto sete tirati, aho, me parete ‘a Lollobrigida, se ve tirate ‘n antro po' ve se stacca tutto.
Er telefono ve squilla a tutte l'ore, ve chiama Tizio, ve chiama Caio, casa vostra sembra quella de ‘na baldracca co' tutte ‘ste chiamate... ve chiamano pure alle 2 de notte, quanno sete sprofonnati ner materasso e state ner pieno dei sogni. Aho! Che fai a Capodanno? ahò 'Na strage, faccio! E comincio da te, li mortacci tua!
E nun je la fai più co' tutto s'to stress, co' tutto ‘sto movimento, manco se dovesse organizza' ‘a conquista der monno.
Alla fine, però, arriva la data fatidica, er 31 dicembre entra nella vita tua pure se l'hai cancellato dar calendario, pure se hai messo avanti ‘a data der computer.
Te sei deciso de passallo a casa de amici, ‘na cosa tranquilla.
A casa tua tu' madre sta già a cucina' dalle 6 de mattina, rumori de cocci e de stovije te svejano e quanno so' le 9 te tocca arzatte e fa' colazione coll'odore de quer cazzo de cotechino che tutta Italia ha comprato... c'avrei pure ‘na mezza idea de dove se lo dovrebbe infila'...
A pranzo magni poco perchè sai che a cena te devi sfonna', nun se scappa dalla magnata de Capodanno, poi, dar 2 gennaio, aricominciamo tutti a parla' de Africa, de poveri, de regazzini che nun c'hanno gnente da magna', ma a Capodanno, porco monno, ‘na sana magnata de 40 portate nun ce la leva nessuno.
Er pomeriggio lo passi a cazzeggia', perchè lo sapemo tutti che er 31 dicembre se vive solo pe' la serata de baldoria, solo pe' i bagordi e i botti finali.
E quanno se fa sera arriva finarmente ‘a chicca che tutta Italia aspetta pe' ‘n anno intero: er discorso der Presidente d'à Repubblica.
Ma ‘sti cazzi de quer discorso! Ma me dici chi se lo sente? Ma ce po esse' ‘na cosa più noiosa, più inutile, più de facciata der discorso der Presidente? Ma piuttosto me sparo dodici ore de ‘n programma de ‘a De Filippi! Ma piuttosto me sparo proprio!
Finarmente, quanno er Presidente ha finito de legge' tutti i fojetti che j'hanno portato, vor' di' che è ora de movese, de usci' de casa pe' anna' a festeggia' er Capodanno.
E cominci così, co' 2 o 3 antipasti, du' primi, du' seconni, 4 contorni, er cotechino der cazzo, ‘e lenticchie che portano sordi (ar furbo che te l'ha vendute), frutta, pandoro, panettone, torrone, noci, fichi secchi e chissà che artro e, alla fine, quanno sei pieno come ‘n ovo de dinosauro, se decide de anna' a brinda' a Piazza der Popolo!
Aho, ma ce sei mai stato a fa' ‘a mezzanotte a Piazza der Popolo? E' fico!
Parcheggi ‘a machina proprio ando' comincia er Muro Torto, te fai du' cento metri a piedi cor freddo polare, saluti du' pinguini che incontri pe' strada, piji a carci un montarozzo de stracci e cartoni che vedi pe' tera, nun sapenno che c'è un barbone che sta là da du' giorni prima, e poi entri in piazza, in mezzo a du' mila persone, co' la bottija de spumante in mano e cor gomito a mena' a destra e a manca pe' pote' passa'.
Quanno finarmente te sei ritajato quei du' centimetri de spazio, giusto pe' respira', se comincia a fa' er conto alla rovescia, meno 3, meno 2, meno 1, meno male che è quasi finita pensi, ma manco per cazzo, perchè appena scatta ‘a mezzanotte t'ariva ‘n faccia ‘no spruzzo de spumante de ‘n cojone davanti a te che è stato mezz'ora a agita' ‘a bottija... je ne vorresti di' 4, je vorresti da ‘na crocca ‘n bocca, ma sei troppo occupato a scansa' bottije vuote che i deficienti lanciano in aria pe' divertisse e, mentre le eviti, cor terzo occhio devi controlla' che artri deficienti nun te tirano addosso rauti e tricche tracche... aho, ammazza quanto è fico passa ‘a mezzanotte a Piazza der Popolo... me pare de sta' in Iraq ner mezzo de ‘n attentato!
E mentre te ne torni a casa, co' la panza piena, stanco, rincojonito, te rode pure er culo che quest'anno nun sei riuscito a fa' li botti de Capodanno, perchè quello che ce doveva pensa' se l'era scordati a casa.
Poi, quanno pe' strada vedi du' macchine distrutte, i lampeggianti dell'ambulanza che t'abbajano, i lenzoli che coprono i corpi maciullati de du' disgraziati, pensi che quarcuno quest'anno, come tutti l'anni, i botti l'ha fatti più forti de te.
Aho, bon Anno a tutti! E si nun ce vedemo più speramo che è pe' corpa mia, che so' riuscito a annammene da ‘sto paese de merda!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le immagini inserite sono state prelevate dalla rete e perciò considerate di pubblico dominio ma se la loro pubblicazione violasse specifici diritti d'autore si prega di comunicarlo così da permetterne la rimozione.. Grazie

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

barbara.b6maurolau77ilfolletto53tepiaceamazzaehluporosso77lumil_0laura_torridorotea690antoc_2009Giusyesclaudioditorinoornella850gra.graziagShivaescapinvalsesiano
 

Ultimi commenti

, Buongiorno caro , ecco per te un pensiero dal...
Inviato da: albachiaraoo
il 05/01/2013 alle 09:54
 
Auguriiiiiiiiii di cuoreeeeeee Kissssssssssss ^_^
Inviato da: tepiaceamazzaeh
il 31/12/2012 alle 21:58
 
un bacione e...
Inviato da: albachiaraoo
il 31/12/2012 alle 17:03
 
, per te clicca,***CIN CIN**** insieme a me se ti va...
Inviato da: albachiaraoo
il 30/12/2012 alle 19:34
 
^____^
Inviato da: tepiaceamazzaeh
il 25/12/2012 alle 11:49
 
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom