Blog
Un blog creato da avamposticulturali il 13/12/2006

Contro la Chiesa

Chi spara sulla Chiesa?

 
 

COSA VOGLIO FARE

immagine

Questo blog nasce da una considerazione: è giusto attaccare la Chiesa come si sta facendo nell’ultimo periodo? Perchè per gli italiani è così importante il giudizio della Chiesa quando poi le Chiese (scusate la cacofonia) la domenica sono deserte? Perchè si considera quello che è un indirizzo morale come un'ingerenza iniqua su sfere del tutto "laiche"?

Post: http://blog.libero.it/controchiesa/2026595.html

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

ULTIME VISITE AL BLOG

cento73profsalrizzorosaeazzurro2007anf2annalisaespogiuliamerlaair67beautifulwitchcarmente89fabrizio.ghirardiniconsultorios.paolounoradilavoromare20100romanovincenzo123ppellegrini40
 

ULTIMI COMMENTI

SE I CREDULONI RAGIONASSERO CHE TUTTE LE RELIGIONI SONO...
Inviato da: romanovincenzo123
il 15/08/2017 alle 20:26
 
Egregio prof. sei l'unico in Italia a spiegare la...
Inviato da: romanovincenzo123
il 22/04/2017 alle 15:31
 
gioco molto bello
Inviato da: en güzel oyunlar
il 01/12/2016 alle 21:24
 
thank you..
Inviato da: çok güzel oyunlar
il 19/11/2016 alle 21:03
 
thank you..
Inviato da: diyet
il 19/11/2016 alle 21:02
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Una data importante. San...Io ODIO »

I Martiri Spagnoli e Pio XII

Foto di avamposticulturali

Salve a tutti, dopo molto tempo ritorno a pubblicare qualcosa su questo blog. Non perché lo spunto da cui nasce quest’ articolo sia più importante di tanti altri argomenti, che si sono susseguiti in questo periodo d’assenza, ma solo perché oggi ho qualche minuto di tempo in più rispetto a prima. Quindi non una posizione schierata, come nel passato, ma solo qualche riflessione maturata mentre sfoglio, come al solito, la rete.

L’argomento è la beatificazione dei cosiddetti “martiri spagnoli” e le solite polemiche che si susseguono anche in Italia.

Come al solito, noi italiani, dobbiamo infilarci anche nelle questioni di altri stati, di altre situazioni, in altri panorami storici. La beatificazione, la cerimonia intendo, era in lingua spagnola, celebrata da spagnoli, seguita da spagnoli, ma noi italiani dobbiamo dire sempre la nostra. Ma tutto fa brodo quando si deve contrastare un avversario.  Il costume politico attuale ci insegna questo.

In sintesi la Chiesa proclama beati alcune persone, per la quasi totalità membri del clero, che sono stati barbaramente assassinati dalla fazione repubblicana e comunista durante la guerra civile spagnola. Queste persone avevano la sola  colpa di essere cattoliche. I repubblicani e i comunisti, come succeda in una guerra, riconoscendo nella Chiesa un avversario hanno cercato di annientarla uccidendo i suoi componenti ovviamente. Inoltre bisogna dire che i processi canonici di beatificazione sono molto lunghi, quindi è iniziato molto prima delle elezioni di Zapatero, anzi Giovanni Paolo II ha iniziato a canonizzare alcuni di questi martiri alcuni anni fa.

Due riflessioni.

Il martirio è una condizione sufficiente per essere proclamati santi (o beati), quindi chi è un martire ha “il diritto” di essere riconosciuto come santo. Il martirio si ha quando a costo della propria vita non si abiura la fede cattolica o i valori che essa contiene. Quindi i martiri spagnoli hanno il diritto di essere santi e negarlo per opportunità politica (contrasti con Zapatero) sarebbe asservire la Chiesa alla politica e agli uomini non a Dio.

La seconda riflessione va ben oltre e riguarda la politica della Chiesa durante l’ultima guerra e in particolare nei confronti dei fascisti, dei comunisti e soprattutto dei nazisti. In altre occasioni, ho ribadito che l’infallibilità della Chiesa è solo sul piano dottrinale e magisteriale, le questioni politiche, quelle puramente umane sono fallibili, sarà la storia a giudicarle. Prima dei fatti spagnoli la storia si è ripetuta in Russia, dove quando Stalin prese il potere,  uccise la quasi totalità dei cattolici e distrusse tutte le chiese. Fortunatamente la quasi totalità dei russi era ortodossa. Poi  dobbiamo ricordare le persecuzioni in Messico del 1926. Se il Papa Pio XI non fosse morto prima di promulgare l’enciclica di scomunica  per i nazisti, i franchisti e i fascisti quanti altri martiri oggi si sarebbero dovuti beatificare? Pio XII ha adottato la politica della prudenza e senza alzare troppo la voce ha fatto, in silenzio, quello che ha potuto. Se il martirio è un atto personale di adesione a Dio non credo che sarebbe stato onesto da parte di un papa condannarci tutti a morte. Oggi ci sarebbero state pochissime chiese anche in Italia (quindi meno opere d’arte e turismo), pochissimi cattolici, una Chiesa battuta e forse sconfitta. Il male, a volte, nel breve periodo rispetto all’eternità, vince spesso. Molte volte la prudenza ha un valore più alto della eroicità, spesso gli atti eroici sono quelli ispirati alla prudenza.

Usare e abusare della storia, sostenere lo scontro frontale, con tutti i mezzi possibili, è un atto ignobile. Mi riferisco alla provocazione di alcuni gruppi anticlericali nei confronti di alcuni fedeli all’uscita di una chiesa. Spero che a queste persone non venga in mente di imitare gli orrori della storia, perché io per primo potrei essere ucciso solo per avere pubblicato quest’articolo. Saluti se c’è ancora qualcuno che mi legge commenti pure.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

NOTE VARIE

immagine“Verrà un tempo in cui dovremo fare delle scelte tra quello  che è giusto e quello che è facile”, così (o quasi) in Harry Potter nell’ultimo film.

La nostra società sta cambiando e probabilmente non in maniera giusta, forse in maniera facile. L’interesse collettivo si sta spostando dal bene comune e naturale (termine giurisprudenziale)  all’interesse unico dell’individuo.

 Leggi il post: http://blog.libero.it/controchiesa/2191139.html

Cosa è giusto e cosa è facile? Chi spara sulla Chiesa e perchè?

 

CHIARIAMO I TERMINI

             I dibattiti televisivi non hanno la capacità di chiarire i termini delle discussioni, noi telespettatori rimaniamo lì costretti a vedere individui che litigano con il pretesto di parlare di argomenti alti e sacri.

 I saccenti “telemediatici” e i politici “saltafosse” che, non capendo nulla o meglio non parlando in maniera chiara e semplice,  fanno solo chiasso e confusione.

C'è un divario grande come un oceano tra chi, crede di parlare (o blaterare), e chi li ascolta davanti la scatola magica.

            In questo blog intendo chiarire i termini del dibattito e, in maniera pacata, confrontarmi con chi la pensa in maniera totalmente diversa dalla mia.